venerdì 5 dicembre 2008

Un doppio velo pietoso

Stasera solo un aneddoto, assolutamente vero, sui preti e la morte e la dimostrazione che non c'è più veramente religione.

Si contatta il parroco per concordare l'orario di una messa funebre. Il parroco risponde infastidito, come sempre, quando chiamano i beccamorti.
"Mi dispiace, abbiamo già un altro funerale domattina alle undici."
"Ma, mi scusi, noi saremmo in chiesa da voi per le nove".
Segue una estenuante trattativa per strappare il consenso a celebrare il funerale in parrocchia.
Poi viene il bello.
"Però venite direttamente in chiesa, non sto a venire all'obitorio a dare la benedizione".
Il beccamorto non crede alle proprie orecchie.
"Come, come?? Lo dice lei alla famiglia che non intende benedire la salma prima della chiusura?"
"Ah, caro signore, ormai queste sono tradizioni che sono destinate a scomparire. Nelle grandi città nessuno più va a benedire la salma alla partenza".
Il beccamorto insiste, temendo di dover subire le ire dei parenti del morto per la mancata benedizione.
"Ma, mi scusi, io non mi assumo una responsabilità del genere con la famiglia. E poi, andiamo, la benedizione per la defunta ci vuole."
"Ma cosa vuole che le serva, ormai è morta!"


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

30 commenti:

  1. Anonimo22:10

    Che volete fare, anche tra il clero ci sono vagabondi. Un ministro di Dio, dovrebbe correre in queste circostanze. ma mi sa che questo è uno che si è fattto prete non per fede ma per mangiare.

    RispondiElimina
  2. Adetrax22:48

    Ma cosa vuole che le serva, ormai è morta !

    E' una faticaccia andare fino all'obitorio eh, non sarà mica uno di quei preti che vestono in clergymen ?

    Certo che, a parte la mancanza di rispetto verso chi avrebbe desiderato una piccola attenzione, se non ci credono neanche loro vuol dire che siamo alla frutta ...

    RispondiElimina
  3. Incredibile!!!

    Foto che fa rabbrividire...preferivo la Ilaria..:)

    Buon week-end!

    RispondiElimina
  4. Aspetta, ecco un altro aneddoto (vero).
    Muore un uomo, dopo colloquio con parroco egli parroco conferma la sua disponibilita' a celebrare la funzione il giorno X, alle ore 9. Quella mattina i parenti con la salma si recano in chiesa dove scoprono costernati che il prete aveva contemporaneamente fissato un'altra cerimonia, un matrimonio, per la stessa ora e non aveva nessuna intenzione di recedere dalla sua intenzione di celebrare prima il matrimonio, punto e basta. Il morto e i suoi amici (decine e decine di persone che i parenti, peraltro gia' molto provati dal lutto del loro caro avrebbero dovuto informare del casino creatosi) avrebbero dovuto aspettare un paio d'ore li', sulla piazza i comodi di quel prete maleducato. Inutilmente gli fanno notare che il funerale sarebbe stato ben piu' breve dell'altra funzione, senza contare che con la prospettiva di un allegro e festoso matrimonio l'attesa dei convenuti sarebbe stata meno gravosa di quella dei convenuti per il triste funerale. Tutto inutile, i parenti infine optano per un'altra chiesa, dopo febbrili trattative al cellulare coi relativi frati,chiedendo pero' al prete il permesso di attaccare al portone della chiesa un foglio con le spiegazioni per coloro che sarebbero di li' a poco pervenuti per la messa funebre, e che certo sarebbero rimasti sorpresi di assistere invece a un matrimonio. Il permesso e' stato comunque negato e anzi, l'avviso che a dispetto del fottuto prete qualcuno aveva comunque affisso, prontamente rimosso dai suoi zelanti tirapiedi. Naturalmente, in tutto questo, non una volta e' stata pronunciata la frase "mi dispiace" o "scusatemi".
    C'entrera' forse il fatto che uno degli sposi aveva parenti eccellenti? O forse era solo il parroco estremamente stronzo?

