venerdì 14 gennaio 2011

Abbiamo disfatto l'Italia ora dobbiamo disfare gli italiani. Questi.


Per rendersi conto di che razza di gente voti Berlusconi e a quale livello di sconcezza giri il loro cervellino, basta andarsi a leggere i commenti che lasciano sui loro giornaletti di riferimento. Ad esempio, ecco un florilegio di oscenità scaturite a commento della notizia dell'indagine milanese sul caso Ruby. Andato via Feltri, al Giornale, sono saltate tutte le valvole che restavano.
"mi spiace tanto per la bruttona che non ha avuto modo di far festa a casa di zio Silvio. Basta con le persecuzioni giudiziarie che provocano lo sperpero di tante risorse, soldi e tempo prezioso per risolvere casi seri. Una perla di ragazza come RUBY fa resuscitare anche i morti figuriamoci i vivi e funzionanti. Mi viene spontaneo gridare a zio Silvio: RESISTI ! RESISTI! RESISTI!"
La bruttona sarebbe la dott.ssa Ilda Boccassini. Il vivo e funzionante immagino essere, nella fervida fantasia da videocassetta porno del commentatore, il duce nano. Secondo il/la papiminkia modello base, far festa a casa di zio Silvio è un onore, riservato ovviamente alle strafighe giovani. Le altre, soprattutto le brutte, si fottano come Marchionne. Nell'Italia di Berlusconi, l'unico metro di valutazione della donna è la sua avvenenza. A proposito, chissà perché lo chiama zio, sarà un'altra ninfetta vogliosa di vedere da vicino la magica pompetta? O un nipotino di Mubarak? Questo commento raggiunge vette di comicità assoluta quando espropria addirittura il motto di Borrelli, ovvero in teoria di uno dei nemici giurati del nano. Anche il "perla di ragazza" riferito a Ruby non è male, ammettiamolo.
"é evidente per chiunque che Berlusconi é sotto assalto di una certa parte della magistratura (a proposito, qualcuno sa che fine ha fatto l'indagine di Montecarlo ?). Bisogna dire pero che se le va proprio a cercare. Ma vi pare che un uomo della sua eta con 5 figli e non so piu quanti nipotini debba frequentare minorenni di dubbi costumi (e pure clandestina ?), portategli in casa da un tipo come Lele Mora ? Berlusconi é sicuramente libero di frequentare chi gli pare, ma non puo avere la pretesa che frequentazioni di questo tipo appaiano rispettabili. Ma vi pare che il PdC dell'Italia debba mettersi nella condizione di dare adito a inchieste di questo tipo, strombazzate a gran voce in tutto il mondo ? Sono molto molto delusa, anzi furiosa. Forse sarebbe meglio che si mettesse da parte e lasciasse il campo a Tremonti. Troppo é troppo, tanto piu che con tutti i soldi che ha potrebbe almeno scegliersi delle compagnie piu signorili e discrete. Qui siamo proprio a un livello men che basso."
Questo commento è interessante. Parte con la litania della persecuzione e dà due botte a Fini sul tavolo della cucina di Montecarlo, però  in fondo la signora mia si è turbata all'idea del settantatreenne in groppa alla diciassettenne, oltretutto extracomunitaria, e disapprova. Si dice addirittura furiosa e, birichina, annuncia il prossimo tradimento con il più signorile "povca puttana" Tremonti. Vatti a fidare della casalinga di Voghera.
"mi pare giunto il momento di fare una legge che dia la maggiore età a sedici anni come in altre parti del pianeta. sempre in ritardo da noi e i giudici rossi sguazzano nel torbido. vorrei proprio verificare se una ruby vi si presenta con fare adescatore come vi comportereste? e lei la colpevole ad aver circuito il presidente."
Oh, mi sembra giusto. Non è lui che è pedofilo, è lei che è minorenne. Povero Silvio, adescato da una diciassettenne che andava per i trentacinque. Che lo ha addirittura "circuito". Dopo la Monaca, il Circuìto di Monza. La soluzione per chi si scopa le minorenni? Abbassare la maggiore età delle stesse. Rendere la legge malleabile come il pongo, da plasmare a piacere a seconda delle esigenze del sovrano.
Se dichiariamo i neonati maggiorenni appena li si va a registrare all'anagrafe sconfiggeremo pure la piaga della pedofilia. 
"sono sgomenta,infuriata,preoccupata!!!questo non è un paese democratico ma è in mano a questi loschi figuri che si credono padrieterni e che possono cambiare la volontà di milioni di persone che hanno votato democraticamente luridi schifosi devono andare via la smettano di rovinare l'italia con i loro processi assurdi e poi dopo 20 anni la procura e via solferino(corriere della sera) sono sempre collegati come gemelli siamesi..ora basta ribelliamoci!!scusate lo sfogo, augusta"
Uno dice, oh, finalmente, questa è sgomenta all'idea che un presdelcons invece di pensare ai problemi nostri  si lasci traviare da papponi e troiette. Invece no, lei è sgomenta a causa dei giudici, definiti "luridi e schifosi".
Però alla fine si scusa di aver parlato di ribellione. La rivoluzione non è roba per sciurette.
"Che dire, ad ognuno la propria croce, noi al Sud abbiamo la mafia, voi al Nord avete i magistrati."
Si commenta da sola.
"Se le BR ne avessero accoppati un po' di piu non avrebbero mica fatto male.....in fin dei conti magistrato più, magistrato meno, erano solo compagni che sbagliano. Si scherza nè."
Il tipico umorismo berlusconiano. E se gli facessero notare che è apologia di reato, direbbe subito di essere stato frainteso.

