giovedì 1 gennaio 2009

Gioca a Gazageddon

Ormai tutte le guerre sembrano videogames e vengono condotte secondo le regole e i trucchi dei wargames, soprattutto i trucchi, i cheats.

Sempre in attesa di "Fuck the Prince of Persia", continuamente rimandato per problemi tecnici, godiamoci quest'ultima novità di Natale, sempre della premiata ditta "Shock & Awe".
Dopo il successone di "Taliban Annihilator" e "SadDOOM Hussein" siete ancora voi, il BENE, contro i terroristi. Perchè, mettiamocelo in testa, maledetti noi europei de coccio, questa è una guerra al terrorismo per PS3 zeppa di effetti e trucchi speciali, non è il solito conflitto israelo-palestinese per il controllo del territorio della Palestina nel vecchio DOS.

"Gazageddon", sulle prime, sembra un semplice sparatutto vintage alla "Doom", con i mostri che grugniscono e muoiono a centinaia ed il protagonista che spara rigorosamente in modalità NIGHTMARE.
Invece, questa è la novità, basta inserire la modalità "CRY AND FUCK" (chiagni e fotti) e, per i media occidentali, diventerà un gioco di alta strategia militare dove si colpiscono chirurgicamente solo le microscopiche sedi dei terroristi. Praticamente un puzzle game rilassante. Senza vittime civili, ovviamente.

Per avere tutte le munizioni, basta digitare FULLAMMO/CALL/PENTAGON e, per impedire eventuali reazioni imperali è sufficiente il comando FREEZEOBAMA. Quando si colpiscono donne e bambini , il codice MAKEALLTERR li fa diventare tutti terroristi.

Ovviamente si gioca tutto rigorosamente in G'D MODE.

(P.S.) Sulla manipolazione delle notizie da Gaza sui media mainstream, segnalo due interessanti articoli di Megachip:
"Stragi a Gaza, la verità manipolata da modelli comunicativi articolati".
Quanti altri morti, per sentirvi cittadini di Gaza? di Mustafa Barghouti




OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

19 commenti:

  1. Molto interessante anche questo:

    http://www.megachip.info/modules.php?name=Sections&op=viewarticle&artid=8474

    Si nota la differenza qualitativa di certe persone rispetto ad altre.

    RispondiElimina
  2. Adetrax22:43

    Un'interpretazione creativa e neanche tanto distante dal reale visto che tutti i militari (piloti, responsabili balistici, ecc.) si allenano con vari tipi di simulatori e in condizioni alquanto variabili, cosa che probabilmente provoca un distacco fra l'azione e la realtà.

    Stabilito che gli israeliani non si fermeranno in assenza di accordi di lunga durata, non vedo bene l'evoluzione della situazione, anche se il governo Israeliano ha dichiarato che desidera una soluzione rapida e non una lunga serie di combattimenti.

    Purtroppo da una parte si rilevano ragionamenti puramente razionali volti esclusivamente alla sistemazione di quello che per molti è un problema (identificato con Hamas) da chiudere definitivamente, mentre dall'altra ho sentito i soliti proclami roboanti (vi circonderemo di un cerchio di fuoco, vi mangeremo, le vite di tutti gli israeliani saranno in pericolo, ecc.) e le solite richieste estemporanee: tregua di 48 ore, ecc., breve stop al lancio dei missili a condizione che Israele si fermi, ecc.; non ci siamo, le risposte non sono ancora quelle giuste, temo che entrino da un orecchio ed escano dall'altro.

    L'unica soluzione pratica e rapida per terminare tutto questo potrebbe essere quella di fermare il lancio di questi c...i di razzi e fornire garanzie di non aggressione, ma ci deve essere qualcosa nel DNA che impedisce questa semplice decisione (d'altronde neanche Saddam è riuscito a sottrarsi a questa tentazione fallocratica).

    Il mio è sempre un consiglio pratico perchè non escludo che fra i responsabili di parte israeliana ci siano appassionati della cabala e altre cosucce del genere che con l'umanità o la compassione hanno ben poco a che fare.

    P.S.
    Questi ragionamenti non tolgono nulla alle responsabilità israeliane che restano e sono gravissime.

    RispondiElimina
  3. Prima dei recenti fatti di Ghaza, il punteggio era che per ogni israeliano ucciso erano quarantacinque i palestinesi ammazzati, fra cui anche molti bambini. Oggi il rapporto e' sicuramente cambiato ingigantendosi.

