venerdì 22 gennaio 2010

Dipietrologie

Se dico che il rapimento di Aldo Moro fu gestito dalla CIA che aveva infiltrato le B.R. attraverso Mario Moretti e che Moro doveva comunque morire perchè aveva osato portare i comunisti al governo, scommettiamo che sicuramente diranno tutti che è un'assurdità, una stupida teoria del complotto intrisa di dietrologie senza senso? Il famoso "non può essere".

Invece, se i camerati di merende del nano sostengono che Di Pietro era un agente della CIA e che Mani Pulite fu un'operazione in nero per eliminare Craxi che aveva sgarrato liberando un terrorista palestinese ebreicida, chissà perchè, ciò dovrebbe essere per forza vero. Nessuna dietrologia in questo caso, anzi, dipietrologia.

Lasciamo stare che Di Pietro nei panni dell'agente segreto intento a sorseggiare un Martini mescolato e non agitato è meno credibile di Giuliano Ferrara e Scaramella messi assieme. Oddìo, tutto può essere.
Intendiamoci, le ingerenze atlantiche in casa nostra non sono una novità, come l'utilizzo della mafia in funzione anticomunista e reazionaria, fin dai tempi di Lucky Luciano, scarcerato e aviotrasportato dagli angloamericani in Sicilia per coordinare l'appoggio logistico delle cosche all'invasione alleata dell'isola. Si chiama sovranità limitata e vi sono testi molto ben documentati sull'argomento.

Dal bandito Giuliano mandato a sparare sui lavoratori a Portella della Ginestra, fino all'Enrico Mattei che si mise di traverso sulla strada delle Sette Sorelle fino a Moro che osò sfidare il dogma della conventio ad excludendum nei confronti del PCI, la storia dell'Italia del dopoguerra è storia di misteri, complotti e trame più o meno segrete. Di black-ops in Italia ne sono state messe in atto diverse, vi sono documenti desecretati che lo dimostrano.
Basti pensare agli anni della strategia della tensione, delle stragi impunite, degli opposti estremismi e dei primi vagiti della P2, strumento di eversione con propaggini anche nel Sudamerica dei torturatori. L'imperativo categorico allora era la lotta al comunismo (comprese anche le sue versioni più annacquate) con ogni mezzo. Ho detto ogni mezzo.

Potremmo dire che, si, forse anche Craxi è stato vittima del suo atto di superbia di fronte alla potenza imperiale ma, siccome coloro che si avvantaggiarono dalla sua caduta e dal supposto complotto atlantico ai suoi danni sono coloro che comandano ora, in primis l'amato nanetto, qualcuno potrebbe sospettare che i camerati di merende parlino così perchè allora erano della partita e conoscono bene i loro polli.
Strano che diano ora dello spione a Di Pietro quando, se non sbaglio, vi fu un tempo in cui lo corteggiavano assiduamente e lo slinguazzavano più delle loro baldracche, pur di tirarlo dalla loro parte con offerte di ministeri vari. Altro che Mercedes.

Non si capisce l'Italia se non ci si imprime in testa il concetto fondamentale che la fa tirare avanti da un quindicennio e oltre: non esiste cosa cattiva se essa può giovare a Berlusconi.
Se Di Pietro si fosse steso bravo a cuccia davanti alle scarpe con il rialzo, scodinzolando ogni volta che papi gli avesse tirato un osso, Craxi sarebbe rimasto il ladro pregiudicato e latitante che era e basta. Ora diviene non solo un martire della giustizia ma una vittima dei poteri occulti. Dei Rosacroce e del Bilderberg.

Ricordiamolo bene, invece, e scolpiamolo sulla pietra, come nella lapide qui sopra. Craxi, Andreotti, Forlani, lo spurgo uscito da Mani Pulite era un sistema di potere corrotto e truffaldino. Rubavano a man salva i nostri soldi e sono i primi responsabili dello sforamento del debito pubblico con il quale stiamo lottando ancora oggi. Questa è la sacrosanta verità. Mani Pulite cercò di fermare questo scempio.
I corruttori dei ladri quindi tentarono di corrompere anche i giudici di Mani Pulite ma non vi riuscirono. A meno che non si voglia credere che l'opposizione dipietrista al nano sia solo una pantomima che va avanti da anni.

