giovedì 27 gennaio 2011

Il flaccido Don


Siamo alla disperazione, allo scarafaggio che, rovesciato sulla corazza, agita disperato le zampette.
Arieccoci alla casa di Montecarlo, all'unico argomentuccio trovato dalle truppe cammellate, le Garnero e gli Starace, i TG e i giornalacci porno del Flaccido, contro il Gran Traditore.
La Procura di Roma aveva già archiviato il caso stabilendo che, di chiunque sia la proprietà della casa, non  sussistono reati nella compravendita della medesima. Già l'estate scorsa le famose carte di S. Lucia, ovvero la dichiarazione di un ministro di quel paese circa la proprietà di una società off-shore da ricondurre al cognato di Fini, dovette essere seppellita alla svelta, tanto puzzava di falso ma, non importa, l'infame la deve pagare lo stesso, ordina il nano.

Così quel gran bell'uomo Lebole di Frattini, impeccabile come un maggiordomo inglese che ti porta la colazione in camera, anzi alla Camera, è stato inviato oggi a giuringiurellare in Senato che le famose carte di S. Lucia di cui sopra sono autentiche. Autentiche perché suo cuggino gli ha detto che i tenutari del paradiso fiscale lo giurano sulla testa dei loro figli. 
Battista Frattini ha ricevuto la conferma, sempre dal governo di S. Lucia, che la casa di Montecarlo è di Tulliani. L'ha saputo tempo fa ma ha aspettato che le cose si mettessero proprio brutte per il nano per trasmetterle alla Procura. Quel gran imparziale di Schifani, in tutta fretta, ha convocato la seduta del Senato che doveva servire a chiedere le dimissioni del suo collega della Camera, accusato di imparzialità. Hanno la faccia come il flaccido.

E va bene, la casa è di Tulliani. Se quest'affermazione è vera allora è vero anche che  un paradiso fiscale come S. Lucia, che campa sulle società off-shore e solo di quello, accetta di sputtanarsi a livello planetario violando il voto di segretezza sui nomi dei reali proprietari di quelle società, rivelandoli ad un Frattini qualsiasi. Una tattica che definire suicida è poco. Come se gli gnomi svizzeri, improvvisamente impazziti, cominciassero a dare un nome a tutti i loro conti cifrati. Quanti capitali pensate rimarrebbero tra i quattro cantoni? Meno di zero. Campare solo di cioccolata e orologi non è facile.
Le prove di Frattini

A parte il fatto che, in ogni caso, se vi fosse il sospetto di un reato commesso da una di queste società con sede all'estero dovrebbe essere il Ministro della Giustizia su richiesta della magistratura a richiedere al paradiso fiscale, attraverso una rogatoria internazionale, tutti i documenti atti a rivelarne la reale proprietà, non certo un ministro degli Esteri su mandato di un presidente del consiglio per favorirlo in una faida personale che lo riguarda. Don't cry for me Angelino non ha niente da dire su questa faccenda?

Allora, se non è un bluff da tavolo da gioco degno di Montecarlo, ma nel senso del Casinò, e fosse vero che un paradiso fiscale da oggi spiattella i segreti dei suoi clienti, allora dovremmo proprio pensar male e sospettare che qualcuno stia cominciando a comperarsi non più le puttane a vagonate ma intere isolette caraibiche.

Intanto, mentre siamo tutti ansiosi che Fini dia le dimissioni perché non si è mai visto che il cognato di un nemico di Berlusconi si comperi una casa al grezzo a Montecarlo pagandola il giusto prezzo, il padrone di Battista, accusato di prostituzione minorile e concussione, inquina le prove, fabbrica testimoni prezzolati affinché neghino il fatto che lui paga profumatamente ragazze perché si facciano toccare nelle parti intime, come un maniaco da quattro soldi. Non solo, riduce questori e prefetti al rango di sguatteri al servizio permanente delle sue puttane.

Secondo me, invece di amminchiarsi su quella scemenza della casa di Montecarlo, dovrebbe preoccuparsi del fatto che sull'inchiesta che lo coinvolge comincia a cadere la neve e si moltiplicano le minorenni coinvolte in esibizioni hard e, soprattutto che, vista la mala parata e il pericolo di affondamento, le zoccole cominciano ad abbandonare la nave. Non prima di aver dato al loro generoso benefattore del "culo flaccido". Veline ingrate.

