sabato 21 novembre 2009

Cristianacci

E' finita una settimana che mi ha lasciato zero tempo per informarmi e scrivere ma solo una stanchezza mortale a causa di una mole eccezionale di lavoro.
Se devo scegliere la notizia che mi ha comunque colpito, tra le tante e drammatiche carpite durante la frettolosa lettura mattutina dei giornali online, scelgo quella che riguarda la cosiddetta "Operazione White Christmas". Bing Crosby e le canzoncine natalizie non c'entrano. Questo è un problema di infestazione da malapianta padana.
Ma andiamo per ordine.

Premetto che considero quelli che vorrebbero togliere i crocifissi dai muri dei dannosi rompicoglioni che, con le loro fisime, ottengono solo il risultato di scatenare il peggior baciapilismo militante.
Di solito il crocifisso è piazzato lassù, dove l'occhio non arriva a meno che tu non stia attendendo il tuo turno dal medico e stia facendo di tutto, anche di inutile, per passare il tempo, compreso scandagliare ogni centimetro quadrato della stanza. Toh, che bel crocifisso.
Il crocifisso non è un problema, tranne che per coloro che hanno dei problemi. Soprattutto il problema di notare qualcosa che dovrebbe normalmente passare inosservato, come parte integrante dei muri dei luoghi pubblici, come le prese della corrente e le scatolette del cronotermostato. Quando un oggetto è incastonato del frame di un ambiente non dovremmo notarlo più, normalmente, tantomeno farcene turbare. Se poi qualcuno, durante un esame importante a scuola o attendendo un responso medico potenzialmente grave nel corridoio di un ospedale, si sentisse sollevato dalla presenza dell'omino inchiodato alla croce, che male ne verrebbe alla collettività?

Non penso inoltre che la sua presenza possa disturbare le persone non credenti oppure appartenenti ad altre religioni. Chi è ateo considererà quella cosa appesa al muro un puro ornamento ligneo o lo ignorerà, aiutato in ciò dal meccanismo percettivo dell'abituazione. Idem per coloro che hanno la fortuna di appartenere a religioni che non prevedono la rappresentazione iconica della divinità.
Si potrebbe dire, tanto per esercitare gli addominali della dialettica, che la presenza del crocifisso nei luoghi pubblici è un epifenomeno dell'abuso di posizione dominante del cattolicesimo sulle altre religioni ma anche detto ciò e registrato il dato di fatto, la cosa migliore è convincersi che il crocifisso non è un problema. Il vero guaio sono i cristianacci e, con ciò, vengo alla notizia sul "White Christmas".

Cosa si sono inventati gli abitanti di un paesello nel bresciano che fa rima con boccaglio? Un simpatico gioco di ruolo: si mandano i vigili di casa in casa alla ricerca di immigrati irregolari e, trovatili, li si caccia. Almeno, si dice alla popolazione boccalona - o boccagliona, che l'amministrazione legaiola ha "cacciato i clandestini". In pratica non lo farà perchè non è così semplice applicare un decreto di esplusione ma che importa, dal nano hanno imparato a spararle grosse, tanto i loro seguaci di grana grossa si fanno impressionare con poco.
La cosa che ha scandalizzato di più di questa iniziativa è il fatto che si sia pensato al 25 dicembre come data di termine dell'operazione e soprattutto la motivazione addotta dal suo ideatore, l’assessore leghista alla Sicurezza, Claudio Abiendi:
"Per me il Natale non è la festa dell’accoglienza, ma della tradizione cristiana, della nostra identità".
"Per me", quindi è un suo parere personale, con il quale, se permette, ci puliamo le terga. Di quale cazzo di identità poi stia parlando il mistero permane. Da quelle parti, tra Visigoti, Ostrogoti, Austroungarici, Germani ed altri popoli de paranza che hanno inseminato le loro ave volenti o nolenti, di purezza della razza ce n'è ben poca. Di ignoranza e meschinità d'animo, tanta.