Gli italiani non lo sanno perchè sono ottusi da trent'anni di culi e fighe in televisione, ma non è improbabile che la seconda repubblica si scoprirà essere ancora più ladra della prima.
A lui piace tanto la frase "non metteremo le mani nelle tasche degli italiani", ci si fa gli sciacqui ogni giorno a mo' di colluttorio.
Certo, non le mettono nelle tasche perchè le hanno già infilate da un'altra parte. Qualcuno forse un giorno chiederà conto degli sprechi, dei bagordi, delle clientele, delle elargizioni a puttane e leccaculi vari, che forse potrebbero aver raggiunto vertici mai visti.
Agli italiani per ora non importa. Il fisting arcoriano li esalta. Forse quando si vedranno uscire qualcosa dalla bocca si accorgeranno finalmente di essere stati impalati.

Tornando alle dipietrologie Pomiciniane di questi giorni, ho un sospetto. Se allora i politici della seconda repubblica furono scelti come nuovi esecutori materiali della politica atlantica in Italia, alle spese del CAF, non è che ora tirano fuori la dipietrologia ed il complottismo perchè sentono la puzza della discarica dove potrebbero finire presto, smaltiti come rifiuti tossici dagli stessi poteri atlantici che li avevano sponsorizzati e portati sugli altari negli anni '90?

Io non starei tranquillo, fossi in loro. Anche Saddam per un periodo è stato grande amico degli USA. Perfino Osama Bin Laden, quando faceva comodo in Afghanistan contro l'URSS. Poi gli amici litigano, le bisce si rivoltano ai ciarlatani e anche nelle relazioni più solide si rompono i bambocci.
Un alleato può diventare scomodo. Quando si impiccia in giochi internazionali più grandi di lui, quando frequenta amicizie discutibili, oppure quando, sempre allargandosi troppo, vorrebbe addirittura sfasciare un intero paese per la smania di diventare invincibile ed invulnerabile. L'impero, in questi casi, è come una nota parte anatomica. Nun vuo' penziere.

13 commenti:

  1. Battista23:33

    Il rapimento di Aldo Moro fu gestito dalla CIA attraverso le BR di Mario Moretti e ammazzato perchè aveva osato portare i comunisti al governo? non è affatto un'assurdità perchè è plausibile. Personalmente ne sono convinto anch’io.

    Cosi come sono convinto che Di Pietro fosse un agente della CIA e che Mani Pulite fu un'operazione in nero per eliminare Craxi che aveva sgarrato con i fatti di Signonella.

    Hai una visione romantica degli agenti CIA. Devono essere, molto spesso, tenaci ma per niente intelligenti altrimenti potrebbero prendere iniziative proprie, e questo mai. Anzi il più delle volte nemmeno sanno chi servono, sono spesso ricattabili e si accontentano di qualche banconota di traverso. Insomma sono la fotocopia dei manettari che ben conosciamo.

    Ricordiamolo bene, invece, e scolpiamolo sulla pietra, come nella lapide qui sopra… che Craxi, (Andreotti e Forlani non hanno pagato un tubo) ha pagato per tutti. Ha farlo incastrare la rete invisibile tesa dai prestanome e da alcuni “amici” ricompensati con il tesoro del PSI disperso abilmente in innumerevoli rivoli. Se poi aggiungi la fragilità dovuta all’arroganza di chi si sente tanto sicuro da spiattellare la verità (perché Craxi non ha mentito) il gioco è risultato ancor più facile.

    "negare sempre, anche l’evidenza" non vale solo quando si fanno le corna alla moglie (o al marito) ma in tutti i casi della vita.