No, questo troiaio di Italia non lo recuperiamo più. Non sarebbe buono nemmeno come compost.

25 commenti:

  1. Ma uno scatto d’orgoglio sto paese di merda non ce l’ avrà più?
    L’ ultimo che mi ricordo fu sotto l’ Hotel Raphael.
    “Bettino prendi anche queste”.
    A Berlusconi cosa gli tiriamo ?
    I calendari delle soubrettine?

    RispondiElimina
  2. Adetrax01:26

    perla di ragazza ...

    Ah, ah, pura e incontaminata ... chissà com'è infestata da infezioncelle varie, soprattutto se poi ha giocato al dottore con Silvio (noi non lo sappiamo con certezza ma pensare male è quasi un dovere in questi casi) e poi è vero che ha abortito con i soldi che gli ha dato Silvio ?

    Una vera infedele !

    Roba da lapidazione ...

    ... commentatrice ....

    Si dice addirittura furiosa e, biricchina, ...

    Argh, "biricchina" con due "c" !!!

    Cos'è un neologismo made by Davide ?

    Lo sento, è peggio di un virus ! :-)

    Non è lui che è pedofilo, è lei che è minorenne.

    La colpa è sua che dice le bugie (tipo quella di avere 24 anni) e Silvio che è "onesto e sincero" ci crede ... però Fede (che afferma che "Ruby è brutta come la fame" (comunista)), essendo stato presidente al concorso di bellezza di Ruby, doveva ricordarsi il motivo per cui la cosa non era possibile.

    Scusate, ma non sarebbe meglio fare una telenovela di 1000 puntate per questa farsa infinita ? :-)

    No, questo troiaio di Italia non lo recuperiamo più. Non sarebbe buono nemmeno come compost.

    Ah, ce ne stiamo accorgendo ... e per di più gli esempi riportati sono all'acqua di rose rispetto alla realtà vera in cui si usano termini ben più crudi ed espliciti. :-)

    RispondiElimina
  3. Adetrax, ti è tornata la logorrea. Fai qualcosa. Magari apriti un blog.

