martedì 21 luglio 2009

The friend of the jaguar

Un'opposizione sempre più da voltastomaco. Inetta, latitante e connivente con il regime e per questo ben più odiosa della maggioranza che ha il disonore di governarci. Una schiera di reggisacco che hanno tutti paura di irritare il padrone del vapore. Stanno lì con la lingua fuori e facendo "arf, arf" in attesa che il padrone gli lanci benevolo un osso e quando lo hanno ottenuto gli scodinzolano attorno senza ritegno. Senza timore, alzando la coda, di mostrare il buco del culo.

Gli lasciano fare tutto, al padrone. Occupare i media fino all'inverosimile, con dei TG che fanno sembrare democratici quelli sovietici nell'era di Breznev. Dati in mano alle favorite ed ai cocchieri, con l'obbligo di tacere, censurare e rendere inesistenti le porcate, i lesboshow, le leccate di passera e l'adulterio aggravato e continuato di chi parla di "valori famigliari".
Se siamo informati dai minzolini è colpa di questa opposizione di merda che aspira solo ad infilarsi anche lei nel lettone.
Non hanno mai nulla da dire di veramente serio anche se il segretario ogni tanto abbaia un po', si spettina il ciuffo e mostra le gengive sdentate.

Chi tra di loro dovrebbe solo tacere per come ha ridotto il maggiore partito di opposizione e dedicarsi alle parole crociate invece di fare politica non trova di meglio che farsi venire le nostalgie e mettere a confronto due leader del passato: Craxi e Berlinguer. Un pregiudicato ed un uomo onesto. Veltroni chi sceglie? Craxi.
Come quelle donne che si innamorano sempre dei mascalzoni, che vuoi farci, gli fanno sesso.

Mentre rivalutano con la lacrimuccia sul viso il Dottor Frankencraxi che inventò il mostro Berlusconi (ma annatevene affanculo!), nel rapporto con la creatura mettono in pratica il detto cinese: "Se proprio non puoi evitare di essere violentata sdraiati e cerca almeno di trarne piacere."

L'altro giorno alla commemorazione della strage di mafia nella quale morì Paolo Borsellino, a Palermo, non c'era un cane, della autorità, se non i comprimari che di solito si mandano a presenziare gli eventi di serie B. Una vergogna che è anche segno di coda di paglia. Una caporetto di fronte alla strafottenza della mafia senza nemmeno una parola di scusa o la scusa della paura.

E che dire del presidente della repubblica? Così inglese che non si scompone mai. Un inglese napolitano. E' contento di firmare ma gli dispiace. Gli dispiace di firmare ma è contento. Berlusconi ringrazia e di fatto non ci sono problemi con il Quirinale. Sorrisi, moine e giri di minuetto. Siamo proprio in una botte di ferro, with the friend of the jaguar.

Come rimpiango Pertini e le sue sfuriate ma soprattutto il suo essere veramente coerente con la sua provenienza politica. La cosa è paradossale ma rimpiango perfino un democristiano pudibondo e bacchettone come Scalfaro che, quando ce ne fu bisogno, di fronte alla strafottenza della creatura avida di potere, il "non - ci - sto" bello scandito e fiero, ebbe il coraggio di dirlo.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

24 commenti:

  1. Guarda che poi Napolitan si offende, ti sculaccia e ti dà dell'ignorante: non conosci la Costituzione, Lame. E non dirmi che l'hai letta e riletta e che ne conosci a menadito i princìpi fondamentali: occorre leggerla tra le righe, e tra le righe (prendendo la prima lettera di ogni capoverso e aggiungendola alla successiva, saltando però le parole formate da un numero dispari di caratteri e guardando il tutto allo specchio tenendone il riflesso inclinato di 45 gradi su di un pacchetto di Marlboro) vedrai che la nostra Carta dichiara l'ineguaglianza degli uomini (e la facoltà, per il Capo dello Stato, di firmare ciò che reputa incostituzionale).

    RispondiElimina
  2. Panty22:17

    DIALOGO,si chiama DIALOGO.

    Maanche OPPOSIZIONE COSTRUTTIVA.

    RispondiElimina
  3. si arriva a rimpiangere:andreotti,scelba,fanfani,leone...cossiga....
    che caduta in una cloaca senza fondo!

    RispondiElimina
  4. Adetrax00:04

    Il nostro presidente della Repubblica non ha incarichi esecutivi ma solo rappresentativi.

