domenica 24 aprile 2011

Omofobi idrofobi


Ma quanto è stupida l'omofobia, quanto è violentemente idiota nella sua irrazionalità? In un paio di giorni due episodi di intolleranza verso le persone omosessuali hanno riempito la pagina dell'imbecillità sui giornali.
Nel primo, un presunto vero uomo apostrofa per strada Paola Concia e la sua compagna con una sequela di insulti di stampo nazista, il più carino dei quali è " vi dovevano bruciare nei forni". E solo perché le due donne camminavano tenendosi per mano. 
Tranquilli, non è il sesso a turbare l'aspirante addetto volontario al crematorio, ma l'affettività. C'è gente talmente disturbata emotivamente che può venire sconvolta dalla manifestazione di un normalissimo gesto d'amore.
Il giorno dopo, la notizia dell'episodio di omofobia ai danni di una parlamentare viene riportata sul "Giornale" e lì, i soliti commentatori più a destra di Hitler ci mettono del loro, dicendo che, "si, è vero, che schifo le lesbiche". Addirittura se la prendono con la Concia perché ha giustamente reagito nei confronti dell'ominide omofobo. Come si permette, questa, di difendersi da un'aggressione incivile?

Per il secondo episodio mi scuso se dovrò nominare, nell'occasione, Carlo Giovanardi. Il sottosegretario se l'è presa con una pubblicità IKEA  che raffigura due uomini che si tengono per mano (arridaje, fidatevi, è l'affettività che li sconvolge, il volersi bene e il dimostrarselo, non il sesso). 
Lo slogan della campagna incriminata è che IKEA è aperta a tutte le famiglie, quindi anche a quelle omosessuali. Per forza, IKEA deve vendere la sua mercanzia e se ne frega se sul divano Klippan ci faranno l'amore lui e lei, lei e lei o lui e lui. O tutti assieme appassionatamente. Basta che comprino. Si chiama legge del mercato, della domanda e dell'offerta. Il consumatore non ha sesso. E' un portafogli che cammina.
Casomai un Giovanardi così attento alla difesa della sacra istituzione familiare messa a repentaglio dai busoni che infestano i centri commerciali, potrebbe preoccuparsi che sul Klippan non venga molestato qualche bambino da un genitore, parente, amico di famiglia o prete, o vi venga semplicemente maltrattato da un genitore eterosessuale ma sociopatico.

Viene da sorridere a pensare che questi omofobi idrofobi  votano e si fanno inchiappettare politicamente da quasi vent'anni da un tizio che si è rimminchionito a furia di guardare gli spettacolini lesbo che le sue amiche fidanzatine gli organizzano tutte le sere, coinvolgendo anche presunte maggiorenni.

Sono ipocriti e incoerenti e se non lo fossero non si divertirebbero.

Due donne che si tengono per mano scatenano la voglia di riaccendere i forni ma  è noto che se due pezzi di strafighe nude con il tacco del dodici e un collare da cane al collo si slinguazzano su un palco la cosa è considerata dagli uomini cosiddetti normali cosa assai arrapante.
Ecco quindi che cominciamo a capire il perché di certe reazioni. Finché il lesbo è una rappresentazione delle fantasie maschili più trite esso è accettato e promosso in tutte le sue manifestazioni. E' sottinteso che le due, ipersessuate e rigorosamente etero, si esibiscono solo per far piacere all'uomo e alla fine torneranno a farsi trapanare dal loro padrone assoluto. Come recita lo slogan di un pornazzo: "In mancanza di cazzo si può diventare lesbichette". L'amore fra donne come ripiego, non come scelta.
Se invece è l'amore sessuale tra due donne a volersi affermare, magari facendo a meno dell'uomo, la reazione di chi si sente escluso è violenta e rabbiosa e può arrivare a forme estreme di punizione, come lo stupro rieducativo delle lesbiche che è piaga endemica in Sudafrica.