    RispondiElimina
  4. classico esempio di conflitto interiore,sull'orlo della schizofrenia dissociativa.
    perfetto ritratto dell'italia di oggi.
    altro successo del nano anche dopo morto, gli psicanalisti faranno affari d'oro,naturalmente tutto in nero.

    RispondiElimina
  5. Adetrax, ti è tornata la logorrea. Fai qualcosa. Magari apriti un blog.
    :-)
    @Adetrax
    funziona!!!
    ci infilo tutto senza rimorsi :-)

    RispondiElimina
  6. Sai rosso, i papiminkia il conflitto lo vivono soprattutto nel senso che non vogliono ammettere di essere stati bungabunghizzati da un nanerottolo. Sanno che votandolo hanno fatto una minchiata ma nemmeno se li torturi con la fiamma ossidrica lo ammetteranno mai e si autoconvincono che lui è il meglio che ci sia.

    RispondiElimina
  7. Cara amica Lameduck,

    "e si autoconvincono che lui è il meglio che ci sia"

    Non sarà il meglio che ci sia, però io non vedo cosa ci sia d'altro.

    Se pensi che sulla FIAT (la cosa però è ricorrente) il maggiore partito di opposizione aveva tre posizioni diverse, dovresti comprendere un pochino anche i papiminkia.

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  8. @lameduk
    sì, e l'assurdo è che le loro patologie le vogliono far diventare anche le nostre CAZZO!!
    prendi per esempio Davide...

    RispondiElimina
  9. Te lo concedo Davide. Forse il discorso del meno peggio è solo una scusa. Forse Silvio vi piace proprio perché vi piace la merda.

    RispondiElimina
  10. divertente ma purtroppo inutile sparare sui papiminkia!

    mi piacerebbe se usassi il tuo acume e la penna per fare a pezzi altri tizi (a mio parere ben più pericolosi seppure forse 'neutralizzabili' rispetto al 10% di italiani "berlusconiani fino al midollo").
    elettori come questo:

    Re: MI SPIEGATE PERCHE' VOTATE BERLUSCONI?
    Ti spiego perché non voto a sinistra, il che, permettimi, è ben diverso dal votare a destra.

    Posto che non sono interessato alla televisione, leggo più di quaranta libri l'anno, sono un libero professionista e sto concludendo il mio phd (scrivendo una tesi di dottorato in inglese), di conseguenza non mi si può dire che passo le mie giornate a guardare il grande fratello.

    Non voto a sinistra perché essa rappresenta la vera gerontocrazia d'Italia.

    Non voto a sinistra perché una cosa è il diritto allo studio ed un'altra, ben differente, il diritto alla laurea. Attualmente sforniamo dalle scuole mandrie di imbecilli i quali giungono all’università pieni di sogni e di progetti i quali per la stragrande maggioranza di loro sono solo un’utopia. Ciò, però, non è dovuto, come molti “scienziati” pensano, alla mancanza di prospettive, alla legge Biagi o al precariato, ciò è dovuto a genitori eccessivamente permissivi (68ini o post 68ini) a professori senza fascino, senza capacità che si limitano a ripetere giorno per giorno la loro litania senza verve e senza alcuno sprone per i ragazzi che, ovviamente, giungono all’università dove quelli come il sottoscritto sono costretti a mostrar loro la cruda, crudissima, realtà.

    Non voto a sinistra perché un ministro del fu ulivo aveva ben tre figli tutti dottorandi di ricerca o ricercatori, famiglia di geni.

    Non voto a sinistra perché è la patria della raccomandazione di partito. Perché non è vero che in Italia è obbligatorio avere un santo in paradiso. Per tutte le volte che mi han detto, gente di sinistra, che senza calci non sarei mai entrato in università. Pensa un po’, ho preso anche la borsa di studio, senza calci nel sedere.

