giovedì 15 gennaio 2009

Serial Kippah

"Il popolo di Israele non sarà sicuro finché Hamas governa la Striscia di Gaza. Dobbiamo proseguire la guerra fino alla sua distruzione. Dobbiamo fare esattamente ciò che fecero gli Stati Uniti d’America con il Giappone durante la Seconda guerra mondiale, così non ci sarà bisogno di occupare Gaza”. (Avigdor Lieberman, presidente del partito fondamentalista “Israel Beitena”)

Immaginate un serial killer che scorrazzi in una città uccidendo centinaia di persone, compresi i bambini, distruggendo ogni cosa sul suo cammino e le autorità dicessero: "Poverino, ha sofferto tanto. E poi sono loro che gli rovinano le petunie in giardino, ha diritto di difendersi." Senza che nessuno pensi di fermarne la furia distruttrice ma anzi incoraggiandola.
Sembra un po' la sindrome di Olindo e Rosa su vasta scala ma fate finta che non l'abbia detto. Questo è ciò che sta succedendo in Medio Oriente ma secondo le autorità mondiali tutto ciò è normale: colpire i civili indiscriminatamente, sparare sulla Croce Rossa, sull'ONU, sugli ospedali, sulle navi che cercano di portare gli aiuti. Non sono pazzi loro, siamo noi che siamo antisemiti.

Tutto questo mentre l'Italia guardona sbava, come un sol Pierino dal buco della serratura, dietro alla nuova incarnazione della Saraghina tettona, come se non avesse mai visto finora un paio di chili di silicone sballonzolanti e neanche se l'ipertrofia mammaria fosse un'emergenza nazionale.
Non solo, si seppelliscono con tutti gli onori altri complici di assassini, riempiendo i giornali di tonnellate di falsità maleodoranti e milioni di vecchietti vengono truffati dalla banda delle Povercard vuote, come nemmeno gli imbroglioni di professione all'autogrill con i lettori dvd di cartone pieni di segatura. Paese di merda.
Drogati dal Grande Capezzolo è inevitabile che sulla copertura mediatica di Gaza cominci a calare, più che il piombo fuso degli israeliani, il piombo della stanchezza. Superati i mille morti l'interesse comincia a scemare, proprio quando invece le cose iniziano a farsi interessanti.

Sono in campo armi nuove e terribili, le bombe DIME che spolpano e maciullano selettivamente gli arti, offerte dai mercanti di morte per un test gratuito direttamente sulle gambe palestinesi, notoriamente di scarso valore di mercato. (Qui c'è un link che ne mostra gli effetti ma vi avverto, le immagini non sono adatte a persone impressionabili, guardatele solo se ve la sentite e avete lo stomaco molto forte).
Poi il fosforo bianco che, secondo la solita Erinni portavoce dell'esercito, sempre intervistata dai nostri media come se fosse la bocca della verità, serve solo per illuminazione e per ammazzarti meglio e un simpatico estremista (quello della citazione iniziale) che vorrebbe addirittura le atomiche su Gaza, così da far prima a pareggiare i conti. Ma si, che sono mille morti in fondo, una cagatina di mosca. Passiamo ai milioni, che ci divertiamo. Tanto il 94% approva (alla faccia di B'Tselem, Gush Shalom e degli altri tantissimi israeliani che rimangono umani e che il regime sionista vorrebbe non esistessero.)

Le cose si fanno interessanti, dicevo. Si, pare che al largo di Gaza vi siano importanti giacimenti di gas che in teoria apparterrebbero ai palestinesi e che dietro a questa risorsa energetico-strategica da tempo si combatta una guerra sotterranea tra Egitto, Gran Bretagna, Palestina e Israele per il suo controllo.
Lasciando la favoletta della tregua violata dai cattivi di Hamas ai bambini piccoli, sempre più fonti fanno risalire la decisione israeliana di attaccare Gaza allo scorso mese di giugno, visto che queste non sono scampagnate che si improvvisano, mentre i giornali americani, meno appecoronati dei nostri, parlano del rifiuto di Bush di avallare un attacco israeliano all'Iran, rifiuto che avrebbe scontentato parecchio Olmert e soci. Olmert, già. L'inquisito dei cui imbrogli nessuno parla più.