Non che le cose vadano meglio se sono due uomini a tenersi per mano per strada. Da un certo punto di vista la rappresentazione dell'affettività e del sesso tra uomini è ancora più osteggiata da una società maschilista di eterosessuali ad ogni costo. La violenza contro i gay è talmente diffusa che non fa più nemmeno cronaca, nemmeno gli episodi più truci.
Per giunta, al contrario degli uomini che amano il lesbo show, noi donne non ci arrapiamo a vedere due palestrati che si inchiappettano nella doccia e non ci sogneremmo mai di chiedere a due nostri amici particolarmente gnoccoloni di farlo per noi.
Non perché non li troviamo belli e seducenti ma perché se due uomini vogliono fare sesso è giusto per noi donne sentirci di troppo e non voler disturbare. Senza nemmeno illuderci di volerli redimere, con la nostra immensa presunzione.

25 commenti:

  1. Bulow10:56

    Troppo comodo l'autoassoluzione delle scuse preventive, hai nominato ****.Eccheccazzo.

    RispondiElimina
  2. Marcello11:00

    "Il consumatore non ha sesso. E' un portafogli che cammina"

    molto bella, mi piace questa metafora

    RispondiElimina
  3. Dio quanto sono d'accordo!!! In tutto e per tutto!!!

    (Ho nominato Dio invano! ...Ma almeno non ho nominato ********** !)

    RispondiElimina
  4. E' sempre un piacere seguire le tue riflessioni: uno spettacolo pirotecnico di invenzioni semantiche e di scoppiettanti metalogismi, originalmente costruiti in chiave psicologica.

    P.S. Per un cultore come me del
    trash estremo in ambito cinematografico, sul solco
    dell'exploitation, grazie per avermi rivelato l'esistenza di una roba come "Lesbian Vampire Killers"!!

    RispondiElimina
  5. Engine15:50

    Spesso condivido quello che scrivi. Ma alle volte generalizzi cosi' tanto il comportamento maschile da lasciarmi perplesso.

    Ti suggerisco solo di riconsiderare la tua ultima affermazione relativa all'omosessualita' maschile e alle donne: esistono interi sottogeneri letterari e non che rappresentano relazioni omosessuali e che sono specificatamente diretti al pubblico femminile; googlare per credere.

    Manco a dirlo, la rappresentazione maschile in questo genere di pubblicazioni e' spesso stereotipata per andare incontro ai gusti del pubblico femminile.

    Ecco, sono questi post che non condivido: post in cui, da episodi affatto edificanti trai determinate conclusioni. Esistono parecchie sfumature, non solo "noi" o "loro". Che, incidentalmente, e' anche il metodo che viene utilizzato da certuni individui per dividere le persone.

    Tagliare con l'accetta, creare gruppi fittizi di "normalita'" contraria all'"anormalita'" del gay, dell'oppositore politico, dello stato di provenienza. Per finire al genere di appartenenza.

    Ecco, alle volte piuttosto che parlare di "noi donne" e "loro uomini" vorrei leggere post in cui parti dal presupposto che stai trattando di individui, di persone che, come tali, spaziano da un estremo all'altro. E che generalizzare, spesso, porta a distorcere la realta'.

    RispondiElimina
  6. Adetrax16:39

    Mah, non si sa quanto costruite siano queste aggressioni verbali, intanto si è mosso tutto il circo mediatico, il PD di qui, il PD di la e via dicendo; manco a dirlo è stata riesumata la proposta di legge contro l'omofobia ferma in Parlamento da un bel po' (forse stiamo entrando in campagna elettorale).

    In ogni caso la regola generale è semplice sia da comprendere che da applicare: le persone (etero od omo che siano) non si devono "esibire" in pubblico ... soprattutto al di fuori di ambienti chiusi e davanti a persone sensibili come "svastichella" !

    Il principio vale e funziona perfettamente nella civilissima Teheran, quindi non c'è motivo per cui non si possa applicare anche in Italia.

    In quanto ai forni ... è un po' che locuzioni tipo: "bisognerebbe riaccendere i forni di zio Adolf", ecc. non si sentono più tanto in giro (rispetto ad anni fa) ma in compenso quando si nominano gli inceneritori si percepiscono delle trepidanti attese, chissà perchè ...

