lunedì 14 settembre 2009

Al Qassoeula

Tra i tanti record negativi e le assurdità che caratterizzano il nostro paese, c'è anche quella di avere al governo nazionale, e sottolineo nazionale, un partito che predica la Secessione dal territorio patrio, addirittura minacciando di far ricorso ai fucili. In qualunque altro paese europeo e credo perfino nel Burkina Faso, una cosa simile sarebbe bollata come eversione terroristica e i responsabili del delirio separatista associati alle patrie galere o a qualche casa famiglia per disturbati mentali.

Da noi invece no. I secessionisti di Al Qassoeula governano. Siedono come pascià a Roma e vi banchettano abbondantemente, guadagnando gli oltre 30 milioncini di lire al mese che la Ladrona elargisce generosamente alla mandria di governanti in transumanza dalle praterie nordiche.
Governano ma soprattuto Ci governano, anche noi che Dio Grande e Misericordioso ti ringrazio per questo, non siamo nati padani e non abbiamo alcuna intenzione di diventarlo.
Questi gioppini non hanno capito che chi dovrebbe imbracciare i fucili per liberarsi dalla loro influenza maligna siamo noi che ci siamo sempre orgogliosamente chiamati ITALIANI dalle Alpi a Lampedusa e che non abbiamo nulla a che fare con le loro cassoeule e le stronzate del Diopo'. Il buon vecchio Metternich, che ben li conosceva, avrebbe anche oggi una bella definizione per la Padania: "un'espressione geografica". Anzi no, nemmeno geografica ma virtuale, un delirio lisergico da funghi allucinogeni andati a male.

Si sentono oppressi, poverini. Hanno le fabbriche piene di marocchini che fanno il lavoro sporco al posto loro ma vorrebbero ammazzarli tutti perchè gli danno fastidio e vorrebbero guadagnare più di noi italiani terroni solo perchè loro sono padani. Invece di far pagare le tasse a chi non le paga, per esempio ad alcuni loro bottegai che hanno studiato in Transilvania dal Conte Dracula, vogliono l'aumento di stipendio, così i bottegai alzeranno ancora di più i prezzi e si creerà un loop senza fine di inflazione.

Facciamo così. Piantamola lì e diamogliela questa cappero di libertà. Via dai coglioni italiani. Foeura di bal. Leviamogli però tutte le basi militari italiane, comprese quelle ammeregane della NATO. Via Aviano e compagnia bella. Se i nostri soldatini marchigiani o del frusinate gli fanno ribrezzo glieli togliamo volentieri.
Se vogliono difendersi dalle orde islamiche ed irpine e non vogliono spendere, o rimediano con i loro fuciletti a tappo e le ronde armate di fionde, oppure mettono mano al portafoglio e sganciano i loro adorati schei per una bella dotazione bellica da paese serio e non da reame da operetta.
Qualche bel carrarmato (cosa vuoi che costino mai una trentina di M1 Abrams?), una quindicina di cacciabombardieri F15/E e Stealth (vogliamo metterci anche qualche drone?), una cinquantina di elicotteri MH53 Pave Low ed Apache. Giusto per difendere Ponte di Legno e la gloriosa Ponteranica, terra di tante glorie padane alle quali dedicare le targhe in piazza: Brighella, Gioppino, Vittorio Feltri.

Vediamo se, toltagli la copertura delle forze armate italiane, visto che vogliono fare da soli, gli resterà tanto da ridere, con tutti i terroristi islamici che girano.
A proposito. Avete visto come i loro leaders, così orgogliosi delle loro radici nordico-celtiche, con appena un turbante ed una kefiah addosso assumono subito un aspetto inequivocabilmente mediorientale?
L'apparenza inganna. W l'Italia.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

26 commenti:

  1. Ieri sera ho visto un film, 10.000 A.C, e per un attimo ho temuto si trattasse di una copia pirata del Barbarossa di Martinelli...

    RispondiElimina
  2. Anonimo21:48

    Hahahahahahaha........
    veramente nati!
    Larhanji Deimeimaroni
    e Ahmed Benbossi ahahahaha.......
    scusate vado a cambiarmi mi sono
    pisciato adosso hahahahaha.......

    Laqualunque.

