Chi sono e chi sono i miei spiriti guida

Dall'alto in basso: Costanzo Preve,  Roger Nelson "Prince", David Bowie, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Antoni Gaudì, Totò, Pier Paolo Pasolini, Frida Kahlo, Philip K. Dick, Stanley Kubrick, Nikola Tesla, Syd Barrett, John Maynard Keynes, Gustav Mahler, Yukio Mishima, Sigmund Freud.
Questo blog nacque nel 2006 come ricerca di distrazione nel momento in cui avevo deciso di smettere di fumare ed era necessario liberarmi ad ogni costo da quella che è a tutti gli effetti una dipendenza, ricorrendo a qualunque cosa non mi facesse pensare alla sigaretta. Avevo deciso di farcela da sola e con l'aiuto della volontà, come tutte le prove, gli esami, i redde rationem, le scommesse che avevo fatto nella mia vita. Sono orgogliosa di parecchi passaggi della mia vita, non voglio essere inutilmente modesta, ma in particolar modo del gesto che feci in quel contesto, una volta pronta: quello di prendere sigarette e accendino, scendere in strada e gettarli nel cassonetto. Da allora, ogni volta che ho bisogno di liberarmi di qualcosa, sia esso un pensiero molesto, una situazione o un oggetto divenuto eccessivamente carico di ricordi spiacevoli, ricreo quell'immagine e mi passa la paura.

In quel frangente nacque la Papera Zoppa, un alias che oggi comincio a percepire come appartenente al passato. Alla mia pelle, o meglio alle piume precedenti. Per molti suoi aspetti e non certo secondari, in quel personaggio non mi riconosco più.
Il motivo è che mi considero una persona rinata molte volte, sempre con una pelle completamente nuova rispetto alla vita precedente. Ho vestito le piume colorate della seduzione, le scaglie del serpente, la pelliccia sullo stomaco che ti permette di superare i continui esami della vita. Ogni volta che sono caduta ho salito un gradino verso la consapevolezza. Ora, alle soglie della vera maturità, mi sono ritrovata con una corazza lucente e non più scalfibile al posto della carne giovane e delicata trafitta dalle tante frecce del dolore e della disperazione di quegli anni lontani e che rimangono solo come il prezzo che ho pagato per arrivare dove sono ed essere quella che sono attualmente, un guerriero. Ora le ferite non fanno più male e la mia nuova visione del mondo è diventata la mia spada. Si cambia, oh, certo che si cambia. Temo proprio che tutte le strade non portino a Roma ma più spesso a Damasco. 

Gli spiriti guida. Se i miei genitori mi hanno lasciato il mistero di scoprire ogni giorno qualcosa di loro in me che non immaginavo, di ritrovare in me la traccia della loro forza, della loro ispirazione e del loro amore, per cui non posso mai considerarmi sola nonostante la loro assenza materiale, i personaggi che sono qui sopra raffigurati sono coloro con i quali sono entrata in risonanza nel corso della mia vita, attraverso le loro opere e testimonianze, che mi hanno cambiata e con i quali resterò sempre connessa per entanglement. Alcuni di loro sono riusciti a riscrivere il mio DNA culturale e a modificare per sempre il mio percorso esperienziale: Pier Paolo, Stanley, Gustav, Syd, David e Yukio.

Oltrepassata Damasco e in viaggio oltre Giove e l'infinito, questo blog necessita di un rinnovamento. Dopo il "riordinamento" dei vecchi post, metafora un po' British per una vera e propria purga staliniana, della vecchia papera rimarranno poche cose scelte e altre non le troverete più, semplicemente perché non appartengono più alla mia attuale visione del mondo. Sono sempre meno disposta a guardare con affetto la mia fase da "burattino di legno". Direi anzi che mi devo trattenere dal gettare anch'esso nel cassonetto.

9 commenti:

  1. devo dire che come spiriti guida lei ha diverse figure "de destra" e "de sinistra"... che bello vedere gente mentalmente aperta! ... forse s'intende questo per "post ideologico"? almeno io così interpreto il concetto di democratico (ovvero relativista)

    RispondiElimina
  2. Direi che sono personaggi caratterizzati dalla creatività e dalla passione che generano tormento. Geni assoluti e puri visionari. Profeti del nostro tempo. Sono le mie divinità in senso shintoista.

    RispondiElimina
  3. Anonimo18:21

    Syd, Falcone e Borsellino, Freud, Frida K., Totò e Pasolini, ma gli altri non li riconosco...please..
    Andy

    RispondiElimina
  4. Con piacere. Dall'alto al basso e da sinistra a destra:
    Falcone e Borsellino, Antoni Gaudí (architetto), Totó e Pasolini, Frida Kahlo, Philip K. Dick (scrittore), Stanley Kubrick, Nikola Tesla (scienziato), Syd, John Maynard Keynes (economista), Gustav Mahler (musicista), Yukio Mishima (scrittore), Sigmund Freud (psicologo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Celestino Onano21:26

      Scusami,ma i primi 3 te li sei dimenticati?Il primo non l'ho riconosciuto,ma Prince ed il "duca bianco" si,essendo un appassionato di musica.

      Elimina
  5. Anonimo22:19

    tutta gente notevole, al di là dei gusti
    vedo però una citazione da Timothy Leary.
    Ecco, da qualche parte ho letto che il tipo era a libro paga della CIA, che era preoccupata del varsante politicizzato e radicale della controcultura, e aveva nasato che l'eroina sarebbe stata perfetta per liquefare un bel po' di cervelli altrimenti poco conformisti

    ovviamente non so se è esattamente andata così (nel senso di una complicità consapevole di Leary), ma mi pare che la droga la propagandasse, e il piano oiperativo della CIA è ormai di dominio pubblico

    non era meglio Zappa -per dore- che ha sempre sfanculato la droga e la sua cultura, essendo e restando fino all'ultimo contro il sistema come pochi altri?

    RispondiElimina
  6. Federico14:03

    Ho incrociato questo blog per puro caso, navigando pigramente dopo pranzo, cercando di resistere alla gravità palpebrale. La galleria fotografica mi ha dato una sonora sveglia! Perbacco: Totò, Pasolini, Kubrick, Tesla, Syd Barrett, Keynes, Freud... I "santini" che porto sempre nel portafogli.
    Ti ho già salvata tra i segnalibri...

    PS: il mio album fotografico l'ho chiamato "persone per le quali vale la pena vivere": ci abitano anche Klee, Carlo Scarpa, Telemann, Prokofiev, Orson Welles, Majorana (quello rifugiato in convento...) Sciascia, Foster Wallace... (non è molto popolato, in effetti).

    RispondiElimina
  7. La mia famiglia non annovera né geni né geniacci da sempre, per fortuna!
    La galleria mi pare particolarmente eterogenea. Personalmente conosco e pratico la musica e le scienze cosiddette dure. Pertanto esprimo le mie opinioni nel campo ristretto delle mie competenze: Mahler, ottima scelta, come un vino da vendemmia tardiva; Tessla, ahimè, sta alla scienza come i Nouveaux Philosophes alla filosofia, entrambi privi di supporto teoretico.

    RispondiElimina
  8. Anonimo13:23

    fossi in te valuterei anche questo signorino : https://www.youtube.com/watch?v=sGqITiXK42M
    saluti
    luigi

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...