giovedì 17 febbraio 2011

La baia del porco


"Il Giornale" e "Chi", da bravi house organ, pubblicano le foto scattate dalle sbarbine invitate a Villa Certosa, la residenza sarda del premier. Scatti asettici ed insignificanti di salotti dall'arredamento pacchiano ma sicuramente costosissimo, bagni superaccessoriati, camere da letto appena rifatte dalla donna delle pulizie, sale da pranzo dall'austerità quasi conventuale, insulsi panorami ritagliati dalla finestra e loro, le sfinzie, la Noemi e la di lei amica del cuore, in posa da foto ricordo della gita scolastica ad Assisi.
Sono foto che non dimostrano assolutamente nulla ma che, secondo Sallusti  e il Signorino Alfonso dovrebbero convincere, senza ombra di dubbio, gli italiani turbati dal Rubygate che nella baia di Marinella, come ad Arcore e Palazzo Grazioli, non accade mai nulla di sconveniente tra il premier e una quarantina in media di ragazze che passano giornate intere a casa sua.
Nessuna immagine hard, nessun missile Topolanek come quello fotografato ai tempi dello scoop di Zappadu nella nostrana Baia dei Porci.

I signori dimenticano che anche i film porno iniziano sempre con un bel salotto, un giardino, una camera da letto in perfetto ordine e i protagonisti rigorosamente vestiti che magari festeggiano il Capodanno. Basta lasciar passare questi noiosi minuti di preparazione e si scatena l'inferno. Insomma, partono i missili.

Nessun commento:

Posta un commento

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...