    RispondiElimina
  3. Esprimi il mio pensiero alla perfezione. E mi vergogno di essere figlio di una leghista meneghina. E mi vergogno anche di vivere in una città geograficamente in Padania ma culturalmente in Italia, che però si lascia fregare e vota in massa il partito della rosa camuna (la città in questione è Reggio Emilia, e non aggiungo altro perché poi comincerei a sproloquiare sulla sinistra e non è questa la sede)

    RispondiElimina
  4. Adetrax23:13

    Governano ma soprattuto Ci governano ...

    Veramente mi pare che co-governino con moltissime limitazioni e distinguo visto che qualcuno ha accettato la compagnia di papi e C.

    Si sentono oppressi, poverini. Hanno le fabbriche piene di marocchini che fanno il lavoro sporco al posto loro ...

    Veramente si vocifera che ci siano quasi 500.000 disoccupati in più (fra regolari e non) rispetto all'inizio dell'anno scorso, che provocano parecchio nervosismo per il futuro, perchè finchè funziona l'arbeit macht frei più o meno si cerca di convivere ma quando saltano gli equilibri economico-sociali (e questi sono saltati da anni) le cose si complicano.

    Sembra comunque che la maggioranza degli immigrati finisca con lo stabilirsi proprio nella vituperata padania e non si sa perchè si trovano meglio proprio nelle aree leghiste e non perchè siano attratti dai leghisti ma perchè trovano (o meglio trovavano) sistemi sociali a loro leggermente più consoni (ancora per poco però perchè in certe aree di padano è rimasto ben poco) rispetto al resto del paese.

    Quello che nessuno capisce però è che l'aborigeno padano necessita di basse densità abitative, es. al massimo 80-100 abitanti per kmq. in media, idealmente molti di meno (es. 10-20), per poter vivere serenamente, invece in molte aree ci sono ormai concentrazioni "giapponesi" di persone senza che queste abbiano la disciplina e il senso civico giapponese e da qui scaturisce una profonda sofferenza verso l'intero sistema che invece non controlla tutto questo e tende a farlo passare per normale.

    In breve il nativo ha bisogno di grandi spazi come l'aborigeno australiano che se rinchiuso in spazi ristretti deperisce e spesso muore.

    Senza immigrazione e molto altro ora l'Italia avrebbe 53-55 milioni di abitanti (l'ideale sarebbero 40-45 milioni) e certe aree sarebbero sicuramente più vivibili e non sarebbero state devastate così tanto dalla speculazione edilizia, dalla proliferazione industriale ed altro ancora.

    Insomma, cosa produce di tanto prezioso l'Italia per far vivere 60 milioni di persone in maniera più che benestante ?

    Questa storia del PIL che deve crescere sempre (ad ogni costo) se no si diventa komunisti e la morte e il terrore si spargono in ogni anfratto è un'assurdità gigantesca perchè è la conclusione di chi ha creato ad arte le condizioni per spingere il sistema in una direzione che non è sostenibile nel tempo (anche breve); poi quando si superano i limiti del sistema a qualcuno viene sempre la brillante idea che non c'è altra soluzione che quella di far fuori palate di umani in sovrannumero per poi ricominciare il giochino come se niente fosse.

    Avete visto come i loro leaders, così orgogliosi delle loro radici nordico-celtiche, con appena un turbante ed una kefiah addosso assumono subito un aspetto inequivocabilmente mediorientale?

    Sembrano essere come Obama, 50% + 50%, magari c'è un 50% che dentro soffre più dell'altro (forse per una convivenza forzata).

    Infine bisogna sempre capire che a "qualcuno" non piacciono le razze chianine, magari perchè ha capito che i poteri più oscuri di tutti anelano al melting pot per avere il massimo potere su tutti gli altri, dopotutto questo è uno dei mantra della globalizzazione.

    Torna giusto in mente la definizione data agli USA (massima espressione del melting pot) dagli ayatollah iraniani ;-)

    RispondiElimina
  5. anche leggendo questo

    antimafiaduemila.com/content/view/19340/48/

    tanto per chiarire chi cazzo sono questi signori della lega
    cani da guardia del padrone
    servi per vocazione
    che poi sia il pornopresidente del milan o la mafia, beh
    ciap'istess
    (ammesso che ci sia qualche differenza, ovviamente)

    e i più pericolosi, come nella germania degli anni '30, sono i ratti piccoli, quelli che devono lottare per raccattare le briciole sotto il banchetto

    il partito del fare, sì, i porci comodi loro e degli imprenditori che li mandano a roma
    con l'avallo ottuso delle bestie da soma sfruttate che gli danno i voti e in cambio lo prendono nel dadrè

    bòn, mi pare non manchi niente:))

    RispondiElimina
  6. atticus00:52

    I soliti esagerati! Nel Burghina-Faso, io ci sono stato perdavvero!, Bossi, Maroni & compagnia bella NON sarebbero associati a nessuna galera.... Più avanti di noi, in Burghina, ci si occupa seriamente dei dementi e, invece di eleggerli al parlamento (dove non curano questo tipo di pazienti) li raddrizzano con elettro'sciocc' così che smettano di dire certe sciocchezze.... Mio nonno (un saggio padano) diceva sempre: "Quand la merda la monta in scagn o la spuza o la fa dagn". Che pensasse già alla lega?

