venerdì 2 ottobre 2009

Quella sporca ventina

Ci sono due cose che dovrebbero far incazzare come pantere tutti coloro che sperano sempre nella presenza di un'Opposizione in questo paese e che dovrebbe spingerli a sommergere le sedi dei partiti dell'opposizione, appunto, ma soprattutto del PD, di letame fresco di giornata possibilmente di origine diarroica suina ed asinina, sparato con i cannoni che servono per innevare le piste da sci.

La matematica, da quella zozza bastarda che è, ci dice che oggi, se non fossero mancati 22 deputati dell'opposizione, il decreto contenente la norma vergognosa dello scudo fiscale non sarebbe passato.
Facciamoli i nomi dei bastardi senza gloria che hanno servito l'assist al governo e che invece di fare il loro dovere, come da mandato ricevuto da quei coglioni che li hanno votati, stavano non si cazzo sa dove:

Aurelio Misiti (IDV)
Ileana Argentin, Paola Binetti, Gino Bucchino, Angelo Capodicasa, Enzo Carra (motivi di salute), Lucia Coldurelli, Stefano Esposito, Giuseppe Fioroni, Sergio D'Antoni (che fa sapere di essere ricoverato in ospedale), Antonio Gaglioni, Dario Ginefra, Oriano Giovanelli, Gero Grassi, Antonio La Forgia, Marianna Madia (anche per lei motivi di salute), Margherita Mastromauro, Lapo Pistelli con Linda Lanzillotta e Giovanna Melandri**, (complimenti alle ex ministre), Massimo Pompili, Fabio Porta, Giacomo Portas (PD).
Francesco Bosi, Amedeo Ciccanti, Giuseppe Drago, Mauro Libè, Michele Pisacane, Salvatore Ruggeri UDC).

Questi prendono 13.000 euro al mese e l'unico giorno che è indispensabile la loro presenza per non far passare una sconcezza che offende gli italiani onesti, loro non si presentano.
Alcuni si sono giustificati per malattia. Beh, spero per loro che fossero tutti intubati, in coma farmacologico ed intrasportabili.
Segnatevi questi nomi e portateveli dietro la prossima volta che andate al seggio, non fosse mai che ve li ritroviate in qualche lista.

Secondo motivo per essere incazzati. Il presidente Napolitano ha già detto che firmerà il decreto.
Gli avrà dato almeno una scorsa, una leggiucchiata, si sarà fatto fare un riassuntino lesto lesto del contenuto o firma tutto ciò che gli portano?
Oggi ha dichiarato che ha nostalgia della vecchia politica dove c'erano si gli antagonismi ma c'era più rispetto.
Anch'io ho nostalgia del passato. So per esempio che una merdata come lo scudo fiscale, Sandro Pertini non l'avrebbe mai firmata.

** per la cronaca stavano a Madrid per il PD. Come dire in vacanza.


23 commenti:

  1. Come puoi leggere dal mio blog, ho inviato una mail ai deputati. Oltre allo staff della Melandri, mi hanno risposto personalmente Esposito e Capodicasa. Entrambi fermi per motivi di salute.
    Aver risposto ha dimostrato correttezza.
    Forse, visto già quanto siamo incazzati, il Corriere avrebbe potuto verificare prima...

    RispondiElimina
  2. Adetrax22:00

    Come ho scritto tempo fa, nel PD all'80% "ci fanno" alla grande, per il restante 20% "ci sono" e guarda caso anche quando non capiscono fanno sempre il gioco di questa maggioranza connivente con i poteri criminal-finanziari.

    Che poi, questi trucchetti di esportare all'estero capitali in nero per poi difenderli dalla famelica tassazione governativa grazie allo lo scudo fiscale (e l'alabarda spaziale dove la mettiamo ?) è a dir poco vomitevole in tempi di crisi: alla plebe dal 20% al 40% di tasse mentre ai furbi il 5%.

    Il provvedimento richiama tanto la filosofia dei bonus stratosferici ai manager USA delle aziende decotte, dati con gli aiuti di stato.

    Della serie: io so' io e voi non siete un cazzo.

    Comunque sono contento, finalmente sta venendo a galla quello che percepivo l'anno scorso, ovvero che anche Napolitano è della "banda".

