domenica 31 agosto 2008

Cavaliere, non voglio pane

Ragionandoci bene su, Nano l'Africano ha fatto un affare. 5 miliardi di dollari non sono 5 miliardi di euro, pensateci. Al cambio di oggi sono solo € 3.407.734.930,5000 e glieli dà spalmati su 25 anni come i debiti delle società di calcio. Con la svalutazione saranno ancora meno.
In più il Colonnello si è accontentato di una vecchia Venere rotta e senza braccia quando poteva chiedere Ronaldinho, Kakà, Shevchenko e tutto il parco veline di Raiset.

L'autostrada gliela fanno si, ma senza gli autogrill e le aree di servizio. I guardrail sono a parte e per l'asfaltatura c'è un bonus solo per i primi 200 kilometri. E' tutto scritto piccolo piccolo in calce al contratto.
Sono solo voci di corridoio ma pare che che Silvio d'Arabia sia riuscito a rifilare ai libici dei decoder digitali terrestri rimasti a Paolo e uno stock di poltrone motorizzate rimaste sul gozzo a Mastrota).
In ogni caso non sarà Sciupone II l'Africano (il I era il suo amico Emilio Fede) a pagare ma una moltitudine di C.F. e P.IVA comunemente chiamati Italiani.

Encomiabile la copertura del TG1 dello storico accordo Italia-Libia con la rievocazione dell'antico contenzioso. Non una volta è stata nominata la parola fascismo.
E' vero che la colonizzazione del paese africano era cominciata molto prima di Benito da Predappio ma le atrocità maggiori, quelle per le quali saremo costretti a stringere ancora di più la cinghia per risarcire gli ex-coloniali, furono fatte dai fascisti come Graziani, il quale ebbe a dire:
"Spesso mi sono esaminato la coscienza in relazione alle accuse di crudeltà, atrocità, violenze che mi sono state attribuite. Non ho mai dormito tanto tranquillamente quanto le sere in cui questo esame mi è accaduto di fare. So dalla Storia di tutte le epoche che nulla di nuovo si costruisce se non si distrugge in tutto o in parte un passato che non regge più al presente".
A questo proposito, visto che è stato clamorosamente sdoganato dal TG1 che ne ha mostrato ieri sera alcune sequenze, nonostante sia un film tutt'ora censurato e mai uscito in Italia, consiglierei la visione del film "Il leone del deserto".
Prendo da Wikipedia:
"Le autorità italiane hanno vietato la proiezione del film nel 1982 perché, nelle parole del primo ministro Giulio Andreotti, "danneggia l'onore dell'esercito". Pare che il veto sia stato posto dall'allora sottosegretario agli Affari Esteri Raffaele Costa, oggi esponente di rilievo di Forza italia e presidente della provincia di Cuneo dal 2004. Vi fu un procedimento contro il film per "vilipendio delle Forze Armate". La pellicola non fu mai distribuita nel Paese, dove resta tuttora introvabile". Successivamente, dopo il 1988, il film è stato proiettato illegalmente in vari film festival, senza interferenze da parte del governo. Il film è reperibile in Internet".
Questi sono le magie di Berluscudinì: far sparire il fascismo dietro ad una tenda e far riapparire al suo posto un film proibito nel telegiornale di maggior ascolto.
Che mente, che portento! Sperando che la fine dell'Italia non incominci da Giarabub.




OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

16 commenti:

  1. Panty22:55

    Refrain:
    Tripoli, bel suol d'amore,
    ti giunga dolce questa mia canzon,
    sventoli il Tricolore
    sulle tue torri al rombo del cannon!
    Naviga, o corazzata:
    benigno è il vento e dolce è la stagion.
    Tripoli, terra incantata,
    sarà italiana al rombo del cannon.

    . Sai dove s'annida più florido il suol?
    Sai dove sorride più magico il sol?
    Sul mar che ci lega coll'Africa d'or,
    la stella d'Italia ci addita un tesor.
    Refrain:

    2. A te, Marinaro, sia l'onda sentier;
    sia guida Fortuna per te Bersaglier;
    và e spera, soldato, Vittoria è colà...
    Hai teco l'Italia che gridati: va!
    Refrain:

    3. Al vento africano che Tripoli assal
    già squillan le trombe la marcia real.
    A Tripoli i turchi non regnano più:
    già il nostro vessillo issato è laggiù...
    Refrain:

    4. Un bel militare voleva da me
    un sì per qualcosa (sapete cos'è).
    Gli dissi ridendo: "Tu avrai quel che vuoi;
    ma prima, birbante, va' a Tripoli, e poi..."!
    Refrain:

    E QUANDO UN UOMO VA,A VIVERE DI PIù
    STA RAGGIUNGENDO TRIPOLI
    (Patty Pravo)

    RispondiElimina
  2. Presso una casa antica e bella
    piena di foto di Regine e di bandiere
    aspettavamo il Console Italiano.
    La fine dell'estate fu veloce
    nuvole nere in cielo e qualche foglia in terra
    carico di Lussuria si presentò l'Autunno di Bengasi.
    Lo sai che è desiderio della mano
    l'impulso di toccarla.
    Ho scritto già una lettera al Governatore della Libia.
    I trafficanti d'armi Occidentali
    passano coi Ministri accanto alle frontiere
    andate a far la guerra a Tripoli.
    Nel cielo vanno i cori dei soldati
    contro Al Mukhtar e Lawrence d'Arabia
    con canti popolari da osteria.
    Lo sai che quell'idiota di Graziani
    farà una brutta fine.
    Ho scritto già una lettera al Governatore della Libia.
    Ho scritto già una lettera al Governatore della Libia.
    (Giuni Russo "Lettera al governatore della Libia)

    RispondiElimina
  3. quest'uomo non si smentisce mai!

