giovedì 18 dicembre 2008

Pappanapoli

"Romeo, Romeo! Perché sei tu Romeo?" (W. Shakespeare)

Il sistema di pappalti pubblici di questo scriteriato paese è di nuovo sotto inchiesta. Sarebbe stata individuata, come scrivono i magistrati:
"una commistione impressionante tra politici di ogni colore e provenienza, organi istituzionali, pubblici funzionari, appartenenti alle forze di polizia". Tutti "convergenti - scrivono i pm - a soddisfare le più diversificate pretese dell'imprenditore, autocompiacendosi e grossolanamente di se stessi e dei risultati conseguiti".

Secondo il solito trito copione di questa ennesima fiera del pappamento, c'è un imprenditore, Romeo, che vuole aggiudicarsi i pappalti e per farlo si intorta le Giuliette politiche, il che può voler dire anche chiedere che, in una giunta di centrosinistra come quella di Napoli, la Giulietta di centrodestra non rompa le palle. E' il trionfo della volontà della casta. Questa volta Montecchi e Capuleti fanno affari insieme e si spartiscono il bottino. Che Giulietta e Romeo trombino pure, se ciò porta guadagni per tutti.

Sono coinvolti, dicevo, politici di entrambi gli schieramenti eppure, con un rovescio lungo linea degno del miglior Federer, il TG1 è riuscito a far si che sembrasse un problema solo del centrosinistra. Questo nonostante si sia parlato ampiamente del famoso sodalizio telefonico di Bocchino, un nome che rimane facilmente impresso nella memoria e il cui portatore ci onoriamo si ascoltare tutte le sere mentre conciona sulle bellezze del governo e le orripilanze dell'opposizione. Non risultando altri Bocchini in Parlamento, per quanto ne so, dev'essere proprio lui, la madre di tutti i Bocchini.

Oltre alla sparizione del Bocchino sotto il tappeto, sfruttando il solito vecchio trucco dell'effetto recenza, al noto Gasparri è stata data l'ultima parola in coda a tutti i servizi sull'argomento e lui, senza nemmeno un perizoma che coprisse le vergogne, ha ridotto lo scandalo ad un problema di etica e moralità della sinistra. Sono loro che hanno un problema di etica. Noi no, noi. Passiamo alla guida su come cucinare il pesce le prossime feste.

Appena un secondo prima, Berlusconi aveva invocato l'utilizzo a fine di indagine delle intercettazioni solo per reati gravissimi. Immagino pensasse ad esempio al sezionamento e successiva bollitura di inermi vecchiette per farne sapone da bucato.
Per robette veniali come corruzione, pappamenti, pappalti e affini invece no, non ce n'è bisogno. In fondo cosa volete che siano?


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

13 commenti:

  1. In Italia il potere dei soldi deve sottomettere la giustizia.
    Ormai troppe indagini si avvicinano pericolosamente a livelli alti del sistema.
    I vertici dell'imprenditoria,della politica e delle mafie sono cinti d'assedio da zelanti magistrati.
    Le spartizioni del sistema dei soldi e dei suoi servitori sono troppo evidenziate,e il meccanismo rischia di saltare.
    Si deve sottomettere la giustizia,in modo bypartisan.
    E' giunto il momento che anche il centrosinistra dia una mano in quest'operazione,il sistema dei soldi lo richiede.
    E se lo richiede il sistema dei soldi,che è quello supremo che in Italia come altrove è quello che comanda gli altri sottosistemi,si farà.
    Perchè la giustizia deve nuocere di meno ai profitti e ai capitali.
    Ciao.

    RispondiElimina
  2. Titolo da Repubblica.it:
    "Bocchino a Romeo: 'Siamo un sodalizio'."
    E poi si parla della Carfagna...

    RispondiElimina
  3. Sono i mendicanti a cavallo.
    Hai cominciato tu con Shakespeare, Lameduck, e io vado avanti: That beggars, mounted, run their horse to death, ha scritto il vecchio William nel “King Henry VI”, che tradotto suona circa così: I mendicanti a cavallo fanno correre i loro animali fino alla morte.
    Detto così, fuori dal contesto, appare piuttosto astruso, ma se ce lo mettiamo, il contesto, capiamo che “i mendicanti a cavallo” sono i politici di mezza tacca, persone non nate per governare, che non capiscono neanche cos’é il governare, e si ritrovano in posizioni di potere. Allora, questi signori, “fanno correre i loro animali fino alla morte" nel senso che – non sapendo come governare - pensano soltanto al loro vantaggio materiale e distruggono proprio ciò che volevano: lo Stato, la Regione, il Comune, quello che é, mentre vero tornaconto e ricchezza del governare é governare bene. Per i veri politici lo sviluppo e il benessere dello Stato (eccetera) che governano vale molto di più dei soldi. Ma questo i mendicanti a cavallo non lo sanno, appunto perché sono solo mendicanti a cavallo.
    Qualcuno recentemente ha visto qualche cavallo senza mendicante sopra?

