giovedì 7 luglio 2016

Il barcone rende liberi


E' stata una lunga giornata, durante la quale io ed altri ci siamo sentiti dire di tutto da un branco di cani di Pavlov inferociti solo perché cercavamo di capire cosa fosse successo. Premiamo il tasto pausa e ricapitoliamo. Un uomo, un nigeriano, è morto a Fermo per le ferite riportate durante un diverbio con italiani degenerato in aggressione. Questa è l'unica, tragica certezza. Stamattina la Repubblica raccontava così i fatti:

fonte
Nel medesimo articolo si leggeva però quanto segue:
Ecco l'inconfondibile tanfo della propaganda, di quella sopravvissuta miracolosamente a tutti i muri crollati nel recente passato, ammodernata solo da quel fastidiosissimo "due cosiddetti cittadini italiani", il tocco internazionalsocialista Si Global che ho voluto evidenziare. Il vero messaggio all'interno del solito scontato ammonimento antifa. Cosa vengono loro con questa mia addirci, i partigiani o quel che resta di loro? Che noi italiani siamo già diventati cittadini "cosiddetti" e lo saremo ancor di più in futuro. Per accelerare i tempi basta non essere d'accordo con loro e i loro padroni in guanti gialli. 

Già di prima mattina vi era insomma un bel frame in partenza sul primo binario e il sospetto è stato confermato in giornata, quando è scoppiato il delirio su media e soccial attorno all'unica versione dogmatica possibile, quella sulla quale concordano tutti, dalle autorità in giù. Quindi sospetta per definizione ma sacra ed insindacabile, come appunto tutti i dogmi. Dove c'è un dogma c'è un'Inquisizione. E qui è stata di quella spagnola.

Compare un articolo sul "Resto del Carlino" dove una testimone racconta una versione diversa dell'accaduto che ribalta le responsabilità? Subito parte la character assassination della donna che, siccome un 'altra volta ha testimoniato contro degli extracomunitari, e poi è una parrucchiera, allora per forza dev'essere una mitomane con ansia di protagonismo. 
Può essere, come può essere che le cose non siano andate come raccontano certi altri testimoni un po' troppo, diciamo, coinvolti sentimentalmente e non solo nelle questioni dei migranti.


In questa giornata di ordinaria follia, della sagra della fallacia in tutte le sue varianti, si sono pronunciati, sempre a senso unico e, come tutti gli altri, senza attendere le conclusioni delle indagini e del processo ma seguendo lo schema della giustizia sommaria tanto cara ai popolacci vogliosi di patibolo, i soliti intellettuali un tanto al chilo, i sepolcri imbiancati e i roveti ardenti. Tutti ad additare il presunto razzismo di un italiano che, per proprietà transitiva, viene attribuito ad un intero popolo di "cosiddetti cittadini", venuto in uggia ai padroni sovranazionali e quindi anche a codesti cani che scodinzolano loro attorno in attesa dell'osso da ciucciare.

Vedete, se Gad Lerner invoca il rientro di Kyenge nel governo, io ricordo che, a seguito dell'orrendo massacro della coppia di coniugi a Palagonia per mano di un africano (attualmente a processo), la signora ebbe a dichiarare quanto segue:


"Il crimine non può essere etnicizzato". Ma chi l'ha detto? Questo è solo volgare double standard, il fatto che, tanto per citare il solito Orwell, "tutti gli animali sono uguali ma alcuni sono più uguali degli altri".
Gli Hutu e i Tutsi etnicizzarono. Si etnicizza e sessizza ogni giorno in Congo. Così come etnicizzano i Bantu in Sud Africa (chiedete agli Zulu, che sono ridotti a rimpiangere l'Apartheid essendo accomunati nella disgrazia con gli Akrikaaners poveri, vittime delle leggi razziali antibianchi e antituttitranneibantualgoverno dell'ANC). Etnicizzano gli afroamericani contro altri afroamericani ( non lo dicono le statistiche del KKK ma esponenti del glorioso movimento delle Pantere Nere, ogni afroamericano intellettualmente onesto e le statistiche degli omicidi in USA). Non è negando la bidirezionalità del razzismo e la voglia di suprematismo che hanno certi neri, incitati in questo da orde di bianchi autorazzisti, che si combatte la violenza. Inutile però farlo capire ai cagnacci che ci hanno abbaiato tutto il giorno nelle orecchie.

Ma il frame, in definitiva, serve sempre a distogliere l'attenzione e a concentrarla su un focus. Emmanuel, il povero morto, per il quale è doveroso piangere, è diventato il perno sul quale pareva dovesse girare da quel momento in poi il mondo. Con tutto il rispetto dovuto per una giovane vita stroncata, la sua morte è riuscita ad oscurare ed annullare quella, estremamente imbarazzante per le nostre autorità xenofile (nel senso della perversione), dei nove italiani massacrati in Bangladesh. La notizia del giorno, riguardo a quel tragico fatto di cronaca, era che le autopsie cominciano a svelare dettagli raccapriccianti sulle modalità di tortura ed esecuzione dei nostri connazionali. (Mi scuso per la crudezza del termine connazionale).  Qui si incrocia un altro bel problemino. Quello del negazionismo sull'incompatibilità dell'Islam con il modello occidentale. 

