venerdì 3 dicembre 2010

Il Pierfido a sei zampe


"Noi non lavoriamo per il vile interesse ma unicamente per arricchire gli altri."
"...Altri", gli fa eco Bonaiuti. 
Il quale ribadisce che, siccome Lui è uno degli uomini più ricchi del mondo e gli intrallazzi con il maschione russo e il colonnello libico sono solo per il bene dell'Italia, come si può pensare che abbia preso tangenti dai gasisti russi?!
Già. Qualcuno spieghi a Bonaiuti, magari con l'ausilio di qualche albo illustrato di Paperone, che gli uomini più ricchi del mondo lo sono perché non smettono mai di accrescere la propria ricchezza. Mica sono tutti come il finto Briatore della pubblicità che non sa più dove mettere i soldi delle lenticchie della nonna.
Se ancora il volonteroso portavoce non si raccapezza, gli si racconti per sommi capi la storia del nostro paese utilizzando la parola chiave "sovranità nazionale" applicata al settore energetico. 

"Vogliono farmi fare la fine di Mattei!" guaiva ieri il migliore amico degli Stati Uniti, che difatti sospetta di aver pestato qualche callo.
Mentre il compianto Mattei si starà rivoltando nella tomba per il paragone con il Pierfido a sei zampe, ricordiamo alla povera bestia che le sette sorelle non possono essere trattate come sette escort alle quali lasciare la tartarughina o la farfallina in peltro smaltato dopo una sveltina "puf puf" con la pompetta.
Lasci perdere. Scherzi con i Cefis ma lasci stare i Mattei. Si rassegni, è un premier alla canna del Gazprom.

11 commenti:

  1. E' ormai evidente che gli americani vogliono il nano fuori dai piedi. E questa è la buona notizia.
    Quella cattiva è che non lo fanno certo per amore della nostra sgangherata democrazia, ma perchè esigono una maggiore aderenza agli interessi delle loro multinazionali.
    In ogni caso, perchè qualcuno non pensi davvero che Berlusconi sia il nuovo Mattei ricordo che i primi e fondamentali accordi sui gasdotti russi furono firmati da Prodi al quale venne in seguito offerta addirittura la presidenza di South Stream.
    Per far fuori Prodi però fu sufficiente un avviso di garanzia al suo ministro della giustizia.

    L'unica costante ed amara realtà resta comunque che questo paese è da oltre sessant'anni una misera colonia americana e che chiunque provi anche solo in parte a derogare a questa regola, sia esso di destra di centro o di sinistra e che sia un farabutto o una brava persona deve pagare.

    RispondiElimina
  2. ciao lameduck.

    per una volta in vita mia (e spero sia l'unica) difendo silvio. proprio sull'affare gazprom. e su quanto salta fuori dai cablogrammi.

    giusto stanotte ho scritto il pezzo, e anche io ho citato mattei :)

    se vuoi, è qui.

    ps: beh concordo con robertoG

    RispondiElimina
  3. Cari Roberto e ventopiumoso, sulla sovranità nazionale siamo pienamente d'accordo. E' dalla fine della IIGM che siamo dei valletti imperiali. Del resto, visto che abbiamo tradito tutti gli alleati che abbiamo avuto nella storia, è normale che siamo considerati valletti infidi e voltagabbana.
    Detto questo, e detto che sicuramente il poter acquistare l'energia dove ci pare ed è più conveniente sarebbe l'ideale (come voleva fare Mattei che, inoltre, voleva trattare con i paesi produttori di petrolio in termini meno schiavistici di quelli adottati dalle sette sorelle), per favore non confondiamo il nano con Mattei.
    La Russia è difficile non considerarla uno stato mafioso, in mano alle oligarchie mafiose. E' vero che anche le multinazionali occidentali sono mafia ma qui è peggio.
    C'è poi la geopolitica. Ci sono equilibri da rispettare e chi si frappone non è mai gradito a chi ha costruito quegli equilibri con tanta fatica anche se non ci piacciono. Se poi a farlo non è Mattei, ovvero un grande uomo, ma un avventuriero in odore di legame con Cosa Nostra che ti firma qualsiasi cosa se gli sventoli un po' di figa minorenne sotto il naso, ecco, ho detto tutto.