    Diciamo che se fosse un presidente serio dovrebbe rifiutarsi di firmarlo per poi rimandarlo indietro con le opportune osservazioni in modo da dare una seconda possibilità ai malaticci di fare presenza e abbaiare un po' alla maggioranza, così, giusto per salvare le apparenze che tanto la sostanza la conosciamo.

    RispondiElimina
  3. Pertini non avrebbe firmato nemmeno il lodo alfano

    RispondiElimina
  4. Non lo percepiscono come un lavoro.
    Punto.

    RispondiElimina
  5. La Melandri era a fare il trenino da Briatore...

    RispondiElimina
  6. "Anch'io ho nostalgia del passato".
    E se ci fosse stato ancora il PCI questo non sarebbe successo.

    RispondiElimina
  7. dopo un'ottima weissbier rigorosamente tedesca e dopo aver letto questo ed altri documenti ho riflettuto sulla conclusione da trarre da tutto cio' e me ne e' venuta in mente una che forse ci puo' illuminare.
    siamo un gregge di pecore governati da un branco di porci(senza offesa per il porco,nobile animale)il cui capo spirituale non e' altro che la rappresentazione reale dell'animale piu'ignobile, infido,inutile,becero e dannoso del pianeta e cioe' l'uomo.

    RispondiElimina
  8. Anonimo07:50

    Per quel che mi riguarda, non accetto neanche la scusa della malattia: dovevano solo essere in coma.
    Non ci scordiamo la Levi Montalcini, novantenne d'assalto, che quando doveva essere presente lo era e non si e` mai tirata indietro con la scusa della malattia.
    Ma che schifo!
    Il mio voto??? MAI PIU`. Brutti zozzoni!
    Roberta da Sydney

    RispondiElimina
  9. anch'io sono molto incazzato: non perchè non me l'aspettassi (sul PD la penso come Adetrax), ma perchè oltretutto, grazie al meccanismo elettorale che mi impedisce di dare la preferenza a chi mi rappresenta meglio (o di negarla a chi manderei volentieri a zappare), questo personale politico non è posibile selezionarlo dal basso. L'unica sarebbe non votarli, ma ci vorrebbe un'alternativa..

    RispondiElimina
  10. Ammetto sinceramente di provare da sempre una istintiva antipatia nei confronti di Giovanna Melandri, classica figura di signorina ben nata dalla inestirpabile puzzetta sotto il naso, prototipo di quella sinistra vanamente snobbona e supponente che trovo detestabile. Avere assistito ad un paio di dibattiti televisivi in cui la boccheggiante ex ministra ha dimostrato una pochezza da lasciar basiti ha ulteriormente rafforzato le mie convinzioni.
    Detto questo. Che cavolo ci faceva in missione a Madrid? La sua presenza era imprescindibile? L'impegno più importanze di un voto indispensabile a mettere in minoranza il governo - già in difficoltà di suo! - intento ad approvare un condono ripugnante?
    E che dire della Madia col mal di gola? Della Binetti altrove occupata?
    Questi non si rendono conto. Proprio non capiscono.
    Io li ho votati per disperazione, insieme ad un buon numero di altre persone che proprio non trovavano alternative appena accettabili.
    Ma non sono una Papi girl, non ho giurato obbedienza, non sono accecata dal fanatismo.
    Smetterò di votarli. Chè l'unica soddisfazione che ne ho guadagnato è stato un continuo rodimento di fegato.

    RispondiElimina
  11. Adetrax11:54

    Interessanti dichiarazioni del Presidente Napolitano.

    "Non firmare non significa niente". "Nella Costituzione c'è scritto che il Presidente promulga le leggi. Se non firmo oggi il parlamento rivota un'altra volta la stessa legge ed è scritto che a quel punto io sono obbligato a firmare. Questo voi non lo sapete? Se mi dite non firmare, non significa niente".

    Si certo, è noto a tutti quelli che hanno letto la Costituzione che il presidente può rifiutare solo una volta, adducendo delle motivazioni di opportunità, la firma di un provvedimento approvato dal Parlamento, ma visto che risponde in questo modo possono scattare altre domande.

    1) Lei è sicuro che il provvedimento sarà riapprovato dal Parlamento e nella malaugurata ipotesi che lo fosse, che sarà esattamente uguale a come è adesso ?

    2) Se ribadisse la sua sicurezza, perchè ha questa granitica certezza, ha forse delle informazioni, che nessun altro ha su accordi bipartisan in Parlamento ?

    3) Lei è d'accordo sui fini e gli effetti di quel provvedimento ?
    Le sembra perfettamente lecito e legale ?