Intermezzo musicale con una morale.
La diversità spaventa perchè attrae. Soprattutto sessualmente. "Hair" nella versione cinematografica di Milos Forman del 1979. Trent'anni fa eravamo più avanti. Stiamo andando all'indietro, per caso?



Torniamo ai nostri cristianacci leghisti.
Dispiace essere d'accordo con le alte gerarchie vaticane ma il cristianesimo è accoglienza. Punto.
La delazione, la denuncia, il comportarsi da STRONZI, non fa parte del cristianesimo. Forse del paganesimo druidico celtico, che ne so. Ma non chiamatevi cristiani, per dio.

Già il Natale è una festa che ha rimasto ben poco del suo significato religioso tra palle luccicanti, pandori intrisi di creme sempre più inquietanti, renne, babbinatale, consumismo sfrenato e un accidente che li fulmini; non peggioriamo le cose con iniziative che sono pure bestemmie sparate verso le divine orecchie del Padreterno in 5+1 con il surround.

Cari cristianacci, ha ragione Fini. Quest'anno, vabbé, premiate pure la Berlusconcina junior con l'Ambrogino, che se l'è tanto meritato, pora nana, ma poi cambiate nome al vostro prezioso premio. Non faccio distinzione tra milanesi, bergamaschi, bresciani, varesotti. Non sono razzista, per me siete tutti uguali. Dal prossimo anno e sotto Natale un bello "Stronzolino D'Oro" per tutti. Ad honorem.

17 commenti:

  1. Sul crocifisso: certo non fa male a noi che siamo abituati. Siamo gente abituata al trucchetto dell'8 per mille, allo sfrangiamento della Costituzione per pagare le scuole private, alle mille esenzioni che ricordano quotidianamente alla Chiesa cattolica chi comanda in Italia.
    Ma sinceramente, credo possa invece infastidire chi, per esempio, i Valdesi sono stati discriminati (e pure accoppati, dalle mie parti) per mano dei cattolici. Loro, per esempio, non si riconoscono in una scuola che espone la prepotenza di una confessione. Leggi il comunicato della Pastora a seguito della famosa sentenza. Non cito poi neppure i musulmani o il fatto che il crocifisso sia bello appeso nelle aule giudiziarie. Non tutti sono arrivati all'assuefazione come noi. C'è anche chi arriva oggi e quell'omino e quell'ora di religione (tutte le cose sono legate) non sono proprio il simbolo di un paese laico. Inoltre: in europa a chi si raccomandano gli studenti e i pazienti, Lame?
    Ma qui chiudo: pure tra noi, su questi temi, si aprono mille fronti. Sinceramente, la laicità passa anche attraverso questi simboli. PS Di certo anche quando è caduta l'Apartheid, molti bianchi si sono sollevati... Lo stessa impopolarità sotterranea deve essere avvenuta col suffragio universale in un paese dove la legge sullo stupro bla bla lo sai meglio di me. Ma Lame, non ci si può fermare sui diritti e sulla giustizia, per paura che poi questi cani si sollevano. E lasciali fare. Nel caso specifico, già se li sono dimenticati i crocifissi e i tanti cattolici stanno tornando come al solito dalle loro puttane.

    RispondiElimina
  2. Anonimo14:10

    Mai generalizzare. Sono bresciano di nascita non come razza, la razza non esiste e men che meno esisterà in futuro se non altro per un fattore di mescolanza dovuto non solo alle immigrazioni ma alla possibilità di spostamento e mischiamento. Mai generalizzare dicevo, ci scordiamo sempre, tutti, che quando si parla di bresciani bergamaschi milanesi ecc... buona parte di questi, in alcuni casi la maggioranza, non è nè bigotta nè razzista nè stronza nè avida. Se poi vogliamo vedere l'aspetto legato al voto e fare una analisi questa è altra cosa ben più complessa. Le dinamiche sono legate alla incapacità della sinistra di rispondere alle esigenze e alla emarginazione della classe operaia e media. Poi volendo guardare un pò razzisti lo sono tutti gli italiani. So perfettamente che non intendevi fare un discorso qualunquistico e generalizzato. Lo so. Riconosco le tue capacità e la tua onesta intellettuale. Volevo solo precisare perchè sono stufo di dovermi vergognare come italiano prima e come "padano" poi.
    Condivido le tue considerazioni anche se riguardo al crocifisso non mi disturba ma rappresenta l'ipocrisia di questo paese e sarebbe un bene toglierlo.

