lunedì 13 settembre 2010

Il ritratto di Silvio Gray

Ma si, siamo impietosi. Mettiamo a confronto il giovin galletto brianzolo ambizioso ed assetato di successo con il vecchio arrivato in cima all'ottovolante della gloria ma sfatto, enfiato, tumefatto e straripante gorge incipriate e, per giunta, con la cabina che punta ormai giù verso l'abisso, a completarne la parabola esistenziale. La migliore incarnazione del ritratto di Dorian Gray, del decadimento che si dipinge sul volto per colpa di un diavolo che sta cominciando a far arrivare l'avviso di parcella, ben più salata di quelle di Ghedini.
Obiettivamente, a guardarlo, un uomo orrendo. Un incrocio pericoloso tra Zed, Joker, Mister Spock e Mao Tse.

Io ne manderei le immagini 24 ore su 24 a reti unificate, come una Cura Ludovico per i papiminkia. Scommetto che entro pochi giorni comincerebbero a vomitare perfino loro appena lo vedono.
Farei vedere loro tutto il repertorio, l'intera pornografia del loro gargoyle di plastica, di questa mummia che invece di stare zitta ci ammorba di oscenità.
Non solo i primi piani del disfacimento chirugico-plastico, dell'occhio fessurato da mostro di fantascienza di serie B ma le barzellette sconce (quella su Hitler è una barzelletta sconcia, sono morti milioni di persone per colpa di quello lì, deficiente) e le risate su cose delle quali non c'è proprio niente da ridere. Vada allo Yad Vashem, se ne ha il coraggio, a dire che bisogna prenderla con ironia e ridere della Shoah. Un giorno qualche psichiatra forense ci spiegherà perchè lui trovi tanto divertenti gli ebrei nei forni e i desaparecidos buttati giù dagli aerei. Ma forse la spiegazione sta già nel fatto che va d'accordo solo con i nazipadani.

Ti faremo felice. Visto che bisogna essere sempre allegri, al tuo funerale rideremo come matti. Non lo dicevi anche tu che bisogna diffidare di coloro che non ridono? Non avremo nemmeno bisogno di sforzarci. Ci verrà spontaneo. Non riusciremo proprio a trattenerci. Ce la faremo pure addosso.

11 commenti:

  1. Direi che assomiglia sorprendentemente a Mao.
    A furia di parlare di comunisti dev’esseregli successo qualcosa di psicosomatico: quando andrà all’inferno Belzebù lo infilerà nella stessa cella di Lombroso, per la sua felicità. Di Lombraoso.

    RispondiElimina
  2. enea8817:21

    Riuscirai davvero ad assistere al funerale di Berlusconi? Io non ne sarei così sicuro: lui manifesta sconcertanti sintomi di immortalità; tu, invece, avrai problemi di salute a breve: è scientificamente dimostrato che una dieta a base di bambini aumenta in modo esponenziale il rischio di malattie cardiovascolari.

    RispondiElimina
  3. Mi dispiace Enea88, non mangio bambini, sono quasi vegetariana. Tu piuttosto, attento alla sindrome gnégné, sono sempre più i papiminkia che stanno crepando di delusione a causa del nanetto. In ogni caso, vai pure avanti tu. Ti posso fare lo sconto sulla cassa.

    RispondiElimina
  4. Effettivamente il raffronto con immagini del passato anche recente colpisce.

    Secondo me Sua Bontà si sta imbalsamando da vivo. Non si fida di quello che potrebbero fargli da morto per cui si sta aggiustando il proprio cadavere a suo piacimento.

    Oppure è un morto che cammina manovrato da Confalonieri & C.

    RispondiElimina
  5. kthrcds22:08

    L’accostamento tra le due foto evidenzia che B. faceva schifo anche da giovane.

    RispondiElimina
  6. Adetrax22:38

    Non è solo lui (che si sa com'è), è tutto lo show politico, da Fini che pare abbia ridimensionato i suoi propositi (comunque ha sempre augurato che la legislatura durasse altri 3 anni e questo è tutto dire, nel senso che a lui interessava solo sganciare la sua figura dal PdL) al fatto che ora è evidente che non si vota più perchè la "cosa metterebbe a rischio la governabilità", perchè la maggioranza c'è e il consenso secondo Silvio è al 60% e quindi l'intera ipotesi è fuori discussione, fino alle ultime dichiarazioni di un certo Stracquadanio.

    Sembrano episodi scollegati ma non lo sono in quanto legati da un filo conduttore con precisi obiettivi (fra cui quello di inculcare nelle masse determinate convinzioni).

    Fra l'altro Silvio, nella sua raffica di show (è contento ?), ha anche rivangato l'episodio del suggerimento alla precaria (di cercarsi uno ricco) ribadendo che era un consiglio "pratico" molto sensato (rivolto anche agli uomini) visto che lui stesso è assediato da una "fila" di donzelle (giovani ?) che gli fanno la corte (lui è quello bello e ricco naturalmente).

    L'unica cosa che non ha capito è che ci sono 100 precari per ogni ricco-benestante, forse anche 1000 e più se lo vogliamo non oltre la mezza età.

    Poi anche il discorso che "Putin è un dono del Signore" fatto in una nazione semi-atea più che far ridere potrebbe imbarazzare (specie dopo il passato gesto del mitra di Silvio) ma in realtà dovrebbe far riflettere molto sia perchè qualcuno ha giudicato la cosa "un colpo di genio", sia perchè l'anno scorso (ma anche recentemente) qualcun'altro disse e ha detto che "Silvio è un dono di Dio".

    Allora qui si parla di Dio, di Signore, ecc. ma non è affatto chiaro di quale Dio, di quale Signore si parli, probabilmente le masse capiscono una cosa, mentre chi le dice intende qualcos'altro ... si spera quindi che questo qui pro quo prima o poi si chiarirà.

    Per quanto riguarda le barzellette è del tutto evidente che è talmente abituato a raccontarle in privato che non si può trattenere neanche in ambiti pubblici (soprattutto perchè NON ha altro da dire).

    Magari quelle su ebrei e desaparecidos le impara da chi ha avuto qualche esperienza diretta in merito a "golpe" e consimili.

    In ogni caso la barzelletta sull'ebreo che paga tanto meriterebbe di essere sviscerata nei suoi obiettivi e significati reconditi.

    Siamo sempre in zona "master of deception".

    RispondiElimina
  7. Anonimo23:56

    Oddio! Al pensiero ho gia` cominciato a ridere ..... non riuscivo a fermarmi!
    Roberta da Sydney

    RispondiElimina
  8. Pio XI diceva che Mussolini era l´uomo della Provvidenza. Don Verzè dice il Berlusca è un dono divino. Lo stesso nano, riferendosi a Putin, lo definisce un regalo di Dio. Poi la gente si chiede perchè uno diventa miscredente...

    Dio, per piacere smettila coi regali. La prossima volta, basta il pensiero!!

    RispondiElimina
  9. si,si,e' una bambola gonfiabile,chissa' da che parte si gonfia,ma soprattutto chi e' che lo gonfia tutte le notti? ;-)

    RispondiElimina
  10. Certo che aspettare sulla riva del fiume è palloso assai ...

    RispondiElimina
  11. Ma Dio, smettila di darci tutti questi "doni"... mi basta la vita!
    http://vitainpillole.wordpress.com/

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...