giovedì 8 gennaio 2009

Salò e le 120 giornate di Sodoma e Camorra

"Lei con quegli occhi mi spoglia. Spogliatoio!" (Totò - "Totò truffa")

Un allenatore completamente cieco, sordo e muto, un Lippi dei Miracoli, oppure troppo fedele alla consegna dell'omertà ambientale-mafiosa calcistica sull'omosessualità, dice (a Klaus Davi!) che non ha mai incontrato giocatori gay in quarant'anni di carriera. Forse perchè essi non girano in tacchetti a spillo sul campo, come dice deliziandoci Galatea.
Oppure perchè, mettendo i calciatori a fare i testimonials per le mutandine di Dolce & Gabbana, gay dichiarati, nessuno penserà che siano anche loro della partita, in quel senso. Chi meglio di un gruppetto di masculi a prova di bomba per una campagna gaia che più gaia non si può? Per la serie: tecniche avanzate di mascheramento sociale.

In attesa di conoscere le preferenze politiche e sessuali di Beckham (per il quale non metterei la mano sul fuoco, nel senso che non penso sia comunista), è un tripudio di interviste ai nuovi maîtres à penser in parastinchi.
Se Totti banalmente mette in dubbio la virtù e l'onestà dell'Inter, Buffon ci rivela che ammira Fini (ma va?) maanche Bertinotti e forse sulla guerra in Palestina dice cose più di sinistra di Fassino.
Per ultimo 'o capitano Cannavaro, bello guaglione che, sfogandosi con Alfonso Signorini, se l'è presa con "Gomorra" il film, dicendo che, signora mia, "non giova all'immagine dell'Italia".

Sono d'accordo. Per rappresentare i problemi della Campania di oggi, secondo la moda berlusconiana dell'ottimismo della volontà, era meglio mandare agli Oscar "Un posto al sole".
L'unica attenuante che ha Cannavaro è il fatto che "Gomorra" sarà pure lo specchio della realtà di Scampia, una denuncia della camorra eccetera ma a me è parsa una pizza tanta. Saranno stati l'obbligo dei sottotitoli e la maledetta presa diretta mania del cinema italiano che non fa capire una michia tanta dei dialoghi e l'eccessiva lunghezza ma io l'ho trovato pesante (e non per l'argomento) come i pizzoccheri della Valtellina e continuo a pensare che sia meglio il libro. Magari un giorno di questi, con un paio di Red Bull in corpo me lo rivedo e provo a ricredermi.

19 commenti:

  1. 'mmazza! cena indigesta?

    non che non condivida le tue parole: tutt'altro.

    Ribadisco che poco m'importa delle preferenze sessuali dei calciatori; già che assai poco m'importa del calcio stesso.

    L'uscita su Gomorra, effettivamente poteva risparmiarsela.

    Pausa caffè col biscione di mediaset?
    a volte la realtà supera la fantasia.

    Non c'entar del tutto ma m'è venuto in mente il recente viaggio aereo con una compagnia low cost.. talmente LOW che nemmeno il bicchiere d'acqua o la caramella erano in omaggio.
    Dopo le spiegazioni su come indossare la maschera d'ossigeno in caso di emergenza, etc... per tutta la durata del volo è partita una sequela di pubblicità su altre tratte offerte dalla compagnia; sui parcheggi convenzionati; affittuari di case, auto... una roba insopportabile.

    Ora torniamo a questioni serie: la guerra e le tre ore di pietà. Solo per salvare il cu_o!!

    RispondiElimina
  2. Anonimo23:54

    azzo che fatica dire cose più di sinistra di fassino.
    Deve essere stata una impresa come scalare l'everest.
    L'omosessualità è bene nascosta nei calciatori, ma anche l'intelligenza, ammesso che ci sia, è difficile da scovare. La mafia un pò meno.
    Nel mondo dorato l'omosessuale va celato.
    primlug

    ti faccio una confessione salò non mi piace meglio le montagne della valle sabbia dove c'erano le brigate garibaldine

    RispondiElimina
  3. rossoallosso00:12

    lo sapevo che lippi ti sta su, lo immaginavo, ho gia commentato qualcosa su di lui sai lui è campione del mondo non è di questa terra.su cannavaro che dire forse è contento dell'immagine che ci da' il berlusca.per fini si sa che inorridisce se si brucia una bandiera meglio bruciare subito le persone e poi quando cominceranno a installare le statue del duce?a gaza io istituirei le canoniche 8 ore lavorative .si timbra alle ore 8,00 e si parte io bombardo tu ti nascondi alle 12,00 pausa pranzo si riprende alle 14,00 fino alle 18,00 quando poi si fara' la conta di chi è rimasto a terra ciao ti saluto

    RispondiElimina
  4. Gli Stati Uniti hanno chiesto di allungare un po' la tregua giornaliera. No, non di smetterla coi bombardamenti, solo di aggiungere qualche oretta alla tregua giornaliera.
    Talmente assurdo che neppure ti vien da piangere, anzi ti vien da ridere. Un riso isterico. Che certo non fa bene.