    RispondiElimina
  4. Midi17:40

    Mi immagino un'eventuale intercettazione di S.B. che chiama H.C.

    "Nos onli iu let Uicchi Lics pàblisc oll zet crappi matirial... iu let zem pàblisc it giast bifò zi elecscio!
    Iu nau sei samfin gud baut mi, occhei? Wot? Ai donnò, giast improvais! Occhei?"

    RispondiElimina
  5. kthrcds18:44

    Sono d’accordo con RobertoG e con Ventopiumoso, la cui analisi mi pare assai esauriente. L’unica cosa che mi sentirei di aggiungere è che B. non ha avuto alcun merito nella stipula dei contratti tra Eni e Gazprom. Da tempo penso che Putin, manifestando a B. la sua “amicizia”, prenda due piccioni con una fava. Da un lato vendere il gas – che la Russia ha bisogno di vendere tanto quanto noi abbiamo bisogno di comprarlo -, e dall’altro per dire agli Usa: guardate che il primo ministro di una nazione strategicamente importante per voi come l’Italia, io me lo rigiro attorno a un dito.
    In parole povere, penso che B. non si sia nemmeno reso conto di che cosa è successo tra Gazprom ed Eni, e si sia limitato a intascare cospicue tangenti e a compiacersi di essere considerato un grande stratega tra i frequentatori del sito Internet “Forza Silvio”.

    RispondiElimina
  6. "Vogliono farmi fare la fine di Mattei!" guaiva ieri.

    gli piacerebbe assai.
    credo invece finira' così.

    [...] e fu così che mi ritrovai, mio malgrado, incatramato e impiumato nel salotto buono di Lady Angostura. Per fortuna la mia parlantina mi aveva salvato da situazioni ben peggiori, anche se la presenza del sagrestano, il Reverendo Ming, rappresentava un serio ostacolo ai miei piani.

    RispondiElimina
  7. @ Midi
    :-D
    "I consideres ders se flags iunaited stets nos onli e flag ov e cauntri bas is a iunersal messagg ov fridom ev democrasi".

    @ kthrcds
    Secondo me si fa tenere per le palle da Putin e non se ne accorge nemmeno.

    @ rossoallosso
    aiutami con la citazione...

    RispondiElimina
  8. l'ho trovata cosi',esattamente come e' scritta,non so da cosa è ripresa oppure se è pura invenzione.

    RispondiElimina
  9. @ rosso
    eppure l'ho già sentita, mannaggia!

    RispondiElimina
  10. @lameduck
    ti posto il link dove ho pescato questa cosa,cercavo nel web qualcosa di attinente all'incatramento e subito mi e' uscito Marinetti ;-),che coincidenza eh?,futurismo,futuristi,futuro e liberta',poi ho pescato questo:

    http://www.mazzate.com/casa/il-calendario-di-frate-cazzaro-gennaio-2010/

    spero tu ci capisca qualcosa

    RispondiElimina
  11. ciao!

    solo per precisare che non confondo il nano con Mattei :))

    ma per carita'!

    come ho scritto di là, ed in questo concordo con kthrcds, probabilmente silvio non sa nemmeno quello che ha fatto.

    pero' la politica energetica di un paese e' fondamentale, non e' un orpello. per una volta silvio (a caso, davvero) ci ha preso. i giornali se la pigliano anche per questo, senza raccontarti cosa c'e' dietro.
    eh insomma..

    su avventurieri, multinazionali, ecc.. mah, non credo proprio che firmare accordi, energetici o comunque economici e commerciali, sia fatto in modo sporco da silvio e pulito da altri.

    per questo non mi scandalizzo.

    in odore di mafia? mattei il giorno fatidico del suo assassinio ando' ad una battita di caccia con mafiosi, se ricordo bene le testimonianeze di calderone (pubblicate da arlacchi).
    mattei era un grande uomo, ma trattava spregiudicatamente con chiunque (e non se ne vergognava, in parte giustamente), squali, mafiosi(?), ecc.

    (ho aggiunto un link a riguardo, recenti sviluppi sul caso mattei ed il coinvolgimento della mafia).

    questo per dire che scandalizzarsi per gli scheletri degli "altri", in queste faccende, non dà un robusto argomento per contrastarli.

    per il resto, siamo d'accordo su tutto. :)

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...