domenica 9 novembre 2008

Tintarella di luna

Veltroni è convinto «che il nuovo vento americano si diffonderà dappertutto e anche in Italia». Con Obama vincitore, Veltroni porterebbe a casa un successo politico e personale. «Dopo la manifestazione, aspettiamo il trionfo di Obama per consolidare il cammino del partito», diceva sotto il palco del Circo Massimo il veltroniano Giorgio Tonini.
Della serie: brillare di luce riflessa sepoffà. Perchè satelliti si nasce, e lui lo nacque, modestamente.



OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

9 commenti:

  1. "Non ci saranno guerre di civiltà perché ne rimarrà una sola, la nostra. Ma è all'interno di questa che avverrà lo scontro più drammatico e violento: fra le élites dominanti fautrici della modernità e le folle deluse, frustrate ed esasperate, di ogni mondo, che non ci crederanno più, avendo compreso, alla fine, che lo spirito faustiano, lo spirito dell'Occidente, opera eternamente il Bene ma realizza eternamente il Male." (Massimo Fini, 'Il vizio oscuro dell'Occidente. Manifesto dell'Antimodernità', Marsilio Editori, Venezia 2002, p. 69)
    E' il pensiero conclusivo del libro citato di Massimo Fini... pensiero quanto mai profetico e attuale, anche dopo l'elezione di Obama.
    Saluti
    Luciano Bubbola

    RispondiElimina
  2. Puramente per uno spirito bloggeristico e visto il successo di questo blog (nel primo mese di vita) parte un esperimento. Un Concorso.
    1)Partiamo dal premio: il blog dichiarato vincitore ogni 27 del mese avrà diritto ad un banner su questo blog formato 180x180 con grafica gratuita e ad un post di recensione che parla del vostro blog.
    2)come si vince: vince il blog che nell'arco del mese terrà un profilo editoriale di spiccato senso critico (senza che questo comporti appartenenza partitica), uno stile NON ASSUEFATTO alla generale distrazione dei media da temi che spesso vengono reputati secondari. Riportare alla ribalta notizie e fatti reali che altrimenti cadrebbero nel dimenticatoio.
    3)come si Partecipa: cliccate sul banner in alto a destra di questo blog. Vi basterà lasciare un commento con il link del vostro blog (esclusivamente) su questo post e oltre a partecipare al concorso avrete diritto ad un link su questo blog (che non fa mai male).
    4) criteri di valutazione: verranno valutati i blog secondo e seguendo tendenziamente i seguenti criteri: STILE - TEMPISTICA - ARGOMENTO - NO ASSUEFATTO (capacità di scovare una notizia altrimenti dimenticata dai media tradizionali).
    Unico obbligo per chi si iscrive è inserire il link di questo blog sul vostro.
    Questo è quanto. E soprattutto è un tentativo di far emergere i blog dall'ombra di certe voci pesanti che spesso non ci lasciano spazio. Vediamo quanto NON siamo ASSUEFATTI all'informazione.
    http://peppegenchi.blogspot.com

    RispondiElimina
  3. "Con Obama vincitore, Veltroni porterebbe a casa un successo politico e personale

    In tutta onestà non capisco il perchè...

    RispondiElimina
  4. Era un concetto che avevo già espresso a suo tempo. Sono molti gli elementi che attestano come la politica di Veltroni (& C.) sia quella di sfruttare politicamente l’evolversi di eventi esterni, senza incidere direttamente nel loro corso (o determinarlo). Hai detto della vittoria di Obama, ma si potrebbe parlare anche delle recenti manifestazioni studentesche. Cavalcare l’Onda è quello che è stata la politica veltroniana. Non certo stare in questo movimento, ascoltare, elaborare insieme ad esso politiche di settore alternative, proporre alla fine un disegno, una strategia che accompagni il dissenso e crei coscienza e partecipazione Sufficiente, per questo modo di intendere la politica, è stato solo l’appoggio “morale” a coloro i quali, molto probabilmente, non potranno elettoralmente scegliere una Destra che li ha insoddisfatti. Che saranno costretti a scegliere l'unica alternativa possibile (come nel caso del "voto utile" delle ultime elezioni). Si persegue l’occupazione, quindi, di uno spazio semplicemente e solo perché non compromesso, o lo sfruttamento del vento soffiato da altri; in realtà non costruendo nulla di politicamente concreto e duraturo. Questa è la fine della politica, una prosecuzione della sua acclarata essenza mediatica.