    RispondiElimina
  5. Si' lo so che sono ripetitiva...
    E' che continuo a pensare alla stessa cosa...
    E mi chiedevo...
    Ma una bella bombetta piena di merda anche su quei cinque imbecilli oliati?

    Fosse per me sarebbero a giocare a bocce ai giardini pubblici.

    Comunque, Lame, che te devo di'... sono cosi' schifata un po' di tutto che non riesco, ogni volta che leggo masochisticamente i tuoi post, a non incazzarmi.

    Sara' che invecchio...

    RispondiElimina
  6. Nel frattempo, il movimento gay italiano ha trovato un altro intelligentissimo argomento: difendere il diritto dei gay a fare sesso nei parchi di notte . Così la mattina dopo i nonni devono stare attenti che i bambini non giochino con i preservativi usati, oltre che con le siringhe!
    A volte penso che i gay italiani abbiano dell'omosessualità un concetto ancora più squallido di quello di Cannavaro.

    RispondiElimina
  7. mica tutti i repubblichini possono avere come premio un posto da ministro eh! una medaglia almeno...

    RispondiElimina
  8. ur_ca14:25

    Lame! (ti chiedo cortesemente di mettere da parte l'acrimonia e di non ignorarmi. So che non lo farai ma ci provo)

    Lame dice: "il PDL vuole istituire l'Ordine del Tricolore"

    Detesto i simboli, amo l'individualismo. Peccato che a riscoprirli e rimetterli in voga siano stati proprio i comunisti come te(ricordi quando riscopriste la "patria" e volevate l'inno cantato dagli atleti in TV: olimpiadi ecc.). D'altra parte è difficile se non impossibile predicare il collettivismo senza simboli unificanti. Talché, caduto il simulacro sognato della bandiera rossa e falce e martello, avete sentito l'impellente necessità di sostituirlo con l'odiato "tricolore fascista".
    Eh sì, cara mia. Mi ripeto (lo fai tanto anche tu) ma i liberali li chiamavate fascisti proprio perché avevano il tricolore come simbolo. Dici che sei troppo giovane per ricordare? Sì, quando ti conviene. Ma qualche vecchietto che abbia vissuto gli anni 60-70 te lo confermerà.

    D'altra parte (malgrado gli sproloqui espressi in tema dall'ossimoro "chiara...confusa") una sinistra senza simboli sarebbe un controsenso, un casanova senza attributi.

    RispondiElimina
  9. Grazie per la citazione, è un onore! La chiusa è meravigliosa. C'è da dire che la stessa riflessione l'ha fatta anche un mio alunno di seconda media: mi guarda e dice: "ma prof, fanno due ore di tregua perché possano comprare il pane? Gli lasciano il tempo per i consigli per gli acquisti!" Un pupetto che promette bene, neh.

    RispondiElimina
  10. Dire cose più a sinistra di Fassino non è poi così difficile...

    RispondiElimina
  11. rossoallosso15:35

    secondo me urca hai un po' di confusione in testa.forse non hai capito che questo appropiarsi del tricolore ha come idea principale un certo revisionismo storico.vogliono legittimare quello che è stato il partito fascista tuttora fuorilegge perche' anticostituzionale visto che le associazioni partigiane oltre alla falce e al martello(NON TUTTE) come bandiera mostrano anche il tricolore(TUTTE)ma non da ora ma dalla fine della guerra che si chiama di LIBERAZIONE.spiegami tu da cosa ci hanno liberati.cordiali saluti

    RispondiElimina
  12. ur_ca18:43

    rossoallosso ha detto...
    "oltre alla falce e al martello come bandiera mostrano anche il tricolore"

    Forse non sei abbastanza vecchio da ricordare i milioni di manifesto-tipo del PCI che ha tappezzato per quasi 50 anni i muri di tutta italia. Te lo descrivo: bandiera rossa per intero con sopra falce e martello, sovrapposta al tricolore che si intravedeva a malapena con un filetto in basso, e la sigla stampata grande P.C.I.

    rossoallosso ha detto...
    “…spiegami tu da cosa ci hanno liberati"

    Sappi cmq che i partigiani rossi, quelli comunisti e socialisti, erano oltre l’80% a fine guerra. Fu ordinato dal PCI di nascondere le armi in vista di una prosecuzione della lotta insieme ai titini slavi per portare l'italia sotto la sfera sovietica (v. fucilazione brigata osoppo).
    Dopo i patti di yalta, allorchè furono firmati i territori d’influenza tra le potenze vincitrici, stalin diede il contrordime a Togliatti (suo fedele segretario nel comintern, fin dagli anni ’30). E tutto rientrò.
    Le armi però non furono mai riconsegnate. Furono rintracciate in parte qua e là per le campagne, e responsabili protetti dal PCI furono fatti fuggire in CSSR.

    Fino a una decina d'anni fa, ti posso garantire che l'italia tramite l'ambasciata di Praga inviava ancora panettoni, dolci natalizi, spumante e perfino soldi, da consegnare alle famiglie dei fuoriusciti criminali.