    Non voto a sinistra perché la legge Bersani è una delle peggiori leggi che mai siano state scritte in Italia. Perché il certificato energetico sugli immobili è assolutamente incongruente. Perché la portabilità del mutuo non esiste, al massimo si tratta di portabilità dell’ipoteca. Perché non hanno avuto il coraggio di fare una riforma per le coppie di fatto e mi sono sentito preso per i fondelli anche se non direttamente interessato, preferisco qualcuno che non mi illuda.
    (continua)

    RispondiElimina
  11. (scusa, ho fatto un casino nei commenti precedenti, ecco comunque la fine del pezzo)


    Non voto a sinistra perché è schiava della magistratura e, si badi bene, non il contrario. Un governo non dovrebbe mai essere schiavo della magistratura. La separazione dei poteri è determinante ai fini della democrazia.

    Non voto a sinistra perché non tollero i salotti dei benpensanti.

    Non voto a sinistra perché le sue politiche economiche sono al limite del paradosso, non sto qui a dilungarmi ma su questo punto possiamo discutere a lungo.

    Non voto a sinistra perché di recente un politico di sinistra ha asserito che l’esame d’avvocato è troppo difficile! In realtà è una castroneria pazzesca. Si spera che la riforma delle professioni possa passare.

    Non voto a sinistra perché non sono contro i condoni edilizi se poi, dopo diversi anni, sono seguiti dal c.d. allineamento catastale. Andateci a dare un’occhiata, se non vi è chiaro chiedete pure che ve lo spiego.

    Non voto a sinistra perché non mi interessa la vita sessuale dei politici, non sono un bigotto, non mi interessa se Marrazzo (persona alquanto capace) o il portavoce di Prodi preferiscano i trans, né che Berlusconi faccia sesso come un’antilope. E smettiamola di dire che se fanno sesso sono ricattabili, non lo sarebbero se non fossimo così presi a discutere dei fattacci loro.

    Non voto a sinistra perché stimo Tremonti.

    Non voto a sinistra perché non tollero Travaglio e Di Pietro, purtroppo sono pochi quelli che riescono a cogliere le loro sonore cantonate giuridiche. Tuttavia rispetto le loro opinioni e spero che passino tutto il tempo che possono in televisione insieme a Santoro. Stimo invece, con tutto il cuore, Vauro.

    Voterei Renzi, sulla parola, pur di vedere finalmente un cambiamento. Pur di vedere Bersani, Rutelli, Veltroni e via discorrendo giocare a tresette al circolo ricreativo ENPALS.

    L’era di Berlusconi è ormai finita, ma non la guarderò con disprezzo se dimostrerà di essere stata utile alla demolizione di questo pd.

    Ah, da ultimo, non voto a sinistra perché sin troppe volte ho letto cose come quelle qui scritte, in cui, velatamente e non, si appellano gli elettori del centro destra come una manica di cretini. Spesso però, tra questi “cretini” c’è qualcuno che non lo è e che, per altro verso, è sempre ben disposto a discutere di politica senza insultare chi ha opinioni diverse dalle sue.

    Concludo con un “abbiamo una banca”, a buon intenditor poche parole. Il problema non è distinguere i buoni dai cattivi, ma le due visioni diverse della politica, chi è a sinistra di solito si comporta come un tifoso allo stadio: “zitto tu che sei un cretino che vota a destra”. Qui, però, occorre spezzare una lancia a favore di alcuni elettori di centrosinistra appellati come “coglioni” dal Berlusca, più che ragionevole la loro reazione.


    Ho preferito votare per un immorale dittatore che per un moralista schiavo delle sue stesse ideologie. Ne vedo solo uno piuttosto libero, e non è di “destra” sebbene sia andato a fare una gita ad Arcore.

    RispondiElimina
  12. il 'merito' del nano è stato quello di sdoganare i cretini e i mascalzoni che un tempo non avrebbero avuto voce nemmeno in casa propria, li ha fatti diventare ministri, sottosegretari e allora tutta questa marmaglia adesso si sente legittimata...che fare? sperare chela selezione naturale li spazzi via!

