venerdì 2 settembre 2011

Bastardi senza Nobel


Oggi ascoltavo quel Brunetta cresciuto del ministro del Welfare. Ne ascoltavo la protervia di chi è appena sceso dall'auto blu perché lui è lui e lo guardavo gesticolare come un attore di telenovela colombiana contro i "bastardi anni 70". Quelli che hanno permesso, tra l'altro, a quei socialisti d'Italia come lui di imperversare nei successivi anni Ottanta, con la banda dei magliari di Craxi e dei suoi compagni di tangente. Anni non bastardi ma bastardissimi che hanno incubato e nutrito a spezia e pappa reale quell'autentico flagello della democrazia che è il berlusconismo, che poi si è sdebitato arruolando nel governo del fare (schifo) tutti i cascami della vecchia politica sopravvissuta a Tangentopoli.

L'ho sentito infine rivendicare, tra i fischi di una platea cattolica, mica di punkabbestia, che non ne apprezzava il tono inutilmente scalmanato,  un orgoglioso anticomunismo, forse l'ultima cedola rimastagli nel carnet di buoni salvaculo da spendere per tentare di salire sulla scialuppa di salvataggio ora che l'iceberg si sta avvicinando.
Alla fine, dopo tanto sbracciarsi, il Ministro del Welfare ha rimediato solo il nocchino sul capo nientemeno che dal Cardinal Bertone, che gli ha raccomandato di non fare strame delle cooperative. Un avvertimento oneroso in porpora magna.

Perché Sacconi è quello che voleva cancellare il riscatto di università e naja ma in realtà si è sbagliato sui calcoli; pensava che i laureati interessati fossero solo 4000 ma erano invece 600.000, e ha fatto fare la figura d'Italia al nano capo.
Sarebbe infine, giusto per non infierire, pure quello che ha rifilato alle finanze sanitarie regionali un conto di 184.000.000 di euro per quel vaccino contro l'influenza maiala H1N1 che ora sta andando a male sugli scaffali. Ancora un paio di punzonature sulla scheda raccoglipunti e una bella interdizione perpetua dai pubblici uffici gli starebbe a pennello.

Prima ho citato Brunetta, altro rivolo di percolato socialista che inquina da troppi anni il terreno della politica. Ricordate quando, tutto sudato ed in preda ad un accesso di autoerotismo millantatorio, raccontava a Mentana di essere un Nobel mancato per l'economia?
Per combinazione, l'altro giorno, leggevo su "Inchiesta sul Potere", la raccolta di articoli ed inchieste di Giuseppe D'Avanzo appena pubblicata da Repubblica, una vecchia intervista del giornalista scomparso con Francesco De Lorenzo, il mai dimenticato Ministro della Sanità (liberale) dei begli anni di Tangentopoli.
Anche lui a millantare di essere un quasiNobel e a sbatterci in faccia un ego ipertrofico. L'intervista era del 1992 e non ho potuto fare a meno di notare come nulla sia cambiato,  di come abbiamo a che fare sempre con i soliti personaggi tronfi e pieni di sé,  che se li tocchi saltano su come vipere a dare dei cretini a tutti. Nullità assolute, nani di fuori e nani di dentro, incapaci alla resa dei conti di fronte ai problemi concreti ma con una grandiosa coscienza di sé ed un potere immenso in mano e per questo pericolosi come black mamba in libertà.
Arroganti so-tutto-io buoni solo ad arraffare e a cadere vittime - sia benedetta la nemesi - di chi è ancora peggio di loro e riesce ad estorcer loro il jackpot di una vita. Che l'Italia sia un paese dove tutte le valvole etiche sono saltate lo dimostra il fatto che ormai i ladri rubano in casa ai colleghi e sono convinta che chi paga non sa nemmeno più perché lo fa.
"Mi dia 500.000 euro, se no parlo". "Eccoli, qualcosa avrò fatto senz'altro".

Visto che sono bravissimi a fottersi le scialuppe di salvataggio, se la nave affonderà c'è il rischio concreto di ritrovarci questi bastardi senza Nobel tra qualche mese riciclati per l'ennesima volta. Non più socialisti né berlusconiani, democristiani,  forzitalioti o pidiellini ma riformaqualcosa sicuramente. Cerchiamo di ricordarci le loro facce almeno, non dimentichiamole mai, appendiamoci il loro ritratto in bagno e tagliamoci la mano con una roncola piuttosto che votarli di nuovo.

8 commenti:

  1. "Cerchiamo di ricordarci le loro facce almeno, non dimentichiamole mai"

    è più che un dovere è un obbligo ricordare questi sacconi di merda che galleggiano sempre

    RispondiElimina
  2. mah io sono sempre piu convinto che in Italia si sia attuato un esperimento sociale su larga scala della CIA, hanno voluto provare le loro armi di distruzione della cultura e senso morale di un popolo e della capacita' di ribellarsi, direi che hanno funzionato benissimo. Tranne il movimento no-TAV: qualche sussulto di dignita' il cadavere di sto popolo ce lo ha ancora.

    RispondiElimina
  3. paolo09:56

    perchè? li hai votati?
    ;)

    RispondiElimina
  4. @ Paolo
    No, sono fiera di non averli mai votati ma ho votato il PD e quindi qualche responsabilità ce l'ho anch'io. ;-)

    RispondiElimina
  5. paolo10:47

    @lame: a chi lo dici...come ti capisco..

    RispondiElimina
  6. Leggevo ieri una dichiarazione del Santo Papi: “Purtroppo in Italia abbiamo un’ opposizione anti-italiana che ha un atteggiamento criminale e che influisce negativamente sui mercati e aizza la speculazione”.Siccome vivo fuori dall’ Italia mi viene anche da ridere ma ahimè…Per favore qualcuno lo faccia ricoverare, che non se ne può più.

    RispondiElimina
  7. Intanto il PD è sempre sensibile al Profumo...dei soldi. Sono passati da "abbiamo una banca" ad "abbiamo un banchiere"

    RispondiElimina
  8. sei un genio cazzo, un genio ...

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...