martedì 30 dicembre 2008

Con il cuore in mano

In questi giorni terribili dove si ammazzano i civili sotto i bombardamenti senza avere il coraggio di interpretare la parte delle carogne, ma prendendo per il culo il mondo con una propaganda schifosamente di parte e oscena perchè fa passare le vittime per carnefici ed i carnefici per vittime, penso che il rito pagano e superstizioso di domani sera, con l'ineffabile imbecille che a mezzanotte scandirà in TV il solito "5-4-3-2-1, BUON ANNO!!" in mezzo a veline e pagliacci stipendiati da noi, mi riuscirà ancora più insopportabile.

Vi prego ditemelo se qualcuno riuscirà a divertirsi lo stesso, sapendo che, con questi precedenti, un domani sarà possibile commettere qualunque abominio e genocidio facendola franca. Basta essere dalla parte giusta e saper essere i migliori nel chiagni e fotti. Perchè noi abbiamo tanto sofferto.
Metterlo in culo al mondo, ecco la nuova suprema perversione, soprattutto quando il mondo, per paura o per stupidità, si mette pure a mugolare di piacere per compiacenza.

Ciò che comincia a disgustarmi sempre più, come sempre quando sento il tanfo inconfondibile dell'ingiustizia, sono il manicheismo ed equilibrismo di coloro che cadono nell'illusione di osservare una guerra guerreggiata da due eserciti equipollenti, per cui "non si deve parteggiare".
Ci sono cascata anch'io, in parte, e non mi tiro indietro nell'autocritica. Anch'io nel primo post che ho dedicato a questa tragedia, l'altro giorno, ho scritto che anche gli arabi andrebbero presi a calci nel culo per le cape toste che tengono. In parte è vero, entrambi i popoli vengono dallo stesso stampo di teste dure.
Però, però, però, più passano i giorni e più sento i tamburi di latta del regime mediatico mondiale sparare cazzate ancor più micidiali del "piombo fuso" che sta annichilendo Gaza, più mi sto rendendo conto che la sproporzione tra il piombo fuso e i Qassam non può passare sotto silenzio.

Ma stiamo scherzando? Si bombarda una zona affollatissima, strapiena di civili e si ha il coraggio di fare servizi lacrimevoli sugli abitanti di Sderot ed Ashkelon, che vivono nell'ansia da anni?
Ma ____ (qui ci andrebbe qualcosa alla Germano Mosconi ma mi astengo), e i palestinesi che vivono da sessant'anni senza speranza (perchè i sionisti non molleranno MAI la terra, datevi pace, illusi uniti di tutto il mondo), cosa dovrebbero dire?

Non si capisce il conflitto mediorientale se non ci mettiamo in testa che i palestinesi sono considerati, dalla controparte israeliana sionista come MERDA, nient'altro. C'è un profondo razzismo, alla base, di quello proprio buono basato sulla differenza di sangue e sulla pseudospeciazione e non si può far finta che non vi sia.
Il razzismo però, trattato nei termovalorizzatori mediatici, misteriosamente scompare, viene riciclato, compostato e diventa pappa buona da farci mangiare fino all'ultima cucchiaiata.

Penso che un giorno i servizietti a grandi fratelli unificati dell'inviato Pagliara, tanto per citare il più famoso dei tamburini filoisraeliani, entreranno di diritto nei manuali di propaganda.
Quanto era simpatico stasera il signore israeliano di origine italiana che, dalle macerie immaginarie di Ashkelon, ci ha informato, nell'intervista al mitico, che i palestinesi di Gaza sono degli ingrati di merda, perchè "gli abbiamo dato tutto: l'acqua (!), la luce (!), il cibo (!!) e loro ci bombardano con i missili".
Facile far passare una minchiata del genere quando nessuno provvede ad informare i lettori ed ascoltatori di una cosa come l'EMBARGO imposto a Gaza, con il blocco di medicinali, acqua, luce e cibo e che ha provveduto ad esasperare gli animi di un popolo fin troppo paziente e votato al martirio.
Poveretto, quel signore forse è convinto veramente che i palestinesi non sappiano domani se pasteggiare a Champagne Veuve Clicquot o Dom Perignon. Come lui la pensano milioni e milioni di obnubilati dalla propaganda sionista.

