giovedì 3 settembre 2020

SIAMO UOMINI O CAPI DI BESTIAME?


Che cosa vedete in questa immagine? Io vedo uno sconosciuto mascherato che sta puntando una specie di pistola alla testa di una ragazza. Lo so che non è una pistola ma un termoscanner, un dispositivo per la misurazione della temperatura corporea e che per qualche motivo recondito sempre legato all'inversione del senso, questa scena dovrebbe rassicurarci sul fatto che lo Stato, mediante questo tipo di precauzioni, stia pensando a proteggere la nostra incolumità di fronte alla pandemia. Invece, per le leggi della comunicazione non verbale, non si può non interpretare questo gesto come un atto di aggressione. Oltretutto se sappiamo trattarsi di un'imposizione applicata in luoghi dove, prima della Psicovid, si poteva entrare ed uscire liberamente senza controlli. In questo caso un negozio. 

Esiste una zona dello spazio attorno alla nostra persona chiamato spazio vitale personale o prossemico. In generale, più permettiamo che altre persone si avvicinino a noi, fino a toccarci, maggiore è il grado di intimità che ad esse concediamo. Secondo la classificazione dell'antropologo Edward Hall, nella nostra cultura una distanza inferiore ai 50 cm. tra persone caratterizza la relazione intima, di confidenza, di affetto, di amore oppure di stretta condivisione di un evento sociale che ci accomuna. Dai 50 centimetri al metro di distanza si interagisce con gli amici e da 1 a 2 metri con i conoscenti. 

Nel caso raffigurato nella foto però si può essere sicuri che la ragazza e l'uomo mascherato non si conoscano affatto e non condividano interessi in comune né tanto meno una relazione intima. Non sono nemmeno amici o conoscenti, eppure lui si avvicina ad una perfetta sconosciuta, fino quasi a toccarla, per giunta appropriandosi con la forza di un suo parametro vitale, la temperatura. Quei dati sensibili per il quali di solito siamo costretti a firmare risme di fogli della privacy. 
Il braccio alzato della ragazza è un chiaro accenno di difesa ed è perfettamente congruo alla situazione. Se non ci fosse di mezzo il termoscanner, la ragazza potrebbe pensare benissimo ad un tentativo di aggressione nei suoi confronti.
Il tizio non vuole la borsa o abusare sessualmente di lei, come avremmo pensato una volta, ovvero un anno fa, ma la sua temperatura. E a che titolo? Non è nemmeno un pubblico ufficiale in divisa rappresentante un'autorità, perché glielo impone e secondo quale legge codificata? Facciamo questo "in ottemperanza alle disposizioni delle autorità", dicono le voci registrate che da mesi ci perseguitano mentre facciamo la spesa nei supermercati. Ma quale autorità in questo caso, se non quella del mercato, di cui costui è un agente di infimo grado?

Mi è capitato già un paio di volte di essere bippata dall'uomo del termoscanner. La prima fu all'entrata del negozio di una nota catena. Lì in fila, assieme ad altra sudata umanità in attesa dello "sparo" da parte di un gigantesco uomo di colore vestito come un man in black, pensai alle povere vacche in attesa del colpo di grazia al macello, della scarica che brutalmente le avvia a diventare costate, filetti, testine e scamoni. Non è che l'immaginario sia pessimista, sa cogliere i segnali di pericolo prima ancora della ragione. 
La seconda volta è stato ieri, dal parrucchiere. Nonostante sia piuttosto in confidenza con chi mi fa i capelli, l'ho comunque percepito come una violazione del mio spazio vitale. La differenza è che la ragazza del parrucchiere mi ha detto "scusa, devo farlo", il tizio sconosciuto all'ingresso del corral non si scusa e sembra addirittura godere di quel quarto d'ora da kapo concessogli assieme al contratto da fame che ha strappato alla multinazionale. 

Tenete presente che, parallelamente all'irruzione nello spazio vitale da parte di sconosciuti, siamo bombardati dalla richiesta di "mantenere la distanza di almeno un metro" dagli altri in pubblico, fosse anche il nostro amante, per il quale vige però il divieto di bacio. Ma davvero? Nessun divieto di pratiche sadomaso invasive, suppongo. Un bel divieto di intimità corredato dall'utilizzo coatto della maschera che amplifica la distanza anche emotiva dai propri simili. Aggiungiamoci che la Psicovid è la panpsicosi la cui misurazione è affidata agli strumenti sballati o inadeguati, non ultimo il termoscanner cinese, affidabile come il "mi fai morire" di una cortigiana, e avrete un altro bell'indizio della gigantesca presa per i fondelli che però preannuncia ben altre privazioni della libertà personale in nome dell'andrà tutto bene.

Se siamo veramente tutti uguali, come dicono i buoni, mi verrebbe voglia di fare un esperimento. Cosa succederebbe se io mi portassi nella borsa un termoscanner e, al momento del puntamento, pretendessi di conoscere in cambio la temperatura del puntatore, volessi insomma ricambiare? Avremmo un bel Mexican standoff sul 37,8° reciproco? Si potrebbe provare.


Concedere l'irruzione nel proprio spazio vitale per la presa della temperatura di stato serve come antipasto a ben altre cessioni di sovranità corporea, dalla iniezione di qualsiasi intruglio sperimentale per sconfiggere la pandemia elastica del principio di indeterminazione della positività all'impianto di congegni altrettanto progressisti. Vi violeranno perché la talpa ha scavato nella tana della Libertà e ormai l'ha occupata, e tutto sarà fatto in nome della Collettività, l'entità alla quale devi essere pronto a sacrificare i tuoi figli. 
Se invece semplicemente rispettassimo il singolo individuo e incidessimo nel marmo che egli, sia uomo, donna o bambino, non deve essere violato contro la sua volontà per nessun motivo, fosse anche il ritorno della Peste Nera, avremmo rispettato e protetto l'Umanità intera. L'unico vero cavallo di Troia è il collettivismo dell'Uomo come capo di bestiame da abbattere contrapposto al principio dell'essere umano come creatura inviolabile perché Sacra.

Ce lo stanno dicendo in tutti i modi, in subliminale e apertamente. Sono pronti a TSO, vaccinazione obbligatoria e giù giù fino nell'abisso. Se c'è un'Opposizione a tutto questo è bene che sappia che non ci accontenteremo di meno che della testuggine romana a difesa della inviolabilità del singolo e dell'assoluta non negoziabilità di questo principio. Con tutto il rispetto e l'affetto, saranno necessari fatti concreti, dichiarazioni cristalline e assoluta assenza di ambiguità, non possiamo fidarci e basta. Consideratela un'ordalia.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...