    RispondiElimina
  5. Panty23:20

    Kvanto pakare per zupplementa di Penetiziona a domikilio?
    Tu,pekkatore,folere Paratizo mit fiki zekken.
    Noi dare Penetizione a domikilio zolo a ki a fatto del PENE la racione di zua vita.

    Kvarda il mein amiko ZILVIO,egli a tanto AMORE e tanto PENE in zua testa.

    Kvando il zuo akkoliten Tremonti è kaduto in krave pekkato di tagliare fondi a zkuola prifata,ZILVIO a kridato:"Raffediti Tremonti e Pentiti,restituisci al CLERO quel che è del CLERO".

    ZILVIO per il PENE che dimostra,riceferà Penedizione Intra Moenia Sua,Extra Moenia Sua,Arcorensis Et Orbi e zarà accompagnato da kori Angelici nel Zuo merafigliozo MAUZOLEO.

    RispondiElimina
  6. Saranno casi isolati?, non saranno casi isolati? Sempre casi sono.
    Però appena tocchi loro i soldi – ai cari preti - succede il finimondo: i vescovi cominciano a sbraitare come comari e il nostro caro governo dopo non più di mezz’ora dice “scusate tento, baciamo l’anello” e fa immediatamente retromarcia.
    Centinaia di migliaia di ragazzi e genitori non ci sono riusciti a farsi dare indietro i soldi in settimane di protesta, un “suggerimento” vescovile ci é riuscita in mezz’ora.

    RispondiElimina
  7. Per iniziare bene il WeekEnd!!!
    Comunque fra episodi come questi, i casini che fanno per farti sposare nella loro parrocchia,l macelli che fanno condizionando politica ,ricerca....

    Raccapricciante.

    RispondiElimina
  8. Hanno scelto gli aspetti più comodi per secolarizzarsi...

    RispondiElimina
  9. Anonimo09:49

    ame e' capitato di peggio durante una messa di suffragio il prete senza averre avvisato nessuno dei parenti, durante la stessa messa ha celebrato anche il 25° di matrimonio di una coppia di sposi con relativa benedizione e scambio degli anelli il tutto a meta' messa con applauso dei parenti degli sposi p. s. io con i mieie parenti celebravo il 4°anniversario della scomparsa di mia figlia morta a 32 anni.

    RispondiElimina
  10. funerale civile, matrimonio civile, BISOGNA SMETTERLA DI DARE CREDITO A QUESTA GENTE!

    RispondiElimina
  11. Ti vorrei dare un consiglio di cuore.
    Attenzione con le foto cattive del Pastore Tedesco.
    Qualche zelante lealista più del Re, potrebbe ravvisare il reato di "vilipendio a Capo di Stato estero" (vedi S. Guzzanti).
    Anch'io preferisco la Ilaria.

    Ciao

    RispondiElimina
  12. Anonimo10:23

    ...e figli nelle scuole publliche. Se ha ancora un senso lo stato laico.
    Perché bisogna pur dare risposta alla domanda:la religione è un servizio pubblico? (Le Monde 4/12/08 a proposito dell'inaugurazione di una moschea con la partecipazione di pubbliche finanze). E se si vogliono preti benedicenti bisogna mandare figli in seminario, o no?
    Purtroppo la laicità ha un costo. E non si può invocare l'aiuto di uno stato estero (Vaticano) per mantenere l'unità nazionale e poi non accettarne l'ingerenza.
    elin

    RispondiElimina
  13. @ anonimo
    il problema sai qual'è? Che questa sta diventando la norma, non l'eccezione.

    @ adetrax
    di solito c'è, se richiesto, qualcuno dell'impresa che li va a prelevare e riaccompagnare. Quindi è solo pigrizia. Devi vedere però quando muore un potente....

    @ ilpoeta
    si, è veramente raccapricciante. Da "non aprite quella sagrestia".

    @ schatten
    E' successo anche a me un fatto del genere. Hanno negato la chiesa perchè c'era un matrimonio.

    @ Panty
    Eh, che pena quel mausoleo così vuoto...