Vi sono tuttavia altre cose ben più gravi da nascondere sotto il tappeto dell'omicidio a sfondo razziale. 
Lo stato comatoso delle nostre (loro) banche, il possibile crollo imminente di tutto l'ambaradan finanziario e lo scompenso in exitus del cancro dello short; il fatto che i vecchi pensionati europei "rappresentino una minaccia per il futuro del continente", come dice questo personaggetto qua (per dirla alla De Luca). (Pensasse piuttosto alla sua banca in dépassée che offre mutui se acquisti almeno due cellulari della nota marca e altri oggetti da catalogo).






Non vi preoccupa un discorso come questo? Fate molto male. Lo dicevano anche degli ebrei, che rappresentavano un problema, sapete? Ma Gad e Roberto Saviano non se lo ricordano più, presi dalla fregola della sostituzione etnica, e nemmeno i capitani d'industria dell'olocausto come il fu Eli Wiesel. A proposito di "per non dimenticare".
Mi piacerebbe chiedere a questi di Foreign Affairs quale soluzione (finale) proporrebbero per il problema dei vecchi europei. Essendo non più così giovane da non preoccuparmi e abbastanza anziana da averne motivo, sarei interessata a saperlo. Qualcosa tipo Aktion T4? Morte per fame, iniezioni di Luminal o camere a gas? 

L'altra faccia complementare del "problema anziani" è la sostituzione etnica.
Il frame del "povero negro" ucciso dal bianco fascista razzista infamone serve a nascondere che di speranzosi ed illusi come Emmanuel e signora, gli omini di burro della globalizzazione ne vanno a prendere 5000 al giorno in Africa, rovesciandoceli in casa contro la nostra volontà. Loro pretenziosi di tutto e noi in procinto di perdere tutto ciò che avevamo guadagnato in una vita. Due perfette fazioni in lotta per lo stesso osso. Sperano che ci ammazziamo a vicenda, è ovvio.
Tutte persone, questi migranti, che i paesi sovrappopolati da cui provengono sono ben lieti di sbolognare in giro per il mondo, che hanno dato per perse e che nessuno verrà mai a cercare. Persone che, non dovessero più servire allo scopo e diventassero ingestibili potrebbero essere facilmente fatte sparire da qualche parte ad Est dagli stessi che li hanno fatti arrivare, senza che nessuno lo sappia se non a fatto compiuto. Basta utilizzare a quel punto il frame di copertura giusto. Magari uno di quelli clamorosi, una minaccia di invasione aliena buttata lì come l'allucinazione da delirium tremens di un noto ubriacone, tanto ormai, con l'aiuto della stampa, l'opinione pubblica allucinata dalla propaganda la crederebbe, o la solita guerra locale a progetto. Ogni conflitto può diventare abbastanza capiente da contenere un genocidio.
Se preti e damazze di Sant'ONU volessero veramente bene ai migranti economici dovrebbero consigliarli di tornarsene a casa finché sono in tempo.
Non finirò mai di meravigliarmi invece del fatto che Gad e gli altri non vedano che si tratta di deportazione di massa, di schiavismo 2.0. Sono talmente accecati dall'ideologia che non vedono la scritta sul molo:"Il barcone rende liberi".

43 commenti:

  1. Non ho capito bene Barbara il titolo a lato di Repubblica. La moglie di Emmanuel ha filmato mentre lo pestavano e non pensava a difenderlo fattivamente?

    Emmanuel e sua moglie affermano che sono fuggiti da Boko Haram, il primo da oggi non c'è, è chiaramente una tragedia quando ci scappa il morto. Vorrei solo ricordare però, in generale, le numerose evidenze di storie di fuga (onde ottenere l'asilo) tutte uguali per una significativa frazione di "profughi" (fino a prova accertata). Da diversi funzionari svizzeri dell'ufficio immigrazione (raccolte da Il Giornale altri quotidiani locali del Nord) a numerosi altri casi segnalati.
    Nella stessa scuola dove lavorai la responsabile, ai colloqui con gli aspiranti allievi migranti (90% del Centro Africa, nessun vecchio, donna o bambino) ebbe a dire alla fine: "ma questi hanno tutti 28 anni?". E sulle persecuzioni subite lo stesso, le storie raccontate sembravano tutte in fotocopia. Questo elemento, a mio modesto parere, sarebbe da aggiungere.

    "Loro pretenziosi di tutto e noi in procinto di perdere tutto ciò che avevamo guadagnato in una vita. Due perfette fazioni in lotta per lo stesso osso. Sperano che ci ammazziamo a vicenda, è ovvio."
    Frase sintetica e chiara che condensa il tutto che c'è in gioco, attori e scenario finale. Complimenti anche per questo articolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, hanno accostato due fatti completamente disgiunti, accomunati solo dal fatto che entrambe le vittime erano nere.

