giovedì 8 ottobre 2009

Pornonano

"L’importante è che abbiano un visino pulito e innocente e a cena indossino un vestitino nero di Armani, possibilmente senza gioielli. L’immagine dell’innocenza scatena la libido.
Ho sempre visto
con quanto disprezzo, anche manifesto e offensivo, tratti le donne in menopausa, tutte quelle carampane eccessivamente truccate e ingioiellate che ti si affollano intorno a migliaia, appiccicose e osannanti, sognanti, adoranti. Anche a loro non hai mai lesinato una barzelletta spinta, anche spintissima, che desse a quelle povere donne sfiorite il frisson della seduzione, dell’avventura col capo". (Paolo Guzzanti, uno che lo conosce)

"Ho cercato di aiutare mio marito, ho implorato coloro che gli stanno accanto di fare altrettanto, come si farebbe con una persona che non sta bene. È stato tutto inutile". (Veronica Lario, che lo conosce ancora meglio.)

Il pornoduce va in onda a notte fonda, come si conviene agli spettacoli osceni. Certe cose non avrebbe il coraggio di dirle alle otto di sera in diretta da Minzolini, visto quante donne ignare del suo odio per la passera over-18 lo votano, così telefona a Leporello-Vespa all'una, come un maniaco qualsiasi. "Aah, aaah, sto venendo".
Lo scopo è molestare l'unica donna presente, l'on. Rosy Bindi, attirata sapientemente nell'imboscata dall'insetto che ne sa una più del diavolo e del suo collegio difensivo.
Tanto gli uomini (si fa per dire) presenti non oseranno difenderla, visto che non è un modello escort quattro porte superaccessoriata. Difendere dagli insulti di un villano una donna in quanto tale, indipendentemente dall'età e dalla prestanza, è considerato in Italia, dagli omuncoli italiani che fanno tendenza e che parlano in televisione, roba da checche. Così tacciono, oppure al massimo si portano la mano alla fronte, come Pierferdy. 'Azzo, che virilità!
Un bel "Ma che cazzo stai dicendo, come ti permetti, brutto cafone", però non sfugge da nessuna delle impavide bocche maschili presenti.
Peccato, c'era da conquistare un bel pezzo di elettorato femminile che avrebbe apprezzato il gesto. Il cavaliere, nel senso di chi è capace di difendere una signora, qualunque signora e non solo un'arrapauccelli in tenuta da combattimento, fa sempre la sua porca figura su donne di qualunque età. Se poi la difende di fronte al drago, è il numero uno.

"Lei è più bella che intelligente. Non mi interessa nulla di ciò che eccepisce". Quasi schiatta dalla rabbia mentre pronuncia una battuta più vecchia del suo pipino.
Peccato non poterlo vedere in quel momento. Dev'essere sul rosso pompeiano-porpora cardinalizia, con l'adrenalina che pompa stile rave party e il pacemaker che fa gli straordinari, come Stakhanov in miniera con il martello pneumatico.
Poer nano. Credeva di trovare la solita razione di carne fresca e, non trovandola, è andato in bestia. Una crisi d'astinenza in piena regola. Una scimmia che non ti dico. La para dura.

Ingrato, chissà quante signore avanti con l'età, con il cerottone anticaldana menopausica appiccicato sulla chiappa pericolante da cellulite, lo avrannno votato entusiaste. Loro lo amano anche se è vecchio, litiga con l'idraulica ogni sera, è più truccato di una geisha ed ha il brutto carattere del Nano Tremotino.
E pensare che anche la sua figliola grande, poera nana, è più ricca che bella ma noi non siamo così bastardi da ricordarglielo.
In Toscana direbbero, per riassumere: "Bellino, lui."
Comunque si consoli. Per quanto faccia, dica e urli, anche lui è più ricco che affascinante.