35 commenti:

  1. Anonimo22:46

    Tutto bello, tutto vero, peccato che la tattica del nano stia funzionando egregiamente. La Giunta ha stabilito che Berlusconi ha agito nelle sue funzioni di "statista" dunque sarà la Camera a decidere se la cosa è di competenza del Tribunale dei Ministri (ti puoi immaginare il risultato). Nell'Occasione Fli ha dato l'ennesima prova di fragilità con Consolo che non si è presentato ma ha detto che lui avrebbe votato sì (Moffa 2 la vendetta?). Il tutto mentre i berluscones votano sempre compatti a mo' di falange macedone (meno male che qualcuno aveva detto che era una maggioranza fragile). Il 3 p.v. passerà anche il federalismo senza colpo ferire e così la Lega potrà dare in pasto ai suoi elettori la vittoria del popolo padano su Roma Ladrona. Intanto i media massacreranno Fini sulla risibile vicenda monegasca, costringendolo nell'angolo. Qaunto alle zoccole, non tradiranno mai la loro maggiore fonte di reddito (come tutte le imprenditrici, sanno che in un azienda l'unica persona insostituibile è il cliente).
    Mi sa che dovremo aspettare la comare secca per liberarci del Papi Ciulo.

    Saluti

    Nevermind

    PS: complimenti a tutti i commentatori politici che il giorno dopo il voto di fiducia avevano previsto che si sarebbe andati a votare a breve.

    RispondiElimina
  2. Eddire che – secondo me – i PM finora hanno usato solo l’artiglieria leggera, che s’inventerà Frattini (leggi il Flaccido per lui) quando apriranno il fuoco con l’artiglieria pesante?
    Ci sarà da ridere e piangere insieme.
    E ci sarà da ridere anche se Minetti comincia a parlare innescando così un bel effetto valanga fra le colleghe in arte.
    Aspetto fiducioso una stuzzicante prossima puntata.

    RispondiElimina
  3. Anonimo23:05

    Salazar, potrei sbagliarmi ma la Giunta ha praticamente dichiarato incompetetenti i PM di Milano stabilendo nche una decisione in merito la può prendere solo il Tribunale die Ministri. A questo punto non è che ci sia molto da inventarsi. Quanto alla Minetti, sono pronto a scommettere che ha già avuto le opportune garanzie e che il primo febbraio si esibirà davanti ai PM in una serie di supercazzole clamorose, altro che il nuovo Mario chiesa, come spera qualcuno. Ti faccio presente che ha avuto il coraggio di dichiarare, di fronte alle intercettazioni, che lei quelle frasi non le ha mai dette (evidentemente deve esserci un imitatore molto bravo in giro). Ci sta prendendo tutti per il culo? Certo, ma pare che la tattica comunque funzioni.

    saluti

    Nevermind

    RispondiElimina
  4. Il “Tribunale dei Ministri” non è composto da Ministri, ma da magistrati del distretto di Corte d’Appello competente per territorialità estratti a sorte. In particolare hanno sia la funzione di PM sia quella di GIP congiunte.
    Almeno così la so io.
    E credo sia proprio il PM incaricato del caso – e non il Parlamento - a dover decidere se inoltrare gli atti al “Tribunale dei Ministri” o meno, ma di questo non sono sicuro.
    Tutta la manovra in Parlamento è fatta solo per perdere tempo (visto che non possono dare ordini alla magistratura) ma non cambia la sostanza: in ogni caso saranno sempre dei giudici a decidere. Che poi il Parlamento non dia l’autorizzazione a procedere è un’alta storia.
    Però io sono in stuzzicante attesa della fughe di notizie, che altro?!

