venerdì 8 ottobre 2010

La nostra naturale deformità


Capita anche questo a chi va in cerca di un po' di informazione nella serata televisiva altrimenti destinata al solito intrattenimento a neuroni disattivati.  In cambio di pochi minuti di cronaca vera da Reggio Calabria, dove volano le bombe delle 'Ndrine e non i capelli, dove i giornalisti vengono minacciati per davvero e non dai propri alter-ego da fumetto, ci tocca dover sopportare per due ore  e passa una sottosegretaria da salotto appena uscita dalla toelettatura che, abbaiando in falsetto e scuotendosi tutta avanti e indietro come un  pechinese incazzato, si diverte a dare del "mafiooooso" a un magistrato.  Lo fa e lo può fare solo perchè il suo padrone l'ha addestrata a suon di biscottini al gusto billionaire. E come è brava a citare i successi del padrone ritta sulle zampette di dietro. Io ai miei cani do Pal-le.
Meno male che lo studio attento della plastinazione della sua faccia in stand bye botulinico ci distrae dalle idiozie che è capace di dire. Doveva volerle molto bene suo marito quando le ha fatto un naso del genere. Oppure ha approfittato della narcosi  (finalmente zitta) per vendicarsi a mezzo bisturi. Non so cosa avesse prima al posto di quella specie di naso ma in questi casi mi viene da dire: meglio la nostra naturale deformità.  Se spendi migliaia di euro tra botulini e chirurghi e finisci come sosia della faccia di plastica di una pupazza, in questo caso Lady Penelope dei Thunderbirds, un telefilm a bambocci animati degli anni '70, qualcosa non deve aver funzionato.
A proposito, caro Santoro, la prossima volta facci un clistere di bario di quelli di una volta, una colonscopia, canalizzaci un molare, cauterizzaci le emorroidi o facci un naso come quello della Santanchè senza anestesia  ma non imporci più nella stessa serata la  suddetta e Belpietro (che nemmeno lui crede più all'agguato dell'uomo mascherato). Abbi il coraggio di non subire e farci subire certi personaggi perchè altrimenti il contraddittorio e la par condicio e il nano che se ne ha per male e piange. Che se li ciùccino su Merdaset, nei programmi fogna dove le pantegane sono nel loro habitat naturale e le si osserva perfino volentieri, come in un documentario naturalistico su National Geographic Channel. Ma due ore a sparare minchiate solo per okkupare lo spazio pubblico in luogo del nano e fare i guastatori telecomandati, questo no. Mancava solo Mavalà & Macosadice e poi un bel ferro da stiro lanciato a bomba contro il teleschermo non te lo avrebbe levato nessuno.


Mi scuso ufficialmente con la categoria dei cani da salotto per averli paragonati alla Santanché.

10 commenti:

  1. Cara amica Lameduck,

    i personaggi che hai citato stanno antipatici anche a me. Però trovo giusto che Santoro inviti anche chi non la pensa come lui.

    Guai se in televisione andassero solo quelli che piacciono a noi.

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  2. Eddai,la divina Lady Penelope non merita di essere paragonata all'imbarazzante Garnero (cosi' si chiama in realta' la decerebrata).

    RispondiElimina
  3. kthrcds00:41

    Lameduck, è sempre un piacere leggerla: il suo “abbaiando in falsetto” fa il paio con il “cinguettare in pompa magna” e “frenetizzare l’insignificante” di Louis-Ferninand Céline – non ricordo se in “Morte a credito”, o in “Viaggio al termine della notte”.

    Ora mi rileggo per la quarta volta la parte riguardante l’invito a Santoro a non riprovarci.

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo: la presenza della Santanchè rende Annozero inguardabile. Malgrado tutto, Belpietro manifesta una sua capacità di articolare un'argomentazione, non lo confonderei con la Santanchè. Che Santoro si debba tenere in studio Belpietro, mi pare inevitabile per mostrare che un contradittorio esiste, ma se spera che Annozero venga seguito, farebbe bene a tenere lontana gente come la Santanchè, non sono disponibile a sorbirmene un'altra dose.

    RispondiElimina
  5. la santache?,credo ci farebbe la sua porca figura ,protagonista di un film porno,l'unica qualita' che le riconosco per rimpinguare le casse dello stato.sicuramente sprecata in parlamento,il che dimostra,ancora una volta,l'incapacita' di questo esecutivo di vedere oltre il naso.
    mentre ci vede benissimo santoro(santo pure lui?),che accostando questi due,ci ha reso palese del fatto che in italia a legiferare siano i media(piu' subdoli) e non i parlamentari(che vordi' subdoli?)

    RispondiElimina
  6. giusto che Santoro inviti anche chi non pensa come lui. io mi accontenterei che invitasse gente che pensa! Francamente non riesco a scorgere nella signora Santanché questo requisito minimo che mi sono posto.

    il link è ad un mio vecchio post ma la conclusione è tristemente attuale
    http://cosechedimentico.blogspot.com/2009/04/problemi-di-cubatura.html

    RispondiElimina
  7. Sposami.
    http://vitainpillole.wordpress.com

    RispondiElimina
  8. Temo che Santoro abbia barattato la possibilità di andare in onda con la presenza di simili personaggi che con un sano contraddittorio hanno assai poco a che vedere. C'è da chiedersi se ne valeva la pena.

    RispondiElimina
  9. Da un decennio abbondante non guardo la tivvù italiana, escludendo qualche minuto qua e là per pura coincidenza tangenziale fra la mia persona e una televisione accesa nelle rare visite alla Patria Perduta.
    Forte della mia poca dimestichezza con il prodotto ho pensato: mica può essere tanto raccapricciante ‘sta Santanchè. E allora ho fatto visita a You Tube e ho visionato: è peggio, molto molto più peggio.
    Non ero minimamente preparato ad una simile affronto all’umanità tutta: Lameduck, questa volta sei stata troppo buona!

    Però mi è piaciuto molto l’accento da napoletano colto di Luigi de Magistris.

    RispondiElimina
  10. Adetrax21:57

    Ma la Santanché, politicamente parlando, gliel'ha data si o no a Berlusconi ?

    Durante le elezioni del 2008 diceva che non gliela dava manco morta, ma si sa, i politici sono volubili e promettono come i marinai (e poi con il dito medio - usato sia da Silvio sia dalla suddetta - spiegano sempre tutto quello che c'è da sapere su di loro).

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...