    RispondiElimina
  7. quella foto mi inquieta!

    RispondiElimina
  8. la foto, piu' la definizione "al qassoeula"dipingono perfettamente la personalita'di questo pseudo partito ed i suoi accoliti.l'unica consolazione e' che sono destinati a fallire(speriamo presto)o a riciclarsi(come va tanto di moda nel nostro paese)perche' la loro chiamata alle armi rimane l'ultimo colpo di coda della bestia moribonda,sanno benissimo che i primi a rimetterci sarebbero loro stessi confermando ancor di piu' che i due pargoli che mungono la lupa siano giusto bossi e maroni

    RispondiElimina
  9. Cara Lame,
    Questo è il POST DELL'ANNO!

    E non ho nemmeno riso tanto anche se "Al Quasseoula" mi ha fatto stramazzare.

    Te lo dico io come va a finire, Bossi presto sparirà e i padani saranno costretti a tenerlo in vita artificialmente diffondendo ad intervalli periodici voci registrati e video sbiaditi di fantasmi improbabili, esattamente come sta succedendo con Bin Laden.

    Avremo il Bos Ladren di Al Casseoula! ahahahahah

    RispondiElimina
  10. Non solo sono d'accordo nel lasciarli andare ma, se nel caso, volessero mettere filo spinato ai confini io sono pronto ad offrirne 2.000 metri.

    RispondiElimina
  11. Anonimo10:18

    il giorno che dichiarassero l'indipendenza mi metterò a sparare:mortaretti di gioia.
    paolo

    RispondiElimina
  12. Non ho mai sentito un leghista fare qualcosa che si avvicinasse a un 'ragionamento'.

    I loro discorsi sono pieni di 'gente', 'popolo', 'è bene così', 'non si deve'.

    Tra tutto, è questa mancanza di ragionamento che mi disgusta, e che alla lunga impoverisce la gente 'del nord'.

    RispondiElimina
  13. @PAOLO
    il giorno che cio' avverra' sara' il giorno in cui avrai capito che ti stanno pigliando per i fondelli.dubito che cio' possa accadere.

    RispondiElimina
  14. Anonimo19:39

    @ROSSOALLOSSO: guarda che lo so ;)

    oddio, ma mi hai scambiato per legaiolo?
    :P
    paolo

    RispondiElimina
  15. @PAOLO
    ti chiedo scusa.a dire il vero il dubbio l'avevo avuto che la tua fosse una provocazione ma sai e' difficile leggere l'ironia attraverso uno schermo,poi conoscendo alcuni leghisti che nella secessione credono veramente l'occasione era ghiotta per una stroncatura.

    RispondiElimina
  16. Da Padano (dal punto di vista geografico) non mi sento dire "purtroppo sono nato in padania"; non ci vedo niente di male, e non mi va di essere accomunato a questa banda di pirla. Non mi piace nemmeno che si dica "lasciamoli pure andare....": io non voglio andare con loro, come non lo vuole la maggior parte della gente del nord (a parte alcune isole in-felici). Per gli stessi motivi, anche se la maggioranza dei siciliani ha votato per il pdl, non li abbandonerei in mano a berlusca, per rispetto a chi non l'ha fatto e anche a chi l'ha fatto perchè ha avuto il cervello lavato dalla tv del grande timoniere.

    RispondiElimina
  17. @ daniele
    Mio Dio, ma è vero che Alberto da Giussano lo fa Raz Degan? Quello che con uno sguardo ti fa la risonanza con il contrasto?

    @ ScarletMilk
    Sono circondata da leghisti anche qui in Romagna. Ma devo dire, con tristezza, che il razzismo antimeridionale e antistraniero l'ho conosciuto, a prescindere dalla Lega, quando mi trasferii qui quasi trent'anni fa ormai. Per me fu una cosa nuova. Da una città tollerante e aperta al nuovo e diverso ad una società chiusa (divertente e godereccia, per carità) ma ottusamente terrorizzata di doversi mescolare con altri geni.