    RispondiElimina
  5. una cosa è certa,questo non molla.
    lui e i suoi debitori son disposti a portarci all'inferno con loro.
    siamo fermi ,bloccati in ogni settore politico ed economico,nel sociale stiamo arretrando ad una velocita' spaventosa che due anni sembran venti.
    questa lotta di potere fatta di dossier piu' o meno inventati se non fermato portera ad un forte scontro ,temo,non solo istituzionale.l'hanno avvertito in tutte le maniere di togliersi di mezzo ,ma lui non lo fa finchè non gli danno cio che vuole e lui vuole l'italia,vuole l'italia perchè se l'è guadagnata col suo culo,vuole l'italia perchè la gente lo ama e lo acclama,l'italia ,questa italia,è opera sua.e' stato un bravo soldatino il silvio ed ora che non serve piu' lo vogliono togliere di mezzo,nel momento del suo massimo splendore lo vogliono scartare come lui scarta le maggiorenni,troppo vecchie.
    quale affronto peggiore di questo,piuttosto di subire tale sacrilegio si brucia e con lui bruceranno i suoi sudditi riducendo tutto ad un cumulo di macerie.
    avete voluto l'italia "prendetevela".

    RispondiElimina
  6. Voglio perdere un po’ di tempo su quello scritto sopra per dare della prospettiva a Rosso, che forse la riesce a stappare una bottiglia di Sangiovese alla faccia dell’On. Flaccido Berlusconi. Purtroppo, se lo farà, lo farà di certo sulle rovine fumanti di quella che era l’Italia.

    Secondo la legge, anche se sappiamo che Flaccido non se ne cura e la usa come preservativo per metterlo in quel posto ai suoi sudditi, è il PM o il Procuratore (non so bene, ma un magistrato, insomma) a stabilire se un reato è commesso come privato cittadino o rientra nell’esercizio delle funzioni.
    Nel primo caso si va avanti con il normale iter processuale, nel secondo l’inchiesta passa al Tribunale del Ministri non prima del parere favorevole del GIP.
    Se tutto va bene (o male) a questo punto il TdM (tre magistrati di Corte d’Appello e tre supplenti) subentra nelle indagini preliminari, non entra nel merito dei fatti, ma decide solo se si debba predisporre l’archiviazione o si debba passare gli atti alla Camera competente per richiedere l’autorizzazione a procedere, cioè se sottoporre il Flaccido a giudizio oppure no.
    E qui viene il bello: il TdM deve passare tutte le carte alla Camera (comprese quelle migliaia di pagine secretate che nessuno ha ancora visto e - a occhio e croce - devono avere un odorino davvero disgustoso) e la Camera può negare l’autorizzazione a procedere solo a maggioranza assoluta, 316 voti, cosa che Flaccido – per ora – non ha.
    Va da sé che tutto diverrebbe di pubblico dominio in tre secondi netti.

    Altra cosa: se il reato di concussione passa al TdM, quello di prostituzione minorile che fine fa? Va a Monza?, rimane a Milano? Flaccido si tromba le minorenni nell’esercizio delle suo funzioni: mi viene già da vomitare pensando a quello che dirà Ghedini.
    Ultima considerazione: gli altri processi associati si faranno, Minetti, Mora, Fede, e quella sarà una vera pornotelenovela in mondovisione: copertura giornalistica 24/7 in 200 Paesi, e commenti, editoriali, animazioni, etc etc.
    Una vera fortuna per l’Italia.

    RispondiElimina
  7. Anonimo08:09

    Scusami Salazar, solo una cosa: come fai a sostenere che non ha la maggioranza di 316 voti? Al momento può contare su 314 ascari che sarebbero disposti a difenderlo anche se si scoprisse che aveva dei cadaveri a pezzi nel frigorifero, più probabilmente Consolo che ha già assunto una posizione ambigua. Vuoi che non ci sia un altro cavolo di deputato che ha qualche problemuccio finanziario (l'IdV in questo campo riserva sempre sorprese meravigliose) oppure non riesca a tirare a sè i 2 SVP svendendogli l'Alto adige (anzi Sud Tirol, se va avanti così), cosa peraltro praticamente già fatta?
    Per quanto riguarda la prostituzione minorile, se Ruby e le altre tengono la bocca chiusa (vabbè, verrebbe un afacile battuta ma lasciamo perdere...) in assenza di intercettazioni incontrovertibili non so quanto sia facile da dimostrare. Sui processi correlati, ammesso che si faranno, vedo già calare qualche sanatoria o qualche impedimento studiati ad hoc, ed ogni caso mettiti in mente che al nano e ai papiminkia il fatto che ci prenderanno per il culo anche i boscimani e gli inuit non gliene po' fregga de meno.