    Prim

    RispondiElimina
  3. Adetrax14:28

    Per me il Natale non è la festa dell’accoglienza, ma della tradizione cristiana, della nostra identità.

    Con riferimento alla prima foto, ricordiamo che finalmente anche in Italia è possibile iscriversi liberamente alla sezione italiana del Ku Klux Klan (il quale non ha mancato di fare un esplicito e cortese invito a tutti i bravi cristiani).

    Eh si, perchè il diavoletto piramidale ama usare parole e simboli cristiani, travestirsi in modo da coinvolgere i finti "bravi cristiani".

    Bianco Natal ... a cantarla così sembra incompatibile con il termine di negher ...

    Ammettiamolo, qui il senso dell'umorismo non manca ;-)

    Però se uno è clandestino e non si sa con quali mezzi possa vivere ... bisogna applicare la legge, giusto ?

    Dopotutto sono stati i comunisti che hanno favorito l'ingresso indiscriminato di queste genti in luoghi già ultra-densamente popolati (o sarà stato anche Silvio ?).

    D'Alema non girava sempre per il nord-Africa e Prodi non ha fatto discorsi d'invito alla collaborazione alle scolaresche Egiziane ?

    Oops, ma questo, in Algeria, in Libia e forse anche in Marocco, l'ha fatto anche Silvio ...

    Che tremendo disguido di intenti !

    Da quelle parti, tra Visigoti, Ostrogoti, Austroungarici, Germani ed altri popoli de paranza che hanno inseminato le loro ave volenti o nolenti, di purezza della razza ce n'è ben poca.

    Non bisogna dimenticare che ci sono anche discendenti dei semi-barbari che si sono poi insaccati nel sud Italia, cui si è aggiunta la nefastissima dominazione spagnola da parte di individui che non erano esattamente nordici, anzi tutto il contrario, senza dimenticare l'importazione secolare di immigrati di varia provenienza dal sud Italia.

    Quindi concordo, di purezza ce n'è ben poca e i risultati si vedono perchè per la legge del menga si abbraccia sempre il comportamento peggiore.

    La diversità spaventa perchè attrae. Soprattutto sessualmente. "Hair".

    Ah, ah, ah, questo, ma soprattutto il filmato "Hair", è un altro infinocchiamento dei vertici piramidali che hanno tutto l'interesse a eliminare qualsiasi attrito sociale e culturale (salvo quando un bel bagno di sangue serve a riaffermare i principi a loro utili); tutti uguali, donne incluse, così nessuno potrà obiettare alcunchè nel trattamento sodomizzante che il futuro ci riserverà.

    Cioè, non è che si stanno "smazzando" per pura bontà a spargere / ventilare ossessivamente i loro "prodotti" mediatici.

    Ma si, il messaggio è chiaro: mescolatevi e non rompete più le palle.

    E invece questi fascio-leghisti che fanno ?

    Tutto il contrario, senza contare che sotto sotto, per loro, certi "negher" sono meglio di certi non precisati italiani (ma non lo confesseranno mai).

    Vuoi vedere che con queste manie autarchiche cominciano a non piacere anche all'UE ?

    Il trucco però sta nel capire che non tutti i "negher" sono uguali; cioè non è mica un caso che nel passato colonialista si sia andati nel corno d'Africa e soprattutto nelle terre della regina di Saba e del prete Gianni, quindi un po' d'esperienza pregressa c'è.

    Ma si, diciamolo, Fini si sta arruffianando gli immigrati ... che non sia mai che se li piglino i comunisti.

    Da cosa si capisce ? Dal fatto di aver usato il termine stronzo/i.

    Ma poi chi ha fatto le sanatorie più consistenti per la regolarizzazione degli immigrati e quante ancora sono pendenti ?