      Elimina
    2. Che vergogna di giornalismo! D'altronde li conosco bene quelle di Repubblica ai tempi del mancato riconoscimento delle malattie ambientali, stessi metodi di manipolazione.

      Entro questo mese ne vedremo delle belle. In Austria chiuderanno le frontiere, e non solo i valichi (4000 soldati premobilitati due mesi fa). La Svizzera "per scongiurare una crisi, “dobbiamo proteggerci”, ha detto Gobbi al quotidiano austriaco Kronen Zeitung. La regione confinante con l’Italia ha all’incirca due mila soldati del battaglione svizzero dotati di carrarmati e mezzi pesanti che sono stati messi in allerta. A questi è stato chiesto di rimandare le vacanze, in modo da essere sempre a disposizione." (Wall Street Italia)

      E' chiaro che vogliono portare l'Italia a una guerra interna e, prima ancora al disastro sociale e occupazionale.

      Elimina
    3. Posto che mi spiace per la morte di una persona, ciò non può impedirci di ragionare sulle cose e cercare di valutarle oggettivamente. Anche alla luce del completo ribaltamento della ricostruzione dei fatti, non credo per una sola parola alla storia raccontata dalla coppia in sede di richiesta di asilo e riportata come oro colato dai giornali, imbeccati da quel prete "boss dell'accoglienza". Non lo imputo personalmente a loro, perché come riporta qui sopra Cose di Mondo, lo fanno tutti gli sbarcati, e forse anch'io racconterei tutto quel che serve se mi permettesse di accedere a quello che ritengo un Eldorado. "Fuggono da Boko Haram", quando l'area coinvolta dai terroristi è molto ridotta rispetto a un paese enorme e di 180 milioni di abitanti e (mi dicono) il cognome del morto non è tipico di quelle zone, ovviamente i terroristi avrebbero "sterminato i loro genitori e la figlia piccola tranne loro", lei avrebbe poi avuto un ulteriore aborto lungo il viaggio verso l'Europa, per "le botte dei trafficanti". Vengono accolti in Italia, "sposati simbolicamente con un rituale che risale al medioevo" (sic) perché senza alcun documento, e dopo tutte queste durissime tragedie subite, al primo diverbio inseguono l'offensore e lo attaccano con una mazza improvvisata, a morsi e con una scarpa, chiamando altri connazionali in soccorso...non esattamente la reazione che ti aspetti da un perseguitato che ha, comunque, trovato rifugio, o sono io che penso male?

      Elimina
  2. Anonimo06:23

    Non ho nemmeno ascoltato la notizia, immaginando l'interpretazione che ne sarebbe stata data.
    Invece, ho istruito una donna cinquantenne che si lamentava del fatto che ad ogni volta che arriva al parcheggio della COOP uno dei due giovani magrebini taglieggiatori, che la dirigenza lascia liberi di pretendere il pizzo sui carrelli, le sputa addosso. Le ho consigliato di tenersi a distanza di non interloquire, di non guardarlo mai in faccia e di fingere di non sentire gli insulti. Ovviamente la PS non ha ritenuto i fatti degni della seppur minima indagine, ne' si e visto un poliziotto nemmeno in cartolina. Anzi, l'hanno quasi minacciata. Va detto, che mentre nel parcheggio sotterraneo i due magrebini, a volte con qualche rinforzo, taglieggiano i parcheggianti, al piano superiore, due nigeriani, da ben 7 anni, taglieggiano i pedoni davanti all'entrata. Sempre con qualche rinforzo di zingari vari, e banchetti con su esposta roba inutile piazzati a fianco della porta automatica.
    Per entrare ne devi passare almeno sette od otto tutti i santi giorni.
    Poi ci sono settimanalmente le varie raccolte di cibarie eque e solidali svolte da volonterosi italiani, i volontari della Pubblica Assistenza con barella annessa e varie altre collette. Tutti vogliono soldi. Le vecchiette che contano le monetine davanti alla cassa, invece, non le vede nessuno: solo il sottoscritto xenofobo che spesso provvede di nascosto, ma siccome ai due negri non da mai nulla e' gia' sospetto di per se'.

    Boko haram. Proprio da uno dei due nigeriani mi e' stato spiegato che sta solo nel nord e che e' la scusa che quasi tutti adducono per richiedere lo status di rifiugiato. Bisogna anche dire che i nigeriani sono espertissimi in truffe, anche telematiche e che c'hanno provato anche con il sottoscritto tramite un coglione di zio missionario che dopo aver fatto danni in Africa ha deciso di farne anche in Italia.
    Inoltre, qui proseguono a ricavare appartamenti anche dalle cantine. non si sa come, ormai concedono la certificazione di abitabilita' anche ai collettori fognari. Alla Fiera (quella del salone nautico) hanno portato qualche centinaio di "migranti", che si aggiungono a qualche altro centinaio che stanno all'ex manicomio. Nel centro storico cominciano gia' a chiudere per il coprifuoco e davanti al porto antico il muezzin chiama alla preghiera i fedeli ad ogni venerdi e questi si mettono in bella mostra a pregare proprio davanti al relitto di un vecchio sommergibile.