    @ Rosso

    personalmente non credo ci sarà bisogno del "fate terra bruciata" di hitleriana memoria, rimarremo semplicemente la Repubblica delle Banane che già siamo, con una casta di forchettoni che si dividono il grosso della riccheezza e una mandria di sfigati che li adorano e che lottano tra di loro per raccattare le briciole con la sola speranza un giorno di entrare anche loro nel club.

    Saluti

    Nevermind

    RispondiElimina
  8. [...] maggioranza assoluta, 316 voti, cosa che Flaccido – per ora – non ha.
    Per ora non ha, Never. In futuro non so, non sono la Sibilla Cumana: potrebbe comprarne 20 di voti o perderne 21.
    Oppure potrebbe cadergli in testa un vaso di gerani e rincoglionirsi del tutto. Se il vaso non rimbalza nella moquette che ha in testa senza provocare danni.

    RispondiElimina
  9. ammettiamo che l'ipotesi Salazar non sia applicabile (magari!!),troppo spesso il flaccido ci ha fottuto in questo senso è anche vero che lo scontro è arrivato all'arma bianca,la determinazione con cui stanno cercando di spodestarlo dimostra che nessuno si puo permettere di consegnare il paese ad un malato di mente che sta facendo danni incalcolabili.
    allora diventa buona come ultima opzione l'ipotesi "vaso di coccio"dove si intende una dipartita "naturale",soluzione che andrebbe bene ad entrambi.
    quale migliore conclusione per il il piu' grande statista degli ultimi 150 anni,silvio come mattei.
    ripulisti della sua immagine pubblica,vittima di un complotto "comunista" e beatificandolo ricordando quanto di buono ha fatto per noi con relativo pellegrinaggio al suo mausoleo.magari dopo una temporanea tregua perchè si calmino le acque onde evitare troppi sospetti e poi
    un buon caffè non lo si nega a nessuno.
    dopodichè brindero con un buon schiopettino ;-)anche se in definitiva per me nulla cambia,anzi

    RispondiElimina
  10. mi son dimenticato di fare i complimenti a Lame per il quadretto,la tecnica dell'arcimboldo unita al simbolismo di hieronimus bosch.
    mi piace

    RispondiElimina
  11. secondo me il New York Time di ieri l'altro non ha tutti i torti:
    "Ordinary Italians might have reached the tipping point, but not the economic, social and political elite."

    Non è questione di cosa faccia o non faccia il nano e non è neppure questione di processo o meno ma di mancanza di alternative da parte dei principali azionisti della società italiana, i quali hanno digerito di tutto in questi diciassette anni pur di mantenere la presa sul paese. L'unica alternativa sarebbe una spinta dal basso che faccia pensare alla convenienza di scaricare il despota, ma non mi sembra che si sia a questo punto. Sia per la confusione dell'opposizione sia per il rischio concreto che la caduta del capoclan travolga tutti i picciotti. Ecco, in questi anni ci si è occupati troppo poco del consenso berlusconiano: non di quello della commessa o del pensionato papiminkia ma di chi materialmente trae la principale fonte di reddito direttamente da lui e che reagisce come le escort: purchè paghi...

    RispondiElimina
  12. Ultime dall`Egitto. Mubarak assediato si gioca l´ultima carta: "Sono lo zio di Ruby!"
    Povera Ruby, dopo Papi ora è nella merda anche lo “zio”. Un vero Family Day!

    RispondiElimina
  13. Vorrei solo fare un paio di precisazioni, visto che a quanto pare l'"ammuina" che i berluscones hanno impiantato è riuscita nell'intento di confondere le idee a tutti (e già non è che ci voglia poi tanto, quando si parla di procedura penale).
    La Commissione della Camera aveva solo una funzione: visti gli atti inviati dai PM doveva autorizzare (o meno, come difatti è stato) la perquisizione degli uffici del ragiunà Spinelli. In assenza di autorizzazione da parte della Commissione, la decisione spetta alla Camera che può negarla solo a maggioranza assoluta (i famosi 316 deputati). Con tutto ciò, il conflitto d'attribuzione, non c'entra un fico secco. L'eventuale istanza di incompetenza funzionale o territoriale va sollevata dai legali dell'imputato ad udienze avviate. In tal caso, se i giudici si ritengono effettivamente incompetenti allora passano tutto al tribunale competente. Se, di contro, i giudici ritengono di detenere la competenza, i legali dell'imputato altro non possono fare che sollevare il conflitto d'attribuzione presso la Corte Costituzionale. Tutto questo, però, non blocca il processo che prosegue bellamente. Indi, tutto sto marasma, gli serve solo per buttarla in caciara ma ai fini pratici non gli consente nessuna garanzia visto che, vero come è che non è nelle funzioni di un presidente del Consiglio chiamare in questura per farsi liberare le sue baldracche,la Corte Costituzionale lascerà sbadigliando annoiata il processo a Milano.

