domenica 14 dicembre 2008

Tanticchia sòla

sola (sòla) s.f.
RE centromerid. Sinonimi FO pacco gerg. AU bidone gerg. AD truffa CO bidonata gerg. , imbroglio, raggiro, fregatura.

Molto spesso, ripensando ad un film che alla prima visione non ci ha entusiasmato, capita di trovarci comunque qualche lato positivo, almeno un paio di momenti memorabili per i quali varrebbe quasi quasi la pena di rivederlo.
A distanza di una mesata dalla visione di "Quantum of Solace" non sono ancora riuscita a rivalutarlo da quella gigantesca sòla che mi è parso.

L'anno scorso l'avvento di Daniel Craig come nuova incarnazione di Bond era parsa una gran bella trovata. Ironico, sanguigno, strafottente ma anche umano fino al punto di prendersi una colossale scuffia per la strafiga di classe Eva Green senza vergognarsi di esternare i propri sentimenti.
Un Bond che nel finale imbracciava il pistolone e sparava la famosa frase "My name is Bond, James Bond", con la spietatezza di un Ispettore Callaghan, facendo presagire sfracelli nell'inevitabile seguito.

Ora che il seguito l'abbiamo visto, che dobbiamo dire? La trama di "Casino Royale" era avvincente, il film funzionava come ritmo, bilanciando scene d'azione e momenti di pura sceneggiatura basata su dialoghi ben scritti. Il cattivo era intrigante, quasi altrettanto fascinoso del suo rivale, l'esotismo era ben contenuto e funzionale alla storia. C'erano momenti fortemente ironici e, come ho avuto modo di far notare, persino echi tarantiniani.

"Quantum of solace" non è niente di tutto ciò. Bond è in piena elaborazione del lutto per la morte di Vesper e, va bene, siamo comprensivi. Però si poteva far durare la depressione non più di un tempo cinematografico.
Oppure tanto valeva ammettere che le svergate sui gioielli di famiglia subite in "Casino Royale" avevano fatto più danno del previsto.
In questo film Bond è più casto di un Formigoni d'annata. Appena un accenno ad una scopatina con una delle Bond girl più sciape di tutti i tempi, quella rossocrinita. Con la Bond girl principale, una brunetta che assomiglia straordinariamente alla Carfagna, niente, solo un bacetto a fine corsa.
Se il vecchio Bond di Sean Connery è un miracolo non sia morto di AIDS perchè si trombava tutto ciò che respirava ed era di sesso femminile nel raggio di venti chilometri, il Bond di Craig sembra sotto tutela da parte di una fidanzata gelosa.
Decisamente, se l'anno scorso avevamo perso in tante la testa per il fascinoso Craig, quest'anno, guardandolo amminchiarsi nel ricordo della povera Vesper e catafottersi giù dai tetti come Wile Coyote, almeno a me ha lasciato totalmente indifferente. Come quando il dentista ti fa la tronculare per canalizzarti il molare. Niente, orgasmogramma piatto.
Anche la consegna di tenere per quasi due ore il broncio, come se Bond fosse stato colpito da una paralisi del settimo, fa la sua parte. Craig non è solo un bonazzo, è un ottimo attore ma va lasciato libero di usare le espressioni facciali. Altrimenti diventa un baccalà. Affascinante ma baccalà.

La trama di "Quantum of solace" (che razza di titolo è questo?) è un dettaglio. La storia si perde senza mai prendere vita tra troppi inseguimenti di macchine, che ormai hanno stracciato i cabbasisi, lotte corpo a corpo da cartone animato dove al massimo ci si sgualcisce la giacchetta, i salti da un tetto all'altro con sbattimenti contro legno, acciaio, pietra senza che nessuno si torca un capello, mentre per molto meno, nella realtà, si celebrano funerali.
Troppe corse per minuti e minuti senza nemmeno un poco di fiatone, inutili le cartoline dal Palio di Siena e dalle cave di Carrara (forse un omaggio all'espressione marmorea di Bond, tenuta per tutto il film?) e un eccesso di esotismo a tutti i i costi.

Delle Bond girl, una e due, abbiamo detto. Trascurabili. Il cattivo Mathieu Amalric è un succedaneo di cattivo, un cattivello, un cattivuccio da quattro soldi. Peccato perchè l'attore francese è capace di ben altre corde.
M ha rotto le palle con l'essere incazzata con Bond per tutto il film. Lo licenzi e basta. C'è sempre Scaramella, da mettere al suo posto.
Caliamo un velo pietoso sugli attori italiani coinvolti nel pasticciaccio brutto. Giannini finisce nel cassonetto ed è la giusta fine per un personaggio inutile come il suo. Quando ho visto Lucrezia Lante della Rovere ho seriamente temuto che saltasse fuori anche Luca Barbareschi. Per fortuna l'abbiamo scampata.
Non si salvano nemmeno la sigla iniziale e la canzone del film. Fanno obiettivamente cagare.

Se proprio deve continuare l'Era Craig sarà meglio, per il prossimo film, che Bond ritorni quello che era: un cinico ed insopportabile maschilista come Connery. Altrimenti, per provare qualche brivido erotico, noi spettatrici saremmo costrette a continuare a preferire Montalbano.


OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

12 commenti:

  1. dimanga22:36

    Non pensavo che una con una lista di cinevisioni come la tua andasse a vedé 'sta robetta.

    RispondiElimina
  2. @ dimanga
    io sono cresciuta con Bond e Craig l'altra volta aveva lasciato il segno.
    Però hai ragione. Infatti oggi, per rifarmi la bocca, mi sono rivista "Eastern Promises".

    RispondiElimina
  3. La trama é più di un dettaglio: arriva a parimerito con quella di “Moonraker”, il peggior 007 di tutti i tempi con quel povero vecchio di Roger Moore.
    La Bolivia piena di depositi d’acqua nascosti?, neanche fosse la succursale del pianeta Dune di Frank Herbert, ci mancavano solo i Vermi della Sabbia e i Fremen. Però in Bolivia la Spezia c’é. Non é cacca di verme ma c’é.
    Fra l’altro, il film “Dune” di David Lynch, che non ha avuto nessun successo, a me é piaciuto parecchio. Il problema é che non puoi vederlo se non hai già letto il libro e quindi conosci la trama.

    RispondiElimina
  4. Oddio che ridere!! Anch'io avevo visto il primo 007-Craig e mi era piaciuto, soprattutto lui e il suo fisicazzo! Fortuna che non sono andata a vedere questo... COmunque invece mi sono sorbita nessuna verità e anche li dieci scene in più o in meno non avrebbero fatto differenza, sceneggiatura orribile, soliti luoghi comuni americani sul terrorismo...L'unica cosa interessante era il ruolo di Russel Crow da prendere a sberle!
    Beh grazie con queste superbattute una dietro l'altra mi hai fatto iniziare bene la giornata!!!!

    RispondiElimina
  5. Meglio Mimmo Craig...

    RispondiElimina
  6. Andras11:45

    Ma allora è vero il luogo comune che anche le donne di sinistra si arrapano con i tipi macho-maschilisti, da una botta e via possibilmentwe violenti e fasci...ma che trisatezza!

    RispondiElimina
  7. dimanga12:46

    Grande quel Cronenberg.
    Comunque con Bond ci sono cresciuto anch'io, (covata '63) ma dopo gli ultimi Moore ho abbandonato la serie.
    Dicono i fan del Bond letterario che Craig sia l'attore che meglio di tutti corrisponda al personaggio creato da Fleming.

    RispondiElimina
  8. Concordo in pieno sulla recensione. E poi, poveri carabinieri italici, che sono costretti a inseguire l'astor martin di Bond in punto, finendo giustamente nel lago di Garda. Aveva ragione Pasolini.

    RispondiElimina
  9. Per battere questo 007 non serve neanche Montalbano, basta Catarella...
    Sussurri obliqui

    RispondiElimina
  10. @ Salazar
    Ti sbagli, il peggiore di tutti è l'ultimo (credo) di Brosnan del quale mi ricordo un inseguimento dentro un igloo e che c'era Madonna istruttrice di scherma.
    Dune? Hai detto Dune? Che penserai di me che he ho fatto strame qui?;-)

    @ Sar@
    Io mi asterrò con cura dall'andare a vedere "Ultimatum alla Terra". Essendo il film originale in B/N uno dei miei miti infantili non voglio rovinarlo con uno stupido remake.

    @ pensatoio
    beh, adesso... Dal simbolo del sesso al simbolo del Sasso.

    @ Andras
    Ma tu nell'intimità pensi se sei di destra o di sinistra? Io no.
    A noi donne piacciono mascalzoni, non è una novità ma ciò non vuol dire che ci piacciano i criminali di guerra cetnici.
    Per gli uomini è lo stesso. Piacciono quelle che sono un po' troie però solo un poco, non troppo.

    @ dimanga
    ammesso che di Ian Fleming sia rimasto qualcosa negli ultimi capitoli della saga.

    @ Galatea
    Sei una grande!!
    Almeno Fernando di Leo avrebbe usato le gloriose "pantere" di una volta.

    @ progvolution
    Catarella???! Elamadonna! ;-)

    RispondiElimina
  11. @Lameduck
    Buon punto. Fra il tipo che mordeva il cavo della funivia su “Moonraker” e la macchina invisibile di “Die Another Day” non saprei cosa scegliere. Però nel secondo almeno c’era Halle Berry, fisicamente, artisticamente era più invisibile lei della macchina invisibile. Ma questa é roba per maschietti.
    Quanto a “Dune”, ingenua (???) Lameduck, disprezzi e ci pianti su 10.000 parole: ti ha intrippato! Per il film consiglio una seconda visione con particolare attenzione a scenografie e costumi, esatto contrario dello standard di futuro spaziale imposto da Hollywood con “Star Wars” e consanguinei.
    Quanto a Dune libro ho letto solo il primo e - come ho detto - é piaciuto. Mi sono ben guardato dal leggere gli innumerevoli seguiti, che però ho diligentemente comprato uno per uno e riposto intonsi in libreria.
    Del comprare libri non é la stessa cosa del leggere libri. Purtroppo.

    RispondiElimina
  12. purtroppo non è un granchè

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...