    Sono decenni che cio' avviene nell'indifferenza generale.

    Al tempo dell'occupazione tedesca la rappresaglia nazista prevedeva, per ogni tedesco ucciso, l'uccisione di dieci civili. A parte l'uso dell'aviazione, quali sono le differenze con le rappresaglie che praticavano i nazisti? Anche loro asserivano che quelle uccisioni erano necessarie per bloccare le azioni dei partigiani.

    Nella Bibbia si fa riferimento alla legge del taglione:

    23 E Lamec disse alle sue mogli: " Ada e Sella, udite la mia voce; mogli di Lamec, ascoltate il mio dire: Ho ucciso un uomo per una mia ferita ed un giovane per una mia ammaccatura:
    24 Caino sara' vendicato sette volte, Ma Lamec settanta sette"

    Persino Dio condanna tale eccesso che risulta poi concausa del diluvio universale. Possibile che nessuno abbia qualcosa da dire se non che i palestinesi se lo meritano oppure che a tutto questo non c'e' soluzione?

    RispondiElimina
  4. Adetrax scrive, fra l'altro : "Questi ragionamenti non tolgono nulla alle responsabilità israeliane che restano e sono gravissime." Ecco la necessaria premessa... ora vorrei leggere QUALE SOLUZIONE sia possibile e come arrivarci, non basta - anche se necessario - lo sdegno...

    RispondiElimina
  5. Non bisogna cadere vittima della propaganda sionista che imputa ad Hamas ed al cosiddetto terrorismo la responsabilità della carneficina che sta avvenendo.

    Hamas è solo una scusa così come lo erano prima di lei Al Fatah e prima ancora l'OLP.

    Israele sta solo mettendo in pratica il programma che i sionisti avevano già teorizzato nel 1897 all'epoca del loro primo congresso e che prevedeva la colonizzazione della Palestina, con l'ovvia espulsione dei loro originari abitanti.

    Essi stanno ampliando il loro "spazio vitale" un po' come fece Hitler al centro dell'Europa negli anni '30 e se nessuno li fermerà le enclave palestinesi ancora presenti tra il giordano ed il mediterraneo sono destinate a scomparire.

    RispondiElimina
  6. Ciao Lame,
    post interessante. Concordo con Roberto.
    PS: ho linkato i due articoli su un mio post.
    Ciao

    RispondiElimina
  7. Ma da una che si chiama Zipni che possiamo aspettarci se non un videogioco ?
    Quella che hai inserito sbaglio o e l'ultimo livello di Doom1 ?
    Come mi piaceva Doom...Quake mi faceva invece venire la nausea per il 3D

    RispondiElimina
  8. Ho il piacere di comunicarti che hai vinto il premio Dardos!

    RispondiElimina
  9. Panty13:31

    Pare che all'incirca trecento anni AUC (Ante Urbe Condita) un folto gruppo di turisti Cretesi,avesse noleggiato una nave Charter chiamata EXODUS PRIMA,per recarsi in visita culturale in Egitto ma giunti al Canale di Suez,che a quei tempi era solo un piccolo rigagnolo,dove i bambini ricchi giocavano con i modellini della nave dei morti,furono fermati da un certo RAMSES III,che gridò"Eh NO,le TOMBE DEI RE saranno saccheggiate solo fra tremila anni dagli Inglesi,quindi Voi PHELASTEI(che in Greco Antico,pare che volesse dire"Popolo del Mare,che viene a rompere i coglioni in EGITTO"abbiate negato il visto di ingresso".
    Così i poveri turisti PHELASTEI,che avevano finito i soldi e non avevano più credito presso l'Armatore Greco della nave,pare un certo ONASSIDES,furono costretti a fermarsi in quella terra ingrata,al di quà del rigagnolo di Suez e la chiamarono PHELASTEINA.
    Gli abitanti del momento,che erano già stati schiavi in BABILONIA e in EGITTO,ne furono molto contrariati e poichè odiavano i GRECI,anche se li chiamavano,chissà prchè,GENTILI, trasformarono PHELASTEI in FILISTEI(che in Aramaico pare volesse dire"Come siete arrivati potete anche andarvene,perchè questa terra è stata promessa a noi,da DIO in persona".)
    Nei millenni successivi acaddero molte cose,il popolo eletto si sparse per il mondo costruendo imperi economici e Lobby,mentre i FILISTEI,ancora gravati dal mutuo a tasso variabile con ONASSIDES,rimasero in PHELASTEINA a crescere armenti e diventando secolo dopo secolo sempre più morti di fame.
    Ora il POPOLO ELETTO è tornato nella TERRA PROMESSA,da millenni abbandonata ma mai perduta o dimenticata,con il motto HIC MANEBIMUS OPTIME.
    L' ONU si è mobilitato immediatamente,ma la perdita dei REGISTRI CATASTALI,pare che renda molto difficile stabilire se la terra appartenga ai PHELASTEI per dirito di USUCAPIONE o al POPOLO ELETTO,per DIRITTO DIVINO.

