venerdì 14 settembre 2007

Maremma calderola

Per la serie ex-ministri che sbroccano, eccovi il porco day di Calderoli.
Rubando a man bassa dal repertorio forzanovista e dalle gesta dei nazionalisti danesi, che amano marcare il territorio con sangue di maiale per allontanarne la "minaccia" islamica, l’ex marito di Sabina Negri ma soprattutto (per fortuna ex) ministro della Repubblica, rilancia l’idea di utilizzare il maiale come arma di resistenza padana. Deve aver letto su qualche bignamino di storia le gesta dei maiali della Regia Marina durante la seconda guerra mondiale.

L’idea è vecchia e trita come le salsicce e la soppressata ma si vede che oltre quel livello di ragionamento il neurone si sovraccarica e il sistema va in loop.
Ho sentito anch’io molte volte in qualche trattoria subpadana, quando la compagnia non è proprio da definirsi progressista e il discorso cade sui “marocchini”, come vengono definiti dai "progressisti" tutti coloro che vivono al di sotto di Gabicce Mare, parlare di bombardamento delle moschee a colpi di katusha caricate a salsicce e culatelli. La banalità del lardo.

Pare che esponenti islamici abbiano risposto fin troppo gentilmente a Calderoli che basterebbe lavare con acqua nel luogo di passeggio del suino per riportare il suolo allo stato di purezza. Viene da domandarsi per bonificare il nostro paese da questo razzismo allo strutto quanti strati di terreno bisognerebbe asportare.

Comunque fa sempre piacere notare l’evoluzione della specie. Gli americani mandarono un uomo a passeggiare sulla Luna. Un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per l’Umanità. Quarant’anni dopo i padani manderanno un maiale a passeggiare in uno spiazzo a Bologna. Un grande passo per il maiale e un piccolo passo per l’umanità. Sono soddisfazioni.

19 commenti:

  1. Già. Sono soddisfazioni. E' soddisfacente avere Calderoli come vicepresidente del senato. E' soddisfacente avere Calderoli, tout court.

    RispondiElimina
  2. Come faremo a distinguere le due bestie?

    RispondiElimina
  3. @happy h
    quello che dice cose intelligenti e sensate è il maiale

    RispondiElimina
  4. Ma se ci passeggia calderoli non è uguale ?

    RispondiElimina
  5. I commenti qui sopra mi fanno sorridere amaramente pensando a che razza di elementi ingrassiamo al parlamento. Calderoli poi si presta bene al pubblico ludibrio. Tuttavia, ritengo che il problema integrazione/immigrazione in Italia sia reale. Non so come vada affrontato, non ho una soluzione facile. Ma finché non viene affrontato in maniera seria, staccandosi da posizioni politiche cieche e dando spazio all'accoglienza ma anche al rispetto della legalità e della sicurezza di tutti ci saranno sempre le condizioni perché nascano nuovi Calderoli.

    RispondiElimina
  6. Anonimo21:11

    Chi ha detto"ogni popolo ha i governanti che si merita"?

    RispondiElimina
  7. Se io fossi il maiale di Calderoli, mi rifiuterei di andare a passeggiare a Bologna.
    E' pericoloso... lì fanno le mortadelle!

    RispondiElimina
  8. Il problema dei "padani" è l'ignoranza accademica sulla quale si fonda il confronto tra islam e cristianità, o meglio tra occidentali dalla pancia satura e mussulmani dalla mente terroristica. Ma è anche un problema diffuso per tutta l'Italia. Il maiale di Calderollo è l'emblema di questa "razzistica condizione dell'essere puri e fuori da ogni confronto razziale". Eliminare Calderollo dalla scena politica italiana non porta all'eliminazione delle fanfaronate padane; va eliminato l'inconcludente "dialettico rapporto tra le parti" con forme politiche, magari radicali, ma decise. Mentre la grande apertura mentale Italiana permette la costruzione di luoghi di culto islamici e di aggregazione sociale, questo non sembra sia la massima aspirazione dei governi islamici nei confronti di altri credi nella loro terra. Allora, il primo passo è sempre dovuto da chi dice d'avere tutte le ragioni e tutte le aperture mentali. L'Italia che dimostra, anche per opportunità politiche, questa mentalità, deve agire diplomaticamente e con cognizione di causa dentro la sfera opposta. Con molta cautela e lungimiranza. Una ragione alla volta, diceva il vecchio Gandhi. Può darsi che il tempo lavori alle nostre ragioni. Calderollo e simili dovrebbero poi darsi all'allevamento di pulci pià che di maiali.