    RispondiElimina
  13. Anonimo12:15

    @ giu

    in attesa che la papera ti risponda, io posso solo scrivere che personalmente non ho mai ritenuto di scegliere tra il bene e il male ma tra una polmonite (malattia grave ma curabile) e un cancro. Se avessi voglia e tempo potrei scrivere 200 comemnti con i motivi per i quali non ho mai votato Berlusconi e la destra (questa destra, soprattutto), e credimi solo pochi di questi sarebbero "ideologici". posso solo accennare al fatto che, lavorando in Lombardia (regno leghista-forzitaliota, con la sinistra praticamente inesistente) da 23 anni a contatto con il settore pubblico, ho visto cose che voi umani, e ti posso assicurare che non sto parlando delle astronavi in fiamme nei bastioni di Orione.

    @Antonio

    ecco, bravo, ricordiamole queste cose!

    Saluti

    nevermind

    RispondiElimina
  14. Cara amica Lameduck,

    "Forse Silvio vi piace proprio perché vi piace la merda."

    Scusa ma Merda mi sembra troppo volgare. Non si potrebbe almeno usare la parola Pupu?

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  15. @ giu
    il problema dell'italiano tipo è l'assoluta ignoranza politica, per cui ti ritrovi da una parte con i papiminkia e dall'altra con uno che crede che le lauree le regalino.
    No so dove vive 'sto tipo. Io mi sono laureata a pieni voti ma certi esami li ho dovuti dare tre volte. Mi sono letteralmente ammalata per studiare e ti assicuro che mai nessuno mi ha regalato mezzo voto.
    Il tizio che hai citato è affetto da qualunquismo, non c'è altra definizione. Probabilmente quei discorsi li sente da quando era piccolo. Lorenz lo chiamava imprinting.
    Io non avrei mai votato Berlusconi per un solo motivo: perchè è un malfattore dietro il quale si nascondono i peggiori poteri occulti. Mi pare sia un motivo sufficiente. Così come non avrei mai votato per Pietro Pacciani.
    Chi vota Berlusconi sapendo come ha fatto i soldi e con chi è stato sodale, è perché è marcio come lui.

    RispondiElimina
  16. No Davide, pupù non rende l'idea. Bisogna chiamarla merda.

    RispondiElimina
  17. tirando le somme si potrebbe dire che uno cui piace tremonti non vota a sinistra semplicemente perchè è di destra.
    io invece posso dire che non voto questa sinistra proprio perchè non sono di destra

    RispondiElimina
  18. Una riflessione.
    La questione "Berlusconi" ormai travalica la politica, travalica il binomio desueto destra-sinistra. Ha a che fare con la cultura del popolo, il suo modo di ragionare, la sua mediocrità intellettuale, il suo bagaglio morale che ormai starebbe in una pochette di seconda mano. La questione "Berlusconi" ha a che fare con la nostra dignità personale, con l'aria canzonatoria con cui veniamo trattati appena valichiamo le frontiere, con la mancanza di rispetto con cui spesso ci sentiamo trattare in Europa, con un razzismo sempre più diffuso a livello mondiale nei confronti dell'italianità.
    La questione "Berlusconi" ha a che fare col sentirsi donne o meglio, col quello che una volta era definibile il sentirsi donne: ora non siamo che oggetti, meglio se siliconati e muti, al pari di Barbie moleste.
    L'affare "Berlusconi" ha demolito un popolo, le sue radici storiche e culturali minando in modo serio la prospettiva del futuro, crescendo dei giovani vuoti e votati all'apparenza, che venderebbero la madre e se stessi per un paio di jeans firmati.
    L'affare "Berlusconi" ha denigrato un'epoca.
    Eppure credo che, in questo mare di puerili nascondimenti e bugie e tradimenti a danno anche della bellezza stessa (poichè i greci qualcosa avevavo capito cosa si nascondesse dietro la bellezza pur esteriore), si possa ancora trovare un appiglio e salvarsi. E lo scoglio su cui trovare tale salvezza siamo proprio noi stessi, le scelte quotidiane, il senso di responsabilità nei confronti del nostro pur piccolo mondo. Una volta qualcuno disse :"Chi salva una vita, salva ilmondo intero."
    Credo che questo non vada dimenticato. Altrimenti saremo solo preda del qualunquismo e della disperazione.
    Un modo c'è, per ricominciare. Che ciascuno ricominci da sè stesso. Senza demandare per l'ennesima volta all'altro, invisibile e apparentemente potente.
    Cambierò la frase : "Chi cambia una vita, cambia il mondo intero."
    A ciascuno di noi è data questa possibilità.
    Buona giornata a tutti
    Francesca Giordanino