    Io direi che citta come queste sono gia' perdute. Se proprio non e' strettamente necessario e' meglio trasferirsi altrove.

    G.Stallman

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo14:13

      OT: Stai parlando della mia stessa città? Omo vespa e viva l'A? Sembra uno scenario pre apocalittico di cui evidentemente non mi sono accorta, colpevolmente.

      Elimina
    2. Anonimo19:21

      La citta' e' Genova. Ti diro' anche che non la conosco bene tutta e che ogni giorno e' una sorpresa (sgradevole). L'unica volta che ho visto scomparire stranieri di ogni tipo e ricomparire parecchi giovani e' stata durante l'alluvione. Una volta ripristinata la normalita' tutto e' tornato come prima.
      Si', io penso seriamente di andarmene in localita' impervie non appena la mia presenza non sara' piu' necessaria. Non credo ci sia piu' molto da fare e temo che la situazione degenerera' molto rapidamente.

      G.Stallman

      Elimina
    3. Anonimo23:20

      Grazie. Io mi riferivo a Trieste. Dove la situazione non pare ancora così grave eppure i cambiamenti, che iniziano dal degrado economico, e finiscono con l'anzianità schiacciante dei suoi abitanti, la rendono molto vulnerabile a qualsiasi mutazione. Staremo a vedere. T.

      Elimina
  3. Anonimo06:40

    PS
    ormai ci sono i nipotini cinquantenni dei partigiani e i nipotini cinquantenni dei sopravvissuti agli olocausti. Sempre che i nonni non fossero dei mitomani (come la maggior parte), pare che sia uno status che si trasmette per via ereditaria. L'unico rimasto.

    RispondiElimina
  4. Accetto l'idea di trasferirmi appena possibile e forze permettendo.
    Definirsi partigiani quando erano semplicemente gente che si nascondeva per non andare a lavorare (obbligati certo) in germania è un racconto abituale nella città definita la più partigiana d'italia. Sicuramente hanno più di cinquantanni se faccio un confronto con la mia età.
    Nei circoli dell'ANPI si gioca a cirulla, ragazzi miei ed ogni giorno hanno il minuto di silenzio per l'ultimo andato. Naturalmente la maggioranza è piddina. Il che è tuttodire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo19:27

      Allora teniamoci in contatto.

      Comunque, dove c'e' ancora qualche vecchissimo partigiano sopravvissuto, come sulle alture, non mi capita mai di sentire tutta questo entusiasmo per l'accoglienza. I piu' danno la colpa ai democristiani per non dover ammettere il cambiamento o, peggio, per non aver mai capito un cazzo. Ne ho sentite di quelle che riempirebbero interi volumi.

      G.Stallman

      Elimina
  5. immigrazionismo+mondialismo+crisi di legittimità dello Stato nazionale = 4GW, guerra di quarta generazione. La guerra civile è più vicina di quel che pensi. Qui monito da prendere molto sul serio, dagli USA:
    http://www.nytimes.com/2016/07/08/us/dallas-police-officers-killed.html?hp&action=click&pgtype=Homepage&clickSource=story-heading&module=span-ab-top-region&region=top-news&WT.nav=top-news&_r=0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo12:51

      Vedi, Roberto, si e' sempre saputo che le societa' incasinate sono le piu' pericolose. Lo insegnano soprattutto ai militari e, siccome sei stato in Libano lo sai anche tu. Quando incasinano ulteriormente societa' gia' incasinate come la nostra, basta solo che uno dia fuoco alla miccia che il risultato e' sicuro. E quando si usa la tecnica dei polli di Renzo vuol dire che in alto sta succedendo qualcosa sulla quale e' meglio non attirare troppo l'attenzione. non fossero bastati gli incasinamenti politici, ora abbiamo anche quelli razziali, religiosi, sessuali e chissa' che altro ancora. La razionalita' suggerisce sempre di evitare i luoghi affollati (che sono anche i piu' incasinati), ma quando si supera un certo livello si tratta di abbandonarli del tutto trasferendosi in luoghi piu' sicuri come le campagne e le montagne. Pare sia giunto il momento.

      G.Stallman

      Elimina
    2. Esattamente. Più sono le linee di faglia, più disastri si verificano quando viene il terremoto (e non c'è sismografo che lo possa prevedere al minuto secondo).
      P.S. Sto in campagna.