    Comunque se si volesse eliminare il fenomeno dell'omosessualità reale basterebbe intervenire geneticamente per rimuovere o disattivare un particolare gene trasmesso per via materna.

    Attualmente non c'è ancora la tecnica, la relativa procedura, ma non è escluso che prima o poi (in un futuro molto lontano) non si arrivi a definirla e a metterla in pratica su larga scala (senza dolore e/o violenza).

    Una volta interrotta la trasmissione genetica l'omosessualità sarebbe relegata a mera curiosità storica.

    RispondiElimina
  7. Elisa18:51

    Bravo Engine!
    Una vera lezione di equilibrio e di misura a chi spara a zero su tutto ciò che non capisce... cadendo nelle solite e scontate generalizzazioni con le consuete banalizzazioni vetero-femministe!

    RispondiElimina
  8. Adetrax ma scherzi o fai per davvero?

    RispondiElimina
  9. @ sendivogius
    Non l'ho visto ma mi piaceva la locandina. ;-)

    @Engine
    Non ho affatto generalizzato. Nel post me la prendo con categorie specifiche di individui: i centrodestri che si scandalizzano dell'omosessualità e poi votano un maniaco sessuale che paga le prostitute per farle leccare alle sue amiche (cfr. intercettazione D'Addario - Tarantini) e gli uomini cosiddetti normali, altra categoria, che si eccitano con gli spettacoli lesbo ma non accetterebbero di guardare due uomini fare altrettanto. me la prendo con l'ipocrisia. Se poi tu interpreti il discorso come una generalizzazione, mi sa che il problema è tuo, non mio.

    @ Adetrax
    Si, spero che abbia ragione Sar@, che tu ti diverta a sparare cazzate come al poligono. Te l'ho già detto tante volte che le tue teorie pseudogenetiche sono pure minchiate. Perfino Lombroso se ne vergognerebbe.
    Guarda che la genetica determina il sesso XX XY ma non l'orientamento sessuale, che è il prodotto di natura e cultura. Ma che sto a discutere con te, poi...

    RispondiElimina
  10. Non ho che complimenti da scrivere. E' quanto vado dicendo da sempre e, da cattolica, provo orrore e disgusto per questi barbari neopagani e nazisti che ogni giorno, in nome d'un Cristo che non conoscono e anzi bestemmiano, sfregiano l'essere umano. Ma, come recita il Vangelo, hanno già ottenuto la loro ricompensa.

    RispondiElimina
  11. Chiara21:24

    Da donna e omosessuale non posso che sottoscrivere. Riguardo ad esempio agli anime omosex per le lettrici sarà vero che in certi casi sono stereotipati ma semplicemente hanno permesso alle donne in contesti come quello giapponese, ancora con ruoli di genere ben distinti di sentirsi libere di esprimere come dovrebbe essere un relazione etero. Che tenersi per mano sia esibirsi non credo lo pensino neppure i talebani. Ci sono culi e tette ovunque e nessuno si scandalizza anzi se si protesta si viene etichettati come bigotti. Il sesso con minorenni non scandalizza basta sia etero...
    Chiara

    RispondiElimina
  12. Adetrax21:44

    @Sar@

    C'è un po' d'ironia ma è niente rispetto a quello che frulla nella testa di certe persone.

    Penso che la gran parte di episodi del genere riguardino la maleducazione di fondo, il bullismo, l'uso della violenza come modo di affiliazione a gruppi, come affermazione sociale, ecc., soprattutto quando non si è in presenza di "esibizioni particolari" / oscene.

    Ci potrebbero essere anche delle motivazioni religiose, ma in uno stato laico (sic) non si possono imporre o dare per scontato che siano presenti e vincolanti per tutti.

    E' vero anche che nel caso in oggetto le spiegazioni potrebbero riguardare o la personalità "border line" del soggetto (un po' alla taxi driver) oppure una provocazione socio-politica premeditata.