    In tempi di vacche semi-grasse si fa come le tre scimmiette, quando arrivano quelle magre, per preservare l'economia terra-terra, si applicano le "grida spagnole".

    Ma poi ci rendiamo conto che tutto questo succede perchè hanno fatto di tutto per velocizzare di centinaia di volte i movimenti immigratori ed emigratori ?

    RispondiElimina
  4. Adetrax14:41

    ... continuazione.

    Battute a parte, la conclusione è molto semplice.

    1) L'Italia potrebbe essere un paese a rischio di fallimento per le mentalità deteriori che non sono più contrastate da decenni e che sono quindi dilagate.

    2) Spesso si vuol far passare per razzismo anche quello che, giuridicamente parlando, non è.

    Concordo quindi in pieno sul fatto che l'abominio è applicare la legge solo quando fa comodo: o si decide di non applicarla mai o la si applica sempre, patti chiari, amicizia lunga.

    Applicarla alla lettera quando il momento è grave è pura vigliaccheria.

    --

    Ora però parliamo anche di altri fattori, ovvero delle Densità abitative e in particolare di questa mappa in relazione alle risorse di un territorio.

    Come si può notare, ci sono dei punti caldi (hot spot) altamente sospetti.

    Ogniqualvolta le risorse di un territorio scarseggiano, se si insiste troppo con la densità abitativa, il disastro è sempre dietro l'angolo.

    Vogliamo capire che un po' di terra bisognerà continuare a coltivarla e che le forzature economiche conducono solo agli sfaceli tipo gli U.S.A. ?

    In ogni caso, anche se non sembra, in Africa ci sono 1 miliardo di persone, in India 1.1 miliardi in Cina 1.3 miliardi (e si sono molto contenuti).

    Densità abitative (abitanti/km2).
    -----------------
    HONG KONG: 6055 ab./km2.
    STRISCIA DI GAZA: 4118 ab./km2.
    MALTA: 1297 ab./km2
    BANGLADESH: 1064 ab./km2.
    INDIA: 349 ab./km2.
    GIAPPONE: 337 ab./km2
    HAITI: 293 ab./km2
    ITALIA: 200 ab./km2
    -- Coccaglio: 640 ab./km2
    -- Milano: 7084 ab./km2
    -- Napoli: 8207 ab./km2

    CINA: 137 ab. / km.
    U.S.A.: 31 ab./km2.
    AUSTRALIA 2.8 ab./km2.

    ------
    AFRICA: 31 ab./km2.
    ------
    NIGERIA; 147 ab./km2 (media di 9 figli x famiglia come disse Valeria Marini)
    SENEGAL: 52 ab./km2.
    MAURITANIA: 2.6 ab./km2.
    MAROCCO: 70 ab./km2
    ALGERIA: 13.3 ab./km2.
    LIBIA: 4 ab./km2.
    EGITTO: 77 ab./km2
    SUDAN: 15 ab./km2
    UGANDA: 105 ab./km2.
    RUANDA: 281 ab./km2
    SUDAFRICA: 39 ab./km2
    ecc.

    RispondiElimina
  5. se non ricordo male, nella data del 25 dicembre (data comunque di origine pagana) si celebra anche, per i cristiani, la festa di quella povera famiglia in attesa di pupo cacciato via da case e alberhi, appunto la sagra dell'intolleranza. Direi che siamo in tema. Questa news dell'operazione bianco natal me la ero persa. Comincio a fondere le statuette per gli stronzolini d'oro. Ne serviranno parecchi temo

    RispondiElimina
  6. Bentornata, ci mancavi.
    Ti ritroviamo in gran forma: sottoscrivo ogni singola parola.

    Il video però non si vede. O almeno, io non lo vedo.

    All'assessore legaiolo non passa per la mente che Maria e Giuseppe arrivarono da stranieri, che dovettero accontentarsi di una grotta perchè anche loro avevano incontrato leghisti sul proprio cammino.

    Si dimostra dunque che leghisti non si nasce ma lo si diventa abiezione dopo abiezione.