      Elimina
    3. Sempre buona lettura il vecchio manuale del maggiore von Dach, del benemerito esercito svizzero.
      Detto per inciso, è proprio di un esercito sul modello svizzero, con piccolo esercito professionale permanente + territoriale di leva obbligatoria con regolari e frequenti richiami che avremmo bisogno. Promozione della lealtà attiva verso lo Stato nazionale e controllo del territorio (altro che ronde padane e controllo del vicinato).

      Elimina
    4. Anonimo20:06

      Folgore o S.Marco ? E' bastato ammazzare Gemayel che il casino si e' rivitalizzato come per incanto. Ma li' era ancora una questione politico-religiosa, mentre da noi ormai siamo avviati verso la guerra tribale. Sembra assurdo a dirsi oggi, ma qui rischiamo molto piu' che in Libano. Ci sono ancora molti incoscenti che non sanno quello che rischiano.
      Buon per te che stai in campagna, potrei avere bisogno di un fienile per dormire :-)

      Il modello di esercito svizzero mi e' sempre piaciuto, ma non credo sia molto applicabile in Italia. Se lo si fara', sara' solo in contesti molto piu' ristretti di quello nazionale; e li' potrebbe anche funzionare, ma sull'intero territorio lo escluderei. Te l'immagini una cosa del genere a Lampedusa ? Ecco.

      G.Stallman

      Elimina
    5. Sei sempre il benvenuto. Ti sistemo meglio di così, altro che fienile. Così ci raccontiamo della Folgore, del Libano e di altri trailer del futuro. Sono d accordo, qui si rischia un Libano x n volte. Se ci arriviamo ci arriviamo come sempre in questi casi, prima molto adagio poi molto in fretta. Spero ben di no, ho figli molto giovani.

      Elimina
  6. Anonimo16:17

    Hai notato l"aggravante razziale" all'omicidio? Io la trovo allucinante. Se uccido un bianco con una modalità X, rischio meno anni di galera che se uccido un nero con la stessa modalità. Ma è costituzionale una roba del genere?

    Fartzilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo20:11

      E no che non e' costituzionale. Perche' il "femminicidio" sarebbe costituzionale ? Altro che la Democrazia, hanno distrutto lo Stato di Diritto che funzionava piu' o meno bene da duemila anni.

      G.Stallman

      Elimina
  7. Anonimo17:47

    sempre ammirevole il tuo impegno per difendere la verita' la cui essenza e' questa
    1) una setta di "supeuomini" ( di pelle essenzialmente "bianca") ha deciso l' annientamento delle razze bianche ( probabilmente perche' strutturalmente indocili) attraverso un mix lento ( pero sempre piu' eccelerato) di varii processi ( meticciamento, sterminio , denatalita' , eutanasia ect )
    2) gran parte dei bersagli collabora al processo per debolezze morali e stupidita' ;sono sostanzialmente " pecore matte" incapaci di capire i termini di questa lotta "darwinina" che le vedra' comunque soccombenti.
    3) in questo " pecorume" vanno ovviamanente iscritti tutti i piddioti illusi nella loro stupidita' e avidita' che il processo di annientamento riguardera' solo gli " altri" , ma ci vanno anche tutti coloro come questo mancini che non hanno capito i termini della questione ( che cioe' QUESTO STATO tutela solo i "coloni " ) e che si lasciano coinvolgere in queste trappole . Infatti per chi vuole tentare di sopravvivere a questo processo di annientamento etnico deve essere sempre chiaro che per lui questo " stato" e' IL NEMICO e che il colono e' intoccabile anche quando esso "tocca" un italiano etnico.
    4) CHe fare quindi ? Solo stringere i denti e resistere CON PRUDENZA e LUNGIMIRANZA perche' sta arrivando una " bufera" di proporzioni galattiche che spazzera' via questo "stato" , ed e' in quella bufera' che certi "conti" dovranno essere regolati.
    ws

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo19:14

      Diffido sempre dall'idea per cui possa esistere un "piano" e non (come la tradizione insegna) uno scontro multilivello per l'egemonia da parte di una serie di oligarchie.
      Per dire, la Brexit non è parte di chissà quale "fase due" del mondialismo e blablabla: è quasi sicuramente una mossa dell'aristocrazia finanziaria (che poi coincide in buona parte con quella "di sangue", se in Inghilterra questa cosa avesse senso) britannica per smarcarsi dall'UE e quindi rivendicare una propria autonomia dagli USA.

      Non esiste (come non è mai esistito, e questo lo sapevano bene tanto i fascisti quanto i comunisti, quando esistevano) una regia unica, occulta, capace di portare avanti per secoli o millenni un programma indefinito a cui (retrospettivamente) far aderire l'intera storia.
      Esiste una lotta per il potere assoluto che genera faglie, entro le quali poi si possono inserire le lobby di qualunque tipo, anche quelle ricchione, negrofile, benpensanti, ecc...
      In fondo, il mondialismo non è un complotto: è il riconoscersi delle varie correnti della sovversione (cristiana, liberale, comunista) dopo la sconfitta del fascismo in una "cornice comune" che tendesse ad escludere per sempre qualunque cosa centrasse con i fascismi storicamente intesi: i diritti umani.
      Una volta che si fa l'errore di stabilire che io avrei dei non ben precisati diritti per il semplice fatto di esistere, allora è finito tutto.



