domenica 1 agosto 2010

Bomba o non bomba

Non è stato proprio un 25 luglio ma resta comunque una buona imitazione. Non male, non male.
Chi dice che non si fida di Fini perchè sono sedici anni o giù di lì che sta con il nano e si domanda perchè si è svegliato solo ora ed altre amenità del genere, mi dispiace ma non fa un'analisi molto profonda del regime in carica e dei meccanismi della politica in generale.
Forse chi parla così crede che Berlusconi sia un fenomeno facile da debellare, come lo sporco con il Cillit Bang, dove basta una passata. Oppure pensa che Fini sia ancora il vecchio fascista dei tempi che furono. Non riesce a vedere l'evoluzione che ha indubbiamente avuto negli ultimi anni, per cui gli fa strano che un supposto fascista si metta contro il megaloman fascistone sui tacchi.
A volte per sconfiggere un nemico è meglio stargli vicino che osservarlo di lontano. Le operazioni di infiltrazione durano molti mesi, anni addirittura. Che Fini avrebbe rotto con il nano lo si era capito ai tempi del Signor Schultz. Basterebbe paragonare le posizioni sulla laicità, ad esempio, di Fini e di quel baciapile per opportunismo di Berlusconi, per capire la differenza che ormai separa i due. Differenza politica e di statura, non è una battuta, politica.
Pazienza, pazienza, pazienza. Non mi riferisco all'amico di merende sardegnolo ma a ciò che ha dovuto e dovrà avere Fini per liberarsi del piccoletto e liberare forse anche noi. Cosa per la quale passerà alla storia comunque.
Al di là di tutto, Fini dimostra di difendere la legalità. Vi pare poco? Io penso che lo faccia perchè ha le spalle coperte, perchè qualcuno ha deciso di muoversi e di rimettere un paio di cose a posto in Italia visto che qualcun'altro si sta allargando troppo e lui è l'agente designato a rimettere ordine.
Non mi preoccupa affatto la prospettiva di avere un domani un ex fascista come premier, visti i disastri che ha combinato un ex comunista come presidente della repubblica.
Mi preoccupano piuttosto coloro che invocano le elezioni anticipate.

Alle elezioni con il nano in sala comandi, con le panzertelevisionen schierate in suo favore e Bobo il sassofonista agli Interni? Chi si fida? La Lega lo sa benissimo che il suo potere è sopravvalutato e la sua influenza sulla politica nazionale è dopata e che, tolta di mezzo la piovra e la sua testa di minchia, tornerebbero a fare i pirla in riva al Po con le cornazze in testa. Per questo amano tanto il nano mafioso, come lo chiamavano tanti anni fa sulla "Padania". Ma nemmeno tanti, in fondo.
Di quali venti milioni ciancia il grande statista dal cui schizzo è uscita una trota? Ma mi facciano il piacere. Venti milioni di mona li voglio proprio vedere tutti assieme e in fila per tre col resto di due. Si ricordino, quando sbarellano di secessione, di Aviano e di quanto non siano affatto padroni in casa propria come non lo siamo noi italiani. Finchè si fanno le pirlate folk con le ampolle, passi, ma ci si ricordi del problema che rappresenta la Lega in Europa e che preoccupa chi ha a cuore la stabilità della geopolitica. Per l'osservatore internazionale la Lega è nient'altro che un partito razzista, ben più a destra di altre cloache nazionaliste tipo quella di Haider buonanima. Nessun impero permetterà mai sclerate secessioniste. Si accontentino delle poltrone che hanno arraffato per sé e per i figli ciuchi e delle mollezze che ancora per poco lo stare attaccati ai tentacoli della mamma Roma gli saranno permesse. Quando questi cialtroni torneranno ad infettare solo i loro territori, ridimensionati al vero valore di quell'otto per cento di voti che è fin troppo per loro, staremo meglio tutti.

Ancora più ridicola è la posizione delle opposizioni. Dovremmo andare alle elezioni anticipate con il PD in questo stato? Con PD e IDV che litigheranno un giorno si e l'altro pure perchè nessuno vorrà sedersi di dietro ma solo davanti e sulle ginocchia dei guidatori collaborazionisti con il regime?
Ma davvero il Sor Pampurio e i suoi piddini grigi pensano di poter trarre vantaggio dalle disgrazie del nano, (anche se oggi, bontà sua, dice che le elezioni non le vuole?) Gente che ha rimediato trombate epocali che nemmeno Jessica Rizzo?
Un partito con un segretario premier che è calvo ma anche no, con quei capelli incerti sul da farsi e che bisognerebbe sottoporre alla macchinetta tosamarines, è esteticamente e politicamente improponibile e Vendola... mon dieu, non è un frontman per questa Italia di merda e l'Italia di merda non è pronta per un premier con l'orecchino. Con il fondotinta e i tacchi e i dané si ma con l'orecchino no.
Intendiamoci, Vendola è caruccio quando parla. Dice cose molto cool specialmente quando è intervistato da Daria Bignardi ma non verrebbe mai votato dalle megere del Nord con il terrore del grosso negro schwanstuck. Primo perchè Nichi è terrone, secondo perchè gay e terzo perchè comunista. Sembra la barzelletta americana che dice: "Signor Hermann, lei è gay, ebreo e americano. Quando si è reso conto di essere americano?"