    @ Salazar
    che poi le scuole dei preti (che sono quelle dove si impara meno)
    vengono già profumatamene pagate dai genitori benestanti degli allievi. Che minchia vogliono in più? Ah, scommetto che è per i corsi intensivi di educazione sessuale?
    P.S. Sei tu il pargolo?

    RispondiElimina
  14. I miei nonni sono francesi. E pensa che il parroco, quando gli si è chiesto di celebrare una messa in loro suffragio, pretendeva di italianizzare i loro nomi. Perché, gli ha chiesto mia madre. "Perché se no la gente chissà cosa pensa che stia succedendo!". Mah!

    RispondiElimina
  15. Certo che.. la foto .. è decisamente un po sopra le righe.. qualcuno potrebbe risentirsene assai.

    RispondiElimina
  16. Anonimo11:36

    Non mi meraviglia più niente quando si parla di preti e chiesa. Basti pensare a quel vescovo che, molto arrabbiato per i tagli dei finanziamenti alle scuole cattoliche private, si è messo a sbraitare e quindi ottenendo un passo indietro del governo. Il milione di persone sceso in piazza per i tagli alla scuola pubblica non è servito a niente, è bastata una parola di un vescovo per essere ascoltato. E' semplicemente una schifezza!!!!!!!!!!!!!!
    Luna

    RispondiElimina
  17. Anonimo12:21

    Mandate Brunetta in Vaticano Così siatemerà anche lì ipreti fanulloni

    RispondiElimina
  18. Anonimo12:27

    Il Gisti poeta toscano in una sua poesia commentava così-Si specula sul battesimo e le cresime eancor più sulle quaresime. Eil popolo ignorante tutto vede rppur ci crede.-

    RispondiElimina
  19. Anonimo12:41

    Un contadino toscano un giorno rispose così ad un prete che predicava lasofferenza terrena per poter usufruire del bene quando sarebbe passato amiglior vita. - Se il ben nell'altra vita è cosa certa dopo tanto soffrire e privazioni perchè lei dorme sotto la coperta e si nutre di polli e di caponi? se evvero che in paradiso ci si và dopo tanto penare lei che non soffre non ci può andare.-

    RispondiElimina
  20. è una regola della Chiesa: i matrimoni hanno la precedenza perchè le offerte sono più sostanziose!
    :°)

    RispondiElimina
  21. Okkai, le scuole cattoliche avanzano?, e allora ci diamo all’educazione alternativa: ecco un poeta italiano che mai sarà menzionato nelle scuole, non lo é stato finora, figuriamoci nel futuro ecclesiastico che ci aspetta.
    Si tratta di Giorgio Baffo (Venezia 1694-1768), scriveva sonetti tipo quello riportato qui sotto, ma scriveva anche contro i preti, la corruzione dilagante e i politici incapaci. Il mondo non é cambiato molto eh?

    Ode alla Mona
    Mona, cossa mai xestu, che ti ha tanta
    forza, e vertù de far tirar i cazzi,
    che ti fa deventar i savi pazzi,
    e i coraggiosi in ti se perde, e incanta.
    Quei, che d'esser gran teste se millanta,
    per ti deventa tanti visdecazzi,
    ti fa che i vecchi fazza de regazzi,
    e che fazza peccai la zente santa.
    Ti ti è quella, che fa che sti avaroni
    deventa generosi in tu'un momento,
    e che volta bandiera i buzzaroni;
    per ti el più desperà torna contento,
    per ti se perde onor, robba, e cogioni.
    Mona, mo cossa mai gastu là drento?


    @Lameduck.
    Sono io. Ho anche la classica nel bagnetto, ma ho pensato di non usarla perché quando me l’hanno fatta avevo 29 anni.

    RispondiElimina
  22. Peggio della categoria dei sacerdoti sono i commercianti: uno è ipocrita e ladro, l'altro solo ladro. Ben gli sta la depressione economica. Speriamo che la gente si ravveda anche su le offerte ai parroci e alla religione in generale. Farsi cremare, no?

    Spero che l'aneddoto non ti riguardi ma nel caso condoglianze.

    ... Una volta lessi su una lapide: Nato...Morto...
    Sono morto tante volte, ma così mai.