Quando si dice che bisogna mettersi nei panni degli israeliani che "sono bombardati tutti i giorni dai missili" (minchiata assoluta ma proprio per questo maggiormente creduta) io ribatto che se mi tirassero giù gli ulivi, le case, mi obbligassero ad estenuanti soste ai check point tutti i giorni per andare e tornare dal lavoro, trattata come un animale senz'anima, li odierei, CARO OBAMA. E forse non avrei altra scelta che affidarmi ai quattro marpioni di Hamas e ai residuati corrotti di Fatah.
Se fossi una palestinese di Gaza odierei gli israeliani. Senza alcuna paura di passare da antisemita, senza paura di offendere i fantasmi delle vittime della Shoah. Starei odiando solo i miei oppressori.
No signori, qui c'è l'esercito meglio equipaggiato del mondo (a spese dei servi americani) contro un popolo che, oltre a dei Katiuscia e Qassam che fanno ridere i polli ma per la propaganda sionista sono più micidiali delle atomiche, hanno come arma, più che altro, un odio coltivato con cura e amore in più di sessant'anni di ingiustizia subita.

Provo un’infinita pietà, e non ho alcun timore a schierarmi ancora una volta senza se e senza ma dalla parte del POPOLO PALESTINESE, dalla parte di coloro che stanno soffrendo un martirio che sarebbe insopportabile per qualunque altro popolo della terra. Forse solo i Ceceni sono altrettanto negletti dalla nostra coscienza.
Provo anche un’insopprimibile nausea per come ci stanno raccontando i fatti i media. Ormai i morti, che non vi fanno vedere e che cercano di non conteggiare, vedrete, cominceranno a resuscitare, per non far passare gli israeliani per troppo cattivi. In Palestina è già successo, molto tempo fa.

(360 : 3, ricordo le proporzioni tra vittime palestinesi ed israeliane (secondo la Questura) di questi giorni, per i lettori più distratti ed annebbiati dai fumi di oppio provenienti dallo schermo televisivo.)


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

21 commenti:

  1. rossoallosso22:43

    cazzo LAME rilassati è una battaglia persa tutto quello che dici ti si rivolta contro c,è come un muro di gomma se spendi una parola per i palestinesi allora sei antisemita,contesti la guerra in iraq sei antiamericana,difendi i diritti degli oppressi allora sei KOMUNISTA che mangia i bambini.non c'è un dialogo una riflessione che sia costruttiva si ragiona solo per stereopiti.sei con o contro di me non c'è alternativa possibile.d'altronde gli stessi arabi preferiscono nuotare nei petrodollari piuttosto che occuparsi della questione palestinese.se guardiamo in casa nostra il problema piu' assillante è sapere chi vincera' il prossimo scudetto.io ti capisco sono anni che discuto di questo anche con amici facendo leggere reportage di freelance dalla palestina ma li vedo ormai assuefatti alla cosanon riesci piu' a toccargli il cuore questa è la mia senzazione.

    RispondiElimina
  2. dimanga22:43

    Sottoscrivo parola per parola.

    Hai visto il filmato "Il muro infinito" su Arcoiris.tv? Lo trovi anche su Luogocomune.net sotto il nome "Piombo fuso".

    RispondiElimina
  3. Panty22:45

    E quelli che,voto bUSH così elimina SADDAM che ci strozza con il petrolio.
    E quelli che,voto bERLUSCONI perchè uno che ha fatto i soldi farà stare bene anche me.
    E quelli che,voto bERLUSCONI perchè la sinistra si è imborghesita.
    E quelli che,è morto un altro operaio,meno male che il mio Gigetto è impiegato al comune.
    E quelli che.................

    Come dici? Quei poveri Israeliani,che hanno sofferto tanto,si difendono da quei quattro beduini che gli tirano i razzi?
    Speriamo che quei pochi che la scamperanno,non prendano dei barconi e non vengano a romperci le balle a Lampedusa.

    RispondiElimina
  4. @ rossoallosso
    "non riesci piu' a toccargli il cuore questa è la mia senzazione."

    e allora io, come il sacerdote di Apocalypto, il cuore glielo strappo.

    @ dimanga
    no, non l'ho visto. Rimedierò.

    @ Panty
    :-D

    RispondiElimina
  5. rossoallosso23:07

    e ci facciamo ciondoli con le palline;:)

    RispondiElimina
  6. Esistono però due modi di non schierarsi.

    Uno è quello in cui non si guardano le differenze di responsabilità e si lascia che le cose vadano come vadano. Ed è quello che vedo più in giro.