    RispondiElimina
  7. tjorven18:05

    Beh, volevo fare un commentino ma "Prim" ha già messo le cose in chiaro... Dico solo che non me la sento di gettare la croce addosso ai leghisti, loro interpretano perfettamente gli umori dei loro elettori, magari lo facesse in minima parte la sinistra invece di parlare del sesso degli angeli... Poi che abbia ragione Fini mi sembra un'uscita alla Dalema: sbagliatissima Fini per chi se lo ricorda con l'impermeabile di pelle ha torto a prescindere e la sinistra che alza la codina alle sue esternazioni strampalate e imbarazzanti è destinata a stabilizzarsi sul 25% che si merita

    RispondiElimina
  8. Lameduck dice
    "Se devo scegliere la notizia che mi ha comunque colpito, scelgo quella che riguarda il Bianco Natale.

    Dici che non hai avuto tempo per il troppo lavoro e scegli una notiziuola folkloristica pressocchè sconosciuta? mmmhhh non ce la racconti!

    Che strano che non ti sia saltato all'occhio il giallo con scia di morti (Brenda, Capasso) legato al mondo della droga che ruota attorno a Marrazzo che, forse nel timore di fare la stessa fine si è rintanato tra frati e preti.
    (Che sia questa la ragione della tua inaspettata indulgenza sui crocifissi tanto deprecati nella sinistra anti?)
    Che madornali sviste per una femminista di punta!

    Sinceramente, chi vuoi che se ne freghi di quel che fa il sindaco druido di un paesino padano.
    Sai quanto flolklore si fa nei paesini in mano alle sinistre progressiste e alle destre reazionarie in giro per l'Italia?

    RispondiElimina
  9. Ciao, mi chiamo Guido Mastrobuono e sono un cacciatore di articoli per un concorso che si chiama “Concorso Permanente di Parole ed Immagini” e mette a confronto articoli che stimolino una discussione in ambito filosofico, sociale o politico (vedi l’indirizzo http://lavoristi.ning.com/profiles/blogs/concorso-permanente-di-parole ).

    A mio avviso, questo articolo arricchirebbe il nostro concorso e volevo suggerirti di inserirlo.

    Il concorso, in realtà, è una scusa per convincere la gente a metterci a disposizione spunti per la discussione. Noi poi ne parliamo e ci creiamo un’idea nostra sui più svariati argomenti.
    Infatti, la concorrenza tra autori non è una cosa che ci appartiene: noi creiamo nella collaborazione. E dal confronto con gli altri, noi aumentiamo il nostro sapere.
    Comunque la pubblicazione offerta in premio ai vincenti è vera ed effettiva.

    Se lo vorrai, potrai tranquillamente inserire, al piede degli articoli un link al tuo blog cosa che lo renderà più noto e facilmente raggiungibile.

    Un saluto

    Guido Mastrobuono

    RispondiElimina
  10. Adetrax20:08

    Per supportare ulteriormente quello che ha detto Prim e sul fatto che effettivamente i leghisti usano al massimo la parola "abbronzata", basta ricordarsi di Lubamba o di questo sindaco leghista tutto law and order.

    Si ribadisce comunque che il nome e il momento dell'operazione White Christmas sono alquanto infelici (ci deve essere qualche problema di scolarizzazione primaria).

    RispondiElimina
  11. @ sam
    tolleranza, secondo me, è anche rispettare la presenza di un crocifisso appeso ad un muro. Non te lo fanno baciare, sta lì. La laicità è un'altra cosa.

    @ Prim
    lo so che esistono varesotti completamente alieni alle logiche leghiste. Purtroppo non si fanno sentire quando i loro colleghi se ne escono con le bravate delle ronde, del controllo del vicinato e del Natale come inno alla pulizia etnica. Almeno, sui media il loro grido di dolore non arriva.
    Anche qui in Romagna ci sono razzisti, ma certo. Non è un problema solo lombardo.

    @ Paz83
    Basta anche del volgarissimo stagno.

