domenica 10 gennaio 2010

Maroni? 'Ndranghete!

Il frame of mind di Maroni, purtroppo-ministro degli interni, riguardo ad una questione complessa e tragica come quella che comprende lo sfruttamento selvaggio di lavoratori stranieri, il razzismo sempre più dilagante e la perdita del controllo del territorio da parte dello Stato a favore della criminalità organizzata, si può riassumere nella seguente frase: "Non siamo noi che non sappiamo risolvere il problema, sono loro che sono negri."

Il sassofonista si vantava oggi con la Latella su Sky dei successi del suo governo nei confronti della criminalità organizzata. Pericolosi latitanti arrestati, miliardi di beni sequestrati. Tra parentesi, quelli che vorrebbero mettere all'asta con il rischio che i mafiosi se li ricomprino.
Insomma un bel proclama da spot pubblicitario, da relazione sugli obiettivi raggiunti da presentare in CdA aziendale che però non rappresenta propriamente la realtà di un paese dove le Mafie, di fatto, la fanno da padrone in intere regioni ed hanno sempre più influenza anche al Nord.

E' qui che ci stava bene la domandona, ci fosse stato un giornalista a disposizione, su come il governo pensa di combattere il caporalato, lo sfruttamento, le collusioni della politica locale con le cosche, tutte cose che formano il substrato dove rischia di attecchire il razzismo nella sua forma più violenta.
Invece si è lasciato che il solito ottuso leghista desse la colpa degli spari contro gli schiavi neri, da parte di giovinastri probabilmente collusi, alla tolleranza verso gli extracomunitari e, indovinate? al lassismo dei governi di centrosinistra. Si sarà reso conto, il varesotto messo di fronte agli immani problemi del Sud, che colpevolizzando i négher si assolvono di conseguenza i delinquenti provocatori?

Eh già, ci toccano pure questi governanti leghisti, questi campioni della politica taragna preoccupata solo dalla pagliuzza del povero immigrato che non ci sta più a farsi sfruttare e non dalla trave nell'occhio dello Stato rappresentata dal problema delle Mafie.
Mafie che alzano sempre più la posta con un governo capitanato da un premier che trascorre venti giorni e passa in vacanza a farsi i cazzi propri non essendo in grado di far altro che i cazzi propri.
Il madonnino di Arcore non ha detto nulla sulla bomba alla Procura. Zitto come una mummia. Non ha detto nulla nemmeno oggi dopo le violenze di Rosarno.
Perchè tace? Dopo i centrini di Casoria e le allusioni di Spatuzza che parlerà "forse, non si sa, vedremo", mancava giusto la 'ndrangheta. E' strano, lui che ha la lingua tanto sciolta, quando parla la Mamma, si ammutolisce.

Anch'io ho visto un legame tra la bomba di Reggio alla Procura e questa ondata di violenza xenofoba contro degli schiavi.
E' evidente che se il premier non si esporrà in prima persona contro le Mafie, al di là degli slogan sui millantati successi, queste si sentiranno in diritto di avanzare altre richieste e di spingersi fino a ricattare lo Stato come nel '92 -'93. Ogni minuto di silenzio in più è una porta che si apre alla trattativa. Non so quanti se ne stiano rendendo conto.

14 commenti:

  1. Adetrax01:07

    Non siamo noi che non sappiamo risolvere il problema, sono loro che sono negri.

    Qui la questione è molto sottile è probabilmente ha a che fare anche con il federalismo e altri aspetti.

    Una volta affermato che con la mafia, l'ndrangheta e la camorra bisogna convivere, è poi altrettanto facile ripristinare una virtuale linea di confine corrispondente a quella dell'ex "Regno delle Due Sicilie".

    Un territorio questo a sua volta suddiviso in varie zone, ognuna con il suo soprannome, come documentato in una vecchia cartina d'Italia del generale Celentano (un cognome al di sopra di ogni sospetto).

    Sottigliezze a parte, il conto alla rovescia, su quando sarebbe esplosa la situazione, era partito da un pezzo, diciamo almeno da qualche anno.

    Le TV europee, inclusa la RAI, avevano fatto parecchi servizi sulle condizioni del luogo ancora parecchio tempo fa, includendo commenti stupiti di alcuni neri che non si capacitavano di come quella fosse l'Europa: lavoro discontinuo, 500 euro al mese quando va bene di cui 100 di pizzo ai "caporali" collusi e il resto per la mera sopravvivenza + qualcosa da spedire a casa; 1 rubinetto per 800 persone, niente docce, niente servizi igienici, niente di niente; se lo sapevano restavano a casa senza spendere 1000-1500 euro per il viaggio e i relativi pedaggi.