    Al massimo, a sua discrezione, può rifiutare una volta sola di firmare una legge allegando le motivazioni affinchè possa essere ridiscussa ma non necessariamente corretta.

    A una certa età bisogna essere un po' filosofi che tanto non si cambia più il mondo e arrabbiarsi fa male alla salute; ma poi perchè arrabbiarsi quando non c'è motivo e tutto va ottimamente come da piani prestabiliti ?

    Insomma, quando si appartiene a un club molto esclusivo, poi bisogna fare gioco di squadra e soprattutto rispettare le gerarchie.

    Per chiarire i concetti base (che ormai i giochi sono fatti) ci ha pensato da tempo perfino Licio che è sempre preoccupato che qualcuno non capisca le cose.

    Per chi si fosse perso le puntate di "venerabile Italia", ci sono sempre le lezioni di recupero su youtube, basta cercare:

    klauscondicio gelli

    C'è una risposta ad ogni possibile domanda: passata, presente, futura in formato "Bignami".

    Qui si supera il concetto di gerontocrazia, della serie "sotto i 65 anni si è minorenni e non si può governare".

    P.S.
    Forse Walter sta facendo gli esami di riparazione a settembre.

    RispondiElimina
  5. Ogni tanto capita qualcuno che non si fa comprare, che è semplicemente coerente, e sembra un extraterrestre; gli altri hanno un prezzo. Il vecchio cancro del nostro paese, il centrismo, l’immobilità, il barcamenarsi senza sbilanciarsi mai, ha ripreso il sopravvento; la dc si è travestita da destra e da sinistra contemporaneamente per rioccupare le antiche posizioni da cui tutto si controlla senza colpo ferire. Il concetto stesso di opposizione si è liquefatto. Del resto fa parte del dna di questo paese. Questo non vuol dire che bisogna rassegnarsi: la speranza di un cambiamento è il sale di questa esistenza, e forse un giorno ce lo faranno intravedere, il cambiamento, magari taroccato e illusorio, tanto per tenere buoni quelli come noi; ai più questo può bastare. Quello che mi rattrista è vedere che questa politica è lo specchio esatto del livello del paese, e che i politici sono esattamente uguali al popolo che rappresentano. In effetti lo sapevamo che prendere la pillola rossa avrebbe comportato qualche problema esistenziale. Talvolta mi chiedo se anche io e quelli che la pensano come me abbiamo un prezzo, oppure siamo degli extraterrestri. Sono contento di non doverlo verificare. Intanto ci accontentiamo di qualche barlume. Per esempio De Magistris è stato nominato presidente della commissione Controllo Bilancio al Parlamento Europeo; è una buona notizia che sia stato messo a fare quello per cui è stato defenestrato nella sua procura; chissà…

    RispondiElimina
  6. l'uomo della foto(e cio' che rappresenta)dov'e' finito?si e' suicidato,si e' buttato da una impalcatura finendo dritto dritto in quella betoniera che e' la politica in italia ora.io,a nome di quest'uomo,chiedo scusa ai miei genitori(e ai tanti come loro)che hanno creduto in questa foto.che per gli ideali che essa rappresenta si sono sacrificati,hanno lottato,scioperato,manifestato,portando con orgoglio vessilli che rappresentavano uguaglianza sociale,diritti civili,riscatto per i lavoratori che per poche lire hanno "fatto"questo paese.e chiedo scusa per me stesso di non essere capace di fare altrettanto,questa mia inettitudine mi fa vergognare al loro cospetto anche se so che loro mi capiberebbero e mi perdonerebbero.vorrei che i miei fossero vivi per metterli a confronto con l'uomo della foto oggi,son sicuro che sarebbe primo lui ad abbassare lo sguardo