Vendola è una pura fantasia. E' il sogno ad occhi aperti di un Italia finalmente normale e moderna. Oserei dire europea. Lo vedrei molto bene come ministro ma la possibilità che gli italiani lo votino come premier è pura fantascienza e di quella parecchio lisergica.
Berlusconi è la testa ma ci sono anche i tentacoli e i tentacoli sono rozzi, ignoranti, pieni di pregiudizi, razzisti, omofobi e bacchettoni. Ai tentacoli piacciono i mostri alla Gentilini, la "toleransa zero", le fintemonache alla Gelmini, le redente alla Carfagna. Vendola non è Milk e l'Italia non è la California.

Ci vuole pazienza, pazienza, pazienza. Sia che stiano per esplodere le bombe atomiche o meno, forse il piano sul quale siede il nano sta diventando veramente e sempre più pericolosamente inclinato.
A proposito di bombe, è inquietante nominarle alla vigilia del trentesimo anniversario della strage di Bologna ma non bisogna meravigliarsi del governo che non si presenta alle celebrazioni perchè questo non è altro che un puro atto mancato freudiano. Non ci va perchè nell'inchiesta c'entrarono Gelli e Pazienza. Perchè forse Gheddafi ha avuto un ruolo e loro sono troppo amici di Gheddafi. Gli baciano addirittura le mani. E forse perchè all'impiccato non piace sentir parlare di corde.


5 commenti:

  1. Lo massacreranno - un punto a suo favore.

    RispondiElimina
  2. Anonimo10:06

    L’azienda ITALIA e i suoi amministratori, che in 62 anni di politica del mangia mangia,è arrivata al capolinea. se non interveniamo drasticamente ,questi (signori) hanno tutto l’interesse di portarci al fallimento. quando l’economia si ferma ,l’unico modo per riattivare la ripresa è portare il popolo hai primordi ,per fare si che la storia infinità non abbia mai fine. Penso sia giunto il tempo del cambiamento, che possa una volta per tutte stabilire quell’ ordine di qui abbiamo bisogno, ordine che questi (signori) non saranno mai in grado di darci ,essendo esseri ,discutibili che l’onestà non sanno cosa sia . vorrebbero cambiare la costituzione ,plasmandola al loro uso e consumo, e questo taglia la testa al toro, la costituzione con le sue leggi ,se vengono applicate vanno bene cosi come sono , altrimenti che. Cominciamo a eliminare i partiti che creano solo confusione, mettendo gli uni contro gli altri, senza partiti non c’è più bisogno del parlamento, senza la camera –ed il senato , eliminiamo anche i costi e i privilegi vergognosi che si sono creati,per sé ed i loro parenti, che con raccomandazioni hanno interesse avrebbero a volerla cambiare. se un ritocchino và fatto, e solo sulle istituzioni che ci hanno rappresentato sino ad oggi, abolendole ,con tutti i partiti che le hanno rappresentate, creando i danni prodotti in questi 62 anni. danni che solo il popolo con sacrificio ha dovuto risanare, mentre loro con le lobby che rappresentano, hanno prosperato spudoratamente. L’ITALIA ha bisogno di ristrutturazione e di tagli per il suo risanamento, come avviene in qualsiasi azienda in difficoltà, i tagli da apportare , sono in quelle cose inutili che hanno creato il deficit , attuale che i nostri giovani si troveranno,a pagare . Anche le regioni e i comuni si assottiglierebbero , eliminando cosi altri costi inutili con i privilegi vedi( deputati) il tutto potrebbe avvenire sostituendo , questi parassiti che ci hanno dissanguato, con veri esperti ognuno nei vari settori, con contratti a scadenza, come avviene in tutte le aziende, senza ricreare privilegi, con l’obbligo di controlli periodici sul proprio operato, in caso di danni , dovranno rispondere di persona ,rifondendo i danni. Cosi facendo si potrebbero risanare non solo le finanze dello stato, ma dare un futuro migliore per i giovani,e per gli anziani che prima di morire vedrebbero il trionfo della giustizia. VITTORIO

    RispondiElimina
  3. @ Gio
    Manca il soggetto.

    @ Vittorio
    C'è un solo problema. L'Italia, un paese, non è un'azienda.

    RispondiElimina
  4. Il soggetto sono i Minzolini, i Feltri e gli altri servetti del grande Cesare.

    RispondiElimina
  5. Una ricostruzione del tutto arbitraria e di pancia. E' sicuramente innegabile che Fini ha avuto un'evoluzione positiva, ma ciò che uno ha fatto nel passato comunque rimane e non è che si cancella con un colpetto di spugna... le cose poi ritornano a galla. Fini nel 2001 era nella sala di comando del g8 di Genova, e questo fatto rimane e prima o poi Fini sarà chiamato da qualcun altro a fornire delle spiegazioni.

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...