L'esercito dei volonterosi reggitori di sacco dei massacratori con l'alibi del missile nel giardinetto intanto in Italia si allarga ogni giorno di più, comprendendo ormai tutti i vecchi cascami della cosiddetta sinistra democratica. L'ossuto Fassino, il cicciobello ripetutamente trombato ed anche il presunto leader del PD che stavolta ha lasciato il maanche a casa e si schiera anche lui, da bravo sottomesso, con il pensiero unico dominante.
Tutti ormai soggiogati e con la loro bella molla da tirare dietro la schiena per ripetere con voce metallica: "Israele ha ragione, la colpa è di Hamas che ha infranto la tregua" e la testolina che fa si si.

A questa gente, dei più di trecento bambini morti, per non parlare degli altri settecento adulti bombardati e delle migliaia di feriti senza medicine, insomma di questa immane e vergognosa ingiustizia, non gliene frega un cazzo.
L'unico che resiste sul palcoscenico della sceneggiata chiamata " 'O pposizzione ", nella classica parte del malamente, nonostante i fischi di una platea sempre più appiattita sulle posizioni governative di politica estera e quindi indistinguibile dalla maggioranza, è D'Alema. Uno solo contro tutti. Rilevanza zero, direbbe qualcuno. Tracce, se fosse albumina nelle urine.

Eppure, nonostante i media unificati che nascondono i bambini morti e taroccano le cifre, e le foto, le maggioranze e le opposizioni che cantano all'unisono l'inno israeliano, senza nemmeno un piccolo Travaglio di coscienza, talmente forte che le uniche due o tre stecche fuori dal coro manco si sentono, c'è chi non è ancora soddisfatta:

"In questi giorni le nostre piazze sono servite a maledire l’unica democrazia del Mediorente, un Paese da cui neppure in questi giorni è uscita una sola parola d’odio*, che ha attaccato solo quando Hamas ha rifiutato la tregua e sparato 100 missili in una notte dopo sette anni di incredibile pazienza". (Fiamma Nirenstein)


*A parte magari quelle del bombarolo atomico Lieberman, ex ministro degli Affari Strategici.

***
Mi fanno giustamente notare che il titolo fa accapponare la pelle. Il titolo, non l'immagine o le parole di Lieberman che invocano l'uso dell'arma atomica per compiere, penso, uno sterminio.

OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

52 commenti:

  1. Sergio00:27

    Hai un bel blog, peccato che in questi ultimi giorni il livello stia traballando. Molte cose che scrivi nel post sono totalmente condivisibili, ma il titolo "Serial Kippah" fa accapponare la pelle...

    RispondiElimina
  2. Panty01:28

    Mai diar leimdach,da qualche giorno stai lanciando mattoni con molta forza e sono ancora tutti per aria.
    Se cadranno in acqua,faranno tanto rumore e tante onde che si smorzeranno presto.
    Se cadranno sulla terra faranno meno rumore saranno meno scenografici ma,forse potranno servire,impilandoli con cura,a costruire qualcosa.
    Uic is ior target.

    RispondiElimina
  3. Continua a lanciar mattoni Lame. Non ti stancare. Fregatene delle critiche. A 'sta gente di assistere ad un massacro non importa una cippa.
    Tanto (loro) vivono bene lo stesso, con il loro I-phone a farsi le pippe su youporn.
    Basta non parlar male della loro squadra del cuore e vanno a letto contenti.
    Segnalo un bel post di fikasicula:

    http://femminismo-a-sud.noblogs.org/post/2009/01/16/maschi-adulti-e-bambini

    RispondiElimina
  4. @ Sergio
    certo che fa accapponare la pelle. Volutamente. Come quello che sta accadendo a Gaza. E come quel ragazzo ieri sera da Santoro che ha detto: "dispiace per i bambini che sono "MANCATI". Mancati, capisci, non morti ammazzati. La pelle si accappona un po' a tutti in questi giorni, da tutte le parti.

    RispondiElimina
  5. Veramente il Travaglio che citi si è distinto per la sua solidarietà ad Israele.
    Perché lui è un uomo che argomenta in punta di diritto

    RispondiElimina
  6. Anch'io sono rimasto deluso da un titolo brutto. Incisivo senza dubbio, ma brutto. Identificare la strage perpetrata da un governo di uno Stato con un indumento religioso lo trovo scorretto. E' come se dopo l'11 settembre si fosse titolato "Ecco la morte con la sua falce a forma di mezzaluna" o "Stragislam" (notando che in quell'occasione si trattava davvero di un attacco a sfondo religioso; certamente di una religione deviata e non di tutto l'Islam!).