    RispondiElimina
  7. ameduk, noi ci conosciamo per aver più volte scritto su mentecritica. Non ricordo se ero d'accordo con le tue anlisi politiche, ma stavolta non lo sono per niente e sai perchè? Prechè dimentichi una realtà semplice semplice. Al di là dell battute, che spesso possono contenere anche verità, basta guardarsi intorno. Basta un esempio. Berlusconi ha fatto diventare l'Italia un "casino". E su questa questione morale non sembra che il PD non abbia battuto il ferro, tanto è vero che ha chiesto un dibattito in Parlamento. Non è stato concesso. Perchè? Perchè agli italiani non frega niente delle "virtù" private di Berlusconi. Se parli con la gente di queste cose, che pure dovrebbero far riflettere perchè non è vero che è semplicemente gossip, ma politica nel senso che Berlusconi intende crearsi intorno una "specie di harem" ubbidiente e pecorone, come ha risposto l'Italia? Dandogli una vittoria schiacciante. Di chi è la colpa, allora, se questo "imperatore" impone la sua politica e va avanti a colpi di fiducia perchè la sua maggioranza glielo consente? Certo l'opposozione non è scevra da colpe, ma non quelle che gli dai tu. Durante il fascismo avvenne pressappoco la stessa cosa. Il Parlamento, legittimamente eletto, fu completamente esautorato. Le opposizioni, pur agguerrite, non riuscirono a contrastarlo. Oggi avviene la stessa cosa. Berlusconi vuole un parlamento asservito e un popolo sottomesso. C'è un proverbio latino che recita: "Vulgus vult decipi, ergo decipiatur". Non ci vuole nulla: la maggioranza degli italiani si prona davanti a lui. Hai visto la chiesa? Fatta qualche ramanzina come se Berlusconi fosse un monello, poi nulla più. Ed è così anche per gli altri problemi. Lui va per la sua strada. E' come il pifferaio di Oz e gli italiani lo seguono. Il pifferaio affogò tutti, topi e popolo. Speriamo di non arrivare a tanto.
    Cari saluti.

    RispondiElimina
  8. Cara amica Lameduck,

    il non ci sto di Scalfaro riguardava finanziamenti illeciti che sembra aveva preso quando era ministro degli interni. Ti riporto qui sotto un articolo che spiega il non ci sto.

    Ciao Davide

    Avendo già goduto spensieratamente di una sorta di "lodo Schifani ante litteram", Oscar Luigi Scalfaro deve essersi convinto che oltre allo scranno a Palazzo Madama i trascorsi quirinalizi gli garantiscano anche il diritto di dare lezioni sul tema. Privilegio di cui, a differenza del seggio senatoriale (poco frequentato da quando Romano Prodi è tornato a fare il nonno), l'ex capo dello Stato continua ad usufuire a piene mani.

    Come nel caso della conversazione con il quirinalista Marzio Breda, che sul Corriere della Sera ha dato voce ad un appello a Silvio Berlusconi: "Caro presidente - dice Scalfaro dalle colonne del quotidiano di via Solferino -, nell'interesse del nostro popolo, faccia un grosso sacrificio e affronti la sofferenza di una procedura dove penso che le sue dichiarazioni e l'appoggio dei suoi avvocati possano giungere a una soluzione di verità. Il servizio alla cosa pubblica molte volte porta a pagare un prezzo elevato, ma questo è infinitamente più meritorio che assumersi la paternità di una rottura e precipitare il Paese in uno scontro di cui non si comprenderebbe l'esito".

    Quindi l'avviso a Giorgio Napolitano ("un'intimidazione mafiosa", l'ha definita senza mezzi termini il senatore PdL Luigi Compagna), allorché Scalfaro ha parlato - riferendosi agli emendamenti al pacchetto sicurezza - di "un intervento legislativo particolarmente anomalo e dichiarato 'incostituzionale' da eminenti giuristi", soggiungendo che "il capo dello Stato sa perfettamente quel che serve fare in circostanze come questa. Gli sono fortemente vicino - ha detto il senatore a vita - e non mi permetto di interferire con il suo compito, oggi più che mai delicato. Stamattina me lo sono trovato accanto, quando ho rievocato i 60 anni della Costituzione. E ho chiuso il mio intervento con poche parole: 'Pensieri, preoccupazioni e speranze rimangono in silenzio... vorrei solo essere capace di invocare che prevalga sempre, a prezzo di ogni possibile sacrificio, l'interesse supremo del popolo italiano".

    Del passato, del suo passato, Oscar Luigi Scalfaro ha rievocato solo gli anni in cui era magistrato. Non per fare ammenda della condanna a morte per un giovane repubblichino, chiesta e ottenuta quand'era pm a Novara, ma bensì per irridere Berlusconi, nei cui atteggiamenti l'ex presidente della Repubblica dice di scorgere "il complesso dell'imputato". Tant'è. Non una parola per il vibrante "Non ci sto!" che nel lontano 1993 risuonò a reti unificate. Non una parola per quello stentoreo proclama d'indignazione che con il dibattito di questi giorni ha a che fare più di quanto non sembri. Facciamo qualche passo indietro, e vediamo perché.

