mercoledì 9 giugno 2010

Un paese a rotoloni


"Un inferno governare rispettando la Carta."

Dieci piani di sfrontatezza.

7 commenti:

  1. Anonimo20:55

    si vede che sei una dipendente pubblica. se tu avessi a che fare con i privati ti renderesti conto di cosa sono queste maledette regole che frenano la libera iniziativa

    werner

    RispondiElimina
  2. Si vede Werner che non capisci una sega. Mi dispiace per te ma lavoro nel privato e qui si parla della Costituzione, non del regolamento del tuo condominio. Pirla.

    RispondiElimina
  3. Adetrax22:01

    "Un inferno governare rispettando la Carta."

    Dieci piani di sfrontatezza.

    Evidentemente ha la faccia come il ...

    Con la sopracitata dichiarazione unita ad un'altra relativa al fatto che:

    "la maggioranza degli italiani è stufa di non poter alzare il telefono per paura di essere intercettata ...

    ha toccato il fondo del fondo, è pronto per il neurodeliri ... però è stato votato e al suo posto rimarrà altri 3 anni.

    Il novello Napoleone vuole avere nelle sue redini tutto il potere istituzionale e per farlo deve cambiare / distorcere la Costituzione italiana raccontando una balla dopo l'altra, inclusa quella che la Costituzione è vecchia (lui però è molto più vecchio della Costituzione) !

    Anche volendo applicare ed estendere il federalismo fiscale, non occorre cambiare la Costituzione, il problema è che Silvio si vuole insinuare in questo processo di modifica.

    Le Costituzioni fatte bene NON invecchiano perchè attengono ai principi più alti cui una nazione può aspirare di applicare e fra l'altro mi chiedo: quanti cittadini italiani se la ricordano ? L'hanno mai letta con attenzione ?

    Evidentemente molto pochi rispetto a quello che sarebbe auspicabile e questo nonostante si debba accettare il fatto che l'Italia è da sempre una repubblica massonica fondata sul lavoro degli altri.

    E qui entrano in ballo i "triangolini" che infestano qualsiasi luogo ove si possano prendere decisioni che contano.

    Se prendiamo per buono il principio che i triangolini, nel lungo periodo, sono estremamente dannosi proprio per le modalità con cui operano e si relazionano con la società, si capisce che non c'è un partito, un movimento, un'istituzione religiosa che si possa dire libera dalla loro azione.

    Per questo anche i distinguo di certi personaggi in risposta sia a precise accuse di chi non ne può più dei loro lacci ultravischiosi sia per distinguersi da club come quelli della P2 (fortemente operante, vedasi Silvio & C., nonostante sia stata formalmente sciolta):

    http://www.repubblica.it/politica/2010/06/09/news/massoneria_pd-4683769/

    ... fanno un po' sorridere e tolgono definitivamente il velo e i dubbi sui teatrini politici destra-sinistra che si imbastiscono per la plebaglia.

    Basta poi ascoltare certe risposte dell'opposizione, di livello veramente basso, per capire che stonano un po' troppo rispetto al livello culturale di certi personaggi.

    Collaborazionisti per vocazione ... è ovvio (anche se pochi si compiacciono dei risultati).

    P.S.
    Il baffo del "ma vada a farsi fottere" è comparso (l'8 giugno) anche nella trasmissione 8 1/2; brutto o buon segno ?

    Boh, certo che sentire qualcosa di semi-vero (non tutto s'intende) è quasi eversivo di questi tempi, criptonite pura per il club di Silvio.

    Avvoltoi in vista ...

    RispondiElimina
  4. Anonimo22:18

    guardati annozero e capirai le regole, quelle Europee qunindi sopra la tu amata Costituzione. E poi, la Costituzione nell'art 41 sai che dice? Vattelo a leggere se sei brava a caèire quanto ad offendere... ma dubito, Signora
    werner

    RispondiElimina
  5. werner, sei il solito troll. Ogni tanto ti pubblico per far vedere agli altri quanto sei imbecille.
    La Costituzione è sacra, tu sciacquati la bocca prima di nominarla. Tu e quella merda del nano.

    RispondiElimina
  6. @ Adetrax
    L'unica sua attenuante potrebbe essere l'infermità mentale.E' talmente strafatto di potere che non si rende conto che lo stanno spingendo verso il baratro. E cinque minuti dopo nessuno lo avrà mai conosciuto.

    RispondiElimina
  7. l'infermità mentale non è una scusante:è una patologia e come tale va curata!
    a meno che la causa di presunta infermità non sia lo scricchiolio del sistema e di conseguenza il difficile rapporto con i "soci"!

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...