    RispondiElimina
  5. “Se vuole evitare una delusione drammatica, Obama deve agire rapidamente e bene. Forse l’unico modo che ha di impedire uno «schianto» – una delusione di gravi proporzioni che gli rivolterebbe contro la volontà politica – è assumere iniziative importanti entro i primi due mesi di presidenza. La prima dovrebbe essere chiudere Guantanamo e trovare il modo di trasferire i procedimenti dei detenuti in tribunali legittimi. La seconda, predisporre un piano per il ritiro delle truppe dall’Iraq e iniziare ad attuarlo. La terza, ritirare le sue dichiarazioni bellicose su una escalation della guerra in Afghanistan e cercare soluzioni diplomatiche multilaterali in quell’area. Se non compisse questi passi, il suo sostegno da parte della sinistra sarebbe destinato a deteriorarsi nettamente, e si riproporrebbe la spaccatura tra falchi liberal e sinistra contro la guerra. Se nominasse personaggi come Lawrence Summers in posti chiave del governo, o se continuasse le politiche economiche fallimentari di Clinton e Bush, allora, a un certo punto, il messia sarebbe rigettato come un falso profeta.
    Piuttosto che di una promessa impossibile, abbiamo bisogno di una serie di azioni concrete che comincino a ribaltare le terribili abrogazioni della giustizia commesse dal regime di Bush; se ciò non avvenisse, la delusione sarebbe pesante e drammatica. La domanda è: quanta dis-illusione è necessaria per riacquistare una politica critica, e quale forma di delusione più drammatica ci ricaccerebbe nel grave cinismo politico degli ultimi anni? Una certa rinuncia all’illusione è necessaria per poter ricordare che la politica attiene non tanto alla persona, all’impossibile e alle belle promesse che Obama rappresenta, quanto piuttosto a quei cambiamenti concreti che potrebbero iniziare a produrre, nel corso del tempo e non senza difficoltà, condizioni di maggiore giustizia”. (Judith Butler, ‘Obama e il suo fantasma’ su ‘il manifesto’, 9 novembre 2008, p. 8)
    Judith Butler è Maxine Elliot Professor nel dipartimento di Retorica e letterature comparate all’università della California di Berkley, di sicuro non è una cinica italiana, né una veltroniana 'de' noiartri'…
    Saluti
    Luciano Bubbola

    RispondiElimina
  6. Ligabue per lui dovrebbe comporre una "vita da satellite"...

    RispondiElimina
  7. Per quanto Veltroni mi dia una strana associazione di idee ogni volta che lo vedo: per dire mi fa venire in mente giusto per mostrare la scena , qualcosa tipo il primo ciak dello squalo (Jaws, di Steven Spielberg, anno 1975), ogni volta che lo ascolto e anche se con i suoi vestiti di sartoria e scarpe su misura me lo immagino sempre seduto su la sabbia guardando un falò e attorniato da un gruppetto di frikettoni, con qualcuno che strimpella la chitarra, altri che si bevono una birra e qualcun altro che tromba, una ragazza con i capelli sciolti su le spalle che corre su la spiaggia e che ahimè si tufferà nel mare nuda e libera. Ma arriverà lo squalo.
    Ecco che Veltroni d' improvviso è quella ragazza, è vulnerabile , nudo e bello e con i capelli sciolti corre e sorride mentre il destino gli sarà avverso, quello squalo non guarderà in faccia nessuno, che tu sia bianco o nero, donna o uomo, giovane o vecchio comunista o fascista, lui è lo squalo.

    RispondiElimina
  8. Panty21:01

    Il viso pallido è di vedetta al L'ORIZZONTE in attesa DEGLI EVENTI.

    RispondiElimina
  9. @ luciano
    Fini (Massimo) mi piace molto.
    Il suo libro sul denaro "sterco del demonio" è illuminante.

    @ caio
    A walter come surfista non avevo pensato. Più che "Un mercoledì da leoni", e per parafrasare Troisi: "un mercoledì da orsacchiotto".

    @ nike
    sai qual'è la tragedia della metafora che hai fatto? Che alla fine si tifa per lo squalo.

    @ panty
    bellissima, o mio poeta.

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...