    Ah, qualcuno ha fatto titoli simili? D'accordo, ma "noi" non siamo come loro, no?

    RispondiElimina
  7. Lo ribadisco, nel post si parla di cose orribili (e guardatele le gambe amputate dalle armi DIME, anche se poi dopo vomitate), di uno che vuole gettare le atomiche su Gaza, ci sono dei bambini morti avvolti nel sudario ma NIENTE. Lo scandalo è il titolo.
    Come volevasi dimostrare. L'esperimento è pienamente riuscito.

    Ah, se uno parla di bambini che sono "mancati" invece che morti ammazzati, con la kippah in testa non offende anche lui un po' lo spirito religioso?

    Senza polemica e con affetto.

    RispondiElimina
  8. @ Mario
    Nel post me la prendo anche con Travaglio, non s'è capito? ;-)

    RispondiElimina
  9. Non sono d'accordo con alcuni commenti. Che non sia corretto identificare il sionismo con tutti gli israeliani posso essere concordare, anzi e' giusto. Ma che la religione non giochi un ruolo fondamentale nelle stragi di questi ultimi decenni, e' quanto meno ingenuo.
    Non resto scandalizzata dal titolo del post di Lame, come non lo sarei da "stragislam" e come non lo sarei stata se, ai tempi del massacro di Sabra e Shatila ad opera dei cristiano-maroniti con la complicita' degli israeliani oppure di quello di Srebrenica ad opera dei serbo-bosniaci, si fosse identificato nel simbolo della croce un simbolo di morte. Come in effetti e' stato per le vittime di quei massacri.

    RispondiElimina
  10. caposkaw11:00

    guarda guarda...
    non riesci proprio a non odiare i maledetti giudei, eh?
    ma tenere proprio per questi, obbettivamente mi sembra una schifezza...
    http://www.liveleak.com/view?i=116_1231063776
    ambulanze o trasportatruppe?
    http://www.youtube.com/watch?v=TejVJWSTTpY
    scudi umani recalcitranti.
    comunque, tanto per specificicare le DIME sono delle bombe che fanno meno morti di quelle altre, appunto perchè sono progettate per questo...http://www.globalsecurity.org/military/systems/munitions/dime.htm
    ovviamente so che non le guarderai o leggerai...
    uno perchè l'inglese non lo capisci, secondo perchè non ti hanno ordinato di ragionare.

    RispondiElimina
  11. comunque, tanto per specificicare le DIME sono delle bombe che fanno meno morti di quelle altre, appunto perchè sono progettate per questo.

    Perche' non le provate, tu e famiglia, e ci fate una bella recensione?

    RispondiElimina
  12. Il mondo è talmente pieno di merda che ne tracima parecchia anche qui, bah...
    Lame, sei una forza.
    Comunque mi sarei scandalizzato anch'io se qualcuno avesse titolato "stragislam" per il 9/11: non sappiamo come è andata ma dare ancora la colpa agli islamici...

    RispondiElimina
  13. caposkaw11:23

    ohhh, non credo che gli islamici con noi useranno queste bombe, mia cara.
    loro sono per le cose un po' più strong, tipo cuscinetti a sfera intinti nel topicida, che è un anticoagulante...
    ricordatelo, quando beccherai una scheggia di una bombetta islamica nel sedere, continuerai a sanguinare...e non smetterai.

    RispondiElimina
  14. caposkaw11:24

    giustamente, arrapatevi un pochino con questo:
    http://www.youtube.com/watch?v=ggKOjY_daiM&feature=related
    quelli che scappano sono israeliani...

    RispondiElimina
  15. Ciao Lame, sai che anche io ritengo inaccettabile il comportamento di Israele, lo hai anche letto in un mio articolo, però non dobbiamo esagerare. Gaza non rovina le petunie ai cittadini di Israele, ma lancia missili, fa esplodere autobus,e centri commerciali.
    D'accordo sulla reazione esagerata, un po meno nel dirigere tutte le colpe ad Israele..