    Un altro è quello che riconosce le differenze (e basta vedere le cifre delle vittime delle due parti, l'abisso che le divide...), ma non si schiera perché un conflitto come quello lo si potrà superare solo con enormi passi indietro da parte di entrambe le parti in causa. Insomma, le differenze nelle responsabilità vanno riconosciute e denunciate, riconoscendo al contempo una eguaglianza spaventosa: da una parte e dall'altra, i due popoli sono guidati da entità che non solo vogliono la guerra, ma ne hanno vitale bisogno. Vorranno sempre la guerra, perchè la pace sarebbe per loro un suicidio, vorranno sempre la guerra, anche a scapito dei propri popoli. E allora schierarsi con gli uni o con gli altri significa comunque schierarsi con chi la guerra la vuole.

    Vorrei solo aggiungere questa frase apparsa come commento anonimo a una nostra segnalazione dal titolo "Quanto valgono due rumeni", riferita alla vicenda della madre e del bimbo morti nell'incendio di Roma. Credo che racconta molto di cosa la propaganda (che riguarda tutto, da Gaza al vicino "abbronzato") stia producendo...

    "E quanto valgono allora milioni di perseone colpite dalla crisi? Noi pensiamo ai nostri e ai vosti figli, pensateci un po' anche voi!"

    RispondiElimina
  7. Suvvia, quella cosa alla Germano Mosconi... in confidenza... a me puoi dirla :D

    RispondiElimina
  8. Nascondiamo le pistole e andiano a pregare l'anno nuovo ci tocca farle cantare..

    RispondiElimina
  9. @ NoirPink
    Vero, l’anonimo ha scritto un piccolo capolavoro, un manuale in due righe su come trasformarsi da essere pensante in ameba.
    La prima parte é la solita cosa: la roba vale più della vita, la vita degli altri, naturalmente. Una telenovela propagandistica molte volte vista sui nostri schermi, liberamente tratta dalle Novelle Rusticane, immagino. Mazzarò almeno ammazzava le bestie e una certa soddisfazione c’era, ma con azioni o obbligazioni che gusto c’é?, neppure sanguinano.
    Nella seconda parte c’é il vero capolavoro della propaganda: ”Noi pensiamo ai nostri e ai vostri figli, pensateci un po' anche voi!”. Sembra dire, visto quanto siamo bravi e buoni, pensiamo anche a voi, ma voi – per favore – datevi una mossa, non state lì a menarcela con ‘ste cose superflue. La madre é morta assieme al figlio – e allora? - é colpa sua, così impara a nascere povera e , soprattutto, a far nascere il figlio di una povera.
    La magia é in quel “voi”. Una volta insegnato e fatto acquisire il concetto di “voi” basta dire che i rumeni sono “voi”, che i palestinesi sono “voi”, che il tuo vicino é “voi”, che tutto quello che non piace a chi governa é “voi” e il gioco é fatto.

    RispondiElimina
  10. Andras09:02

    Hai scritto bene.
    Far passare le vittime per carnefici ed i carnefici per vittime è veramente una cosa vergognosa, superata forse solo dall' equazione fatta passare ad arte che criticare la politica di Israele equivale ad essere antisemiti, riuscendo così a garantirgli carta bianca per qualunque atto che esso compia, anche il più efferato.

    RispondiElimina
  11. Adetrax11:12

    @Chiara-di-Notte

    Non c'è nulla di interessante nelle esternazioni alla "Germano Mosconi", sono solo dei gran bestemmioni spesso contro la divinità e consimili.

    Di solito, se non altro per educazione, si evitano.

    RispondiElimina
  12. @ Adetrax:

    Capisco. Ero solo curiosa. Non conosco questo Mosconi e credo di non averlo mai ascoltato in vita mia.

    RispondiElimina
  13. si...bel post cche condivido....
    poi è anche vero che i sionisti non la smetteranno mai, che il destino dei palestinesi è già segnato, e che quando penso questo intuisco la nostra potenziale impotenza...
    un augurio per un nuovo anno migliore...e come ho detto a Cloro, di sti tempi sembra più un eufemismo...

    RispondiElimina
  14. Il signore romano dalle macerie effettivamente - e nonostante tutta l'equidistanza che uno possa voler metterci per questioni di onestà intellettuale (?) - è stato uno spettacolo vomitevole.

    Perchè non proviamo a contare i servizi sul medioriente in cui NON viene menzionata la Shoah?