    @ adetrax
    la razza chianina io me la mangio sempre volentieri. ;-)

    @ MaRaNtZ
    Non so se Bossi sparirà o meno. Certo, se gli viene meno l'appoggio del nano saranno cazzi. E poi con un Renzino che andrà a guadagnare 12000 euri al mese per fare il consulente all'Expo (per meriti puramente dinastici) i legaioli dovrebbero andarsi a nascondere due metri sotto terra.

    @ Gio
    E' triste dirlo ma la gente del nord è così. La mentalità leghista è solo una degenerazione neoplastica di un tessuto già malato.

    RispondiElimina
  18. "Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell'interesse esclusivo della nazione",se non mi sbaglio e' questa la formula di rito che pronuncia il presidente del consiglio e i ministri del suo governo (compresi i leghisti ovviamente) all'insediamento dello stesso.E' sufficente solo questa enorme contraddizione per capire chi ci troviamo di fronte.

    RispondiElimina
  19. @lameduck: ribadisco quanto detto nel commento precedente e aggiungo: no, la gente del nord non è così! generalizzare è sempre sbagliato; se poi mi devo basare con i discorsi che sento intorno a me, i più razzisti e fanatici nel prendersela con gli stranieri sono proprio le persone di origine meridionale

    RispondiElimina
  20. Te lo dico io come va a finire, Bossi presto sparirà e i padani saranno costretti a tenerlo in vita artificialmente diffondendo ad intervalli periodici voci registrati e video sbiaditi di fantasmi improbabili, esattamente come sta succedendo con Bin Laden.

    Avremo il Bos Ladren di Al Casseoula! ahahahahah

    RispondiElimina
  21. filippo19:14

    Dice Lame,
    ...il razzismo antimeridionale e antistraniero l'ho conosciuto, a prescindere dalla Lega, quando mi trasferii qui quasi trent'anni fa...

    Te l'ha ordinato il dottore di rimanere in Romagna? dove oltre alla grettezza della gente anche il clima è umido e malsano?

    Perfino i romani evitavano la paludosa e malsana Romagna, luogo di confino destinato alla teppaglia.
    Mentre privilegiavano Emilia e Lombardia in particoalre distribuendo terreni ai valorosi legionari che si distinguevano.

    Ecco, vai in Emilia. Starai certamente meglio. E noi, romagnoli doc, credimi, non ce ne accorgeremo per niente niente

    RispondiElimina
  22. Adetrax20:35

    @Lameduck

    Ma devo dire, con tristezza, che il razzismo antimeridionale e antistraniero ... ma ottusamente terrorizzata di doversi mescolare con altri geni.

    Proprio ottusamente non direi, ci sono ottime ragioni passate e presenti a fondamento di tale comportamento prudenziale e si basa sulle percentuali di esperienze non positive (è un eufemismo ovviamente) avute con marochen e dintorni.

    Fra l'altro il dannatissimo passato coloniale non aiuta per niente in questo, in ogni caso di mescolanze da invasioni esterne nei secoli passate ne abbiamo subite a sufficienza e se questi sono i risultati (dell'attuale Italia) allora sarebbe bene non insistere senza un minimo di filtri e valutazioni critiche.

    In ogni caso penso che per gente semplice che parla in dialetto, termini come negher, marochen, ecc. non implichino necessariamente razzismo violento ma solo un atteggiamento di prudenza o di non conoscenza di persone estranee dalla nazionalità non definita.

    Ecco 3 notizie per rasserenarsi.

    1) Ama un italiano, Sanaa uccisa dal padre (sgozzata in luogo pubblico).

    2) Romeno di 17 anni tenta di stuprare bimba di 7 durante festa in famiglia in Brianza.

    3) Pannelli solari "a ruba". E arriva l'antifurto.
    Centinaia di denunce e un fenomeno in crescita. In un anno, impianti per un valore di 100 milioni di euro trafugati e rivenduti spesso in Nord Africa
    .

    Chiaramente i trafugatori sono antichi discendenti di marochen e probabili amici di papi che vuole solo il nucleare.