    RispondiElimina
  2. Anonimo23:43

    E' la seconda che hai detto, papera. Di Pietro non era un agente segreto, ma sicuramente il suo lavoro è stato "agevolato", non è stato ostacolato e messo a tacere come si era sempre fatto prima e si è continuato a fare dopo.
    In un'Italia ostaggio del malaffare da sessant'anni, è impossibile che l'unico giudice che abbia scoperchiato il verminaio sia stato Di Pietro, tutti gli altri non si sono mai accorti di nulla.

    E si: Berlusconi sta per fare la fine di Saddam. Non serve più ormai, e non solo per le sue amicizie ingombranti. Ma anche, e soprattutto, perché D'Alema ha quasi completato il suo compito.

    Amichetta

    RispondiElimina
  3. Massù, dire che la CIA era implicata nell'affaire Moro è come dire che otto cammellieri che non sapevano neppure guidare un aereo hanno buttato giù le Torri Gemelle: un'assurdità!!

    RispondiElimina
  4. Cara Lame, concordo su tutto e aggiungo una cosa. Non stia troppo tranquillo, il tappo sciupafemmene. Gli italiani sanno tradire.
    Siamo il popolo che non ha mai terminato una guerra insieme a quelli con cui l´aveva iniziata.
    Io personalmente me ne sto in Germania, comodamente seduto davanti al pc, ad aspettare il giorno in cui questo paese marcio salterà in aria come la Serbia o il Kosovo. E quel giorno verrà presto, perdio se verrà...

    RispondiElimina
  5. beato chi si stupisce ancora di certe cose,significa che e' o molto gionane o molto ingenuo,due qualita' che invidio.io da parte mia vado sul sicuro e in prima fila metto sempre il vaticano.
    "non si muove foglia che dio non voglia"

    RispondiElimina
  6. meravigliosa la lapide (e il post). Io mi sono convinto da un pezzo che il fattore ruberia/arricchimento di una classe dirigente(?) cialtrona e incapace sia preminente sulla politica occulta. Ovverosia, almeno dagli anni in cui fu eletto Craxi a segretario del PSI, la paura del comunismo è servita solo a farsi votare dai bischeri (che non avevano nulla in cambio) o dai "furbi" che si accontentavano delle briciole che cadevano dal tavolo apparecchiato per politici, mafiosi, finanzieri e industriali vari.
    Certo la CIA ha influito: quel sistema messo in piedi negli anni cinquanta per scongiurare il PCI al governo ha continuato a funzionare fino alla caduta del muro. Poi a Washington hanno deciso di tagliare le spese improduttive e questo ha permesso mani pulite...Ecco perchè penso che senza "aiuti esterni" non saremo in grado di cambiare il presente stato di cose.
    Saluti pessimisti.

    RispondiElimina
  7. una storia assurda, quella che pubblicherà feltri. ferrara e scaramella? qui, secondo me, sfioriamo igor marini...

    RispondiElimina
  8. Era un po' che non passavo dalle tue parti.
    Ti trovo in forma smagliante.

    RispondiElimina
  9. Adetrax15:40

    Se dico che il rapimento di Aldo Moro fu gestito dalla CIA che aveva infiltrato le B.R. attraverso Mario Moretti e che Moro doveva comunque morire perchè aveva osato portare i comunisti al governo ...

    Sarebbe perfettamente plausibile e non ci si dovrebbe stupire.

    Moro era un politico unificatore orientato alla conciliazione ma con qualche limite negli inciuci sotterranei e questo poteva rompere il meccanismo dei due blocchi contrapposti, perenni antagonisti politici.

    Una colpa grave da rimuovere todo modo.

    Certo che lo stemma della Repubblica Italiana e quello delle BR, hanno un simbolo in comune che compare spesso nelle operazioni di attacco e conquista; quando poi questo è inscritto in un cerchio allora sono cavoli amari, roba da kilombo all'ennesima potenza.

    Io non starei tranquillo, fossi in loro. Anche Saddam per un periodo è stato grande amico degli USA.