    RispondiElimina
  15. Anonimo13:14

    il cuore lo si strappa a chi ce l'ha. Chi considera gli altri esseri umani meno che bestie, il cuore non ce l'ha mai avuto

    RispondiElimina
  16. Anonimo13:48

    anch'io li odierei e forse li odio perchè riesco a sentire il peso dell'ingiustizia e della beffa mediatica.
    Uno speciale tg1 ha mostrato come i musulmani palestinesi perseguitano i cristiani. Ho riferito questo a Vick e mi ha detto che i cristiani in palestina li uccidono gli israeliani.
    Ora le notizie le vedo da sky se non altro il solo tg24 vale il canone e pui vedere la bbc e altre tv serie.

    Tante falsità ripetute all'infinito fanno una verità.
    Non c'è nulla da festeggiare
    E il coglione che in tv scandirà meno 5 4 3 2 1 forse dirà:
    niente di nuovo sul fronte occidentale
    Primlug

    RispondiElimina
  17. Le Nazioni Unite, in una risoluzione del 1975, equipararono il sionismo al razzismo, ma la risoluzione relativa fu poi ritirata all'inizio degli anni Novanta, quando iniziò il processo di pace.
    Vi ricordate cosa successe agli inizi degli anni 90?
    Desert Shield e Desert Storm. E bisognava tenere tranquillo Israele, affinché non reagisse al lancio di missili Scud iracheni, onde non incrinare la grande colizione che operava con la benedizione dell'ONU per liberare il Kuwait.
    Una reazione israeliana avrebbe, infatti, provocato un diverso atteggiamento di Siria, Egitto e Arabia Saudita. O almeno delel loro popolazioni
    Ciao

    RispondiElimina
  18. Panty19:39

    Cioè,voglio dire,a prescindere dalla misura in cui la semantica può disastripolarsi dalla logica socio-economo/politico-
    psicoanalitica,i problemi dell'umanità si possono contare sulle cinque dita di due mani.

    1) La cronica mancanza di soldi,sopratutto per i più ricchi.
    2) L' astinenza dalla patatina,pisellino,culetto (per entrambi i tre sessi)
    3) Si gode più a comandare che a fottere.

    => Non nego l'Olocausto,non nego le Crociate,non nego la supremazia della Chiesa,
    non nego la supremazia della Razza Ariana.
    Hanno sempre detto che DIO lo vuole,DEUS VULT !!!
    CHI SIAMO NOI,PER OPPORCI AL VOLERE DI DIO,rivelato
    in un modo agli EBREI,in un altro ai MUSLIM,in un altro ai CRISTIANI.
    Accettiamo quello che dicono i TEOLOGHI e mettiamoci l'anima in pace.
    E allora,se DIO,secoli fa,disse ai CRISTIANI di sterminare i MUSLIM,
    perchè ci indignamo oggi che il POPOLO ELETTO,dopo che l'ARIANO "GOTT MIT UNS"
    non è riuscito ad eliminarlo,si sforza di completare l'OPERA INCOMPIUTA DEI PAPI???

    Ma forse non è religione,è solo che SI GODE PIU' AD AVERE IL POTERE CHE A FOTTERE.

    Meno male che da noi c'è un PAPA Teologo e meno male che c'è sILVIO che non soffre
    dei problemi citati al punto 2).(Almeno a parole)

    Quanto ai Palestinesi,di che cosa si lamentano?
    Questa notte avranno i fuochi gratis,mentre da noi li ha sequestrati tutti la GUARDIA di FINANZA.

    CHE NOTTE TRISTE SARA' SENZA I FUOCHI.

    RispondiElimina
  19. Panty(ascoltando il Presidente)20:43

    Ma Napolitano è stato lobotomizzato dal pAPA e da bERLUSCONI?????????

    RispondiElimina
  20. La tecnica è quella: non parlarne per mesi interi, tacendo l'embargo, le porcate, la repressione. Poi scegliere un giorno che per gli israeliani non significa un cazzo, Natale, per andare a "bombardare i terroristi", cioè un governo liberamente eletto. Tutto ciò gentilmente offerto da un premier corrotto e disonesto costretto alle dimissioni (Olmert, è meglio specificare vista la pletora di premier corrotti che guidano il mondo).

    @ orso
    grazie, contraccambio, masticando l'ennesimo Maalox.

    @ Panty
    perchè, era il presidente quello che parlava, ieri sera?

    RispondiElimina
  21. "...Se fossi una palestinese di Gaza odierei gli israeliani. Senza alcuna paura di passare da antisemita, senza paura di offendere i fantasmi delle vittime della Shoah. Starei odiando solo i miei oppressori..."

    Esatto...

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...