    In questo secondo caso potrebbe essere stata totalmente gratuita oppure (ma è una possibilità molto ma molto remota) potrebbe essere stata un "servizietto" politico dato che ci stiamo avvicinando alle elezioni.

    @Lameduck

    Guarda che la genetica determina il sesso XX XY ma non l'orientamento sessuale, che è il prodotto di natura e cultura.

    Non l'orientamento sessuale ?

    Va bene, forse non al 100% ma in buona parte è quasi certo che lo faccia, altrimenti non mi è chiaro il riferimento alla "natura".

    Ci sono studi che sembrano provare una fortissima correlazione fra la presenza di determinati geni e l'omosessualità maschile, di quella femminile non sono al corrente di studi analoghi ma è probabile che ci sia un meccanismo simile.

    Di conseguenza la cultura può avere una qualche influenza ma di solito è bassa o comunque non preponderante, cioè certe cose bisogna proprio "sentirle dentro" per andare verso determinate direzioni.

    Però ecco, il succo implicito di quello che ho scritto e su cui certi personaggi dovrebbero riflettere è che:

    A) è inutile instaurare climi repressivi o violenti, perchè certi atteggiamenti (a parte i casi in cui si perseguono per motivi non del tutto spontanei), dipendono da condizioni "trasmesse" e quindi i soggetti possono al massimo (con molto sforzo) "contenere" le loro inclinazioni;

    B) anche eliminando (per assurdo) tutti gli omosessuali e tutte le lesbiche, ne continuerebbero a nascere perchè in gran parte la causa è trasmessa piuttosto che acquisita (poi ci si può sempre lavorare attorno per modificare gli atteggiamenti ma diciamo che costa parecchio).

    Stando così le cose, proprio perchè le relative manifestazioni affettive (e su questo concordo con l'articolo) possono disturbare seriamente certi soggetti imbevuti di determinate ideologie, ritorna in ballo il discorso della moderazione pubblica in stile iraniano che comunque, ripeto, in questo caso non è molto attinente all'episodio in oggetto (vedere risposta a Sar@).

    RispondiElimina
  13. Adetrax22:21

    @Sar@

    Ho dato una risposta con un commento un po' lungo che probabilmente è finito nello SPAM (e per me può anche restarci), comunque un po' d'ironia nel mio primo commento c'è.

    A parte questo è sempre utile specificare se non torna tutto o solo una parte di un commento.

    RispondiElimina
  14. Adetrax, vedo che insisti con le minchiate. Ora, per favore, visto che citi dei fantomatici studi che proverebbero l'origine genetica e addirittura la trasmissibilità dell'omosessualità, ti dispiacerebbe citarmeli con tanto di autore e rivista sulla quale sono stati pubblicati?
    Inoltre, se esiste un gene dell'omosessualità, sarà pure stato mappato nel DNA in qualche braccio di un cromosoma. Insomma, fatti, non pugnette. Altrimenti sono appunto minchiate lette chissà dove.

    RispondiElimina
  15. Engine22:28

    @Lameduck

    "noi donne non ci arrapiamo a vedere due palestrati che si inchiappettano nella doccia e non ci sogneremmo mai di chiedere a due nostri amici particolarmente gnoccoloni di farlo per noi."

    Questa la ritengo una generalizzazione, forse e' un mio problema ma il "noi donne" mi lascia pochi dubbi in merito: come l'evidenza fattuale dimostra, esistono donne che si eccitano o comunque che gradiscono particolarmente manifestazioni omoerotiche maschili.

    E non stiamo parlando di qualche isolato caso, eh; c'e' un mercato attorno a questo genere di pubblicazioni, il che indica che un congruo numero di donne che apprezzano esiste.

    Approvo il tuo aggredire l'ipocrisia di certuni individui, quello che rispettosamente contesto e' il tuo ribadire stereotipi che, a mio parere, non hanno grande valore - per non dire nullo.

    RispondiElimina
  16. Adetrax23:14

    Anche una pistola fumante spesso non è una prova ma è un forte, fortissimo indizio ed è di questo di cui sto parlando, per cui non è il caso di parlare di "minchiate".