    Ciao

    RispondiElimina
  16. caposkaw11:34

    mah, vorrei vedere la tua "reazione esagerata" se qualcuno cercasse di fare a pezzi la tua fidanzata, o moglie...
    severa sgridata e schiaffetto simbolico?

    RispondiElimina
  17. @ Lameduck:
    Non ti leggo da oggi, e penso che tu lo sappia.
    Condivido un'enormità delle cose che hai scritto da quando ti leggo, e penso che tu sappia anche questo.
    Proprio per questa condivisione di molte idee, mi sembra superfluo che ti dica: provo orrore per la strage criminale che il governo israeliano sta facendo a Gaza; provo angoscia di fronte alle immagini dei corpi straziati; provo disgusto ad ascoltare i tiggì italici con tutti i giornalisti sull'attenti come soldatini.
    Detto questo (che davo per scontato), abbiamo fatto passi avanti? O ci siamo ripetuti concetti condivisi, aggiungendo parole, non idee o azioni?
    Mi sembra più costruttivo invece discutere di quello che condiviso non è, nella speranza che in futuro diventi condiviso (mi sembra questa la strada vera e sincera per la pace, nel piccolo e nel grande).
    E per questo ho criticato il titolo. Se vorrai capirmi, vedrai che è stata una forma di rispetto e di volontà costruttiva, non la negazione di una tragedia.

    E come forza di rispetto e con la volontà di poter costruire idee insieme (che si trasformino in azioni nelle nostre rispettive vite), ti dico che quel "Killer Kippah" mi sembra un titolo davvero brutto (come un "Roulotte russa" a commento del fatto che nei pressi dei campi rom si registrano più crimini).
    Il che non significa non condividere dei contenuti, come se critico il titolo "Algerino ubriaco investe bambina" non significa che me ne frego della bambina investita...

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. @ caposkaw
    ecco che, come si dice dalle mie parti, "hai beccato subito". Come mettere il miele accanto ad un formicaio.
    Si parla di vittime di guerra, di massacri e tu tiri fuori l'armamentario scontato dell'antisemitismo. Bravo, complimenti per l'originalità.
    Riguardo all'inglese, mi dispiace per te ma lo capisco fin troppo bene.

    RispondiElimina
  20. caposkaw12:00

    che c'è, kiara?
    l'idea della sfera d'acciao nel sedere ti infastidisce?
    io starei seguendo il più forte?
    mi sembra proprio il contrario, dato che qua voi biribinbi state proprio con quelli alla moda, cioè le hamasbestie...
    e il fatto che hamas non piaccia a nessuno non vi dice niente...
    vabbè, antisemiti si nasce, non si diventa!

    RispondiElimina
  21. caposkaw12:01

    lo sai leggere? davvero?!
    e hai letto il link?
    no?
    e perchè?

    RispondiElimina
  22. caposkaw12:04

    E tanto per farmi due ghignate, chi ha visto l'ultima bestialità di santoro?
    lo avete considerato giornalismo corretto?

    RispondiElimina
  23. Ma di che ti stupisci, caposkaw? Questi sono esemplari di una "obiettività" che considera i morti solo se hanno la carta d'identità palestinese, e che fiatano solo se a sparare sono gli israeliani. Nonché esponenti di un "logica" che gli fa parlare di "genocidio", di "soluzione finale" e di "pulizia etnica" a proposito di una guerra che in 20 giorni ha fatto l'astronomica cifra di 900 morti, la maggior parte dei quali miliziani armati fino ai denti - chissà che avrebbero detto di fronte al Rwanda, se all'epoca gliene fosse fregato qualcosa (ma ovviamente no, lì mica c'erano ebrei o americani di mezzo)?

    RispondiElimina
  24. lo avete considerato giornalismo corretto?

    Personalmente si'. E l'ho anche ammirato quando si e' incazzato contro gli europarlamentari.

    PS:
    Sedere? cosa e' il sedere? Di' pure "buco del culo", quello che tu spesso usi per parlare.

    RispondiElimina
  25. la maggior parte dei quali miliziani armati fino ai denti

    Li hai controllati personalmente tu, leoncino da tastiera?

    RispondiElimina
  26. io starei seguendo il più forte?
    mi sembra proprio il contrario, dato che qua voi biribinbi state proprio con quelli alla moda


    Vuoi scommettere che indovino per quale squadra tieni e per chi voti?