    P.S.
    Si scherza naturalmente, dato che qualche battuta ogni tanto alleggerisce certi discorsi e scaccia la tristezza ;-)

    RispondiElimina
  23. @ filippo
    ecco che riemerge il vecchio ur_ca che non riesce ad evitare di postare il solito commento idiota.
    Ti definisci romagnolo doc. Come dire che io non lo sono perchè sono una mezzosangue, vero? E' la cosa che mi fanno notare e pesare da quando mi sono trasferita qui. E se ci pensi è il massimo del razzismo, di quello più idiota, per giunta.

    @ adetrax
    ti sbagli, il rimescolamento dei geni, in genetica, porta sempre ad un miglioramento della razza perchè diluisce i geni recessivi portatori di difetti.
    Riguardo alle notizie di nera che hai postato ti chiedo: quanti episodi di femminicidio accadono ogni giorno per mano di italiani? Quanti episodi di pedofilia per mano di italiani? E le navi affondate nei mari del Sud con il loro carico di rifiuti radioattivi non erano forse opera delle NOSTRE ecomafie?
    Nessuno santifica gli stranieri ma noi non abbiamo certo da fare la lezione agli altri.

    RispondiElimina
  24. Atius23:11

    Haha al "Al Quasseoula" è davvero una chicca! Ma sono preoccupato per come respingi con violenza al mittente le distinzioni natali. Come i "padani" hanno disprezzato i "terroni", di riflesso scrivi post carichi di giudizi negativi verso una terra e non verso un insieme di persone deviate con idee politiche dementi. Io vivo nel nord Italia, sono fiero di essere italiano e allo stesso tempo temo il patriottismo come ogni altro ismo. Vomito all'idea del secessionismo ma non riesco a provare sentimenti di contrasto con altre parti dell'Italia. Mi ha colpito la frase "Governano ma soprattuto Ci governano, anche noi che Dio Grande e Misericordioso ti ringrazio per questo, non siamo nati padani e non abbiamo alcuna intenzione di diventarlo."
    che, sebbene scritta per dare effetto al post, a mio modesto parere trasmette un pessimo segnale. Penso davvero che pochi italiani si sentano rappresentati dalla politica in generale. Penso che l'immagine di questo nord Italia cementificato freddo e spietato derivi dalla ignoranza e dalla paura che contraddistingue la maggior parte delle persone che vivono al nord, che se ne escono con frasi davvero sconfortanti dettate da luoghi comuni instillati nelle menti a causa dell'ignoranza. Spero che la convivenza forzata con gli immigrati delle nuove generazioni metta a posto un pò di cose. Le persone anziane elogiano ancora i caduti dell'ultima grande guerra, parlando delle gesta eroiche di reparti interi provenienti da quei luoghi chiamati genericamente terronia dai leghisti. Li elogiano e rivivono quei tragici momenti con trasporto, perché hanno avuto la possibilità di vedere che siamo tutti uguali. Rimango anche convinto del fatto che la maggior parte delle persone residenti in nord Italia non vivono meglio, sono solo intrappolati in una schizzoide e paranoide illusione di benessere che li rende iperstressati e pieni di debiti. La immigrazione è temuta perché nelle piccole periferie gli operai sono ancora italiani e la concorrenza uccide le famiglie. Su questo partiti idioti come la lega ci sguazzano senza offrire alcuna reale soluzione. E' simile al problema che gli USA hanno con la Cina in un certo senso: non si scappa dalla globalizzazione come non si scappa all'immigrazione. La gente non va per il sottile, vuole solo essere tutelata senza interessarsi attivamente alla politica. L'immigrato si accontenta di salari più bassi perché per lui è comunque un salto di qualità in confronto alla vita che conduceva precedentemente. Alla fine siamo soltanto tutti incapaci di accettare il diverso perché intacca il nostro habitat e destabilizza i nostri privilegi. E' più forte di noi, siamo sempre e comunque razzisti per convenienza. Ma non penso questo sia un fenomeno esclusivamente legato al nord Italia, infatti la lega è comparsa paradossalmente pure al sud dove non ha senso di esistere.
    Se il nord è mediamente più ricco, si possono trovare le origini di questo nel processo di unificazione d'Italia durante il quale furono pure creati i primi campi di concentramento. Ma per questi fatti è giusto incolpare le generazioni future?
    E allora perché quella frase citata pocanzi scritta per differenziare i non padani dai padani? Beh, perché probabilmente è automatico sentire il bisogno di distinguersi dai connazionali nordici in seguito agli errori di giudizio compiuti a causa di motivazioni economiche e culturali più che geografiche.
    Solo l'educazione civica e un forte realismo possono abbattere queste stupide differenze che teniamo in piedi per distogliere gli occhi dalla realtà: vogliamo proteggere ciò che abbiamo e ciò che siamo (in questo caso probabilmente con la frase in questione prendi le distanze da una parte di Italia a cui comprensibilmente non vuoi essere accoumunata quando la correli con la lega), ovunque siamo, senza sporcarci le mani. Spero tu tenga in considerazione il mio punto di vista.