    Si sospetta,come,velatamente,ha fatto notare Lameduck,che i REGISTRI CATASTALI siano stati fatti sparire dalla multinazionali del SOFTWARE,che così hanno la possibilità di testare sul campo il gradimento dei prossimi videogames.

    Però che gente galiarda,gli Italiani hanno esaurito la memoria storica in 60 anni,gli EBREI,salvo qualche piccola dimenticanza,la mantengno da più di 3000 anni.

    RispondiElimina
  10. Che le guerre oggigiorno siano come un videogioco lo diceva anche una vecchia canzone di Minghi...

    RispondiElimina
  11. Anonimo15:38

    questo è un post grandioso

    cloro

    RispondiElimina
  12. @ Chiara di Notte
    sembra un parlamentare italiano, eh?

    @ Adetrax
    ti posso mettere per iscritto e sigillarlo con la ceralacca che se anche Hamas smettesse di lanciare i razzetti (sono d'accordo, dovrebbero lanciare pasticcini e rose rosse) la simpaticona Livni continuerebbe a tenere Gaza sotto embargo.

    @ Chiara
    la Bibbia è una lettura altamente immorale, nella sua prima parte. Un Dio vendicativo e killer seriale.

    RispondiElimina
  13. Andras18:50

    Il silenzio intorno al genocidio del popolo palestinese è assordante.
    Non oso neanche immaginare cosa sarebbe successo se i morti di questi giorni fossero stati israeliani...

    RispondiElimina
  14. @ Lameduck: sono atea, quindi per me la Bibbia vale quanto il "Ciclo della Fondazione" di Asimov.

    Ma almeno "loro", quelli dell'esercito piu' stupendo del mondo, dovrebbero crederci. Persino per un Dio-Hannibal Lecter la rappresaglia, cioe' vendicare sette volte l'uccisione di un uomo, e' condannata. Immagiamoci cosa direbbe quel Dio oggi se sapesse esattamente il rapporto fra morti istraeliani e palestinesi.

    Ma dubito lo sappia altrimenti dovremmo iniziare a costruire una nuova arca.

    RispondiElimina
  15. @ Andras: Non e' del tutto vero che ci sia silenzio assordante. Fortunatamente.

    http://it.notizie.yahoo.com/19/20090102/twl-m-o-i-morti-di-gaza-saliti-a-430-pro-b689c2c.html

    RispondiElimina
  16. Adetrax21:30

    @Lameduck

    ... è probabile, ma:

    1) non avrebbe neanche la foglia di fico per usare bombe e missili come sta facendo adesso;

    2) qualche persona un po' più abile di quelle attuali potrebbe cimentarsi nel portare alla luce del sole certi comportamenti relativi all'embargo (che secondo me è abbastanza legato ai propositi bellicosi di Hamas & C. e alla mania di dire che con gli ebrei si può fare al massimo qualche breve tregua);

    3) se continuano a ripetere a Israele che vogliono cancellarlo e ributtare tutti gli israeliani a mare (senza contare gli apprezzamenti sul sionismo), quelli si impauriscono e li bombardano a tutto spiano (e non è un modo di dire); è la sindrome da paranoia alla Woody Allen; è tutto molto semplice, come hai detto tu devono solo ripetere: "peace and love", ma separiamoci da amici.

    RispondiElimina
  17. Andras21:51

    @Chiara di Notte - Klára
    Io mi riferivo al silenzio delle fonti di informazione di regime e affini, più visibili e quindi più "assordanti".
    E poi al silenzio devastante dei rappresentanti(?) della sinistra(?).
    Tutti pronti ad indignarsi solo se i morti portano la stella di davide.

