domenica 15 luglio 2007

Mostre

Se il contenuto definito scandaloso della mostra censurata di arte omosessuale è veramente tutto qui, le cose in Italia sono più gravi di quanto si potesse immaginare. Spero che almeno in un angolo ci fosse qualche debordante Mapplethorpe che giustificasse un minimo di turbamento.
Curioso che la manifestazione dovesse svolgersi nel Palazzo della Ragione, visto che essa ormai, su queste tematiche, dorme profondamente e non si riesce a svegliarla.

L'errore è stato comunque secondo me, da parte dei curatori della mostra, di mettere quelle due opere che hanno inevitabilmente offerto il fianco alla censura. Perché la statua di Ratzi, benedetti ragazzi? Figurati se di fronte a quella Letizia non avrebbe scatenato tutta la sua bigotteria, oltre alla bigiotteria. E’ umano, una sindaca nelle cui vene scorre pura benzina a 100 ottani è facile che si infiammi di fronte a contenuto rovente, e il sacro fuoco della fede fa divampare anche le sindache apparentemente più riservate.
La patata bollente passa ora a Rosetta (nessuna allusione lesbo) e vedremo se ci sarà da ridere e piangere anche lì.

Si, ve la siete voluta. Io avrei lasciato accuratamente fuori la religione e avrei esposto cazzi, cazzi, cazzi, cazzi e ancora cazzi. Avrei voluto vedere poi a cosa si sarebbe attaccata Letizia.

Ultim'ora: sentite cos'ha da dirvi il nostro Champollion che ha letto ancora nella stele.

15 commenti:

  1. >>Si, ve la siete voluta. Io avrei lasciato accuratamente fuori la religione e avrei esposto cazzi, cazzi, cazzi, cazzi e ancora cazzi. Avrei voluto vedere poi a cosa si sarebbe attaccata Letizia<<

    Lame, sei un genio!

    RispondiElimina
  2. grande post! ;)

    RispondiElimina
  3. Sono completamente d'accordocon uyulala e con gg. Un signor post!

    RispondiElimina
  4. Il bello è che si è scandalizzato Sgarbi, quello che ha rifiutato il patrocinio comunale alla Biblioteca in Giardino perché tra gli autori invitati non c'era nessuno di destra...

    RispondiElimina
  5. Ma-ia-hii
    Ma-ia-huu
    Ma-ia-hoo
    Ma-ia-haa

    it.youtube.com/watch?v=9_y720UtCmk

    @lameduck
    To sei una papera della bassa padana nebbiosa e paludosa, ti è sfuggito il contenuto simbolico del luogo dove il grande Vittorio Sgarbi ha annunciato verrà allestita la mostra: castel S.Elmo.
    Da secoli chi controlla militarmente quel posto, controlla tutta Napoli per cui alla luce dei precedenti della sindaca quando era ministro della Pubblica Istruzione e si rese protagonista della querelle Lupo Alberto anti-aids & preservativi, se cede allo svolgimento della mostra in quel posto carico di simbolismi, equivarrà a sottoscrivere che non comanda più niente. Certo solo Sgarbi poteva pensare ad una sorpresina del genere per la sindaca, con tanti posti in Italia dove nessuno avrebbe avuto nulla da eccepire. Bravo Sgarbi! Anche se la vedo dura, probabilmente occorrerà richiamare in servizio gli ultimi reduci di Cassino della 1° Fallschirmjäger Division per organizzare una resistenza a difendere quel posto dagli integralisti bigotti. Buona fortuna.

    RispondiElimina
  6. SI SAREBBE ESATTAMENTE ATTACCATA AL.... !!!

    RispondiElimina
  7. Ma non dimentichiamoci della patonza! :D

    Comunque è chiaro che questi qui fanno a gara a chi si mostra più pio, devoto e puritano degli altri. E' una competizione dove vince il più democristiano di tutti.

    RispondiElimina
  8. Per Rosetta passiamo la palla
    (nessuna allusione omo)
    al Cima...

    RispondiElimina
  9. Ho un problema... non riesco a vedere le opere "scandalose". Ne vedo alcune che mi piacciono, altre che non mi piacciono, altre che mi disturbano un po' (e penso che chi le ha fatte avesse proprio quello scopo) ma di scandalose proprio non ne vedo.. :-/

    RispondiElimina
  10. sgarbi sorprenderà tutti.
    ha comprato il ritratto di benedetto platinette per regalarlo ad alessandra mussolini.
    è l'inizio del golpe bianco.

    RispondiElimina
  11. @ rudolf
    ti sbagli, io sono vicino alle colline dove nasce il mitico olio Brisighello e alle assolate spiagge riminesi, nella Romagna solatìa dolce paese. Padani per modo di dire... ;-)
    Per i mantovani siamo già terroni.

    @ justfrank
    difficile attaccarsi alla patonza. E' più scomodo, forse.

    @ meinong
    si, al nostro Champollion.

    @ poldone
    mah, il vero compratore forse è padre Georg.

    RispondiElimina
  12. Quale olio Brisighello, diesel o benzina? Ne ho sentito parlare ma qui in Afrika vendono solo olio HPX perchè i motori delle carrette usate esportate dall' Italia sono tutti sfondati. Non prendertela troppo a male verso i mantovani, si è sempre a sud di qualcuno. Non azzardare paragoni, per capire cosa significa vivere ammassati su una lingua di terra schiacciata tra le montagne ed il mare, bisogna starci dentro. Diciamo che il soprintendente ha fatto una scelta di campo in attesa del crollo imminente del regime cattorossoverde che ci opprime da 15 anni. Speriamo che abbia visto giusto, tra l' altro qui nessuno indica quel posto col suo vero nome ma con quello della adiacente certosa: S.Martino, protettore dei cornuti come è universalmente noto. Un segnale occulto anche questo che ha determinato la scelta del sito? Mah!
    Guardati il panorama e capirai, altro che produzione olearia del sud padania e pozzanghera adriatica dove oramai arrivi in Croazia a piedi camminando sulle alghe e sulle meduse...
    www.danpiz.net/napoli/monumenti/Certosa.htm
    Buon bagno a tutti!!!

    RispondiElimina
  13. La palla è arrivata... ;-)

    Champollion

    RispondiElimina
  14. @ cima
    e bravo Champollion! :-D

    RispondiElimina
  15. L'opera-provocazione su ratzi è imprescindibile ed è la più importante della mostra, senza quella probabilmente non se ne sarebbe nemmeno parlato poi più di tanto di questa esposizione! comunque secondo me andava fatta in piazza duomo a milano.
    per il resto d'accordo con te

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...