mercoledì 3 febbraio 2010

Capolavori

Dai, oggi facciamo un gioco. Su quale fronte spaziosa stanno per incidere in stampatello la parola "STRONZO" i nostri eroi Eli e Brad?
Su Brunettolo che ha detto che i padri sono "troppo" garantiti dall'Articolo 18, oppure sull'altro nanetto barzellettiere - mioddio come avrà fatto a trattenersi dal raccontarne una sugli ebrei e sui forni crematori - secondo il quale lanciare il fosforo bianco sui civili è cosa buona e giusta?

P.S.
O ancora Bossi, che per un piatto di lenticchie con contorno di candidatura per il figlio-trota, bell'esempo di nepotismo di merda, ha votato il maledetto legittimo impedimento, una delle leggi più vergognose che la storia d'Italia ricordi. Se possano tutti essere legittimamente ed irreversibilmente impediti a ripresentarsi alle prossime elezioni.
Ah, non ci sono né santi né madonne. Si può stare solo con Di Pietro, di questi tempi.

13 commenti:

  1. penso che il personaggio ideale sia il figlio-trota di bossi.uno al quale la parola "stronzo"lo glorifica.

    RispondiElimina
  2. Essi, Lame,

    dico anch'io che l'ultima spiaggia è "quel molisano che non parla italiano", come scrive la gazzetta firmata BruttopietroGambadilegno, ossia Di Pietro.

    Turandomi il naso, però ...

    RispondiElimina
  3. Icy Stark09:25

    Però dai, il secondo nano ha risposto ad una domanda non per lui appena ha sentito la parola "moglie". Probabilmente è fortunato perché in Israele non sapranno nemmeno dei suoi fatti in Italia. Comunque sono sempre i soliti giornalisti di sinistra a fare ste domande, eh.

    RispondiElimina
  4. io li marchierei tutti gli abitanti di quella fossa biologica che e' il nostro parlamento,il problema e' che fare della fossa in toto,svuotarla non e' sufficente,per tanto che pulisci il puzzo rimane sempre,sarei piu' propenso a tombarla con un bel coperchio di cemento armato,come si fa con le scorie nucleari,e lasciare ai posteri lo smaltimento perenne di questa putrida classe politica.

    RispondiElimina
  5. Anonimo09:53

    ho visto il solito "david horror midget show" ad uso dei "kippah-piminkia"... Israele in Europa? Sai che "bazza" avere un "socio" così...
    ...circa il "letterato molisano" non riesco proprio a digerirlo, nemmeno turandomi il naso... manca di preparazione in molti fondamentali... finchè ci sarà una sola base militare americana in Italia, non potremo andare da nessuna parte... ero piccolo quando ancora se ne parlava... poi si è cominciato a far finta di essere liberi e sovrani...
    un caro saluto a tutti
    telethont pinnagialla

    RispondiElimina
  6. Anonimo12:22

    Quel molisano e` davvero l'ultima spiaggia.
    Ormai siamo in molti d'accordo su cio`.
    Speriamo bene!
    Roberta da Sydney

    RispondiElimina
  7. Oliviero13:15

    E perchè no STRONZI a quelli di UDC, SVP e ai Liberaldemocratici, che si sono astenuti? Il loro voto non avrebbe cambiato l'esito finale, però è il pensiero quello che conta!
    Aggiungerei uno STRONZO anche al Giorgetto nazionale per le sue dichiarazioni in materia!

    PS: uno STRONZO anche a quelli del Corriere della Sera, che stanno cercando di demolire l'ultimo baluardo che ci rimane.

    RispondiElimina
  8. Adetrax23:03

    Il discorso di S.B., la conferenza stampa, le barzellette raggelanti e spesso anche il tono usato, hanno generato una sensazione strana, triste quasi come l'ineluttabilità degli eventi.

    Certo che ormai le lisciate a Bush hanno perso la prima posizione per lasciarla a quelle di questi ultimi giorni.