    RispondiElimina
  14. Apprendo alla radio che il vecchio presidente del consiglio ha ordinato una grande adunata a Milano, penso che l’iniziativa avrà un grande successo e la piazza sarà affollatissima. L’ odio per Prodi, infatti, richiamerà un gran massa di gente e alla fine la Patria sarà salva dal pericolo rosso nascosto dietro il faccione del gran puparo che trama ai danni dei poveri cittadini, ovvero l’ odioso Prodi, noto anche per la mancanza assoluta di frequentazioni di minorenni, e già questo di per se è un fatto scandaloso (a meno che Sallusti non peschi una foto di oltre 50 anni fa che ritrae Prodi baciare una sua maestra ).

    RispondiElimina
  15. Occhio, che il nano deve aver previsto un nuovo attentato alla sua persona proprio in quella occasione.
    Si tratta di stabilire se ci sono altri oggetti contundenti fatti di polistirolo da farsi lanciare.

    Oppure scatenare i SUOI Black Block, già collaudati in altre occasioni, per picchiare la gente "moderata" e innescare lo sdegno nazionale.
    State molto attenti, il clima è quello...

    RispondiElimina
  16. Anonimo17:22

    @ qassam

    Ti ringrazio per la spiegazione.
    "Se serve mi scuso" (cit. Gasparri)

    @ tutti

    http://www.repubblica.it/politica/2011/01/28/news/bossi_fini-11766636/?ref=HRER1-1

    Per citare il futuro premier Cetto laqualunque: "'Nto culo!"

    RispondiElimina
  17. Anonimo, l'unica cosa per cui dovresti scusarti è l'aver citato Gasparri! :D
    Non sono un giurista né niente del genere, però l'angoscia che potesse cavarsela di nuovo "manu parlamentari" mi ha fatto incazzare talmente tanto da spingermi a studiare un po' come funziona realmente e tecnicamente tutta la faccenda. Tutto il frastuono e la caciara che hanno inscenato i lacché del nanetto m'aveva insospettito e così ho voluto vederci chiaro...

    RispondiElimina
  18. @qassam e Never
    il problema non è la competenza della commissione nel decidere sul Tribunale dei Ministri o meno, è noto che il Parlamento non può dare ordini alla Magistratura e che tutto questo è solo fumo negli occhi. L’ho anche scritto nel mio primo intervento: ”Tutta la manovra in Parlamento è fatta solo per perdere tempo (visto che non possono dare ordini alla magistratura)”, ma tutto questo è anche una pericolosa premessa.
    Mi spiego: il processo inizia, Ghedini e sodali sollevano il conflitto d'attribuzione presso la Corte Costituzionale, la Corte agenda il ricorso - e sono tempi lunghissimi – mentre il processo continua e arriva fino alla fine. Ma, a questo punto, i giudici non possono arrivare a sentenza.
    Mi spiego: tutto è fatto, tutto è pronto, manca solo la condanna per Berlusconi ma prima di darne lettura e renderla esecutiva bisogna aspettare la delibera della Corte Costituzionale. Di nuovo la stregoneria purulenta del Flaccido, tutto fermo, tutto bloccato, tutti in attesa.
    Ed è qui che entra il precedente, la decisione della Commissione della Camera che dice: è competente il Tribunale dei Ministri!
    Un suggerimento che il nostro solerte Governo accoglierà con gioia e non potrà fare a meno di sfornare una leggina – piccola piccola - in cui si dirà che la competenza dell’attribuzione non spetta più al Procuratore competente per territorio, ma a chi sa quale altra figura o ente giuridico; che ne so, anche il Ministero per le Politiche Agricole, per assurdo, basta che sia controllato da Berlusconi.
    Evvai!, di nuovo il processo azzerato, di nuovo tutto da rifare, di nuovo ricorsi alla Corte Costituzionale perché non si può correggere una legge Costituzionale con una legge ordinaria (il Tribunale dei Ministri è materia costituzionale) e avanti all’infinito fino a quando il Flaccido la farà franca di nuovo. Oppure, se si arriverà a rendere competente il Tribunale dei Ministri la trafila che seguirà è descritta nel post più sopra.
    Ma spero che nel frattempo il Flaccido sia già stato fatto dimettere causa i troppi ratti che abbandonano la barca che affonda.