    RispondiElimina
  9. @ lupoalburnino berlusconi governa con poco più di un quarto dei consensi!,e gli altri,quasi, tre quarti non sanno organizzarsi per una bella pedata!forse,perché,il numero di chi mangia,anche male,è ancora superiore al numero di chi non mangia o mangia solo merda!

    RispondiElimina
  10. Gregory Corso22:55

    Bla bla bla. Chiedere rispondere parlare per il niente dal niente col niente. Le donne possono al limite masturbarsi col mouse, ma gli uomini? Il potere è un individuo in piedi all'angolo di una strada che non aspetta nessuno.

    RispondiElimina
  11. Anonimo10:44

    Ma Napolitano non era comunista?
    Il cuore a sinistra e il portafoglio a destra!
    Meditate compagni, meditate!
    Luisa

    RispondiElimina
  12. lame, perfettamente d'accordo.
    siamo ridotti a scegliere fra il male ed il malissimo.
    in realta' non e' vero, ci sono anche altre scelte (votare un partito piu' piccolo, non votare, emigrare, scendere in strada coi forconi, pregare gli ultracopri che ci invadano..), ma di solito non vengono considerate.
    saluti

    ps OT: se puoi\vuoi, puoi dare una certa risonanza alla vicenda di pino masciari (io ne ho brevemente scritto qui), che ha subito una nuova intimidazione dalla ndrangheta ed ancora non ha protezione da parte dello stato

    RispondiElimina
  13. rossoallosso11:59

    ora sappiamo che il potere si chiama gregory corso e questo naturalmente gli il diritto di offendere chicchessia.ma io chiedo essendo cosi' solo, il potere, e non aspettando nessuno con cosa si masturba?forse abbranca la prima persona che passa e la violenta li' seduta stante senza rimorsi perche' lui e' il potere.

    RispondiElimina
  14. cuorerossoA15:21

    Condivido le incazzature di lame. Anch'io sono ogni giorno più affranta. Non al punto però (LELE) di rimpiangere i merdosissimi figuri che hai citato. Loro hanno spianato la strada alla politica attuale, travestiti da chierichetti.
    Saluti.

    RispondiElimina
  15. andrea16:17

    @ lupoalburnino

    C'è un altro proverbio latino che recita: Vox populi, vox Dei. Gli italiani lo hanno votato il centrodestra di Berlusconi perchè meglio di voi catto-comunisti ha saputo coglierne le istanze.
    Le regole della democrazie debbono valere quando si vincono e quando si perdono le elezioni.
    Avete perso fate opposizione e non predicate il catastrofismo su cui fate leva per riemergere.
    Gli italiani hanno vissuto per oltre 50 anni sotto il dominio della pseudo-cultura dell'antiamericanismo e della cosiddetta guerra di liberazione partigiana, e del ladrocinio spartitorio guidato da DC e PC in particolare.
    Ora basta con la retorica. La maggioranza degli italiani vuole fatti! Vuole che qualcuno governi e non ciurli nel manico come avete fatto col governo prodi-comunista.
    Tocca a voi stare all'opposizione. E con un'armata brancaleonesca che sa solo gufare e soffiare nel fuoco per fare fumo, di governi alternativi al centrodestra ne riparleremo tra 50 anni.

    E invece di evocare gli spettri del fascismo ogni volta che berlusconi si muove, rispettate la volontà degli elettori che in maggiornaza lo hanno votato.

    RispondiElimina
  16. @ andrea
    ho pubblicato il tuo commento papiminkia solo perchè talmente scontato, trito, ritrito e prevedibile da dimostrare, qualora ve ne fosse ancora bisogno, la pochezza intellettiva degli elettori del mafiosetto con la parlata milanese.
    La politica non è lo scudetto di serie A. Parli di vittoria come se parlassi di un torneo o di un palio.
    Parli perchè hai imparato le parole a memoria sul manualetto tascabile del papiminkia. Ti piace affidarti totalmente ad uno che te lo ha già messo per tre quarti nel culo e continua a spingere. Però ti piace e allora che posso dirti? Buona inculata.
    Se questi sono gli argomenti degli elettori del di cui sopra, francamente mi sono rotta i coglioni di leggerli. Quindi si prega di rinnovarsi, trovare qualcosa di originale, altrimenti astenersi dal postarli.
    Denghiù.

    Lame in carogna-mode

    P.S. A parte il fatto che non capite un cazzo dei post. Qui me la prendo con il csx non con il vostro amato papi.

