domenica 20 novembre 2011

Ministre in fuga


Ovvero: una settimana senza Silvio.

Se agli Academy Awards esistesse la categoria "Miglior Corto di Regime", questo video tratto da "Porta a Porta" vincerebbe di sicuro l'Oscar 2012.



Bruno Vespa, dopo la caduta del Caligola della Brianza, disarcionato una settimana fa da una triangolazione di fuoco incrociato istituzionale mentre era in sella alle sue numerose cavalle, ha pensato di mettere assieme, in memoriam delle suddette, questo stucchevole servizietto tutto fra donne che dovrebbe in teoria renderci tristi ma in realtà ottiene l'effetto esattamente opposto.

Un'inviata affranta, ma così affranta che non le sembra ancora vero, visita gli uffici delle ministre in smobilitazione coatta, intente a riempire gli scatoloni d'ordinanza con il nulla del loro operato, il niente accumulato sugli scaffali e la fuffa delle loro iniziative.
Per le signore l'intimo non è di seta e pizzo ma di sfratto. C'è la Meloni, che pare le sia appena morto il gatto sbranato da un rottweiler, che si compiace di aver resistito per ben quasi quattro anni (l'importante  è partecipare); la Brambilla con i quadri intonati al capello ad alta visibilità; la Prestigiacoma che, da perfetta padrona normanna, fa l'unica cosa intonata con il suo doppio filo di perle: gli onori di casa al suo successore (l'importante è finire). Poi la mia preferita, la Bernini, l'ultima arrivata, che sembra una bambola gonfiabile con la parrucca finita troppo in avanti e le guance sul punto di esplodere per un eccesso di atmosfere. Tutte a riempire le scatole dopo averle rotte per anni. Manca la Carfagna, perché questo è un servizietto per le fedelissime, non per tutte.
Nonostante la reggimicrofono si sforzi di fare la telecronaca di una tragedia tipo Vermicino e il lancio di lacrimogeni musicali (Charlie Chaplin, mentre sarebbe stato più adatto un bel Chaikosvkij)  non si riesce proprio ad intristirsi. Anzi, guardando il video ci viene un sorrisetto di traverso che è un po' Gioconda e tanto Marchese de Sade e dopo un po' è pura gioia.

Forse è anche un problema di montaggio. Non ci vuole un Kubrick per capirlo. Iniziare con la Gelmini che fa gli scatoloni, riempiendoli delle macerie della scuola pubblica e dei neutrini con i quali fa giocare sua figlia, perché se ne deve andare, è un'immagine che ti rimetterebbe di buon umore perfino dopo aver visto l'episodio del gattino di "Allegro non troppo".
Fate la prova. Guardate prima Bruno Bozzetto e poi le ministre che smammano. Supererete non solo la tristezza e le lacrime causate dal fatale "Valse Triste" di Sibelius ma non escludo che guariate perfino dall'eventuale depressione che vi affliggeva da anni e che non riuscivate a sconfiggere con i farmaci più all'avanguardia.



Ne parla anche Non leggere questo blog.

2 commenti:

  1. Indimenticabile quel cartone.
    Mia figlia l'ha visto da bambina, non l'ha più dimenticato. Ogni volta che vedeva delle case diroccate mi diceva "papà, anche qui ci sarà un gattino fantasma?"

    E comunque, si, vedere il troiaio che smobilita è più divertente di Frankestein Junior

    RispondiElimina
  2. Anonimo09:39

    Domanda: ma cosa ci facevano al ministero giochi del figlio della Gelmini? No, perchè verrebbe il dubbio che durante la giornata, invece che lavorare...no, dai, non può essere....:-)

    Saluti

    Nevermind

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...