18 commenti:

  1. Berlusconi: "Vedrete di che pasta sono fatto!" Sì, alla puttanesca.

    RispondiElimina
  2. erano anni che non guardavo la trasmissione di vespa,ho sempre avuto paura di uscirne tutto unto.
    ieri sera ho indossato una incerata e mi sono sintonizzato nel momento esatto della telefonata del grande nano(si puo' dire grande nano?)e vi diro' che non mi ha sorpreso nulla,non e' cambiato nieste in questi dieci anni,i protagonisti sono gli stessi che dicono le stesse cose e si comportano sempre nella stessa maniera quasi fossero protagonisti di una telenovela.il tutto e' semplicemente ridicolo,l'unico fuori dal coro,e mi costa ammetterlo,rimane gianfranco fini.

    RispondiElimina
  3. eheheheheh, grande papera! :-))))

    RispondiElimina
  4. Anonimo11:58

    heheheheh grande papera! :-)))))
    pasionaria

    RispondiElimina
  5. Spero che passi su youtube, perchè dopo aver letto il tuo posto e quello di Mod sono davvero incuriosito.
    Solo una cosa: Leporello è simpatico, perchè accostarlo a Vespa?
    Dopotutto neppure il nano è un Don Giovanni

    "Delle vecchie fa conquista
    Pel piacer di porle in lista;
    Sua passion predominante
    È la giovin principiante.

    Non si picca — se sia ricca,
    Se sia brutta, se sia bella;
    Purché porti la gonnella,
    Voi sapete quel che fa."

    e soprattutto dal commendatore le avrebbe prese.

    RispondiElimina
  6. Come spesso mi accade, sottoscrivo ogni tua parola. Sottolineo ancora, ove ve ne fosse
    bisogno, come il cosiddetto padrone di casa, l'insetto, non trovando il coraggio di nulla obiettare all'insulto macho rivolto ad una donna, è sceso a livello di invertebrato.

    Solo con l'intento di chiarire le cose a chi ignorasse l'antefatto indico questo link: http://www.corriere.it/politica/09_ottobre_08/berlusconi-bindi-battibecco-porta-a-porta_828e7274-b3ec-11de-afa2-00144f02aabc.shtml

    Su youtube: http://www.youtube.com/watch?v=5zCNzqdp8_I&feature=player_embedded

    RispondiElimina
  7. a parte i vari "boia chi molla!!"che piu' nostalgici non si puo',l'unico commento degno di nota da parte di un papiminkia e' stato questo:
    "non e' che ora ci tocca di lavorare?"

    RispondiElimina
  8. Voi lo fraintendete sempre, che poi lui deve rettificare il vostro pensiero:
    non era "di che pasta son fatto" ma "di che pasticche mi sono fatto".
    Tutto questo nell'ambito del sostegno a federfarma.

    RispondiElimina
  9. Brava Lame,
    Hai centrato il punto.
    Vespa è una merda, permettere a un nano puttaniere con il didò in testa e il cerone in faccia di offendere una signora è da squallidi.

    Mr Braun

    RispondiElimina
  10. red. cac.16:34

    Beh, definire Rosy Bindi una signora mi pare un po' troppo generoso. A me è parsa, almeno ieri sera, una pescivendola.

    RispondiElimina
  11. @ red. cac
    No, ti sbagli. L'unica pescivendola è la Brambilla, visto che commercia in pesce surgelato.

    RispondiElimina
  12. Adetrax21:03

    Si va bene, comunque mentre Rosy Bindi ha un pelo ampiamente sufficiente (essendo carampana) per ignorare le parole di S.B. e considerarle per quello che sono, forse era opportuno sottolineare l'ennesimo delirio in diretta del personaggio (la sinistra sovversiva e prepotente che prepara un golpe prima della fine dei 5 anni di durata della legislatura, i comunisti, Napolitano è di sinistra e l'ha tradito, i giudici costituzionali sono quasi tutti di sinistra, e bla bla bla) per finire con il gloria nell'alto dei cieli di Casini: nessuno ha chiesto le dimissioni del presidente del consiglio (non sia mai), le elezioni anticipate sono una fantasia irreale, ecc.