    RispondiElimina
  17. andrea21:03

    @ Lameduc

    Meglio papiminchia che cafone e sboccato come sei tu.
    Ma dove hai imparato l’educazione? Nella sezione del PCI?
    Credo che se ci sono persone che amano farsi sbattere nel modo in cui dici tu, contro i quali peraltro io non ho assolutamente pregiudizi, siano quelli soprattutto rappresentati e difesi dai comunisti. Perciò non capisco perché tu debba disprezzare tanto coloro che amano prenderlo in quel posto.

    Proprio voi comunisti infatti dovreste provare piacere ad assaporare simili pratiche che Berlusconi (a tuo dire) realizza con gli italiani. Ti pare?
    Pubblica pure le volgarità e gli insulti (senza un minimo di contenuto creativo) quel che ti pare, tanto in Italia tutto è lecito. Berlusconi non vi metterà a tacere perché già sa che vi state estinguendo da soli. E i tuoi colpi di coda ne sono una chiara dimostrazione.

    RispondiElimina
  18. Adetrax21:46

    Sentite, è del tutto evidente che in Italia la situazione politica è diventata molto peggio di quella degli USA dell'era Bush.

    Lo stesso Licio prevede un futuro disastroso per questo paese e se lo dice lui è tutto dire: o vaneggia per l'età o ha valutato e preso atto di situazioni che non possono che deteriorarsi nel prossimo futuro.

    Adesso ci manca solo che qualche mafioso cominci a fare la morale e a discettare su come l'Italia potrebbe essere migliore se quasi tutti non si appiattissero al livello dei quaquaraquà o al massimo degli ominicchi.

    Intanto Schifani continua a ripetere "abbassiamo i toni" = "non rompeteci le palle".

    Allora diciamola tutta su come stanno le cose.

    Alla base ci sono i cittadini che in gran parte versano in uno stato educativo ma spesso anche mentale pietoso: di questi gran parte, politicamente parlando, sono indifesi come dei bambini e infatti le categorie che votano maggiormente Silvio & C. sono i giovanissimi, i puttanieri (per solidarietà con i gusti di papi) e le casalinghe infarcite di telenovele.

    Più sopra ci sono le amministrazioni comunali, provinciali e regionali che a seconda del grado di penetrazione dello schifo (corruzione, finta furbizia, appartenenza a poteri occulti, ecc.) fra i pubblici ufficiali e relativi dipendenti possono funzionare più o meno bene.

    In cima ci sono le istituzioni governative che dovrebbero dare l'esempio ma che probabilmente sono in parte ampiamente corrotte e colluse con quello che avviene nel paese.

    Il fatto che Silvio e il suo sistema siano al potere dipende anche dall'assenza di persone valide che possano rappresentare un'alternativa credibile a quelle attuali.

    Purtroppo le persone valide non si formano facilmente in ambienti sociali deteriorati e se si formano o sono eliminate o se ne vanno in altri luoghi.

    Il ragionamento della base è che "schifo" per "schifo" tanto vale lasciare le cose come sono dato che magari cambiandole possono peggiorare ancora.

    In questo scollamento fra il mondo politico e l'apatia del mondo reale sta il problema italiano.

    Ha ragione "lupoalburnino" quando dice che il vero scandalo politico di puttanopoli non è tanto il fatto che papi abbia cornificato per anni la moglie (cosa comunque gravissima), organizzato feste private in un palazzo del governo, usato mezzi governativi per scopi privati e così via ma che soprattutto abbia:

    1) mentito ripetutamente a cittadini e istituzioni su fatti oggettivi;

    2) fatto candidare veline, showgirl, escort, fidanzate dell'amico del conoscente e via dicendo solo perchè le ha invitate alle sue feste o addirittura perchè le ha marchiate con una pacca sul culo o un rapporto sessuale;

    3) abbia frequentato persone indirettamente collegate ad ambienti malavitosi ed affaristici contrari al bene comune con sospetti giri di droga e altro.

    Ora in tutto questo ci vuole un minimo di rispetto e coerenza e attualmente l'opposizione pare essere quasi collusa nell'azione di muro di gomma a protezione di Silvio & C.

    La richiesta di Napolitano di abbassare i toni in vista del G8, è scaduta da un pezzo ma qualcuno è felice di restare in quella modalità.

    continua ...

    RispondiElimina
  19. Adetrax21:48

    Cosa dobbiamo ricordare:

    - Bondi, che dichiara che "La Repubblica" è un pericolo per la democrazia ?

    - Sgarbi che dichiara felicemente che papi segue il modello "Kennedy" e che quindi può governare bene perchè può trombare tanto ?