    4) Come pensa che saranno utilizzati quei soldi, forse per il bene comune (quello dei cittadini non quello dei criminali) o per spingere sull'acceleratore dell'eversione comprando e corrompendo quel poco che ancora rimane ?

    Nel caso volesse rispondere, ci risparmi la predica sul male minore che quelle ascoltate sui rifiuti di Napoli sono state più che sufficienti.

    RispondiElimina
  12. francescoantonio12:51

    vanno al governo e dimenticano il conflitto di interessi, vanno all'opposizione e si ammalano!
    fingono di indignarsi, abbandonano l'aula e, siori e siore, il gioco è fatto.
    viva l'italia (minuscolo), viva la sinistra!
    buffoni!

    RispondiElimina
  13. Ah!

    Per chi non lo sapesse si trattava di un voto di Fiducia....
    Cioè, se 'ste merde fossero state presenti ieri sarebbe caduto il ducetto bitumato. Con tutte le conseguenze del caso.

    E qualcuno parla di scontri sotterranei, di criptomanovre in vista del congresso (mancavano i teodementi) e così via. Per questi signori la gestione del partito (un tempo PCI e ora, alla 5a o 6a iterazione, PD) è non più importante ma l'UNICA ragione di essere e di lottare. Anzi, proprio per questo quando vanno al governo, malgrè-soi, fanno di tutto per uscirne. L'attività di governo li distrae da ciò che interessa loro esclusivamente: gestire una corrente, fare le scarpe ad un apparente alleato, condurre guerricciole dietro le quinte.
    Chi cazzo se ne frega della globalizzazione? Dei diritti umani? Della libertà di stampa (che sta sui coglioni pure a loro)? Del precariato di massa? Della devastazione della scuola pubblica? Di...

    Che se ne andassero a fare in culo

    RispondiElimina
  14. Per una volta che l'opposizione ne fa una giusta ci lamentiamo?
    Non è ancora tempo di ribaltoni e al Pd lo sanno bene. Tocca aspettare il momento giusto

    RispondiElimina
  15. Mozart, come è possibile che si sia arrivati all'eventualità di un voto di fiducia con esito nefasto per il nanetto? Data la sua schiacciante maggioranza non mi pare possibile ...
    Dov'erano i suoi?

    RispondiElimina
  16. Interessante l'ipotesi di Rouge (che ho letto più ampiamente sul suo blog). Ciononostante, Lame cara, condivido la tua incazzatura e non sono mai stata così felice di non averli, alla fine, votati.

    RispondiElimina
  17. Due considerazioni. Non per scusare i deputati assenti, che per una votazione importante (e anche per le altre) lì devono stare, a votare, e non a Madrid o a Occhiobello TV.
    Prima: 22 deputati non sembra un numero enorme, si sono viste votazioni con tre che dormono e due che leggono il giornale in mezzo all’aula vuota. L’assenza dei 22 è diventata cruciale dopo, con il senno di poi, quando si è saputo dell’occasione mancata. I 22 lo sapevano prima?, il PD lo sapeva prima che avrebbe avuto la maggioranza proprio su un voto di fiducia?
    Seconda: se l’opposizione al completo avrebbe avuto la maggioranza vuol dire che il PDL in aula proprio non c’era: se ben ricordo hanno un vantaggio di circa 60 unità, e allora cosa vuol dire questo? È più importante l’assenza dei 22 o quella del PDL?, i pidiellini si giocavano la fiducia, cioè se rimanere Deputati della Repubblica, e starsene tranquilli sulla poltrona, o far cadere il Governo in un momento in cui il loro leader ha qualche problemuccio.
    Cos’era questa assenza massiccia del PDL, assenza o assist? E se il PD sapeva che era un assist, perché non lo hanno voluto?, per le solite questioni interne delicate, che delicate lo sono sempre state negli ultimi 15 anni, o perché di certo non pronti ad elezioni anticipate?
    Insomma, vien da chiedersi ancora una volta: ci teniamo Berlusconi per i soliti giochicchi interni della sinistra?, oppure perché il PD è la bella addormentata?

    RispondiElimina
  18. Adetrax23:19

    @Rouge

    Ma si, in fondo D'Alema si era sbagliato come sempre quando qualche mese fa aveva predetto che a settembre-ottobre ci sarebbe stato un "ribaltone" per il governo in carica.