    RispondiElimina
  9. @ArabaFenice
    Hai detto: "I commenti qui sopra mi fanno sorridere amaramente pensando a che razza di elementi ingrassiamo al parlamento".

    Ingrassare... Porco...
    Non manca molto a Natale...
    :)

    RispondiElimina
  10. E' sempre un piacere leggerti, anche se il tempo per girare è sempre meno.
    Buone giornate :)

    RispondiElimina
  11. Jules13:34

    sono sconvolta...siccome nn avevo capito d ke stavi parlando con questa storia del maiale(la mia mente semplice MAI avrebbe pensato tale oscenità degna d esser inventata solo da pazzi psicolabili),sono andata a vedere il collegamente d quel blog ke ne parlava...m sono letta pure i commenti degli iscritti e nn sapevo se ridere o se piangere..ho avuto come impulso quello d iscrivermi e urlargli contro,ma m vergogno ad iscrivrmi in un sito del genere...Viviamo veramente in un paese d merda

    RispondiElimina
  12. Fortissimo il paragone finale. xD

    RispondiElimina
  13. Calderoli non dovrebbe avere libertà di espressione.
    Cazzo, non si può essere tollerante con tutti.
    E non si può tollerare tutto.
    ..un politico, ma come si fa???come??
    sarebbe più bravo il mio vicino di casa.

    RispondiElimina
  14. Quoto Cima (m'e frate a 'mmeee..)
    Comunque
    dopo il passo dell'oca
    il passo del maiale
    Non c'è che dire : sono dei buongustai.

    Pensatoio

    RispondiElimina
  15. ohi ohi
    scusa Lame
    forse col passo dell'oca ho fatto una gaffe...
    perdonami
    Qua Qua

    Pensatoio

    RispondiElimina
  16. @ arabafenice
    sono pienamente d'accordo con te. Non c'è nessuna volontà di colpire le varie mafie che organizzano i flussi migratori (non credo affatto che siano movimenti spontanei). Occorre stabilire delle quote per i lavoratori stranieri. Più di tanti non se ne prende. Chi viene per ragioni di asilo politico è un'altra storia ma anche lì ci vuole una regola.

    @ riverinflood
    non sono un'esperta di Islam per cui potrei dire cose imprecise ma a me non risulta questa persecuzione dei cristiani in terra islamica. Bisogna dire che i cristiani hanno il vizio di voler convertire gli altri(cosa che gli islamici non hanno, è mai venuto a casa vostra un iman per convertirvi? No.)per cui se chi non vuole farsi convertire perde la pazienza è un conto. Anche gli ebrei in certi periodi storici vivevano più tranquilli nei paesi islamici che in Europa. I problemi sono nati con lo stato di Israele e la nascita del problema palestinese e negli ultimi anni da questa sciagurata idiozia dello scontro di civiltà, che non esiste ma che siamo tutti pronti a partire per andare a combattere.

    @ raqqash
    grazie, sei sempre il benvenuto!

    @ chiara
    ma almeno se parla sappiamo con chi abbiamo a che fare. ;-)

    @ meinong
    che vuole professo', a noi papere ci hanno infamato con questo passo dell'oca... che poi noi siamo anatre, quindi le oche non ci sono parenti o quasi.

    RispondiElimina
  17. uè non l'avevo ancora letto. Grande.

    RispondiElimina
  18. Sul maiale day ti segnalo una simpatica battuta di Severgnini che ho riportato sul mio blog...

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...