      Matteo

      Elimina
    2. Anonimo21:09

      ed io diffido di chi descrive gli effetti di un processo ormai innegabilmente evidente nel suo avanzare costantemente da 250 anni come un semplice " spirito dei tempi".
      ws

      Elimina
    3. Anonimo21:28

      toh
      http://www.lastampa.it/2016/07/08/economia/barroso-nominato-presidente-di-goldman-sachs-YRJDJhxuSor1PO2wJvsHcM/pagina.html

      un altro "giovane trotskista" che finisce "gran dirigente sistemico" da vecchio, .. Ah questo "spirito dei tempi" :-)
      ws

      Elimina
    4. Anonimo21:48

      E cosa c'entra lo "spirito dei tempi"?
      I fascismi sono STATI EFFETTIVAMENTE SCONFITTI dalle armate britanniche, sovietiche ed americane.
      Il mondo successivo è frutto di quello e non altro.
      Dove si capisce che i complottisti sono idioti?
      Dal fatto che non rispettano l'inferenza baynesiana.
      Prendiamo l'ultimo che ho letto (perché mi diverto molto), quel Giovanni Fasanella che pretende di spiegare l'intera storia italiana degli ultimi due secoli come manovra britannica e poi, dopo aver snocciolato decenni di stronzate evolomani/papiste sul Risorgimento spacciandole per "studi d'archivio", dopo aver sostenuto con incrollabile certezza che anche Mussolini era un agente dell'MI6 agli ordini diretti di Churchill...non riesce a spiegare perché poi sua Maestà non lo appoggiò nel tentativo di difendere l'Austria dal Reich.
      Curioso no?


      Matteo

      Elimina
    5. Anonimo08:40

      che "l' italia" sia una "creatura inglese" e che mussolini sia stato "manipolato" dalla grande finanza "inglese" sta nei fatti , dal suo "aruolamento" in svizzera fino alla sua eliminazione a dongo, cosi come e' evidente la "spinta" inglese alla nascita di una germania " fascista" e "revanscista".
      E la ragione di questo e' semplice : in una situazione di crisi "il fascismo" serviva a contenere il rischio di una "deriva comunista" ( e il terribile rischio geostrategico di una alleanza Germania-russia) e dopo la crisi del ventinove una nuova guerra era assolutamente necessaria e meglio ancora una guerra tra germania "fascista" e Unione sovietica.
      ws

      Elimina
    6. Anonimo09:44

      Incredibile il tuo livello di certezze.
      Tutte le tue tesi stanno talmente tanto "nei fatti" che non hanno bisogno di essere dimostrate.
      Ma la profondità del delirio arriva ovviamente con il solito, stantio, anti-Risorgimento di matrice clericale, talmente ridicolo che un anti-risorgimento serio come Salvemini l'aveva già trattato come meritava.
      Ora, ovviamente, mi dirai che tutto quello che è successo dalla Rivoluzione Francese in poi è un complotto della massoneria contro la "società tradizionale" giusto?
      Saresti in buona compagnia su questo blog.
      Io, molto più umilmente, essendo un plebeo e non un aristocratico come sembrano abbondare visto il livello di nostalgismo, mi limito a cantare una vecchia canzone:
      https://m.youtube.com/watch?v=dCcX1b3NNC4


      Matteo

      Elimina
  8. Bellissimo articolo. Sei geniale.

    RispondiElimina
  9. Bellissimo articolo. Sei geniale.

    RispondiElimina
  10. Anonimo23:43

    Succede a Udine, FVG: il sindaco riduce drasticamente la rete wifi gratuita, per evitare i capannelli di profughi collegati e bivaccanti nel centro città. Piccolo esempio di come, in nome dell'accoglienza, viene meno un vantaggio da poco acquisito ai cittadini residenti. Si comincia dalle piccole cose. Poi si arriva dove arriva Sottomissione di Houllebecq. Però forse sono solo pessimista. T.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, di fatto intere aree precedentemente "pubbliche" (leggi: realizzate col nostro lavoro) sono diventate di fatto precluse ai nativi italiani (esempio giardinetti, piazze delle stazioni, piano piano ospedali e scuole). Ovviamente la colpa non e' degli invasori, bensi' di chi ha aperto loro le porte di casa nostra. Chi puo', si rifugera' in strutture private, per tutti gli altri, shit.

      Elimina
  11. Capito? Il modello Messico ci prospettano neppure Detroit! Forse questo i è sfuggito Barbara
    https://youtu.be/2b8fL9drF44

    RispondiElimina
  12. Anonimo23:13

    "Nigeriano ucciso, don Albanesi: "Emmanuel è morto di botte, lʼemorragia è dovuta al pugno in faccia". L'anatomo-patologo don Albanesi lo confida a TGCOM 24. Prima volta nella storia del pugilato: inaudita potenza del razzismo.