    Siete tutti cosi scontati. Sembrate fatti con lo stampino.

    Come i cicisbei leccaculi del '700

    RispondiElimina
  27. Anonimo13:27

    Ci sono altre voci fuori dal coro, alle quali si guardano bene dal dare risalto, perlo di Giulietto Chiesa, di Daniele Luttazzi e altri.
    Lo ribadisco da tempo si è perso il lume della ragione. O meglio ha prevelso in tutti l'idea americana della giustizia fai da te. Ognuno è legittimato a sparare.
    La stampa e la tv fammo vomitare e francamente mi fanno incazzare e, se cresce a me, chissà ai palestinesi l'odio. Si perchè stanno facendo l'impossibile per alimentare l'odio. Dopo la pietà, il voltastomaco e il senso di inutilità ed ingiustizia non ti resta che la rabbia cieca.
    Gli assassini sono a Tel Aviv, a Washington dc, Parigi, Londra ,Roma e le vittime ben in salvo a Damasco. Chi ci lascia la pelle, coloro che non hanno nè colpe ne responsabilità, sono a Gaza.
    Come europeo mi sento una merda, come italiano due merde.
    Noi, con il nostro piccolo piccolo impegno, facciamo la nostra intifada. C'è una amara quanto bella vignetta di Staino che dice.
    "papà perchè gli israeliani usano le bombe con poco fosforo bianco?"
    " Perchè se fosse tanto sarebbe intelligente e tornerebbe indietro"

    L'esercito israeliano afferma che grazie alla tecnologia ed all'intelligence sono in grado di controllare il territorio al cm.
    E allora il palazzo UN gli ospedali le moschee? E' un atto di autoaccusa.
    Primlug

    RispondiElimina
  28. @ Luca S.
    Certo novecento morti sono niente. Hai mai visto un morto da vicino? L'hai mai toccato, sollevato? Te lo consiglio, così capirai cosa vuol dire metterne in file 900.

    RispondiElimina
  29. Anzi, che dico, sono 1100, altro che novecento.

    RispondiElimina
  30. Bello, "leoncino da tastiera": che battutona, eh?
    Tu invece che sei tanto coraggiosa, di sicuro sarai lì a Gaza a dar man forte agli eroi di Hamas, invece di farti le seghe al computer, eh Klara?
    Chissà perché, su tutti i blog "di sinistra" dite sempre e solo le stesse cose, poi quello fatto con lo stampino sarei io...

    Lame, 900 sono molti, chi lo nega?
    Ma NON sono né genocidio, né pulizia etnica, né soluzione finale; sono solo una guerra, sicuramente sbagliata, di cui portano pari responsabilità (se non ti spiace, e anche se ti spiace) sia Israele sia Hamas.
    E ribadisco che qua dentro c'è qualcuno che si indigna (sempre e solo dietro alla tastiera, ovviamente) solo se e quando a sparare sono gli israeliani (o gli altri kattivoni, gli amerikani).

    RispondiElimina
  31. Chissà perché, su tutti i blog "di sinistra" dite sempre e solo le stesse cose, poi quello fatto con lo stampino sarei io...

    Perche' TU SEI fatto con lo stampino. Infatti hai pure toppato sulla mia appartenenza politica ma gia' denoti che non mi ero sbagliata sulla tua matrice: come ogni leccaculo che si rispetti ripeti a pappagallo le tesi del tuo padrone: chi non concorda con il pensiero unico del capo e' comunista.

    Oltretutto le vostre argomentazioni sono cosi' scialbe che giusto al bar dello sport all'angolo sotto casa vostra potete discuterne. Con i bulli vostri pari.

    Insomma per farti capire quanto sei imbecille (perche' mi sa che da solo non ci arrivi), e' che Lame ha fatto un post parlando di cose orrende. Da qualsiasi parte provengano, destra, sinistra, centro, ebrei, musulmani, buddisti e stronzi come te, sarebbero sempre e comunque cose orribili.

    Il punto focale che dovrebbe unirci tutti e' l'orrore per la guerra, per i morti, per le bombe che spappolano e lasciano la gente tagliata a meta'.

    Invece pare che qui l'unica cosa che facccia scandalo sia il titolo del post e non le parole di uno psicopatico che parla di atomizzare Gaza (persona con la quale probabilmente ti trovi d'accordo e questo ti denota, giustamente, come stronzo).