    - Papi che sconsiglia di investire in pubblicità sul gruppo l'Espresso e quindi anche su Repubblica ?

    - Franceschini che chiede agli italiani: affidereste i vostri figli a un uomo come lui ?

    (ma certo, è ovvio che si, lo hanno ripetutamente votato ...)

    - Papi che dice di sperare che quelli di "Repubblica" capiscano la situazione perchè lui non è un santo e con tutte le belle ragazze che girano sarebbe una crudeltà impedirgli di fare quello che fa ?

    - Frattini che si unisce a Ghedini nel marchiare la storia delle tombe fenice come:
    un'altra miserabile storia con cui si tenta di gettare discredito nei confronti del presidente Berlusconi, che è smentita dai fatti ?

    Ma se l'affermazione del loro ritrovamento l'ha fatta proprio Silvio e questo risulta da una delle registrazioni sonore poste agli atti !!!

    Allora ditelo, che se questa è una miserabile storia, allora il primo che dovete internare è proprio papi !

    No, tutte queste affermazioni presuppongono il seguente concetto:

    noi possiamo dirvi tutto questo perchè voi siete degli idioti e vi va bene trangugiare queste storielle.

    Intanto, coperti da questo rumore mediatico:
    - loschi individui preparano il terreno per diminuire i controlli su operazioni che possono condurre a reati ambientali;
    - si commissaria la Sanità in due regioni italiane sull'orlo del collasso economico;
    - ecc.

    Cosa sarebbe necessario fare ?

    Tanto, tantissimo, molto di più di quello che la maggioranza delle persone pensa che sarebbe sufficiente fare.

    Quello che si poteva attuare entro i limiti della correttezza 30 o 40 anni fa ora non è più fattibile con mezzi normali.

    La verità è che ci sarebbe bisogno di soluzioni drastiche, molto ma molto drastiche per questo paese popolato da organismi geneticamente modificati e deviati.

    RispondiElimina
  20. @ andrea
    per farti capire che in questo club non sono ammessi né cani né papiminkia. Le opinioni papiminkia non mi interessano, anzi mi adopero affinchè vengano estirpate come l'erba infestante.
    Ti sei sgolato, hai vomitato le tue ovvietà, le cellule comuniste e le altre stronzate. Ora vai a commentare da un'altra parte, in un luogo più consono al tuo censo ed al tuo bon ton, MASCHERINA.

    RispondiElimina
  21. @ daniele
    :-)

    @ Panty
    ;-) ;-)

    @ lele
    beh, Scelba forse no, dai!

    @ Adetrax
    Anche Licio ha un loculo prenotato nel Mausoleo? Accanto al discepolo prediletto?

    @ Gianni
    il popolo italiano fa rabbrividire, eppure parlando con la gente sento che non sono tutti come la marmaglia che popola Italia1, trovo tanta gente che riesce ancora a ragionare e a non farsi prendere in giro. E' un mistero. (Chiamate Ruggeri)

    RispondiElimina
  22. Adetrax09:38

    @Lameduck

    No, probabilmente lui sarà posto in una piramidina tutta per lui ... oppure sarà proclamato santo, padre della seconda repubblica, ecc.

    Fra l'altro le coincidenze fra quello che lui dice e ha detto molti mesi fa e quello che succede oggi sono interessanti, ad es. su Grillo: si come comico, no come politico, e guarda caso il no politico c'è stato, forte e deciso senza ipotesi possibilistiche di facciata ...

    RispondiElimina
  23. @ Lame
    L'individuo non è la massa. Anche io conosco tante persone che prese una per una sanno ragionare, ma immerse nella massa contribuiscono allo sfacelo. Perdonami una citazione che secondo me racchiude ogni commento possibile, anche al tuo post successivo:
    "Le masse non si avvedono di essere terrorizzate spiritualmente e private della libertà e ammirano solo la forza, la brutalità e i suoi scopi, disposti a sottomettersi. Capiscono a fatica e lentamente, mentre dimenticano con facilità. Pertanto la propaganda efficace deve limitarsi a poche parole d'ordine martellate ininterrottamente finché entrino in quelle teste e vi si fissino saldamente. Si è parlato bene quando anche il meno recettivo ha capito e ha imparato..”
    Hitler - Mein Kampf.

    RispondiElimina
  24. @ Gianni
    Mi verrebbe da dire: quanti si sono diplomati alla scuola del Fuhrer?

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...