    In questo caso c'è più di qualche forte indizio, fra i più noti basta cercare "Dean Hamer" e il gene xq28 o la tematica "Homosexuality gene".

    Sono cose che ho letto parecchi anni fa da varie fonti / collegamenti che poi non ho salvato in quanto abbastanza diffusi.

    Le relative pubblicazioni scientifiche in senso stretto ci sono, basta cercarle anche se in molti casi non si ha accesso completo al testo se non si è iscritti o abbonati a determinati albi.

    Poi è chiaro che spesso non c'è una sola causa (es. la sola azione di un gene o di un gruppo di geni) e che parimenti ci sono forti spinte e interessi sia per favorire nella direzione genetica (che è anche la più logica) che per negarla a priori.

    Insomma non capisco perchè la cosa susciti tutta questa reazione, dovrebbe essere una cosa data quasi per scontata, come dire che ci si stupisce se uno nasce albino anche se i suoi genitori sono entrambi neri come la pece.

    Uno può anche avere tendenze da serial killer ma se è morale e ha un minimo di lucidità le contiene, nel caso dell'omosessualità "reale" (non simulata o praticata per curiosità e diletto) maschile / femminile non siamo a quei livelli di gravità.

    RispondiElimina
  17. Anche tu Engine, portami gentilmente i link di queste pubblicazioni per donne.
    Credo però che tu voglia una polemica a tutti i costi su basi molto deboli.
    Credimi, e da donna forse lo so meglio di te, non esiste un equivalente per donne dei lesbo show che piacciono tanto al nano. Ci sono gli spogliarellisti, i Chippendale, ma non li ho mai visti indulgere in atti di sesso orale tra di loro con frotte di donne che li incitavano. Se tu sei a conoscenza di fatti che possano smentirmi ti prego di rendermi edotta e con me i nostri gentili ospiti.

    @ Adetrax
    Ecco. Mi citi un singolo studio, per giunta sconfessato da un altro successivo. Mi pare un po' pochino, anche perché un campione di 114 individui su una popolazione mondiale omosessuale di centinaia di milioni non permette certo l'elaborazione di una teoria.
    Sai cosa penso? Che ci siano dei personaggi che cerchino a tutti i costi una spiegazione genetica, e quindi ineluttabile, del loro razzismo. Togliendo quel piccolissimo braccio di cromosoma potrebbero eliminare (illudersi di) il problema che li affligge. E' un delirio eugenetico, come voler eliminare il gene dominante degli occhi scuri per fare tutti occhi azzurri.
    Lo sbaglio che commetti anche tu, andando a parare alla fine nella genetica della criminalità, è di considerare l'omosessualità una MALATTIA, una devianza, per giunta su base genetica, come la trisomia 21, mentre invece è solo una possibilità, una scelta che nasce da tanti fattori. Come sa chiunque abbia masticato un po' di genetica, un gene può essere portatore di X (genotipo) ma finchè non si esprime (fenotipo), x non si manifesta. E affinchè X si manifesti occorrono fattori esterni, che sono totalmente casuali ed imprevedibili.
    Tu sbagli perché fai sempre i costi senza l'oste, ossia la casualità.

    RispondiElimina
  18. Ok, facevi per davvero, ma bastava rispondere "facevo per davvero", senza ulteriore pippone!
    Articoli pseudomedici su ipotesi assurde letti molti anni fa non valgono come prove, ispettore Adetrax!

    RispondiElimina
  19. Antico Asceso, piantala.

    RispondiElimina
  20. Adetrax10:01

    @Lameduck

    Sai cosa penso? Che ci siano dei personaggi che cerchino a tutti i costi una spiegazione genetica, e quindi ineluttabile, del loro razzismo.
    ...
    Tu sbagli perché fai sempre i costi senza l'oste, ossia la casualità.