    Quello però che è stata agghiacciante è stata la domanda finale di Vespa:

    Vespa: signor presidente, farete la riforma sulla giustizia ?

    S.B. Certamente si perchè c'è n'è molto bisogno !

    Ma cosa si pretende che dica di più, perfino i farisei giunti a questo punto si sarebbero stracciati le vesti e avrebbero detto: ha bestemmiato in pubblico, l'avete sentito tutti !

    Cioè, più chiari di così si muore !

    Il resto è stato uno spettacolo pietoso, con ammiccamenti e accavallamenti a iosa e caciara da mercato come contorno.

    Poi non dite che il problema è solo in S.B. e non negli italiani su cui LUI continua a fare affidamento.

    RispondiElimina
  13. http://silvanascricci.wordpress.com00:05

    Cosa puoi dire, dopo azion sì nera? In casa mia entri furtivamente. A forza d'arte, di giuramenti e di lushinghe arrivi a sedurre il cor mio.
    E quel servo di Vespa pardon Leporello risponde che:
    Madamina, il catalogo è questo
    Delle belle che amò il padron mio;
    un catalogo egli è che ho fatt'io;
    Osservate, leggete con me.
    In Italia seicento e quaranta;
    In Almagna duecento e trentuna;
    Cento in Francia, in Turchia novantuna;
    Ma in Ispagna son già mille e tre.

    RispondiElimina
  14. @ rossoallosso
    per guardare Porta a Porta ci vuole anche il preservativo.

    @ Gio
    Anch'io avevo pensato a Don Giovanni ed ho lanciato l'esca. Pensa come è potente l'evocazione di un nome: Leporello.
    In effetti Don Giovanni la Rosy l'avrebbe corteggiata, non insultata.
    Questo è falso come l'ottone anche come trombeur de femmes.

    @ Adetrax
    fossi in lui non mi fiderei troppo degli italiani. Hanno preso a sprangate Mussolini quando c'è n'è stata l'occasione. Un Piazzale Loreto non si nega a nessuno.

    @ Silvana

    "Ah fuggi il traditor
    non lo lasciar più dir
    il labbro è mentitor
    fallace è il ciglio...

    ;-)

    RispondiElimina
  15. Ha ragione Silvio, che razza di democrazia è questa se il presidente "eletto" dal popolo non può sparare cazzate a raffica?
    Giusta la sua reazione. "Vedrete di che "pista"mi sono fatto!

    RispondiElimina
  16. Sarà che sono bastardo dentro ma il saperlo incazzato nero e perennemente sotto pressione mi da una calma sensazionale. E' un toro ferito che tira cornate a destra, anzi a sinistra, e a manca. Deve continuamente lodarsi, il più grande statista il più perseguitato, deve farlo per convincersi lui per primo.
    Peccato che certa sinistra non sia qua a godere come faccio io.
    E' il principio della sua fine, e lui, in un raro sprazzo di lucidità, se ne rende conto.
    Altra goduria è pensare che sparito lui spariranno anche i capezzone i bondi i cicchito e tanti altri. Anzichè lo sbarramento in percentuale metterei lo sbarramento al qi dei candidati, quelli scemi non possono candidarsi.

    Prim

    RispondiElimina
  17. Aggiungo un augurio:

    Dell'empio che ci trasse al declino estremo,
    qui aspetto la sentenza!

    ;-)

    RispondiElimina
  18. Alphonse Blanqui03:46

    Ciò che ha detto lo Psiconano da Vespa è allucinante, in qualsiasi paese normale la sua stessa maggioranza l'avrebbe sfiduciato in massa. Da segnalare il ripugnante servilismo di un filmato in cui si diceva che il Nano Malefico era uscito da tutti i processi con "assoluzioni e prescrizioni", come se fossero la stessa cosa (e le prescrizioni non se le fosse fabbricate su misura).
    Siamo governati da un miliardario folle, paranoico, eversore, sfascista e psicolabile.

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...