    RispondiElimina
  19. @ salazar

    Solitamente mi distinguo per il mio pessimismo, ma questa volta devo dipingere la parete in tinte più rosee, ti ringrazio per il precedente concessomi..
    I tempi della Corte Costituzionale sono si lunghissimi, ma mi risulta poco probabile che siano più lunghi di un qualsivoglia processo penale in Italia (figurarsi di questo). E questo è solo un incipit. Perchè francamente (sarà forse per la mia scarsa competenza in materia) mi sfugge il motivo che dovrebbe portare la Corte Costituzionale a pronunciarsi sulla base di un "precedente" (che tecnicamente precedente non sarebbe, visto che non parliamo di un processo analogo che ha fatto giurisprudenza in passato, ma del parere di una commissione più o meno tecnica) anzichè, come sarebbe in realtà, sul proprio insandacabile ed ininfluenzabile giudizio. In italiano semplice e povero: perchè mai la Corte Costituzionale dovrebbe tenere conto delle fregnacce della Commissione anzichè fornire l'interpretazione genuina, carte alla mano, dei regolamenti?!
    Per la prima volta serbo un aureo lumicino di ottimismo. Le sue alchimie hanno finito di generare pietre filosofali che donano l'impunità.

    RispondiElimina
  20. Se leggi bene quello che ho scritto scoprirai che non è la Corte Costituzionale a “tener conto” di un precedente, ma il Governo a fare una nuova legge ad personam basandosi sulla decisione della Commissione della Camera. Che era poi quello che bofonchiava Rosy Bindi a Annozero con un “rischiamo veramente di...”
    Una volta approvata la nuova legge tutti i tempi saltano.

    RispondiElimina
  21. PS: si parla solo di primo grado, comunque.

    RispondiElimina
  22. @salazar
    ecco che il nano seguendo la moda del momento delolacalizza la sua difesa scegliendosi un avvocato in brasile a minor costo.prevedo tempi bui per mavala ghedini,sarebbe una gioia vederlo scioperare accanto alla fiom e agli operai ;-)

    RispondiElimina
  23. Non ti preoccupare Rosso, quella descritta sopra è l’unica via possibile nel processo concussione/minorenni, Ghedini la sta tentando (e quella merdaccia di Flaccido dichiara addirittura di aver parlato di Ruby con Mubarack) ma è una via veramente troppo impervia, non ce la farà mai. Gli sta crollando tutto tutt’intorno al Flaccido, e a febbraio ricominceranno gli altri processi.
    Nonché, per la mia stizzosa felicità (e anche di milioni di altri), da Milano è arrivata la conferma che la Procura ha le armi di grosso calibro pronte a sparare: dentro al computer di Ruby sono state trovate foto e filmati.
    A giugno si vota. Devo cominciare a pensare per chi, adesso. Che fatica!

    RispondiElimina
  24. in tal caso io ho gia deciso,con questa legge non vado a votare,gia una volta il mio rosso,seppur sbiadito, si è trasformato in un flaccido azzurrognolo.

    RispondiElimina
  25. Caro amico Salazar,

    "A giugno si vota. Devo cominciare a pensare per chi, adesso. Che fatica!"

    Un consiglio io ce lo avrei: vota il partito del futuro, il partito pensionati dell'onorevole Carlo Fatuzzo.

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  26. Adetrax15:33

    @Davide

    Fatuzzo chi ? Quello che qualche anno fa ebbe l'idea di distribuire pacchi di pasta in piazza ai pensionati, con Berlusconi presente che si giustificava davanti ai giornalisti dicendo: "questa della distribuzione della pasta è un'idea di Fatuzzo" ?