    La spiegazione è semplice, quella zona non è l'Europa, è infatti prossima a uno dei tanti buchi neri ove sono spariti e spariscono i soldi europei, così come è successo con quelli della cassa del Mezzogiorno (per vari motivi e collusioni vastamente distribuite).

    A questo punto diciamo una cosa: tutti e dico tutti sapevano della situazione da un sacco di tempo (la conoscevo persino io da almeno 1 anno).

    Chissà perchè i datori di lavoro di queste persone potevano tranquillamente pagarle in nero che più nero non si può, i caporali potevano pretendere il pizzo e nessuno aveva mai controllato i clandestini pur avendo tentato di vaccinarli, senza contare le televisioni di mezza Europa che ciclicamente riportavano allibite situazioni da campi profughi del Congo.

    Casini ha detto che a Rosarno lo Stato è morto ... certo, si è fermato molto prima a Eboli !

    Ma come osa dire certe cose quando ha certi personaggini nel suo partitello e quando non ha fatto assolutamente nulla (assieme a tutti gli altri parlamentari) per la situazione quando tutti erano perfettamente informati ?

    Sono bastati un paio di spari con un fucile ad aria compressa fatti dai soliti ignoti acefali (o forse dai soliti noti ricattatori) e sono scoppiati disordini simili (ma per fortuna 1000 volte più contenuti) di a quelli accaduti 18-19 mesi fa in Sudafrica ove si verificarono violenti atti di xenofobia fra neri per motivi stranamente coincidenti a quelli che la Lega ha propagandato per anni, smontando così l'impalcatura ideologica sottesa all'uso improprio della parola "razzismo".

    In inglese un filmatino "all'acqua di rose" su xenophobic violence against foreigners in South Africa.

    Ce ne sono altri (in parte cancellati) con commenti di neri locali molto più espliciti e violenti di quelli che qualsiasi leghista possa aver mai pensato (e dire che la Lega ha applaudito al primo sindaco donna nera d'Italia e forse d'Europa).

    In sintesi concordo, le mafie sono un problema, un cancro della società, ma i "collusi" con loro sono 1000 volte peggio.

    A questo punto sorge la domanda: di chi saranno i 90 miliardi di euro rientrati con lo scudo fiscale ?

    RispondiElimina
  2. Foggia08:14

    invece della consueta polemica politica, facciamo i conti con le anomalie dovute al lassismo delle sinistre che in passato pur di avere qualche voto in più hanno fatto entrare cani e porci.

    RispondiElimina
  3. silvan08:39

    Il problema degli immigrati è legato allo sfruttamento pilotato dalla 'ndrangheta e dall'assenza dello Stato

    Ma se la ndrangheta pilota tutto per quale ragione dovrebbe cacciare i neri che sfrutta? Qualcuno me lo dice?
    E poi, se proprio vogliamo fare qualcosa invece delle solite chiacchere dirette soprattutto contro il Governo, perchè l'associazione consumatore e noi tutti non boicottiamo arance e mandarini che provengono dal Sud? Ma lo sappiamo che risparmiare piace a tutti. La legge di mercato non ha cuore e noi siamo rispettosi della legge di mercato.

    RispondiElimina
  4. da cittadina italiana provo solo grande vergogna nei confronti di persone che con molta dignità sono approdate in questa cloaca chiamata italia con la speranza di poter far sopravvivere le proprie famiglie colpite da guerre (complice di queste sempre la stessa cloaca che sembra sia richiestissima nel mondo per vendere armi..), provo vergogna verso schiavi importati e massacrati per espianto d'organi, per essere schiavizzati nel lavoro nero o venduti al mercato che spazia dalla pedofilia alla prostituzione (di cui sempre la cloaca è diventata come per le armi sopra..), provo vergogna come residente calabrese, seppur romana ma trasferita qui: l'ignoranza è sinonimo qui di sudditanza nei confronti di una sola cosa, la 'ndrangheta, e non vale solo per i calabresi, ma per il resto dell'europa.
    QUI UN'ANALISI D'INTELLIGENCE DI UN ANNO FA e, passerò anche da "complottista" ma me ne frego, dico che oggi è pure peggio!! tutti stupiti poi da una donna che guida un due ruote per un attentato: 2010 è ancora gli itagliani non capiscono un cz di mafie, la 'ndrangheta è la più potente organizzazione criminale nel mondo perché ha sempre coinvolto le donne, le cosiddette sorelle d'omertà! ci fosse un tg o un giornalista che affronta seriamente queste cose.. chissà com'è? qui ancora non si sa qual'è la differenza tra cammora e 'ndrangheta, tra una canna e una pera, tra un missionario vero e uno spacciatore per pedopornografi, ecc. qui ancora si rimane fermi alla mera visione: bianco e nero..

