giovedì 29 settembre 2011

Legge bavaglio o bavaglino?


La protervia è tanta, l'istinto predatorio antidemocratico fortissimo e sempre famelico. La volontà di zittire, di incaprettare l'informazione, di sciogliere nell'acido il dissenso li porta a concepire e riproporre costantemente i loro ukasetti liberticidi come degli zar fuori tempo storico massimo e la Rete giustamente si mobilita e sta al loro gioco, facendosene terrorizzare. 
Peccato che, come al solito, legiferino ad minchiam. Leggete il parere del legale sul famigerato DDL con il comma anti-blog. Forse li stiamo prendendo troppo sul serio? No, domando.

13 commenti:

  1. Articolo molto interessante, quello del legale, che dà forma allo scetticismo che vedo in molti blogger con i quali sono in contatto - i quali hanno altresì già provveduto a elaborare creativi moduli ben poco seri, e invero molto ironici verso il richiedente rettifica.

    Continuo a chiedermi se sia meglio essere governati da assoluti - e periodicamente pericolosi (vedi il fatto che governano forze dell'ordine e forze armate, o che muovono capitali) - cialtroni, oppure se sarebbe meglio avere un nemico serio e cattivo cui opporsi. Voglio dire, con chi esercita il proprio ruolo con tale ignoranza, incompetenza e pressapochismo, come si combatte, se si è persone che tutto sommato una certa razionalità ce l'hanno? :-(

    RispondiElimina
  2. credo che continuino ad intimorire ma alla fine sanno benissimo che nulla possono,come nulla possono contro la pirateria

    RispondiElimina
  3. E se formassimo un gruppo di volontari per inondare il Giornale e Libero di richieste di rettifica?
    Potrebbe essere divertente.

    RispondiElimina
  4. troppo virgola sul serio21:29

    sul e serio erano già il primo

    RispondiElimina
  5. "Amichetta"21:49

    Io so come ti chiami, quindi ti ho in pugno.

    E se vuoi denunciarmi, è competente il foro di Napoli, no di Roma, no di Bari, insomma voglio cinque milioni subitissimo.

    :P

    RispondiElimina
  6. per me il problema è serio

    faccio un esempio: un ragazzo ha un sito dove parla di gatti; vuol scrivere che il mangime della marca X fa schifo; non lo scrive per timore della richiesta di rettifica

    RispondiElimina
  7. Forse nei prossimi mesi riceverai una e mail di questo tipo:

    “Cara Lameduck, mi consenta. Ai sensi della normativa ora in vigore, chiedo che la sua affermazione ‘vecchio porco di un premier puttaniere’ sia rettificata in ‘anziano leader moralmente flessibile’.
    Distinti saluti.

    Silvio Berlusconi

    P.S. Se vuole, potremmo discutere insieme della cosa, una sera a cena ad Arcore…”.

    RispondiElimina
  8. paolo08:27

    bavaglino? può anche darsi. Ma meglio prevenire che curare. Chi ti dice che una volta approvato 'st'obbrobrio e vista la difficoltà di comminare sanzioni non si operi per aumentare la capacità di identificare il blogger? Certo, i più avveduti adotteranno contromisure, ma la massa dei dilettanti si autocensureranno per non avere rogne.
    Tra l'altro è in atto una battaglia globale per mettere le mani sui profitti derivanti (eventualmente) dalla rete e la riduzione dell'anonimato e la responsabilità legale di chi utilizza la rete sono passi che vanno nella direzione di permettere la pubblicazione di certi contenuti solo a chi ha le spalle ben coperte da stuoli di avvocati. Pensa per esempio a cosa potrebbe succedere a un blogger che decida di rilanciare in streaming il prossimo programma di Santoro: se adesso mille blogger lo farebbero, a legge approvata sarebbero cinquanta.

    RispondiElimina
  9. Ciao, scopro oggi il tuo blog, vedo che scrivi da anni a differenza mia, da anni vivo da "vagabondo", non voglio più partecipare al sistema e le difficoltà sono tante...tanta ignoranza in Italia esiste, dato che siamo sotto un regime, manca solo che mettano le guardie in borghese a ogni angolo ad ascoltare quello che la gente dice e pensa. Vespa dal mio punto di vista non rappresenta un giornalista, sempre che in Italia ve ne siano rimasti, uno era Barnard, dico era poiché sappiamo tutti che si è ritirato. Gli Italioti si sveglieranno? Non credo purtroppo.
    Un abbraccio cara, e stammi bene
    Il commento fa riferimento a questo, la norma ammazza blog discussa dal grande Vespa...siano!

    http://fintatolleranza.blogspot.com/2011/09/vespa-che-discute-la-norma-ammazza-blog.html

    RispondiElimina
  10. Nulla possono, è vero, ha ragione Rosso.
    Basta aprire un blog su una piattaforma non italiana (cosa ultrafacile, lo saprebbe fare anche mia zia Mafalda) e chi ti viene a prendere?, con che autorità?, e con le rettifiche sai che cosa ci puoi fare...
    Questi qui, come sempre, non fanno nulla, solo dicono di fare, e in questo caso – per quanto riguarda i blog, per i giornali ufficiali è diverso, ma anche lì mi sa di non fattibile – dicono di fare l’impossibile.
    Qualcuno dovrebbe spiegare per benino ai politici italiani che cosa vuol dire “rete globale”.
    Invece, ravanando in libreria, questo ho tovato.
    Incredibile la fantascienza, nevvero? Sullo sfondo c’è persino la Minetti che fa uno strip.

    RispondiElimina
  11. OT: clicco su "legiferare ad minchiam", e leggo un commento di una tale Lameduck: "Perché non cominciare, se vogliamo aiutare l'editoria, i librai e la cultura in generale, abbassando l'IVA per i prodotti multimediali? E' una vita che se ne parla ma nessun governo lo fa".

    Ci sono andati vicini, no?

    RispondiElimina
  12. "Amichetta"13:11

    Scusate le cazzate che scrivo!

    RispondiElimina
  13. Anche i finti trasgressivi del cazzo amano poco la rete.
    Vasco chiede la chiusura di Nonciclopedia: esige l' esclusiva sulle
    troiate da sparare in ogni sua canzone

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...