    Questi disgraziati vogliono cosi aprire ufficialmente la guerra tra italiani ed extra per assicurarsi di passarla liscia: un po' come in USA.

    G.Stallman

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo17:37

      Interessante il fatto che questo prete prenda soldi per gestire l'"accoglienza"...


      Matteo

      Elimina
    2. Anonimo21:10

      Il prete prende soldi, prima di lui, li prendono i politici, poi i militari, poi le ONG. E dal nostro portafogli. Visto e considerato che se qualcuno non provvedesse a portare fisicamente il materiale sul posto non vi sarebbe nulla da accogliere, ne consegue che la cristiana accoglienza viene strumentalizzata, essendo questo un fenomeno senza precedenti storici della medesima portata.
      Inoltre, visto che nemmeno dopo la conquista coloniale, quando ai cittadini delle colonie veniva concessa di diritto la cittadinanza, si verificò un fatto simile, se ne deve necessariamente arguire che il problema sta nel rapporto tra Chiesa e Stato. La Chiesa sembra oggi dettare le regole allo Stato, ma in realtà è viceversa, altrimenti non ci sarebbe stato alcun bisogno di far fuori i democristiani. che col Vaticano avevano certo migliori rapporti dei massoni attuali.
      Siccome i Patti Lateranensi hanno subito una modifica ai tempi di Craxi secondo cui veniva abolita la Religione cattolica in quanto religione di Stato, ne consegue che è proprio la maggiore laicità ad aver generato il problema.
      Da ultimo, se la gestione attuale della povertà viene appaltata alla Chiesa, questo non riguarda solo gli stranieri, ma anche i poveri italiani.
      Vogliamo rivedere il Concordato, o abolirlo del tutto ? A me sta benissimo, ma dubito che i padroni attuali lo farebbero molto volentieri. Nel migliore dei casi gli italiani indigenti stessi morirebbero di fame.
      La soluzione e quindi palese: il problema principale essendo costituito dalle masse in movimento è qui che bisogna agire.
      Capisco ogni anticlericalismo, sia che venga dal Neopaganesimo che dal nemico piu irriducibile: l'Ebraismo, ma le vendette mascherate da soluzione proprio non me le bevo. Quindi vai a proporle a qualcuno piu coglione del sottoscritto.

      G.Stallman

      Elimina
    3. Anonimo23:39

      In primo luogo: ho tollerato la tua "leggerezza" nel parlare di argomenti che non conosci (per esempio quando definivi l'essenza del fascismo nel complottismo antisemita) abbastanza a lungo da ritenere di non meritare questo tono isterico da mestruata quindicenne.
      Indi, stai calmino e respira profondamente.
      In secondo luogo, non ho idea di cosa tu volessi dire con il tuo psicodramma, dato che io ricordo in premier democristiano che respinge 100.000 albanesi in un colpo solo, indi non capisco il tuo ragionamento.
      Notare, per i cretini (alla Blondet) che credono che la Chiesa sia cambiata con Bergoglio: anche allora essa censurò l'operato del governo per bocca del suo organo di stampa ufficiale, la differenza è che la gente se ne batteva abbastanza le balle di queste sciocchezze.
      Forse non eravamo ancora stati indottrinati abbastanza, non lo so (non sono io ad avere tutte le risposte, per quello telefonare ai complottisti anonimi che hanno il teorema bello e pronto per gli ultimi 500 o 5000 anni a seconda) sta di fatto che in effetti qualcosa è cambiato profondamente nella cultura di massa.
      IO NON SO COSA, ma di per certo so che la Chiesa di ieri era sulle stesse medesime posizioni di quella di oggi e credo di domani, come lo è sempre stata nella storia d'Italia.
      Certo, per chi ritiene che l'Italia sia anche essa frutto di un complottone contro la "tradizione" (ovvero l'aristocrazia degli incestuosi parassiti emofiliaci) immagino che la cosa risulti in qualche misura "giustificata" ma a me non convince molto.
      Quindi, forse Lameduck ci potrà aiutare a scoprire cosa è cambiato a livello di percezione, essendo anche psicologa e quindi forse più adatta a capire quello che secondo me è un delirio.
      Ma nulla centra con la posizione di quel nido di serpi noto come Chiesa Cattolica Romana.
      PS: non sono neopagano e l'ho anche scritto. Io quello che scrivi te lo leggo (anche se in fondo è sempre la solita solfa dei massoni o a volte ebrei o magari satanisti che reggono il Mondo), indi sarebbe cortese fare altrettanto.
      PPS: che l'ebraismo sia nemico irriducibile della Chiesa può anche essere vero.
      Del resto, come si dice? Parenti serpenti.
      Anche i comunisti ad anticlericalismo non scherzano.
      Anche i liberali, almeno all'inizio.
      Ma quanto rode ai papisti che gli ebrei hanno trasformato la loro superstizione in un nazionalismo, mentre i detti papisti sono costretti a distruggere le proprie di nazioni per far piacere al tizio vestito di bianco?
      Non ci posso far nulla: a me fa ridere.