    Voi che venite nei blog dove le persone esprimono il loro orrore per una cosa orribile come la guerra, a ribadire le ragioni dei massacratori siete molto piu' che stronzi. Siete malati e dovreste curarvi.

    PS: guarda ciccio che e' molto piu' probabile che le seghe al computer te la faccia tu. Ne ho incontrati alcuni di leoncini da tastiera tipo te, ed avevano tutti quanti i calli per il troppo lavoro manuale.

    RispondiElimina
  32. Luca S.14:20

    A Klara, a me se tu sei di dx sin centro o altro non me ne può fregare di meno. Questo è un blog "di sinistra" (virgolette: la sinistra vera è un'altra cosa) e sui blog e giornali "di sinistra" si dicono sempre e solo le stesse cose, cioè: i morti sono orrendi tutti quanti - però si protesta e ci si indigna solo se muoiono i palestinesi (ruandesi chissene, darfur chissene, e last but not least israeliani chissene). Dal che si deduce che l'"obiettività", l'amore per la pace e la giustizia, sta obiettivamente altrove.
    Dici anche tu le stesse cose, e quindi sai com'è, per me sei TU che sei fatta con lo stampino.
    Quanto alle seghe, da quel che scrivi e come ne parli vedo che sei un'esperta. Ma a Gaza, a quanto pare, non ci stai. Organizzo una colletta per pagarti il viaggio? O sei anche tu una leoncina da tastiera?

    RispondiElimina
  33. "Sono solo una guerra"
    E che sarà....
    Passatemi il ketchup !

    RispondiElimina
  34. Una guerra mica è un massacro
    :-))
    Anche perchè per ogni bomba, vi gettiamo un guanto in omaggio...

    RispondiElimina
  35. però si protesta e ci si indigna solo se muoiono i palestinesi (ruandesi chissene, darfur chissene, e last but not least israeliani chissene)

    Cio' non e' vero. Potrei citarti decine di esempi. Adesso si discute della Palestina, ma personalmente mi fanno schifo tutte le guerre.
    E ancor di piu' mi fanno schifo i topi di fogna fetenti che le giustificano.

    Tutti bravi vi sentite. Basta che vi diano una tastiera e "spaccate il mondo". Solo che la vostra pochezza emerge e siete gli unici a non accorgervene. Fa parte del vostro DNA, e' scietifico. Siete i classici maschi italici che hanno vissuto le esperienze grazie al grande fratello ed ai reality show.
    Per voi gli orrori non esistono perche' tutto per voi e' virtuale.
    Solo le stronzate che vi racconta il vostro capetto con i capelli pennarellati e tutti i suoi leccaculi giornalisti prezzolati e' vero e reale.

    Mi chiedo quanti anni tu abbia. Da come ragioni dovresti essere un fringuello che si crede un'aquila.

    Un rambetto malato di protagonismo, che va in giro per i blog al solo scopo di spargerci merda.

    Ma se non sei d'accordo con l'autrice, basta un commento. Lo dici e stop. A che servono decine di commenti polemici?
    Lo comprendi perche' sei ridicolo e perche' dimostri di essere solo uno sbruffoncello?


    PS: per quanto riguarda le seghe, ripeto, e' piu' facile che te le faccia tu. E' statistico.

    PPS: dato che a differenza di te, che ti fai campare da mammina mentre ti masturbi, c'e' anche chi deve lavorare, ti lascio a tuoi deliri. D'ora in poi quando vedro' il tuo nick evitero' di leggerti. Tanto i tuoi discorsi, come quelli di caposkaw, ormai sono come un disco incantato. Noiosi ed inconcludenti.

    Adieu.

    RispondiElimina
  36. Luca S.14:57

    Cara Klara, non sai che ti perdi a non leggere i miei commenti... Ad es., così succede che credi che io giustifichi la guerra a Gaza, mentre non la giustifico affatto (gli israeliani stanno sbagliando tragicamente, cascano nella trappolona tesagli da Hamas, e stanno rendendo un gran servizio agli estremisti).
    Ce l'ho solo con quelli che (i) si indignano a comando, e (ii) usano le parole a vanvera. La povera Lame rientra abbondantemente in entrambe le categorie. Se tu non rientri nella (i), me ne compiaccio: e come vedi, ti credo sulla parola.
    Resta il fatto che indignarsi non serve a molto. E che con gli insulti, mi pare, non sono io quello che ha cominciato.