    Eh già ma quando alla fine di tutte le moine sulle "armi di distruzione di massa" gli ordinarono di sloggiare in fretta, lui non lo fece (seguendo la tradizione di ogni buon satrapo orientale per il quale la poltrona è sacra).

    Cosa accadde però nella prima guerra del golfo ?

    Durante le varie schermaglie Saddam compì un atto sacrilego osando lanciare missili giganti contro Israele e quello fu sicuramente un errore fatale dato che con Polifemo reloaded non si scherza (e nemmeno con i suoi alleati quando si rispolverano i ricordi delle V2).

    Ora però bisogna domandarsi: che errore avranno mai commesso papi e i suoi cortigiani per meritarsi una tale fine ?

    Frattini considera Israele uno stato santo e inviolabile, Fini si è messo pure la Kippah, il brutto giudice bastian contrario e forse comunista che aveva attentato al crocefisso è stato prontamente congedato assieme a tante altre rassicurazioni al Vaticano (con tanto di proposte di aggiungere una croce alla bandiera italiana), Silvio ha detto di essere sempre d'accordo con gli USA prima ancora di sapere su cosa deve concordare (i bacetti a George - defensor fidei - non contano più nulla ?), la partecipazione in Afghanistan è assicurata per sempre (magari a scapito dell'inutile scuola pubblica), l'allargamento delle basi USA, la TAV, le centrali nucleari, le privatizzazioni e tutto il resto non si discutono, la repubblica presidenziale è in arrivo, quindi di cosa si è macchiato agli occhi USA ?

    Suvvia, non sarà perchè dice le bugie, nega le sue precedenti affermazioni, fa battute pesanti, insidia le donne in politica ed è un po' troppo amico dei suoi simili che fra l'altro sta cercando di ricondurre sulla retta via con opportuni "consigli", basti pensare alla mafia triangolare, a Putin, a Gheddafi, a Lukaschenko e altri ancora o perchè se l'è spassata con tutte quelle "assistenti" personali e non si è pentito come avrebbe richiesto una società puritana ?

    Può essere ma forse non sono motivi sufficienti.

    continua ...

    RispondiElimina
  10. Adetrax15:41

    ... continuazione.

    A pensarci bene però qualche marachella un po' più seria ci sarebbe: tutta questa voglia da primo della classe di preferire i desideri di L.G., quelle fastidiose tasse e limitazioni in più imposte a Sky, lo stop ai sacri flussi migratori dall'Africa così cari alla globalizzazione che si smazza tanto per crearli apposta, lo scarso entusiasmo per la green economy, l'introduzione di troppi termovalorizzatori che ovviamente peggioreranno parecchio il discorso ambientale della CO2 e di altre micro e nanoparticelle parecchio dannose, tutti quei baci e abbracci a individui che gravitano in ambienti sospetti e altro ancora.

    Che i "turisti della democrazia" di Bruxelles si siano offesi e l'abbiano segnato sul loro libricino nero ?

    Mah, secondo me il motivo principale è che Silvio e la sua cricca si mettono troppo in mostra senza preoccuparsi di nascondere le "pudenda"; si vantano come "miles gloriosus" con appetiti da Gargantua, quindi più che per quello che fanno è per come lo fanno perchè nei fatti una buona parte delle direttive le rispettano.

    Quello su cui tentennano un po' è la gestione attiva dell'economia sostenibile, dopotutto sono anni e anni che l'Economist titola: "time to sack Berlusconi", "unfit to lead Italy", "still unfit", ecc.

    Insomma il suo irresistibile richiamo rischia di attrarre troppo e di scoprire definitivamente certi altarini e più che immunizzare gli italiani rischia di immunizzare il resto dell'Europa, cosa per niente desiderabile in questo delicato periodo storico.

    Tutto questo però, pur essendo parecchio fastidioso, non è (a mio avviso) ancora sufficiente per far scattare un deciso intervento atlantico, al massimo c'è qualche avvertimento ogni tanto che magari ha effetto (ora la crisi economica è diventata grave anche per Silvio).