    Ora a Langley zitti e mosca ... S.B. sta cominciando a svolazzare un po' troppo in alto; insomma quando un politico israeliano giunge a chiedergli consiglio e protezione (anche solo per finzione scenica) vuol dire che siamo a un punto di non ritorno.

    In cambio cosa gli daranno, le ultime tecnologie antispia, ancora più supporto per le sue imprese ?

    Boh, certo che a forza di ungere è diventato l'untore per antonomasia, la sciolina è nulla al confronto e il simbolo del biscione strisciante pare rappresentarlo appieno; attenzione quindi alla lingua biforcuta.

    Veramente non si capisce come mai all'estero usino sempre di più, per la nostra "espressione geografica", il termine di "stinky boot" :-)

    L'unica consolazione è che tutti i nostri politici "amano l'Italia" (e meno male, chissà cosa farebbero se l'odiassero).

    RispondiElimina
  9. "Ah, non ci sono né santi né madonne. Si può stare solo con Di Pietro, di questi tempi."
    e,come dice albigin:"Turandomi il naso, però"..,anche qualche cosa di più in basso!
    p.s."la trota"è riuscito ad acchiappare la maturità?

    RispondiElimina
  10. La politica estera di Berlusconi, condita sempre da una retorica esagerata, come se fosse alla disperata ricerca di un qualche riconoscimento (il piano marshall palestinese quante volte lo ha proposto e nessuno se lo è filato?) è tutta qui. Peccato che fare il piacione e dire cose che gli altri (in questo caso Israele) vogliono sentirsi dire non sia fare politica ma solamente essere leccapiedi, con una mancanza di senso di realismo che anche in patria circonda quest’uomo.
    Berlusconi vuole a tutti i costi farsi piacere, e quindi vai con il discorso alla Knesset, vai con la legittimazione di un intervento (quello di Gaza) sproporzionato e criminale ecc. . Alla fine però è solo un piccolo uomo che di politica estera non ne capisce un tubo, il quale cambia opinione a seconda di come tira il vento, che crea alleanze del tutto assurde (Lukashenko, Putin) e che distrugge 50 anni di politica panaraba. Il tutto solo per sentirsi dire “Bravo Silvio”. Ma bravo de che?

    RispondiElimina
  11. Taddeo07:30

    Io sono pronto a votarlo Berlusconi. Basta che mi promette di non andare più all'estero e di non dare più interviste ai giornali stranieri. Mi vergogno troppo.
    Lameduck e visitatori di L.: per favore non usate più la parola pamiminkia. E' orribile.

    RispondiElimina
  12. Taddeo, fai una bella cosa. Non andare proprio a votare, vai al cinema o al mare o in un bel posto con la tua ragazza. Non è un gioco votare perchè se si vota alla cavolo di cane poi ci vanno di mezzo anche quelli che non c'entrano. Ne abbiamo abbastanza di coloro che hanno votato Berlusconi alla cavolo di cane.
    Ah, a papiminkia non rinuncio. Non è la parola che è orribile ma ciò che rappresenta. E, purtroppo, i fans del nanaccio sono dei papiminkia.

    RispondiElimina
  13. Cara amica Lameduck,

    "Taddeo, fai una bella cosa. Non andare proprio a votare, vai al cinema o al mare o in un bel posto con la tua ragazza. Non è un gioco votare perchè se si vota alla cavolo di cane poi ci vanno di mezzo anche quelli che non c'entrano. Ne abbiamo abbastanza di coloro che hanno votato Berlusconi alla cavolo di cane.
    Ah, a papiminkia non rinuncio. Non è la parola che è orribile ma ciò che rappresenta. E, purtroppo, i fans del nanaccio sono dei papiminkia."

    Però non andare a votare significa, di fatto, fare il gioco di chi è al potere.

    Naturalmente io rispetto chi non va a votare, come rispetto quelli che votano Berlusconi allo stesso modo di quelli che non lo votano.

    Ciao Davide

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...