sabato 7 novembre 2009

A domanda, il Berlusconi Silvio risponde

Berlusconi non risponde a Repubblica, non risponde al Parlamento, che comprende anche gli sciagurati che l'hanno votato ma si affida ancora una volta al suo fedele maggiordomo.
In occasione nell'ennesimo costoso (20 euri) ed inutile libro che il padrone generosamente gli pubblica come premio fedeltà, un'operina un sacco cicisbea intitolata "Donne di cuori" che pare il remake dei libri di Roberto Gervaso sulle Tope Illustri, Mr. Wasp porge al Sire, abilmente purgate dei contenuti più imbarazzanti e mondate di ogni possibile spiacevolezza per Sua Grazia, le famose dieci domande le risposte alle quali attendiamo ormai da tempo immemorabile. Roba sulle sue frequentazioni di pulzelle, di donnine allegre ed uso improprio di sedi istituzionali a fini ludico-sessuali.

Un'operazione in fondo pietosa, alla pari di quella di Max, il maggiordomo-primo-marito di Norma Desmond, che confessa a William Holden di essere lui a scrivere le lettere degli ammiratori che la diva in declino e ormai fuori come un cocomero ancora riceve, illudendosi di essere ancora l'idolo delle folle di un tempo. "Non li guarderei troppo da vicino, quei francobolli".

Ecco, non le guarderei troppo da vicino quelle domande.
Naturalmente è la sagra della negazione. Non ha mai detto, non ha mai fatto e non ha mai saputo.
Tarantini, ad esempio, si è intrufolato a tradimento con "due amiche" ad una festa del fan club "Meno male che Silvio c'è" a Palazzo Grazioli e lui se ne è ritrovata una, non si sa come, nel letto. Meglio una escort che una testa di cavallo, comunque.

Riguardo alle chiappe ministeriali chiacchierate:
"Ho proposto incarichi di responsabilità soltanto a donne con un profilo morale, intellettuale, culturale e professionale di alto livello". Verrebbe da pensare a Rita Levi Montalcini, come minimo, e invece si parla della Carfagna e della Brambilla.

Mai avuto relazioni con Noemi. Ok. Strano che non abbia sguinzagliato i Ghedini armati di querele contro una squinzia qualunque che lo chiama confidenzialmente Papi e millanta una fin troppo intima e lunga amicizia con lui.
Infine, su quale sia il suo attuale stato di salute, dopo che sua moglie aveva detto: "mio marito non sta bene", lo sventurato risponde:
"A questa domanda rispondono i fatti. Da quella data a oggi le mie condizioni di salute, a parte un fastidioso torcicollo ormai debellato e la scarlattina che ho avuto a fine ottobre, sono infatti quelle che mi hanno permesso di proseguire e completare sedici mesi di fittissimi impegni che per brevità così riassumo: 170 incontri internazionali, 25 vertici multilaterali, 9 vertici bilaterali, 80 conferenze stampa, 66 consigli dei ministri, 91 interventi e discorsi pubblici a braccio."
Dimentica di annoverare, tra un vertice e l'altro, le fittissime trombate. E, soprattutto, dimentica di specificare quali di quegli impegni siano stati cancellati a causa di "improvvisi impedimenti", come è stato a suo tempo denunciato.
In fondo, ciò che ci interessa non è se tromba o non tromba (e chi se ne strafrega, anzi più Cialis prende, meglio è) ma se tromba al posto di governare.

A proposito, pare che il lancio di agenzia con il quale Veronica annunciò il proprio divorzio contenesse un'espressione piuttosto colorita riferita al marito e che l'Ansa censurò. Secondo il "Fatto quotidiano", la parola sarebbe "MAIALE".
"Cosa avrei fatto se non fossi stato ammalato?", conclude Silvio Desmond nell'intervista a Mr. Wasp.
Esimio presidente, non oso neppure immaginarlo.

9 commenti:

  1. Adetrax22:33

    Mai avuto relazioni con Noemi. Ok. Strano che non abbia sguinzagliato i Ghedini armati di querele contro una squinzia qualunque che lo chiama confidenzialmente Papi e millanta una fin troppo intima e lunga amicizia con lui.

    Dopo l'incontro con il drago rosso ora a Noemi piace mascherarsi da "diavoletta" (rif. discoteca ad Halloween), quindi che dire, non è che dopo tutta questa sintonia si possono azzuffare.

    Ma si, fra qualche anno Noemi si vestirà come la Ventura nella pubblicità per la Citroen Saxo (un plauso agli acuti pubblicitari che hanno escogitato il nome).

    A proposito, pare che il lancio di agenzia con il quale Veronica annunciò il proprio divorzio contenesse un'espressione piuttosto colorita riferita al marito e che l'Ansa censurò. Secondo il "Fatto quotidiano", la parola sarebbe "MAIALE".

    Capirai che parolone ... ma la distanza fra pollice e indice mostrata da Veronica nella foto del relativo collegamento non sarà per caso la lunghezza reale dell'attrezzino ?

    Certo che queste veline ingrate ... non risparmiano i colpi bassi ;-)

    RispondiElimina
  2. Ma la nuova peste bubbonica annunciata dai TG, non si potrebbe chiamarla Influenza Berluscona?

    RispondiElimina
  3. in questo periodo uso spesso un aforisma che piaceva molto a Indro Montanelli (mai troppo rimpianto):«La servitù, in molti casi, non è una violenza dei padroni, ma una tentazione dei servi.» mi sembra che calzi a pennello per il nostro Bruno Vespa

    RispondiElimina
  4. Amadiro00:14

    Ha preferito rispondere a Vespa anzichè a Republica... del resto lo ha sempre detto che i giornalisti non li sopporta.

    RispondiElimina
  5. Cara amica Lameduck,

    confesso che a me i libri di Vespa piacciono. Credo che sei un po' troppo severa nei suoi confronti.

    Comunque prima di dare giudizi in merito voglio leggere questo libro, anche se dubito
    che Silvio abbia risposto alle fatidiche domande.

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  6. sapevo delle mosche,ma non avevo idea che anche le vespe amassero abbracciare le merde.

    RispondiElimina
  7. @ adetrax
    si, diavoletta smutandata.
    Veronica è una grande. E' andata in vacanza con il suo ganzo e ha mandato il conto (500.000 euro) a Silviuccio bello.

    @ mozart2006
    sempre meno letale però del Morbo di Minzolini che si trasmette attraverso lo schermo tv.

    @ kempest
    quoto

    @ davide
    leggere i libri di Vespa? Piuttosto Moccia.

    RispondiElimina
  8. steve22:40

    lameduck dice:
    E' andata in vacanza con il suo ganzo e ha mandato il conto (500.000 euro) a Silviuccio bello.

    Capirai che gioia per tutti noi. Fatte le debite proporzioni equivalgono ai nostri 5 euro, forse meno. E tu ci godi? Beata te!

    RispondiElimina
  9. @ steve
    zero ironia, eh?

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...