    RispondiElimina
  37. Gush Shalom15:14

    Ahi, ahi, ahi, la sindrome dell'Annunziata. Vede i bimbi morti, si turba ma non dovrebbe perchè sono piccoli wannabe terrorists, quindi piccole bestiole senza importanza. Allora si incazza con Santoro perchè le ha provocato turbamento e se ne va, così non si turba più.
    Questi sono i turbodemocratici.

    Vedo che anche nel tuo blog le Annunziate, con i paletti o senza, si turbano e si incazzano. Ma tu continua così, che gli intellettuali ebrei scrivono anche di peggio su Israele. Quelli che sono rimasti umani, è ovvio.

    RispondiElimina
  38. Francesca15:52

    Condivido riga x riga con Primlug.
    Mi vergogno.
    Come si fa' a farsi accapponare la pelle da un titolo??
    Siete davveri ridicoli.
    Qualsiasi cosa pur di non pensare.
    A me fanno accapponare la pelle le notizie e le immagini e il fatto che usa, europa, onu e tutti stiano zitti a guardare ciò che succede.

    Forse non è chiaro che a questo punto non serve una mazza a cercare di dare la colpa a l'uno o l'altro.
    E' l'ora della diplomazia e degli accordi di pace.

    RispondiElimina
  39. caposkaw16:10

    1.5 milioni di palestinesi a gaza.
    900 morti.
    una percentuale di nemmeno lo 0.1 %
    questa sarà magari una guerra,ma non è di certo un genocidio.
    ma diciamo la verità:
    gli israeliani vi piacciono solo da morti.
    considerando che gli hamas hanno lanciato circa 200 qassan al mese dal gennaio 2008, ci si sorprende che abbiano reagito solo adesso...

    RispondiElimina
  40. caposkaw16:19

    scusa, kiara, capisco che per te è difficile capire, ma il mio era un augurio ottimista...
    un cuscinetto a sfera, dotato della opportuna energia cinetica, è in grado di perforare ogni parte del corpo...
    quindi, quando gli islamici decideranno di imporre le loro leggi da queste parti, acceleranno il processo con qualche bomba, e tu ti beccherai qualche scheggia, non ti sarà servito a niente fare la figa modaiola pro hamas...
    ti dissanguerai come chiunque.
    e ci sarà da ridere.

    RispondiElimina
  41. Gush Shalom16:37

    x caposkaw
    200 missili in un anno e solo 4 morti? Quanti israeliani sono morti sulle strade in incidenti stradali? Credo 4000, se non ricordo male le cifre fornite da Uri Avnery.
    I palestinesi morti sono 1100 in una decina di giorni. Le tue statistiche sono indifendibili e patetiche. Come i "sondagi" di Berlusconi.

    RispondiElimina
  42. Luca S.18:22

    "200 missili in un anno e solo 4 morti? Quanti israeliani sono morti sulle strade in incidenti stradali? Credo 4000, se non ricordo male le cifre fornite da Uri Avnery."

    Parole sante. In effetti, il totale dei morti del conflitto israelo-palestinese (=israeliani più palestinesi) dal 1948 ad oggi equivale suppergiù al totale dei morti in incidenti stradali in Italia (o in Israele, visti i numeri di Avnery) nello stesso periodo. Il che però non impedisce a qualche
    farfallone di parlare di genocidio dei palestinesi. Buffo, no?

    Ricordati più spesso di usare le statistiche, Gush, e soprattutto usale con le persone giuste.

    RispondiElimina
  43. [non c'entra nulla con il contenuto del post, ma passa sul mio blog che c'è un premio che ti aspetta]

    RispondiElimina
  44. Gush Shalom18:59

    x Luca S.

    Hai contato anche i massacri tipo Deir Yassin, vero?