      Matteo

      Elimina
  13. Da notare che ai funerali del nigeriano hanno presenziato Laura Boldrini, terza carica dello stato e David Sassoli vice presidente del parlamento europeo!!

    E come mai?

    Stanno solo eseguendo un compito che gli è stato affidato dalle elite globaliste occidentali!!

    E qual’è questo compito?

    Indebolire le identità nazionali europee favorendo un massiccio afflusso di immigrati da paesi extraeuropei ( africani e mediorientali ) per realizzare al più presto un perno fondamentale del loro progetto globalista mondiale: Stati Uniti d’Europa!!

    Ecco qualche prova:

    a) Blair to Eradicate European Culture to Create a United States of Europe

    http://www.thedailybell.com/news-analysis/blair-to-eradicate-european-culture-to-create-a-united-states-of-europe/

    b) In fact, however, cultural globalization is not only some sort of ‘automatic’ effect of globalization. It can be shown that it is also a deliberate policy of the Transnational Elite particularly in the last few years, with the aim of creating the mass immigrant flow to the EU, which euphemistically is called the ‘refugee problem’. For instance, Peter Sutherland, the UN migration chief, has played a leading role in expressing the Transnational Elite line on immigration and cultural homogeneity.

    Thus, Sutherland, quizzed by the UK House of Lords committee four years ago on migration, inadvertently revealed who and why created the mass exodus of migrants into Europe in the last few years and the motives behind the so-called “refugee problem”. That is, he inadvertently revealed that, in fact, it was the Transnational Elite which, in order to meet the needs of neoliberal globalization in terms of cheap labor requirements, it had used the ideology of globalization in terms of multiculturalism and open borders, effectively, in order to achieve its aims of both economic and cultural globalization, through the undermining of cultural homogeneity of the European Nations…..

    http://www.globalresearch.ca/brexit-revolution-and-counter-revolution/5535210

    E la Boldrini dal1998 al 2012 è stata portavoce della Rappresentanza per il Sud Europa dell’Alto Commissariato per i Rifugiati dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (UNHCR) a Roma, ma che strane coincidenze…..!!

    c) http://www.zerohedge.com/news/2016-07-08/how-george-soros-singlehandedly-created-european-refugee-crisis-and-why

    E George Soros subito dopo il Brexit è stato accolto a braccia aperte dal Parlamento Europeo del quale David Sassoli è il vice presidente, ma che strane coincidenze.....!!!

    Insomma, come si suol dire, tre indizi spesso e volentieri fanno una prova!!

    E in questo caso sono ben più di tre!!!

    Cordiali saluti.

    Fabrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo21:20

      Infatti io ne vedo almeno quattro.

      G.Stallman

      Elimina
    2. Chissa' se anche i nazisti sorridevano cosi' tanto.

      Elimina
    3. che poi, l unhcr per cui lavorava la boldrini e che si occupa dei rifugiati e gente così, ha tra i proprio biettivi quelli di accogliere i rifugiati e chi ha diritto di asilo, ma poi si dice anche che l obiettivo finale e di lungo periodo dell organizzazione è fr tornare a casa le persone quando il o i problemi che li hanno fatti partire sono passati. quindi oltre a tutto la bolfrini non sa neanche o meglio fa finta di non sapere come funziona un organismo per il quale ha lavorato per molti anni, lavoro per il quale è stata strapagata e indovina un po', visto che era all onu non ci ha mai pagato un cent di tasse. bello così....

      Elimina
  14. comunque tra un pò voi a questo Mancini proporrete la medaglia al merito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu invece la darai a gentaglia come la Boldrini e Sassoli che non si sono mai visti ( e mai si vedranno!! ) al funerale di un italiano morto ammazzato per mano di extracomunitari!!

      Complimenti......!!



      Elimina
    2. io non do nessuna medaglia, ma non creo o solidarizzo con gruppi social dal titolo "io sto con Mancini". anche perchè ritengo di avere amicizie decisamente migliori

      Elimina
    3. Poche chiacchiere!!

      In inglese dicono:

      "Put your money where your mouth is"

      che significa fornisci qualcosa a ciò in cui credi, specialmente dando soldi!!

      E allora ipoteticamente tu su un episodio del genere i tuoi soldi li avresti puntati sull'avvocato di Mancini per aiutare meglio Mancini oppure li avresti puntati sul funerale del nigeriano per una riuscita ottimale di quel funerale?

      Ovviamemnte, una domanda del genere è a risposta chiusa, non c'è una via di mezzo e non ci si può astenere dal dare una risposta!!

      Dal tuo atteggiamento si deduce che tu avresti puntato i tuoi soldi sul funerale del nigeriano, che dirti?

      Di nuovo: complimenti......!!

      Elimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...