    RispondiElimina
  18. Adetrax22:04

    @Chiara-di-Notte 23.30

    Il nuovo rapporto di 150 : 1 lo ha identificato Lameduck; ora siamo a 430 morti per 4 israeliani; a questo punto speriamo che non muoia un altro israeliano.

    Quello che dici è vero, in questo caso la parte di Lamec è interpretata da Israele e non possiamo fargli nulla; al massimo possiamo farlo ragionare però bisogna prima fermare il lancio dei razzi; anche se è chiaro che vogliono continuare a tirarli fino a dopo le elezioni israeliane, mi è chiaro anche che questa volta Israele è disposto ad andare troppo oltre e non è il caso di verificare "dove sia questo limite" (soprattutto per i pervertiti che ci sono dietro).

    @Chiara-di-Notte 20.26
    Ma almeno "loro", quelli dell'esercito piu' stupendo del mondo, dovrebbero crederci.

    Si, i soldati semplici probabilmente a qualcosa credono e forse non sono del tutto d'accordo sui metodi usati.

    Quelli che stanno in alto invece non credo siano del tuttto fedeli alla religione ebraica ma a qualcos'altro che non gli somiglia per niente.

    Ho visto e letto parecchie interviste di israeliani bersagliati dai razzi e le risposte più comuni erano:
    A) il governo (israeliano) non fa nulla per noi;
    B) non gli interessiamo (in effetti a Sderot ci sono parecchi immigrati), se lanciassero un solo razzo su Tel Aviv si attiverebbero immediatamente;
    C) vorrei solo che loro (riferito ai politici israeliani) facessero qualcosa, non so cosa, mi basterebbe che fermassero questi razzi.

    Ora "loro" hanno fatto qualcosa, naturalmente perchè le elezioni sono vicine e perchè i soliti geni del male hanno pensato di "prendere due piccioni con una fava".

    Ogni giorno che passa senza che il lancio dei razzi si interrompa, eccita ancora di più questi geni del male perchè si sentono autorizzati a escogitare nuovi metodi per metterglielo in quel posto (a secco naturalmente) facendo più male possibile.

    Per esempio qualche giorno fa pensavo che dopo aver esaurito gli obiettivi facili potevano essere tentati di colpire i razzi prima della partenza; ecco ora hanno cominciato a farlo, solo che:

    A) quando tirano un missile atomizzano tutto (coltivazioni, alberi di ulivo, case, moschee ecc.) nel raggio di 50-100 metri;

    B) quando vedono qualcosa di vagamente oblungo loro sparano comunque (come quando un toro vede rosso) come se fossero nel far west; insomma pare che abbiano centrato un furgone pieno di bombole e ora dicono che sono cose che possono succedere perchè dall'alto sembravano razzi grezzi (non verniciati); visto che è stato un errorino involontario non occorre neanche un'inchiesta (è già tutto chiaro, solo che le informazioni se le tengono loro);

    C) ogni missile che sparano gli Israeliani dall'alto costa 1000 volte di più di un razzo di Hamas (chissà che gioia per gli USA).

    Io resto convinto che l'unica azione sensata sarebbe quella di far ragionare i lanciatori di razzi, altrimenti non resta che l'opzione B) quella di continuare a lanciarli fregandosene dei morti e degli "errorini involontari" della controparte.

    RispondiElimina
  19. @Klára
    O forse si sta spellando le mani gridando che bello che bello.
    Una gran balla quella che Dio é buono: per una renetta del Trentino ha condannato l’umanità a fare l’umanità, meno male che non era un’anguria, sennò saremo molto più mal messi. Per uno Stato poi cosa farebbe?, forse molto di più di quello che sta succedendo, visto che lui può incenerire le sue vittime senza l’ausilio di gadget militari.
    Va bene, ha mandato il diluvio perché gli uomini erano cattivi, ma dopo che li ha incattiviti lui, e poi zolfo e fuoco per via di giochetti erotici non graditi, ha giustamente punito i malvagi, ma ha trasformato la povera moglie di Lot in sale per una sbirciata.
    È buono uno cosi? A ma sembra affetto da disturbo esplosivo intermittente.

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...