    :D

    RispondiElimina
  23. Anonimo00:42

    ... e come di solito parlate di cose delle quale non avete il minimo di idee.

    ... il prete non è il vostro domestico che viene quando bussate ogni 3 anni alla sua porta quando volete sfruttare il suo servizio.

    ... la chiesa non è la vostra serva quando a voi fa comodo avere certe celebrazioni nei locali suoi tipo chiesa perchè voi ritenete che si è sempre fatto cosi e che per voi si deve sempre farlo

    ... cercate vi un altro posto per i vostri affari di mercato e di "abbiamo sempre fatto cosi"

    Il Laico praticante

    RispondiElimina
  24. Questa visione della Chiesa come potentato superiore alla società civile e ai singoli individui, autorità alla quale si deve sempre obbedire e mai chiedere, mi sembra abbastanza datata e frutto di una non piena comprensione della propria dignità di essere umano creato ad immagine e somiglianza di Dio.
    La Chiesa é umile serva di Dio, e Dio é infinitamente buono e infinitamente comprensivo con gli uomini. La Chiesa non può (potrebbe) discostarsi da questa via maestra e per avvicinare gli esseri umani a Dio dovrebbe aiutarli, consigliarli, capirli, facilitarli e servirli quando ne hanno bisogno.
    Ma forse sono troppo sul teorico, vero? Meglio preti burberi, chiese vuote e seminari deserti.

    In quanto agli affari di mercato: per quel che ne so, le messe di suffragio si pagano, i matrimoni in chiesa si pagano, i funerali si pagano... ops! Chiedo scusa, non sono pagamenti, sono offerte.
    Anch’io stamane ho fatto un’offerta al mio verduraio e ho portato a casa mezzo chilo di patate, otto pomodori e otto banane. Le banane erano deliziose, veramente dolci.

    RispondiElimina
  25. Anonimo11:44

    @Laico praticante. OK, io sono del tuo pensiero. è troppo comodo gettare fango sulla chiesa, solo perchè non ha fatto quello che io ho voluto, senza vedere oltre. Certo, la mancanza di sacerdoti, fa si che alcune cerimonie (specie nelle grandi città)si accavallino o siano una di seguito all'altra. Ma perchè infangare quei ministri, che seppur uomini, possono anche sbagliare. Chi critica a mai sbagliato o è uno perfetto?.


    1 del Rinn. Carism.

    RispondiElimina
  26. Cachorro Quente12:33

    "Ma cosa vuole che le serva, ormai è morta!"

    Teologicamente non fa una piega... pericolosamente vicino al protestantesimo, però!

    RispondiElimina
  27. Anonimo13:05

    Vergognati per quella foto. Menomale che non siamo come gli islamici altrimenti saresti stata condannata a morte.

    RispondiElimina
  28. E dagli con l’anatema dell’Anonimo.
    Signor Anonimo qui sopra, la prossima volta che entri nel blog guarda la colonna a destra, nel quadratino titolato “Tempo Reale” ci sarà una bandierina con al fianco il nome della tua città. Questa roba si fa con l’IP del tuo computer, e arriva dritto dritto a casa tua, alla tastiera e alle tue manine che ci scrivono sopra: tecnologia eretica eh? Quindi, visto che vero anonimo non sei, troppa fatica darsi anche un nome?

    Per inciso, riguardo alla foto, se dici “meno male che non siamo come gli islamici” vuol dire semplicemente che vorresti tanto esserlo.

    RispondiElimina
  29. @ Noir Pink
    puoi raccontarmi tutto, ormai conoscendoli bene, i preti non mi stupiscono più con alcun effetto speciale. ;-)

    @ MaRaNtZ
    dai è stupenda, con quell'espressione ferina... Josephsferatu

    @ salazar
    hai l'aria di un bimbetto molto tranquillo. E' solo un'impressione?
    Peccato, su quella del bagnetto ci contavo.

    Bella la poesia.

    @ nike
    no, no, l'aneddoto mi riguarda solo professionalmente.

    RispondiElimina
  30. sarà,
    ma io adoro sto prete!

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...