mercoledì 7 luglio 2010

Luglio col bene che ti voglio

Il regime ci ama e ci brama e quando viene l'estate lo facciamo eccitare se ci vede passare in gruppo per strada, soprattutto quando viene luglio. Gli facciamo sempre rizzare il manganello.

Alla testa, Ramon, alla testa. Per un nuovo miracolo aquilano.

4 commenti:

  1. povera gente,terremotati,sfruttati e malmenati da quel governo che li dovrebbe sostenere.
    dimissioni subito,di tutto l'esecutivo.
    poi ci fanno vedere la repressione iraniana e nascondono cio' che fanno in casa nostra.
    e' una vergona,un'indecenza per un paese civile,e' tempo di rispolverare i moschetti,le fila di persone che non hanno nulla da perdere aumentano giorno per giorno
    ed allora si accorgeranno di come sa essere cattiva la gente.

    RispondiElimina
  2. Adetrax20:11

    Gli facciamo sempre rizzare il manganello.

    E' il caldo ...

    Ma poi scusate, la Pezzopane che va da Schifani è come cappuccetto rosso che va dal Lupo Cattivo.

    Cioè non hanno capito che ci sono 700-800 politici che non rappresentano nessuno se non gli interessi mafiosi ?

    Con un presidente del consiglio che racconta le barzellette sui voletti argentini e relativi desaparecidos !

    Oltre a questo non è una novità che le forze antisommossa sono composte da semi-esaltati, capitanate non di rado da stronzi e dirette alla lontana dagli imbuti, quindi bisogna prevenire gli eventi, non lasciarsene sorprendere come cappuccetto rosso nel bosco.

    Bisogna sempre avere una lista completa dei responsabili da contattare in caso di problemi, parlare con loro prima della manifestazione ed essere pronti a ricontattarli al minimo problema risalendo tutta la catena di comando perchè lungo questa catena ci può essere lo stronzo lecca-imbuti che si nasconde e cerca di provocare l'incidente per poi dare l'ordine di agire come piace tanto a Cossiga.

    Poi anche i singoli manifestanti spesso non capiscono che il fatto di camminare assieme a una massa non li esonera dalle buone maniere, stesso identico ragionamento per le forze di polizia.

    Alle volte basta captare uno sguardo perso o percepire l'istinto da stadio ultrà che sta per esplodere per capire come smorzare sul nascere certi eventi infausti, perchè diciamocelo:

    la voglia di manganellare e un po' come quella di stuprare,

    è inutile nasconderlo, c'è, quindi bisogna prevenirla e gestirla.

    Consideriamo anche un'altra cosa: il vigliacco colpo di manganello spesso parte come riflesso condizionato, in automatico, di fronte a qualsiasi situazione imprevista, perchè ho il sospetto che durante l'addestramento siano segnalati come meritevoli quelli che fanno più punti con quello strumento senza contare il terrorismo psicologico praticato verso chi deve poi partecipare come rappresentante delle forze anti-sommossa.

    RispondiElimina
  3. OT

    Non c'entra nulla con il post, che comunque ho condiviso in bacheca (un giorno mi dirai come ti chiami veramente in modo che possa aggiungerti agli amici..), ho bisogno di un piacere da qualcuno che si intenda di statistica..

    Praticamente c'è un cretino in sezione Religione e Spiritualità di Answers che va in giro dicendo che i suicidi sarebbero maggiori nei paesi in cui vige il comunismo e l'ateismo di stato, come se questa fosse la causa prima e ultima di ogni male..

    Io vorrei dimostrare un'altra cosa, invece: che gli uxoricidi e i delitti d'onore sono più frequenti negli stati in cui vigono le religioni abramitiche..

    C'è qualcuno che può aiutarmi?
    Spero di sì, un saluto e grazie a tutti.

    RispondiElimina
  4. più che rispolverare i moschetti,ormai vecchi ed obsoleti,occorre usare il plutonio,più efficace e in grado di far crepare lentamente e consapevolmente!

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...