    RispondiElimina
  5. @ silvan: lo stato è n'drangheta, cominciamo a dire come stanno le cose in italia, forse qualcuno uscirà dalle tenebre

    RispondiElimina
  6. vale15:45

    Perchè il B. tace? Semplice. Così evita di dire cavolate.

    RispondiElimina
  7. vadi16:01

    La lotta all'andrangheta non si combatte sulla pelle di poveri diavoli. Si combatte come fa questo governo, potenziando le procure e sequestrando i beni della malavita. Non imbastendo pietismo e complotti insignificanti come questo

    RispondiElimina
  8. Adetrax19:50

    Si combatte come fa questo governo, potenziando le procure e sequestrando i beni della malavita ...

    Già, deve essere per questo che ai poliziotti danno sempre meno risorse; i risultati li ottengono solo perchè ci mettono del loro.

    RispondiElimina
  9. berlusconi non parla perche' non c'e' posto per i "negri" nel partito dell'amore,e' un diritto riservato solo ai bianchi che leccano il culo al caprone,il gran maestro incappucciato ha solo da rimetterci ,sia che parli a favore o a torto degli immigrati a tal proposito lascia che a far dichiarazioni siano i suoi maroni che rivolgendosi ai relativi sinonimi si intendono benissimo

    RispondiElimina
  10. "sequestrando i beni della malavita ..."e con lo scudo fiscale se li ricomprano!
    perché stupirsi delle uscite di maroni? è in linea con l'ideologia della lega,la stessa che ha generato il nazismo:attaccamento alla propria terra e alle proprie tradizioni.

    RispondiElimina
  11. "invece della consueta polemica politica, facciamo i conti con le anomalie dovute al lassismo delle sinistre che in passato pur di avere qualche voto in più hanno fatto entrare cani e porci."

    Perchè questa invece non è una polemica politica? Per piacere, Foggia.

    Ho sentito tante volte raccontare la storia della sinistra che "fa entrare cani e porci" e non ho MAI trovato nessuno che la circostanziasse con dati, statistiche, analisi di leggi effettivamente emanate dal centro-sinistra.
    A me invece risulta che la Bossi-Fini sia in vigore dal 2001. Da allora, il c.s. ha governato per soli due anni.
    Volete dare la colpa al "lassismo della sinistra" fino alla fine di questa legislatura nel 2013? O fino al 2018, già che ci siamo? Quando è previsto che la destra al governo scopra il senso del ridicolo, nel 2023?

    Il problema di Rosarno (e di Castel Volturno appena l'altro ieri) non è l'immigrazione (non mi pare che ci siano rivolte tra gli stranieri che raccolgono mele in Trentino Alto-Adige o lavorano in fabbrica nel trevigiano, con regolare permesso di soggiorno e vivendo in alloggi dignitosi), ma l'illegalità, lo sfruttamento, la violenza, la criminalità organizzata.

    Tutte cose però che secondo la maggioranza sono un'invenzione degli sceneggiatori della Piovra. Così non si va da nessuna parte.

    RispondiElimina
  12. Segnalo questo articolo che, secondo me, e' perfettamente in tema:

    http://www.blitzquotidiano.it/politica-italiana/maroni-ministro-dalla-parola-doppia-e-la-pulizia-etnica-200445/

    RispondiElimina
  13. Gli italiani sono stati abituati a vivere una doppia vita senza che nessuno gli facesse notare quanto poco coerente fosse la cosa: gli italiani sono stati abituati dalla televisione (e dalla politica) del “dico cose pazzesche perchè suonano bene” e dall’atavica abitudine all’ammiccamento, al sotterfugio e al capiscammè a poter fare qualsiasi cosa salvo poi dichiarare tutto l’opposto. Io posso sparare ad un immigrato in quanto tale, io posso dirgli tranquillamente che non lo voglio nel mio paese semplicemente perché mi da fastidio. Tanto poi basta che dica al tg “io non sono razzista!”, e tutto va bene. Questo paese è l’unico prodotto umano nel quale alle parole non è necessario che corrispondano i referenti. Del resto un premier qui può dire le cose più allucinanti e potersela cavare con un semplice “sono stato frainteso”, o si può attaccare l’esponente avversario con la classica formula “il premier è perseguitato, l’opposizione parla solo, noi facciamo i fatti e facciamo la volontà del popolo”

    RispondiElimina
  14. l'unica verità di rosarno è:chi si ribella al potere viene brutalmente annientato!

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...