    RispondiElimina
  19. Cara Francesca, hai senz'altro ragione. Dovremmo pensare con la nostra testa ma purtroppo la massa preferisce la delega, il consegnare la propria esistenza nelle mani di chi sa approfittare della dabbenaggine altrui.
    Se ascolti la videointervista a Ruby quello che colpisce è il fatto che lei dice che voleva "soldi facili". Per questo si è rivolta a Lele Mora.
    Ecco, è questa la depravazione attuale. Questi che pensano che i soldi siano sempre facili mentre nel mondo reale ci si deve spaccare la schiena per poco più di 1000 euro al mese, otto ore al giorno per 5 giorni, più gli straordinari.

    RispondiElimina
  20. Caro Lameduck,
    intanto grazie per la tua risposta.
    Leggendo quanto hai scritto mi è venuta in mente la scena di uno spettacolo comico di Giobbe Covatta visto proprio ieri in tv (sky ovviamente, nessuna rete nazionale!). Nel suo monologo egli fa questo esempio: se le risorse del mondo fossero rappresentate da un barattolo di gelato e la popolazione mondiale da 100 bambini, 7 di questi bambini (ossia gli occidentali) farebbero 1100 cucchiate mentre i restanti 93solamente 1 cucchiaiata, pure con il cucchiaino bucato. Senza dimenticare che se un italiano consuma in media 400 litri di acqua al giorno un africano ne consumerà forse 10. E noi stiamo a parlare di soldi facili? Di crisi?
    Ci dicono che non ci sono più soldi. Sono venuta a sapere che ad un cantante italiano per una comparsata in Rai in un programma dove ha cantato 2 canzoni hanno dato più di 200 mila euro. Ma di cosa stiamo parlando? I soldi ci sono, ci sono sempre stati e sempre ci saranno.
    Solo che saranno a disposizione di chi fa il mercato. E chi fa il mercato detta legge, ai giorni nostri, e impone il proprio credo religioso sulle mode, sulle tendenze, su ciò che la gente DEVE pensare.
    Non si può criminalizzare Ruby. Ruby è certamente una donna poco raccomandabile ma è semplicemente una che ha scelto di adattarsi al sistema. Quindi bisogna cambiare il sistema,alla radice.
    Bisogna ricominciare a pensare che le auto non sono tutto nella vita, che vale di più una buona compagnia di un vestito da 2 mila euro, che conta di più leggere un libro piuttosto che guardare il "Grande Fratello". Anche perchè guardando al passato, alla storia che nessuno ormai studia più, si evince con chiarezza che periodi storici come il nostro nel passato ci sono stati, eccome! E guarda caso sono sempre stati preludio di grandi cambiamenti, spesso tragici, comela fine dell'età dell'ro viennese prima della 1° guerra mondiale o la fine dell'impero romano, corrotto e prostituito a se stesso, che è culminato con SECOLI di decadenza, povertà, fame e sanguinose battaglie.
    Dio non voglia che l'uomo debba sempre commettere gli stessi errori per capire il proprio ruolo nel mondo! Eppure ho come l'impressione che tutta la nostra società corra all'impazzata verso il baratro, ridendo e scherzando.
    Forse quando anche noi dovremo farci bastare 10 litri di acqua al giorno smetteremo di ridere.
    Buona Domenica a tutti
    Francesca

    RispondiElimina
  21. Cara Francesca, il sistema è senz'altro da modificare ma diciamo anche che per fortuna la maggioranza delle ragazzine studia, lavora e fa una vita normale. Ruby sarà una vittima ma credimi, ci sono ragazze che sono nate per fare una cosa sola.