    RispondiElimina
  4. Aggiunto anche tu tra i miei link!

    RispondiElimina
  5. Per fortuna non vedo il TG1...

    RispondiElimina
  6. francesca16:31

    Il tg non l'ho visto.
    Comunque accordi su accordi ma scommettiamo che i clanedstini continueranno ad arrivare senza i titoloni in prima pagina e senza notizie al tg?
    Ci scommetto un salame.

    RispondiElimina
  7. Panty22:54

    Tutte le migrazioni sono cominciate per fame o per la spinta di altre masse in guerra.
    Quando in Africa la fame e la guerra,avranno raggiunto il punto di pressione di non ritorno,dubito che la legge BOSSI-FINI,le espulsioni facili o i tradizionali e rinnovati rapporti di amicizia fra LIBIA e ITALIA,potranno fermare l'assalto di milioni di profughi.
    Naturalmente cercare di fare prima qualcosa di positivo,alienerebbe la simpatia degli elettori con problemi di obesità ed è meglio un voto oggi di quello che succederà domani.

    RispondiElimina
  8. morpheus11:00

    Ho visto che non è la prima volta che commenti sul tg1. Per quindici giorni non ho visto né letto nulla sull'Italietta (era una meraviglia, ero nel New England e Obama lo attaccano proprio tutti), ma al ritorno mi è capitato di vedere il citato tg: ieri, ad esempio, si è aperto con Al Tappone che celebrava i suoi miracoli per migliorare l'Italia e diceva che l'opposizione è solo capace di criticare (sic!). Sembrava un bambino che si lamentava perché il vicino di banco gli tira i capelli. Be', quei pochi veri rimasti. balle su balle, al solito. Uno si aspettava un membro dell'opposizione (scusate se rido) che controbattesse. Niente. L'Italia è meravigliosa e i problemi non ci sono più da quando c'è illo. IL tg del Papa e dei servi sta diventando quasi peggio del tg5- il tg4 è fuori categoria, nel varietà. Ma Riotta non scrisse sul Manifesto??

    Non serve a nulla, ma che ne dite di rompergli un po' i cabasisi scrivendogli che fanno cagare, una cinquantina di e mail al giorno? ;)

    IL fascismo? Oh, ma quello è in via di rivalutazione grazie al Grande Picio. Il comunismo ha fatto danni in Italia, ma il fascismo no, ma va, tutto a posto.

    Mi fanno vomitare.

    RispondiElimina
  9. morpheus11:03

    Errata corrige.

    Obama lo attaccano tutti alla tv, ma la gente in quei blue states ti parla contro Bush anche se vai a comprare le caramelle, che sono in scatoline con la faccia del deficiente e la scritta "national embarassmints" o "impeachmints". ;)
    Ciao

    RispondiElimina
  10. francesca13:01

    x panty
    il punto è che ci dovrebbe essere la guardia costiera a vigilare ma evidentemente o sono corrotti o sanno bene cosa devono fare...

    RispondiElimina
  11. Panty13:59

    Francesca,il punto è che Belgio,Olanda,Portogallo,
    Germania,Inghilterra,Francia
    dovrebbero fare qualcosa di concreto per le nazioni povere che hanno prosciugato per secoli e abbandonato,politicamente, battendosene le palle ma continuando a derubarle economicamente(vedi il monopolio olandese sui diamanti e altro)
    Invece rimane solo il GRANDE SILVIO che tacita la coscienza Europea con un risarcimento farsa ed una statua ad una nazione,oggi,più ricca dell'Italia.
    La Guardia Costiera fa quello che puo con quello che ha,forse non hai idea di quanto grande e difficile sia il mare.

    RispondiElimina
  12. Francesca14:40

    x Panty
    Concordo. Sono cose che dico da anni ma il massimo che riescono a fare (qualcuno ha fatto) è solo chiedere "scusa". Di concreto nulla nemmeno l'Onu, la Fao e chi più ne ha più ne metta.

    La battuta sulla Guardia Costiera è semplicemente per il fatto che se vogliono, secondo me, riescono ad avvistarli e a bloccarli.
    Ma non lo fanno 1° perchè sono clandestini in più che si tolgono dalle scatole e 2° perchè con le carrette su cui viaggiano se crepano in mare, meglio per tutti.
    La penso come te comunque...

    RispondiElimina
  13. Panty19:20

    Aridaie Francesca, GC , MMI e AMI le individuano praticamente tutte e si attengono al DIRITTO MARITTIMO INTERNAZIONALE:"Salvare i naufraghi e scortare le imbarcazioni in difficoltà nel porto più vicino o più sicuro".
    Solo quando passerà la legge BOSSI-CALDEROLI-BORGHEZIO,potranno affondare le imbarcazioni clandestine e sparare su quegli stronzi naufraghi extracomunitari.

    RispondiElimina
  14. Panty19:20

    Aridaie Francesca, GC , MMI e AMI le individuano praticamente tutte e si attengono al DIRITTO MARITTIMO INTERNAZIONALE:"Salvare i naufraghi e scortare le imbarcazioni in difficoltà nel porto più vicino o più sicuro".
    Solo quando passerà la legge BOSSI-CALDEROLI-BORGHEZIO,potranno affondare le imbarcazioni clandestine e sparare su quegli stronzi naufraghi extracomunitari.

    RispondiElimina
  15. Anonimo22:32

    L'unica soddisfazione è che a tener sveglio graziani c'hanno pensato le 250 schegge di una bomba di un partigiano etiopico

    vico

    RispondiElimina
  16. francesca10:33

    @ Panty
    Quelle italiane sì, ma quelle libiche?

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...