    Ciao

    RispondiElimina
  25. Adetrax00:38

    @Lameduck

    ti sbagli, il rimescolamento dei geni, in genetica, porta sempre ad un miglioramento della razza perchè diluisce i geni recessivi portatori di difetti.

    Questo in teoria ... e se poi si incontrano e si uniscono i geni recessivi cattivi di due persone ?

    Renzo Bossi non è il meraviglioso risultato di questo incontro di culture diverse ?

    E gli ebrei così vispi e furbetti non si riproducono solo fra loro ?

    Comunque credimi, in Italia la biodiversità genetica è già elevatissima, così come la diversità socio-culturale; purtroppo non si notano benefici tangibili da questo fatto, forse perchè entrambe non sono state selezionate a sufficienza ?

    A parte questo non mi riferivo tanto a eventuali mescolamenti carnali ;-) ma alle culture di riferimento e al fatto che più arcaica e meno controllata è la società di provenienza, più è facile trovare soggetti che sono riusciti a mimetizzare le loro tendenze più anomale, violente e furbesche nel corso del tempo.

    ... quanti episodi di femminicidio accadono ogni giorno per mano di italiani? Quanti episodi di pedofilia per mano di italiani? E le navi affondate nei mari del Sud con il loro carico di rifiuti radioattivi non erano forse opera delle NOSTRE ecomafie?

    La risposta è la stessa di prima, i soggetti citati sono tutte persone anomale che non hanno preso le loro medicine (nella giusta dose) o sono discendenti di briganti e consimili oppure sono vittime di culture / credenze totalmente distorte (statisticamente nel 90% dei casi è così).

    Forse anche il saturnismo causato degli acquedotti romani ha esplicato i suoi effetti senza contare che molte zone italiane tracimano di discendenti di invasori più o meno violenti e/o semi-barbari dell'antichità; tutti hanno fatto i loro giretti per la penisola e il sospetto che molti si siano insaccati nello stivale e siano giunti ai nostri giorni più o meno "intatti" nella loro essenza, spesso è molto forte.

    In ogni caso il punto cruciale è dato dalla trasmissione e dalla persistenza di determinate culture e consuetudini entro i gruppi familiari o i clan allargati.

    Che queste culture non ideali provengano dall'esterno o dall'interno dell'Italia (nota espressione geografica) ha poca importanza, i politici leghisti, per questioni di potere spicciolo, tenteranno sempre di incunearsi senza vergogna nel malessere provocato dagli incontri più sgraditi.

    Certo che una consistente invasione di svedesi o finlandesi non accadrà mai eh !

    RispondiElimina
  26. @ caro atius,
    sono complessivamente d'accordo con te. Ti dirò di più, sono convinta che, sparita la maledizione berlusconiana dall'Italia, anche certi partiti che per opportunismo si sono legati al carrozzone per piazzare i figli somari a 13.000 euro al mese, saranno ridimensionati.
    Se non ci fosse Berlusconi, parliamoci chiaro, col cavolo che un Calderoli sarebbe ministro.
    Detto questo, è innegabile che le cose orrende che dice la Lega trovino riscontro in una certa mentalità nordica fatta di diffidenza automatica verso l'altro, di chiusura e di freddezza affettiva. Ovviamente non si può generalizzare (il pezzo è provocatorio, come tu hai giustamente sottolineato) però il leghismo è la strumentalizzazione politica di un sentimento che esiste, non lo possiamo negare.
    Se del Nord, attualmente, emerge solo il lato più negativo sappiamo di chi è la colpa. Di chi sta sfruttando questo lato negativo per i propri scopi.

    @ adetrax
    la frase sugli ebrei non mi piace e sai perchè? Perchè è da quando hanno chiuso i ghetti che non si riproducono più tra di loro e ne è passato del tempo. Lasciamo stare i luoghi comuni dell'antisemitismo.

    Per il resto te l'ho già detto: il comportamento criminale non nasce dalla predeterminazione ma tu non lo vuoi capire.

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...