    O lo stesso che diceva che, pur essendo "vicino vicino" a Silvio, non si sognava manco morto di presentargli la moglie altrimenti quello se la "lavorava" (noto eufemismo per ben altro termine) ?

    Che c'è, serve ulteriore sostegno a Berlusconi ?

    Andiamo bene ... sento odore di triangolarità fangose ... e tu caro Davide che caldeggi una simile scelta in questo momento hai dei sintomi di contagio ...

    Fra l'altro l'affabulatore Fatuzzo è un altro che ogni tanto "cade dalle nuvole" circa i suoi candidati.

    RispondiElimina
  27. Caro amico Adetrax,


    "O lo stesso che diceva che, pur essendo "vicino vicino" a Silvio, non si sognava manco morto di presentargli la moglie altrimenti quello se la "lavorava" (noto eufemismo per ben altro termine) ?"

    In realtà Silvio se ne fragava della moglie di Fatuzzo, perchè a lui interessava la figlia.

    Comunque il mio era un consiglio riferito esclusivamenteall'amico Salazar.

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  28. Se siete d'accordo con le mie dichiarazioni condividetele sui vostri blog.

    RispondiElimina
  29. Adetrax19:40

    @Davide

    In realtà Silvio se ne fragava della moglie di Fatuzzo, perchè a lui interessava la figlia.

    Forse in teoria gli poteva interessare una volta ma non avendola mai considerata non ha avuto tentazioni; in ogni caso, a occhio e croce, ora anche lei sarà fuori età massima (e di parecchio), a parte questo, per pura combinazione, anche Elisabetta è candidata nel partito dei pensionati, un po' come se nel PdL fossero candidati premier anche PierSilvio, Marina, Barbara, ecc.

    A te sicuramente questo non dice niente, quindi consolati pure con Brigida che ha "ottime" referenze (si scherza naturalmente).

    Comunque il mio era un consiglio riferito esclusivamenteall'amico Salazar.

    Era evidente che la risposta era per lui, però anche se Salazar e tanti altri da questo punto di vista sono iper-corazzati, comprenderai che il consiglio, anche se "spensierato", non era nella sostanza tanto innocente e disinteressato quindi le relative considerazioni sono scattate in automatico ;-)

    Se poi sai che Dell'Utri (un altro vicino vicino a Silvio) voleva introdurre la prassi di sostituire i voti degli italiani all'estero con altri considerati "corretti" capisci anche perchè non sono riuscito a stare zitto.

    RispondiElimina
  30. Adetrax, io vorrei tanto seguire il consiglio spassionato del nostro amico Davide, se non altro per regalargli qualche ultima goccia di allegria visto il tramonto del suo amato Flaccido alla Gloria Swanson (fughe di notizie dicono che il cadavere in piscina è di D’Alema), ma la lista dei pensionati dove voto io proprio non c’è.

    E tu Rosso non cominciare a farmi incazzare: vai a votare e basta, niente discussioni, sennò ti vengo a prendere e ti ci porto di peso.
    Dopo c’è lo scoppiettino, o un ramandolo bello liscio. Cheddici?

    RispondiElimina
  31. @antonio
    "cose che dimentico"lo leggo sempre è nella mia lista di blog che seguo

    ad adetrax dico bravo,troppo spesso i berluscones per "inconsapevole" spirito imitativo si mettono sul pulpito.agli aspiranti Cetto La Qualunque(che nome stupendo)dona pure la Pansa.

    @salazar
    cerchero' di seguire il tuo suggerimento onde evitarti il colpo della strega ;-)eppoi una ramandolo non si rifiuta mai.

    RispondiElimina
  32. No, adesso Salazar ti siedi li buono e mi spieghi cosa sono scoppiettino e
    ramandolo. E' roba che si mangia o roba porno?

    RispondiElimina
  33. Schiopettino è il fuciletto col tappo.
    Ramandolo è uno dei nani, quello coi capelli come Rita Hayworth.
    (Lame, sono due ottimi vini friulani!)

    RispondiElimina
  34. @Lameduck
    Consigli per gli acquisti:
    Ramandolo

    Schioppettino

    RispondiElimina
  35. @ Salazar
    Interessanti. Sono senz'altro da provare.

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...