    Facezie a parte resto convinto delle idee di 6-12 mesi fa, ovvero di quanto segue.

    1) Silvio è uno ma con tutti gli altri è veramente più di qualcuno.

    2) Visto che l'unione fa la forza, Silvio resterà in carica finchè i suoi accoliti lo sosterranno, nonostante tutte le avversità, perchè lui è il "comandante in capo", proprio come lo è stato Bush (four more years) ;-)

    3) Il fatto di fare scudo attorno a Silvio e di usarlo come un ariete per certe forzature istituzionali, è funzionale al raggiungimento di determinati obiettivi insiti nel "golpe dolce" (così detto per l'ampio uso di vaselina che a molti piace tanto); se Silvio non fosse indagato, non fosse ricattabile, ecc. non sarebbe adatto per il ruolo che sta interpretando.

    4) Il rimprovero fatto nel 2008 da L.G., circa il fatto che Silvio non usava tutto il potere di cui disponeva, è sicuramente servito; quanto ne starà usando ora, il 20% - 30% ?

    P.S.
    L'autunno è terminato da oltre 1 mese e Silvio "non è caduto"; è evidente che i suoi sostenitori sono ancora in nettissima maggioranza e che le previsioni di Gasparri sono più attendibili delle subdole insinuazioni di D'Alema, la qual cosa si commenta da sola.

    RispondiElimina
  11. Ciao Lame, io ho sempre trovato molto più verosimile la tua prima ipotesi... al di là dei complottismi vari. Riguardo Di Pietro, stanno adottando tutte le tecniche a loro disposizione, tra le quali anche cercare di comprarlo...

    RispondiElimina
  12. Io sul fatto dell'uccisione di Moro,già tempo fa avevo scritto che quel delitto l'ho attribuivo alla Cia:
    Motivo che interessi aveva l'ex Unione Sovietica o il PCI di assassinarlo, le BR da chi sono state manovrate? non certo da quello che ha sostenuto certa politica.
    Dal momento in cui hanno fatto fuori Moro, L'America ha tolto di mezzo un altro personaggio scomodo,vedi l'uccisione di Enrico Mattei, e guarda caso il potere da quel momento passa a Bettino, e da li inizia il declino Dell'Italia, e chi l'ho sa se riusciremo a raddrizzare questa barca che rischia di affondare.
    Questa gioventù per avere un futuro migliore, deve incominciare a non fidarsi più di certi politici e sindacalisti affaristi che tutto fanno meno che tutelare la gente.
    In Italia si sono fatte le leggi tipo
    Inglesi e Americane, sta di fatto che:
    in Inghilterra se perdi il lavoro a 50 anni trovi ancora,in Italia a 30 anni sei già vecchio, riguarda la giustizia in America se rubi anche se sei il presidente USA vai in galera, stesso vale se evadi le tasse, qui invece diamo il premio a chi ruba di più.
    Ora a Bettino come premio per il migliore statista Italiano, togliamo I monumenti di Garibaldi, e di Mazzini, e mettiamo lui, e intotoliamo anche le vie.
    Sveglia Ragazzi

    RispondiElimina
  13. Anonimo08:26

    Non ho letto tutto l'articolo, ma dopo qualche riga ho capito che è una cosa che da tempo pensavo e l'ho pure commentato in alcuni blogh, che Moro sia stato ucciso dalla c.i.a. (criminal international agenzi) ne ero più che convinto, guarda caso la sera prima s'incontra con Berlinguer e la mattina dopo viene rapito.
    Per quanto riguarda Craxi, mi è sembrata troppo ben organizzata la manifestazione di protesta davanti al'hotel Rafael per essere una cosa spontanea (concordo le motivazioni della sua "caduta"), e se queste ipotesi sono giuste mi sembra strano che berlusconi non ne sia al corrente
    ZIO ENZO

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...