    @ albigin
    Penso che nel presepe quest'anno ci sarà anche il vigile che controlla il permesso di soggiorno della Madonna. A San Gregorio Armeno ci stanno già lavorando, vero guaglio'?

    @ tjorven
    ma certo. Se gli umori degli elettori prevedessero la decapitazione in piazza previa tortura, i leghisti "interpreterebbero". A me pare una logica perversa e idiota.

    @ g
    mi ricordi tanto uno stronzo che ho già allontanato dal mio blog.
    Commento stupido e fuori tema come al solito. Bocciato.

    @ guido
    grazie di nuovo ma io scrivo sotto pseudonimo, quindi non posso partecipare alla tua iniziativa come da regolamento.

    RispondiElimina
  12. sarei curioso di sapere tra quanti di questi che si defiscono cristiani e che si battono per il crocefisso nei luoghi pubblici o per il natale come sinonimo di purezza non solo religiosa ma addirittura razziale, siano mai stati in chiesa.
    di ipocrisia e' infarcito il cristianesimo,in nome di gesu' son stati fatti tanti e tali danni che al confronto i leghisti sono degli angioletti imberbi, per cui io non mi scandalizzo piu' di tanto nel vedere come viene usato questo simbolo per mera propaganda politica e non mi meraviglio nemmeno che il vaticano si sia limtato ad un pacato richiamo verbale invece di pretendere a gran voce pubblica ammenda. tutto questo coferma l'ambiguita' e l'ipocrisia che regnano sovrani nel cristianesimo

    RispondiElimina
  13. ermes10:29

    "tolleranza, secondo me, è anche rispettare la presenza di un crocifisso appeso ad un muro. Non te lo fanno baciare, sta lì."

    Ma siamo impazziti? Questa è cecità mentale.
    E' il classico simbolo dell'intolleranza, non solo storica, e tu ce lo propini come campione da rispettare?
    Non te lo fanno baciare, sta lì? Ma che vuol dire che si può appendere tutto nei locali pubblici purchè non ce lo facciano baciare?

    RispondiElimina
  14. @ g: Sinceramente, chi vuoi che se ne freghi di quel che fa il sindaco druido di un paesino padano.

    Sinceramente, a me frega.

    RispondiElimina
  15. questo si e' incazzato perche' il crocefisso faceva i compiti agli studenti. ;-)
    Docente getta crocifisso in cestino
    Aperto iter disciplinare per professore in una scuola di Lecco.
    ANSA) - LECCO, 23 NOV - Un professore di un istituto tecnico di Lecco ha staccato il crocifisso appeso al muro e lo ha buttato nel cestino. Il fatto e' avvenuto al termine di una discussione tra il docente e i suoi studenti. Alla fine dell'ora, il professore li ha lasciati uscire dall'aula e poi, evidentemente in un momento di rabbia, si e' lasciato andare al gesto. Altri docenti lo hanno visto e hanno segnalato il caso al preside. Il provveditore ha aperto un provvedimento disciplinare.

    RispondiElimina
  16. a me non danno fastidio i simboli, ma la religione usata e illustrata dove non c'entra niente, rimuovere i crocifissi da luoghi pubblici vorrebbe dire aver capito dentro che ognuno può credere in ciò che vuole, comunque me ne frego tanto manco li vedo ad esempio nei tribunali o negli ospedali, dove massacrano la gente, poi chiedono perdono a qualche prete.
    a me da fastidio però il razzismo, l'ipocrisia che guarda caso si nasconde dietro a coloro che dicono di essere cristiani e, come dice chiara che mi precede, a me frega molto invece quello che fa un sindaco, sia padano che di grosseto (quello che ha messo le multe a chi toglie il crocifisso).
    togliendo i simboli secondo me si potrebbe ottenere maggior responsabilità personale da parte chi comanda, senza ogni volta dar la scusa a qualche religione (per le quali esistono i luoghi adatti, ..idem vale per i razzisti)

    RispondiElimina
  17. Sono quelli che Gad Lerner acutamente chiama Gli "atei devoti"

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...