    RispondiElimina
  4. Ma Lameduck, non puoi farmi ridere così tanto, mi scoppia la vescica!!! Mi piace troppo il tuo modo di scrivere. Una sola pecca. Lui non è l'unico Bocchino in Parlamento... ah, no, sbaglio io, l'altra si chiama Carfagna!

    RispondiElimina
  5. Giuseppe Cavallo alle ore 10.00 del 18 dicembre
    Sono del parere che le prime riforme da attuare siano quelle di rendere trasparenti i meccanismi decisionali e gestionali della cosa pubblica: gestione pubblica dei suoli urbani, una rigorosa separazione delle carriere nella sanità pubblica o privata, e non permettere il vile mercimonio di poter lucrare nella sanità privata dei titoli e meriti aquisiti nella sanità pubblica; un sistema trasparente e pubblico in tutte le fasi asecutive dei lavori pubblici, finchè si permetterà che la ditta appaltante si può scegliere discrezionalmente la ditta subappaltatrice, ingrosseremo solo le casse e la potenza delle mafie. Superare l'attuale regime di società di gestione di servizi pubblici controllate dalla politica, che a tutti gli effetti si configurano come enorme mercato clientelare x garantirsi un sicuro bacino di voti.
    In ultima anlisi credo prioritario limitare il potere discrezionale -il vero cancro della politica- degli amministratori pubblici a tutti i livelli.
    Mentre la tanto invocate riforme della giustizia, temo vogliano difendere proprio il potere discrezionale dei politici, che in un contesto simile si configurano come CASTA interessata a salvarsi il culo da ingerenze inopportune. beppe

    RispondiElimina
  6. Scusa, ma come era quella foto con quel tafazzi che si dava delle martellate sulle palle perché (povero stupido) non aveva capito niente ed aveva deciso d non votare questa gentaglia?
    E stai ancora a fare la "spiritosa"?

    RispondiElimina
  7. Gran bel post Lameduck.
    Anche se l'argomento è triste.

    Del resto questa casta rappresenta degnamente la popolazione che la elegge con gioia.

    A un popolo di ladri un governo di ladri.

    RispondiElimina
  8. Ciao Lame, da me c'è il premio Dardos per te.
    Angelo

    RispondiElimina
  9. Anonimo12:48

    Gran bel post.

    Cari Signori!


    Per una ragazza di 8 anni servono urgentemente fondi per una operazione ad un rene malato. Chi vuole dare il suo CONTRIBUTO PREGO versare (anche spiccioli) a Paypal:

    bell11@gawab.com


    Grazie mille in anticipo e Dio vi benedirà.

    Forza ragazzi aiutiamola!!! E Dio sarà con voi!

    RispondiElimina
  10. Panty16:20

    "Se il principale partito dell'opposizione deve essere fatto fuori dalla magistratura,
    come sembra stiano mettendosi le cose, allora occorre salvarlo".
    Lo afferma il capogruppo Pdl alla Camera, fABRIZIO cICCHITTO, in un'intervista al 'Riformista'
    in cui professa la sua "fede garantista".

    bERLUSCONI, che non è più contento di farsi solo i cazzi suoi ma vuole determinare
    anche la politica dell'opposizione,ulula che se il PD rimane con l'IDV,
    sarà stretto in un abbraccio mortale.

    Uolter dice che esistono due opposizioni,finalmente trova il tanto desiderato dialogo con il governo
    e nessuno gli tira scarpe in faccia.

    L'impunità di bERLUSCONI è ormai praticamente certa,come chiedono tutti gli italiani e quindi
    slitta la Class Action,

    Insomma anche questo BOCCHINO è stato ingoiato allegramente
    e nessuno sente più bruciore al culo

    EVVIVA bERLUSCONI CHE è RIUSCITO,FINALMENTE,
    A FARE L'ITALIA E GLI ITALIANI,ALLA FACCIA DI GARIBALDI.

    RispondiElimina
  11. Panty19:53

    Terrificante, la politica(?) detta anche"l'arte del possibile"è in pieno quaqquaraqquà,sILVIO e uOLTER si sono mandati affanculo natavota.
    Sarà amore mascherato da odio oppure disprezzo mascherato da corrispondenza di amorosi sensi?

    Le prossime news politiche su DIVA E DONNA,il settimanale della politica italiana.
    Una domanda angoscia tutti gli italiani:
    "Chi è il calciatore e chi la velina?".

    RispondiElimina
  12. @ Lameduck
    Ho copiato i mendicanti qui sopra su MC:
    Copio/incollo un mio post scritto sul blog di Lameduck qualche giorno fa. Spero che Lameduck non si arrabbi, ma una copia qui ci sta proprio bene.

    RispondiElimina
  13. @ mario
    ancora con quella storia, Mario?
    Vuoi sapere una cosa? Se mi sono pentita del voto a Veltroni mi sono ancora di più pentita del voto dato alla sinistra, fatta di gente che invece di combattere il nemico comune sta a contare i peli nel culo ai compagni per vedere se hanno quello dell'ortodossia. Quando poi glielo trovano, di solito glielo strappano a tradimento.

    @ salazar
    hai fatto bene. Non mi arrabbio, no. ;-)

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...