    RispondiElimina
  45. @ NoirPink

    Ti ringrazio molto per la stima e anche per la critica costruttiva.
    Il titolo è volutamente provocatorio e le reazioni mi confermano un sospetto che avevo. Si predilige il messaggio semplice, diretto e ad effetto piuttosto che quello argomentato.
    Il titolo è disturbante, lo ammetto, però andava usato per dimostrare la mia tesi. Pensaci: nel post ho messo la foto di bimbi morti, ho parlato di armi micidiali e dei loro effetti, ho citato uno stronzo che vuole atomizzare Gaza, ho nominato LE TETTE!!!!!
    Niente, panico generale e orrore solo perchè ho usato la parola kippah invano. Tutto il resto non è stato notato, è stato negletto.
    Questa, secondo me, si chiama PAURA, paura di fronte al tabu, al non dover citare certe persone e certe cose.
    Però bisogna farlo, altrimenti non riusciamo a restare umani, come dice Vittorio Arrigoni.

    RispondiElimina
  46. ... "Restare SEMPRE umani"... anche davanti all'orrore di certe foto e alle sciocchezze di troppi uomini...
    Luciano Bubbola

    RispondiElimina
  47. Luca S.20:43

    "Hai contato anche i massacri tipo Deir Yassin, vero?"

    Certo: fra i palestinesi. E ho contato pure i massacri tipo Kefar Etzion (120 persone, tra cui 21 donne) fra gli israeliani.
    E ci ho contato anche gli oltre mille civili israeliani (di cui 200 bambini) ammazzati tra il 2000 e il 2006 con attentati vari.
    Invece non ho contato, tra i morti palestinesi, robe tipo Settembre Nero o i massacri di Hamas del 2007, che da soli valgono molti anni di guerra con Israele, perché tra fratelli arabi evidentemente ci si sa ammazzare molto meglio.

    RispondiElimina
  48. "Restare SEMPRE umani"... anche davanti all'orrore di certe foto e alle sciocchezze di troppi uomini...

    [e dopo l'ultimo intervento di Luca S.] ... e agli stupidi conteggi dei morti (non si tratta di 'figurine', né di invidiabili primati ...)

    Luciano Bubbola

    RispondiElimina
  49. quindi, quando gli islamici decideranno di imporre le loro leggi da queste parti, acceleranno il processo con qualche bomba, e tu ti beccherai qualche scheggia, non ti sarà servito a niente fare la figa modaiola pro hamas...
    ti dissanguerai come chiunque.
    e ci sarà da ridere.


    Azzz....

    Vuoi dire che dovrei avallare lo sterminio di 100-200-300 bambini per un semplice processo alle intenzioni?

    Per una paranoia che dovrei portarmi dentro? Per essere uguale a VOI?

    Su una prospettiva della quale non esiste nessuna prova certa che possa verificarsi, che scommetto faccio prima a morire di cancro ai polmoni per le schifezze immesse nell'atmosfera? ?

    Secondo me, ripeto, siete dei malati d'ipocondria...

    Ipocondria esistenziale oltreche' d'inettitudine morale.

    PS: Secondo me tu, come persona, non capisci una sega. Se avessi minimamente letto cio' che ho scritto sapresti che sono contro Hamas forse anche piu' di te. Ma tu non leggi. Tu solo digiti convulsamente. Come le persone che parlano senza ascoltare.

    RispondiElimina
  50. caposkaw09:26

    ma no, mi abbassavo solo al tuo livello.
    tu sei la classica cretina che non si farebbe operare di tumore perchè ha paura degli aghi...

    RispondiElimina
  51. caposkaw09:31

    allora ricapitoliamo:
    si resta umani solo di fronte ai morti palestini.
    i morti israeliani non contano un cazzo, tanto, ne muoiono di più in incidenti stradali, e poi alla fine, gli israeliani muoiono per fare dispetto..
    cazzo che ragionamenti...
    proprio da guardia del gulag...

    a proposito fatevi un sacco di risate con questo:
    http://katyushas.com/kat_we_remember.html http://katyushas.com/kas_we_remember.html
    se non piangere per i morti ebrei, magari una lacrimuccia per i morti arabi israeliani e cinesi, riuscite a farla.

    RispondiElimina
  52. "Parole sante. In effetti, il totale dei morti del conflitto israelo-palestinese (=israeliani più palestinesi) dal 1948 ad oggi equivale suppergiù al totale dei morti in incidenti stradali in Italia (o in Israele, visti i numeri di Avnery) nello stesso periodo. Il che però non impedisce a qualche
    farfallone di parlare di genocidio dei palestinesi. Buffo, no?"

    Ah, bene, allora si può continuare un altro poco.
    Mica possiamo farci prendere in giro dagli automobilisti...

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...