    Grazie dei saluti che ricambio naturalmente

    RispondiElimina
  13. La settimana

    Ad alta voce
    La sera del 27 dicembre, a poche ore dall'inizio degli attacchi aerei su Gaza, lo scrittore inglese John Berger ha spedito quest'email: "Siamo spettatori dell'ultimo capitolo del conflitto tra Israele e i palestinesi, cominciato sessant'anni fa. Sulla complessità di questo tragico conflitto sono state pronunciate miliardi di parole, in difesa di una parte e dell'altra. Ma oggi, con gli attacchi su Gaza, è diventato chiaro a tutti qual è il calcolo che in modo nascosto è sempre stato presente: la morte di un israeliano giustifica l'uccisione di centinaia di palestinesi. Lo ripetono il governo israeliano e quasi tutti i mezzi d'informazione del mondo. È un'affermazione profondamente razzista, che ha accompagnato e giustificato la più lunga occupazione di un territorio straniero nel ventesimo secolo. Che gli ebrei debbano accettarlo, che il mondo debba consentirlo e che i palestinesi debbano subirlo è uno strano scherzo della storia. Ma non c'è niente da ridere. Possiamo, invece, respingerlo, e ad alta voce. Facciamolo". - Giovanni De Mauro

    Tratto dall'editoriale del n. 777 di 'Internazionale' 9/15 gennaio 2009.

    ... e ciò mi sembra molto esaustivo...
    Saluti
    Luciano Bubbola (scusate il piccolo OT)

    RispondiElimina
  14. John Berger articolidts del manifesto... che vuoi che dica

    RispondiElimina
  15. rossoallosso00:25

    mi dispiace urca ma la tua risposta non mi soddisfa.primo come dici tu il tricolore c'era anche se piccolo proprio perchè P.C.ITALIANO.poi per rimanere nella storia BERLINGUER si dissocio' dal P.C.sovietico in tempi non sospetti molto prima della visita di fini in israele.per quel che riguarda la fine della guerra civile è grazie all'80% che tu nomini.armi o no la guerra è finita armi che anche se imboscate non sono mai state usate.a proposito GLADIO non ti dice niente? e per quel che riguarda i panettoni non ho mai sentito che siano stati usati come bombe.a risentirci ciao

    RispondiElimina
  16. @ Saamaya
    no, per salvare le dita. Maneggiare i joystick dei bombardieri fa venire i crampi.

    @ Lorenzo
    dove l'hai letta questa?

    @ Galatea
    non si chiamerà PierBiscione, quel tuo alunno, spero! ;-)

    @ rossoallosso
    già, GLADIO, STAY BEHIND, P2. Tutti comunisti....

    RispondiElimina
  17. ur_ca14:06

    @ lame
    rossoallosso mi aveva fatto una domanda, questa:
    “…spiegami tu da cosa ci hanno liberati"

    e ho risposto. non si parlava di gladio, P2 ecc. se fosse stato il tema avrei potuto anche essere d'accordo.
    ma visto che continui a ignorarmi, tolgo il disturbo. complimenti ci sei riuscita a togliere di mezzo una voce critica, scomoda. Auguri Lame, anche ai tuoi lettori.

    RispondiElimina
  18. Non temete, ur_ca è come le comete. Prima o poi ritorna. ;-)

    RispondiElimina
  19. ciao a tutti. bel post lameduck, come da quando ti ho scovata in rete :)

    sul match "ur.ca-lameduckiani" vorrei dire solo che io mi ricordo bene di tanti manifesti dc con lo scudocrociato grande grande e il tricolore inesistente...

    > Sappi cmq che i partigiani
    > rossi, quelli comunisti e
    > socialisti, erano oltre l’80%
    > a fine guerra.
    bene.. la resistenza mi pare un buon motivo per ringraziarli, no?

    > Fu ordinato dal PCI di
    > nascondere le armi in vista di
    > una prosecuzione della lotta
    > insieme ai titini slavi per
    > portare l'italia sotto la sfera
    > sovietica
    è vero, se non che i titini massacrarono anche i comunisti che a fine guerra passarono in jugoslavia perché credevano di passare in un paese migliore.
    la rivoluzione, che stava per scoppiare nei giorni dell'attentato a togliatti, fu fermata proprio grazie all'altola' di togliatti e della dirigenza pci. che dimostrò, seppure fossero ancora tempi di appiattimento sulle posizioni russe, di essere un partito con molto più senso dello stato degli altri italiani. che infatt iinfarcirono i 50 anni di dopoguerra di una serie inenarrabile di nefandezze..

    > Le armi però non furono mai
    > riconsegnate. Furono
    > rintracciate in parte qua e là
    > per le campagne, e responsabili
    > protetti dal PCI furono fatti
    > fuggire in CSSR.
    e certo, e i comunisti ancora oggi sono lì lì per portare miseria terrore e morte.. ma mi faccino il piacere, va!

    saluti a tutti

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...