    Il momento buono sarà a fine legislatura berlusconiana e forse anche allora ci saranno dubbi, anzi grossi dubbi.


    @Salazar

    ci teniamo Berlusconi per i soliti giochicchi interni della sinistra?, oppure perché il PD è la bella addormentata?

    Per tutti e due i motivi + altri che non si possono dire (e che non si possono conoscere).

    RispondiElimina
  19. A proposito di rimpiangere il passato... s'è perso anche lo stampo di quei vecchi capigruppo comunisti che, quando serviva, il parlamentare lo andavano anche a prendere con le buone o con le cattive.
    Silvana

    RispondiElimina
  20. Non avevo letto Rouge quando ho scritto la cosa qui sopra, bellezza della moderazione.
    Concordo con Rouge in tutto meno che nella cosa più importante: “non è il momento per far cadere il Governo, il PD ha fatto bene a non cadere nella trappola di Fini.”
    Ma quando arriverà questo momento?, se si aspetta il momento perfetto per fare mai si farà nulla. E allora prendiamo quello che arriva e amen, se ci saranno problemi enormi va bene, vuol dire che si avrà a che fare con dei problemi enormi. Se si cade nella trappola di Fini va bene, cadiamoci in questa trappola e vediamo un po’ com’è fatta, questa trappola: la cosa più importante è togliere Berlusconi da dov’è, quello è il problema enorme, il padre di tutti i problemi.
    Una destra al governo che fa la desta al governo a me andrebbe benissimo, al posto di papi mi andrebbe benissimo qualunque cosa, tanto di peggio non può esistere.
    Il PD perderebbe consensi con una destra seria al Governo? E a me che m’importa?, si diano da fare.
    Infine: Occhiobello è RO, e non TV.

    RispondiElimina
  21. @ sam
    avranno un risponditore automatico?
    ;-)

    @ Adetrax
    No, invece ha detto che firma, tanto anche se lo rimanda indietro loro glielo riportano. Facciamo così, perchè non gli fanno firmare una risma di fogli in bianco, compreso quello che servirà alle sue dimissioni?

    @ rossoallosso
    bella immagine!

    @ Bea
    sulla Melandri mi trovi perfettamente d'accordo e anche sul resto.

    @ mozart2006
    sottoscrivo tutto ma soprattutto la frase finale.

    @ anonimo
    ANONIMI, PERLAMATRIOSKA, FIRMATEVI CON UN NOME!!!! ALTRIMENTI VI CANCELLO!!!!

    @ Aaaah Rouge, e che dobbiamo aspettare, che la Commare Secca faccia il suo sporco lavoro su uno di 99,9 anni?

    @ Rita
    ciao carissima, mi arrabbio perchè ogni volta questi tradiscono il mandato. Se l'unica opposizione è Di Pietro ce lo siamo meritati.

    @ Salazar
    non ci crederai ma ieri ero proprio ad Occhiobello (RO)! ;-)

    Condivido l'analisi.

    RispondiElimina
  22. se fosse vera la teoria del ribaltone,miseramente fallito,avremmo potuto avere un'altra possibilita'se napolitano non avesse firmatola legge per rimandarla alle camere ma purtroppo dobbiamo accettare la realta'cosi come'.lo so che e' difficile da accettare ma il pd oramai e' recidivo per pensare ad un errore o ad una strategia politica che non sia di spalla berlusconiana.il risultato di questa manovra agli occhi degli elettori e' che berlusca e' ancora li e ne esce vincitore,hanno votato una legge che e' un'ennesima porcata,il napolitano e' un ponzio pilato(era comunista ponzio pilato?),la sinistra "moderata", quella parlamentare,continua a perdere consensi.questa e' una realta' che dura ormai da un ventennio circa,quando sara' il momento giusto per un cambiamento?
    uno tsunami elettorale non avverra' mai,non resta che aspettarne uno reale,che come prospettiva la preferisco ad un ennesimo governo di nani,ballerine,puttanieri,voltagabbana,mafiosi,ladri,drogati,lisergici secessionisti.....................

    RispondiElimina
  23. Sono incazzatissima anch'io da tanto tempo e tutte le volte che penso che la maggioranza di noi deve puntarsi la sveglia tutte le mattine per andare a lavorare (e non per 13 mila euro, ma per molto molto molto di meno) lo sono ancora di più ... Scusatemi per il commento terra-terra

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...