domenica 18 marzo 2007

Dr. Holmes

Interessante il dibattito (qui e qui) sulle nuove (?) norme censorie riferite alla televisione generalista e in chiaro, che proibiscono la diffusione di scene pornografiche, intendendo il pornografico come “la descrizione, l'illustrazione o la rappresentazione, visiva e/o verbale, di soggetti erotici e di atti o attività attinenti alla sfera sessuale, che risulti offensiva del pudore”.
Fatto salvo che: “non rientra nel menzionato divieto di cui all'articolo 4, comma 1, lettera b) del citato decreto legislativo, la rappresentazione che, pur ricadente nella definizione di cui al precedente punto 2, sia parte di un contesto culturale o di valore artistico e risulti non fine a sé stessa ma funzionale all'economia dell'opera in cui è inserita”.

Bontà loro, sarebbero salvaguardati i film d’arte e i programmi di anatomia e medicina. Oddìo, se però si accorgono di questa rassomiglianza ci tolgono pure Dr. House.


OKNotizie
Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

18 commenti:

  1. Qui ormai siamo alla pornoanarchia ;-)

    RispondiElimina
  2. Anzi, direi che stiamo diventando pornoinsurrezionalisti!

    RispondiElimina
  3. Acc... studio aperto non sarà più lo stesso... niente più pornografia ad orari accessibili... mannaggia...

    RispondiElimina
  4. Quello che l'Udc non ha fatto, lo facciamo noi...

    RispondiElimina
  5. Lol! Si somigliano veramente!! :D

    RispondiElimina
  6. Beh, insomma la tv sta peggiorando. ormai buona domenica è decisamente porno!

    RispondiElimina
  7. Questi stanno fuori come un balcone, aridatece Silvio!!!
    http://tinyurl.com/2wleg3

    RispondiElimina
  8. Anonimo00:14

    Nel 1940 a mia madre fu rifiutata l'ospitalità in un collegio retto da suore perché i suoi testi di anatomia potevano turbare le altre ragazze.
    etienne64

    RispondiElimina
  9. povera italia1 come faranno ora?

    RispondiElimina
  10. candido10:23

    Io sono assolutamente contrario alla pornografia in TV ed ho molte remore contro la pornografia in generale. Innanzi tutto rafforza legami e dipendenza dal tremendo sistema televisivo; in secondo luogo enfatizza un aspetto masturbatorio della sessualità, piuttosto che sociale; a volte incoraggia comportamenti negativi, come pedofilia e stupri e sevizie che sono regolarmente filmati e venduti in giri esclusivi; ed in ultima analisi è molto più salutare che le fantasie erotiche siano vissute creativamente in prima persona. Su Internet la mia impressione è che tutti questi aspetti amplificano una disperante solitudine. Sono molto felice della mia vita sessuale, l'amore rende inutili molte cianfrusaglie.
    Il politicamente perverso del nostro sistema è che i media entrano nei processi più intimi della persona pur di vendere pubblicità e non c'è Legge che ci tuteli da questa autentica aggressione.
    Ma non mi scandalizzo affatto per la pornografia: è la volgarità pienissima della nostra cultura di massa a nausearmi, è la deprivazione di bellezza, pensiero, scienza e dei valori che ispirano a preoccuparmi.
    E Luxuria dimostra tutta la sua pochezza, attaccandosi ad una falsissima polemica. Attacchiamo il complesso dell'informazione, invece, come se contro di esso non ci fosse già in atto una censura preventiva di ben altro ordine di grandezza.

    RispondiElimina
  11. House no. Se me lo tolgono gli sputtano le foto delle prime comunioni.

    RispondiElimina
  12. @ ed
    pornoanarcoinsurrezionalisti, t'immagini a dover scegliere un simbolo? ;-)

    @ anonimo
    il mio compagno fu picchiato dalle suore all'asilo perchè non si era tirato su i pantaloncini dopo essere stato in bagno. Furono turbate da un pisello di tre anni!

