lunedì 30 giugno 2008

Naufragar m'è dolce in questo mare di monnezza

Dicono che siamo un paese che sta naufragando. Anzi, che è già naufragato ma non se n'è ancora accorto.

Sono due giorni che al TG1 ci mostrano le immagini dell'isola di plastica nel Pacifico, con le spiagge che si riempiono di spazzatura planetaria e gli animali che muoiono perchè ingoiano piccoli frammenti dell'infernale materia che non si disintegra. Secondo me non può essere un caso.

Siamo già alla deriva e forse cercano di farcelo capire preparandoci con sottili metafore, mentre tentiamo di restare a galla tra cose innominabili che ci galleggiano attorno. Eppure non mancano gli indizi di consapevolezza: siamo circondati da cumuli di monnezza, le zoccole sono in libera uscita e fanno tremare i palazzi correndo con i loro tacchi a spillo e abbiamo addirittura un presdelcons interamente di plastica, indistruttibile.

Siamo abbandonati, cast away e non abbiamo trovato di meglio, per alleviare la solitudine e la miseria morale, che consolarci appunto con un vecchio pallone gonfiato che abbiamo chiamato Silvio Wilson.
Sarà dura ritornare alla civiltà, se mai verranno a salvarci.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

12 commenti:

  1. La notizia di oggi è che la Umbria Olii, ha chiesto un risarcimento di 35 milioni di euro ai parenti delle quattro vittime dell'incidente sul lavoro avvenuto nel 2006 a Campello sul Clitunno. Sarebbe colpa dei lavoratori l’incidente che li ha uccisi e quindi dei danni all’azienda. Mi pare che qui vogliano andare ben oltre al farci abituare alla plastica che ci circonda. E’ un po’ tutta la merda in cui ci fanno vivere che dovremmo, piano piano, secondo “loro”, imparare a considerare al pari di un estratto aromatico.

    RispondiElimina
  2. Adetrax22:20

    Per molto tempo non si e' capito perche' ogni tanto centinaia di balene o delfini spiaggiano per cercare una morte piu' veloce; ora pero' possiamo forse intuirlo e vergognarci di far parte di una civilta' che ha permesso tutto questo per oltre 50 anni.

    Tornando all'isola di plastica, calcolando un raggio di 1250 km. si ricava un'area di 4.900.000 kmq. circa, calcolando che solo l'80% e' composto da plastica, si ottengono 4.000.000 di kmq. di plastica per una profondita' media poniamo di m. 10 (siamo molto cauti), si ottengono quindi 40.000 km. cubici di plastica che obiettivamente sono un volume pazzesco, dato potrebbero ricoprire l'intera superficie italiana (301.000 kmq.) con una poltiglia di plastica spessa oltre 130 m. !!!

    Altro che Pompei o Ercolano, questi sono numeri da Apocalisse.

    Quasi due anni fa avevo pensato che se il petrolio fosse aumentato tanto di prezzo (oltre i 150 dollari al barile), forse non si sarebbe piu' usata la plastica derivata per qualsiasi tipo di contenitore usa e getta, ma era una pia illusione, per raggiungere quel risultato bisognerebbe far costare un barile di petrolio almeno 2000 dollari al barile e per quella cifra si fermerebbe l'intera civilta' occidentale (cosa peraltro auspicabile visti i risultati).

    RispondiElimina
  3. Panty11:07

    quando n'apparve una montagna, bruna
    per la distanza, e parvemi alta tanto
    quanto veduta non avëa alcuna.

    Noi ci allegrammo, e tosto tornò in pianto;
    ché de la nova terra un turbo nacque
    e percosse del legno il primo canto.

    Tre volte il fé girar con tutte l'acque;
    a la quarta levar la poppa in suso
    e la prora ire in giù, com'altrui piacque,

    infin che 'l mar fu sovra noi richiuso".

    ....................................

    Godi, ITALIA, poi che se' sì grande
    che per mare e per terra batti l'ali,
    e per lo 'nferno tuo nome si spande!

    Tra li ladron trovai cinque cotali
    tuoi Gran Ministri onde mi ven vergogna,
    e tu in grande orranza non ne sali.

    RispondiElimina
  4. Francesca11:10

    Questo è l'unico argomento su cui i media dovrebbero fare del "sano terrorismo mediatico" e invece nulla, non se ne preoccupa nessuno.
    Non è "un'emergenza" questa, molto di più.

    RispondiElimina
  5. Ci hanno citate assieme su Repubblica, hai visto? Contenta di essere in ottima compagnia. Ciao.

    RispondiElimina
  6. citata, con tanto di foto di

    RispondiElimina
  7. http://netmonitor.blogautore.repubblica.it/2008/07/01/martedi-1-luglio-titolo-tbd/

    RispondiElimina
  8. Arrivo sempre dopo qualcun altro, mi verrà un complesso.
    Sei su netmonitor.

    RispondiElimina
  9. @ caio
    nei link che ho riportato c'è anche questa notizia vergognosa che, hanno detto, parrebbe essere solo un espediente dei legali dell'azienda per allungare i tempi del processo. Comunque vorrei vedere in faccia l'avvocato che ha avuto la pensata.

    @ adetrax
    la fine comincerà quando cagheremo Moplen.

    @ panty
    sempre in trip poetico... ;-)

    @ francesca
    la vera emergenza sarà l'esodo di fine luglio, vedrai.

    @ galatea
    buongustai, sanno dove si trova la robina buona!

    @ nike e bruno
    se non gli dessimo noi gli spunti, come farebbero? ;-)

    RispondiElimina
  10. @ nike e bruno
    se non gli dessimo noi gli spunti, come farebbero?

    Eri citata anche su da un utente. Il giorno dopo eri su netmonitor ;)

    RispondiElimina
  11. Su MicroMega.
    (Errore di digitazione).
    ciao

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...