    Apprezzo sempre la franchezza e allora se vogliamo dirla tutta chiariamo anche (per l'ennesima volta) che un conto sono le inclinazioni omosessuali e un altro sono le pratiche omosessuali seguite nell'ambito di strategie corruttive (sociali / individuali) o altro ancora.

    Il secondo piano può subentrare in un secondo momento od essere attuato senza il primo.

    Ecco, questo secondo piano (spinto da scelte ideologiche / settarie), che in casi particolari non esclude anche altre e ben più turpi pratiche, è quello che non bisogna ignorare, nel senso che esiste ed è ben presente nella nostra società.

    Una cosa è l'omosessuale o la lesbica iraniana quasi maggiorenne che sa benissimo che la messa in pratica delle sue fantasie porterà a centinaia di colpi di lash, anni di prigione per i recidivi e, nei casi di flagranza (solo fra uomini però), anche alla pena capitale (sono tutti/e masochisti/e casuali ?).

    Un'altra è quella del seguace di chissà quali idee, che mira a ben altri obiettivi e per il quale la pratica omosessuale o il sesso con persone-oggetto è solo una delle tante tappe del suo percorso.

    @Daniela Tuscano

    Nel caso delle bibliche Sodoma e Gomorra siamo senz'altro nel secondo piano / nella seconda ipotesi (anche perchè è quasi impossibile popolare una città di soli omososessuali o lesbiche), quindi anche qui bisogna stare attenti a non generalizzare.

    A proposito, pare che B., nelle sue feste, abbia anche dei giovanetti che però probabilmente non inculca in quanto non lo ritiene necessario, tuttavia ha pur detto che basta che qualcuno gli spieghi come si fa (in pratica che gli dimostri che la cosa gli sarebbe più che utile per il potere) e lui potrebbe anche prendere in considerazione la cosa (è chiaro però che preferirebbe non farlo).

    A questo punto però sarebbe meglio lasciare la parola a chi è veramente nella condizione omosessuale / lesbica.

    RispondiElimina
  21. Inizi il post condannando la stupidità degli omofobi, giustamente, e poi lo concludi con un affermazione sessista, del tipo NOI DONNE siamo meglio di VOI UOMINI.

    RispondiElimina
  22. Engine19:33

    @Lameduck

    http://it.wikipedia.org/wiki/Yaoi

    Non sono a conoscenza di show riguardanti atti omoerotici maschili, ma vorrei sottolineare come questo genere di pubblicazioni si basi su atti espliciti fra due uomini.

    Non penso che la mia sia una polemica su basi molto deboli, principalmente perche' non vedo dove io sia polemico. Sto semplicemente puntualizzando che non penso sia cosi' opportuno dividere gli individui, le persone, in macrocategorie similari. Mi sembra tu lo abbia fatto, e sto contestando rispettosamente questo. Ti chiedo quindi di non accusarmi di atteggiamenti che non sto avendo.

    RispondiElimina
  23. Beh Pialbo, se vuoi vederci la conclusione sessista fai pure. Il finale è aperto.

    RispondiElimina
  24. Engine, stai cercando di fare la ceretta inguinale ad una mosca. I manga yaoi non sono certo popolari a livello di massa come Paperino e poi sono espressione di una cultura che noi abbiamo importato ma che è molto lontana.
    Quante volte hai sentito una donna dire: "Uhm, come mi attizzano due uomini assieme!" e quante altre hai sentito un uomo fantasticare su due donne assieme? E' una differenza di comportamento, e magari una donna trova bello sia guardare due uomini che due donne,indifferentemente mentre, non mentire, nessun uomo ammetterebbe mai di voler guardare due uomini assieme senza passar per frocio. E' una differenza, ripeto, che non implica alcun giudizio di merito ma solo la constatazione di un fatto ma poi i maschietti permalosi ci vedono automaticamente l'inferenza che le donne sono migliori. Mi sa un tantino di mania di persecuzione.

    RispondiElimina
  25. Chiara22:35

    A proposito, Silvio ha detto che la sua componente omosessuale è lesbica...ulteriore offesa alle donne e agli omosessuali.
    Chiara

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...