    @ la pornografia può avere un suo ruolo istruttivo, se fruita in coppia e sdrammatizzandone le situazioni. Può essere un momento ludico nel senso che può aiutare a superare certe inibizioni. Poi è sicuramente meglio agire piuttosto che guardare, sono d'accordo con te. Ovviamente non mi riferisco alla pornografia decisamente deviata verso le perversioni più disgustose ma a quella "classica".

    @ vedicam
    quale onore maestro, adoro il suo blog! ;-)

    RispondiElimina
  13. Il problema è che pensare di eliminare tutte le conseguenze negative della pornografia tramite la censura di essa, mi sembra un'idea quanto meno semplificatoria. Anche perché, come avevo scritto nel mio blog parlando del problema, la censura sulle tv non farà che spostare tutto il pubblico pornografo televisivo su internet, cioè in una realtà dove i filtri sono molto più difficili, e dove è molto più facile trovare forme criminali di pornografia, come quella pedofila e violenta

    RispondiElimina
  14. santi numi, togliere house significherebbe non solo imporre una censura proibitiva alla tv ma anche alle mie fantasie erotiche.
    ed è emblematico che io fantastichi su un misogino claudicante.
    a.
    (posso linkarti perchè onestamente non credo riuscirei mai più ad arrivarci a questo indirizzo?)

    RispondiElimina
  15. Coyote Giallo12:14

    Sempre per rimanere in tema,Rocco Siffredi assomiglia in maniera imbarazzante al cantante Raf.....

    RispondiElimina
  16. candido12:43

    non si tratterebbe di usare la censura con l'intento di abolire la pornografia (con l'effetto, semmai opposto, di frutto proibito) ma di potare l'albero che è cresciuto troppo. Oggi è la TV la finestra sul mondo e scacciarne la pornografia è una operazione igienica e raccomandabile sotto il profilo della ricerca di un modello meno volgare. Sarebbe molto più salutare che uomini e donne facessero l'amore ogni volta che hanno voglia, a costo di mettere in crisi tanti legami. Torno a ripetere che nel sistema attuale dell'informazione è la quantità a fare la massa critica e una tale profusione di immegini erotiche serve soltanto a colonizzare il nostro inconscio ed a fondare nuovi modelli di consenso verso l'attuale assetto sociale. Certamente domani la finestra sul mondo sarà Internet, dove la pornografia costituisce la maggior parte del traffico. Spero che nessuno sia tanto cretino da pensare che i veri, pochissimi, padroni della Rete ci lasceranno vivere in pace.

    RispondiElimina
  17. Anonimo09:25

    Presentazione Calendario Italymedia.it 2007 Carla Solaro


    Venerdì 30 Marzo 2007 ore 23.00
    all'
    OLIMPO CLUB
    di Ladispoli (Roma)
    via Aurelia km 33,300
    Presentazione del
    Calendario 2007 con Carla Solaro di ItalyMedia.it
    diretto da Antonello De Pierro
    per info e prenotazioni tel. 392 / 0852219
    http://www.italymedia.it/calendario2007

    RispondiElimina
  18. Anonimo23:47

    Presentazione ufficiale cd di Loredana Bontempi al Gilda on the beach

    Il brano scritto da Antonello De Pierro, direttore di Italymedia.it ha per titolo "Esta noche se baila"

    Presentazione ufficiale del singolo "Esta noche se baila", con l'omonima canzone interpretata dalla nota sexystar Loredana Bontempi e scritta da Antonello De Pierro, direttore di Italymedia.it, organizzata da Angelo "Ciccio" Nizzo nell'ambito dell'inaugurazione ufficiale della stagione estiva del Gilda on The Beach di Fregene, giovedì 14 giugno 2007 ore 21,30. Si potrà ricevere una copia autografata del cd.
    http://www.italymedia.it/produzioni/loredana_bontempi.html

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...