    Ah, ci tengo molto, sono una CARA lameduck, non un caro. ;-)

    RispondiElimina
  22. CarA Lameduck,
    non voglio risparmiare la "perla" dalle critiche, assolutamente. Personalmente le "donne" (ma forse non si meriterebbero questo appellativo nemmeno virgolettato) che si comportano così suscitano in me un'ondata di sdegno e quasi violenta ribellione. Solo mi preme fare in modo che tutti "alzino lo sguardo", che si riesca ad andare un po' più là, per vedere oltre lo scenario ristretto dell'episodio.
    A volte temo che noi tutti siamo solo vittime di depistaggio da parte dei politici e della stampa che - sbattendo in prima pagina scandali che pur devono avere la giusta eco - ci distraggano dai veri problemi del paese: il lavoro totalmente allo sfascio, intere generazioni ormai perdute, l'economia disastrata e la ladroneria ormai assurta a sistema.
    Guai abbassare la guardia!
    Se ti interessa sul mio blog ho appena postato uno stralcio dello spettacolo di Giobbe Covatta dedicato ai diritti dell'infanzia.
    E' sempre un modo per non buttare via la mia domenica.
    Grazie delle tue risposte.
    Francesca

    RispondiElimina
  23. Quando discuto con un berluschino, messo alle strette 5 volte su 3 finisce con il dire: "ma perchè se tu trovi un portafoglio pieno di soldi per terra non te lo tieni?"
    Quando rispondo che no, non solo non lo farei, ma che ne ho già restituiti due ai legittimi proprietari, mi guardano increduli e allibiti. (e incazzati, come se li avessi insultati, e in un certo senso è così).
    Dal che deduco che il berluschino medio è una persona marcia dentro, che gode per interposta persona per il sucesso di uno marcio come lui, che sdogana la sua corruzione.
    Una persona del genere si romperebbe i coglioni a leggere il blog del puttaniere, e ancor di più a commentarlo. Lui lo vota proprio perchè sà che è colpevole, non gli serve leggere la sua ridicola propaganda.
    D'altro canto le persone che sono genuinamente convinte della sua bontà esisteranno pure, ma credo che siano generalmente troppo stupide e/o illeterate per commentare in un blog.
    Quindi ho il forte sospetto che gran degli interventi che hai letto siano più opera di influencer prezzolati che di ammiratori sprovveduti.

    RispondiElimina
  24. Anonimo18:26

    Forse è per l'età che avanza e che mi rincoglionisce... forse perchè anche io sono nata al tempo in cui la tv era in bianco e nero, si diventava maggiorenni a 21 anni, e ci si baciava di nascosto nell'angolo più bui del portone di casa... ma in questo immenso verminaio non mi ci trovo, non riesco a concepire tanta ... (non so neppure come definirla), merda mentale? No, neppure perchè in fondo la merda ha una sua dignità... questi luridi, no.
    E non parlo solo del vecchio laido che mi ricorda tanto certe immagini di Mann, ma di questa pletora di zozzoni e zozzone senza ritegno, senza umanità, senza dignità, senza cervello, dotati solo di tubi digerenti e apparati riproduttivi, come un'ameba, una lumaca o un pollo.
    Chiederei asilo al Burchina Faso...
    :-(((((
    pasionaria

    RispondiElimina
  25. Anonimo19:40

    FIRMATE RAGAZZE, FIRMATE NUMEROSE:

    http://www.unita.it/donne/dove-siete-donne-diciamo-ora-basta-br-firmano-camusso-marcegaglia-e-finocchiaro-1.266963

    pasionaria

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...