lunedì 26 gennaio 2009

Per Aspen ad astra

Il 20 gennaio scorso, tra una notiziola e l'altra, il conduttore del TG1 ha annunciato che, con la presentazione dell'ultimo volume della rivista ASPENIA, dedicato alla presidenza Obama, "si è inaugurata oggi la collaborazione tra il TG1 e l'Aspen Institute Italia".

Ma va? E noi che credevamo che l'Aspen, il CFR (Council on Foreign Relations) e le altre lobbies e think tanks avessero già messo da tempo le mani su ogni media italiano, dalla RAI a Mediaset, da Telecom al Corrierone, fino ai giornaletti parrocchiali e i bollettini per i naviganti. Se non altro perchè i loro membri sono onnipresenti ogni volta che c'è da intervistare l'esperto dei massimi sistemi.
Si vede che, come le gravidanze in stato avanzato, al TG1 il pancione non riuscivano più a nasconderlo.

Cos'è l'Aspen Institute? E' una lobby come ce ne sono tante in America, che di mestiere lobbano, ovvero fanno gli interessi di coloro che ne fanno parte, di solito coloro che contano. In fondo sono dei sindacati per ricchi e potenti, con filiali in tutto il mondo.
Dentro ci sono proprio tutti, come in un super Rotary, un Rotarone extralusso.
Il fondatore di Aspen Italia è Gianni De Michelis e l'attuale presidente è Giulio Tremonti. La direttora responsabile di Aspenia, la rivista di Aspen Italia è Lucia Annunziata, quella che deve orientare gli italiani.

Chiedi loro: che fate? dove andate? quanti siete? E loro rispondono sempre "è per il bene del mondo, è per mangiarvi meglio". Si riuniscono a porte chiuse, sempre per il bene del mondo. Vogliono creare una dirigenza illuminata, lo scrivono sul loro sito.
Oplà, buoni, non dite illuminati che mi si sveglia l'Icke. Poi finisce che vuole andargli a strappare la pelle per vedere se sotto c'è il lucertolone, sapete com'è.

Hai voglia di tenere il complottista al guinzaglio ma tutti questi circoli, queste bocciofile per miliardari non saranno una specie di Massoneria a cielo aperto?
Non credo che gli Illuminati si riuniscano in qualche castello bavarese per fare sacrifici umani e trombare strafacendosi di coca qualche ragazzino, come sostengono i complottisti un po' perversi.
In fondo gli elenchi dei soci non sono mica nascosti a Castiglion Fibocchi, si trovano online, sui vari siti dei clubs.

E' proprio questa la cosa più pericolosa. Il fatto che ci trovi tutti, destra e sinistra, Prodi e Tremonti, la Confindustria, le multinazionali, i politici, le banche, le assicurazioni, i media, le società di comunicazione. Se tutti vogliono far parte della stessa cosa vuol dire che quella cosa serve per uno scopo comune. Niente di strano, niente complotti con gli alieni grigi per l'invasione della Terra nel 2012.
Queste lobbies vogliono una cosa sola e molto terra terra: la continuazione del loro privilegio. Vigilano affinchè il potere venga tramandato di padre in figlio all'interno della casta.
Il privilegio si mantiene meglio se nessuno rompe i coglioni con roba come uguaglianza di diritti, difesa dei diritti acquisiti e libertà di espressione.

Ecco quindi che si rende necessario spalmare ovunque e liscio come la glassa della Sachertorte il pensiero unico, che unifica Napolitano e Berlusconi, Tremonti, Dini e Prodi in un unico credo: difendere sempre e comunque gli interessi della classe dirigente.
Se la gente pensa in maniera uniforme sarà più facile farle ingoiare i rospi. A questo sono preposti i Riotta e le Annunziate con i loro telegiornali illuminati a giorno.
Hanno aspettato che salisse su Obama, così il pubblico penserà che quelli dei think tank sono tutti democratici, belli e abbronzati ma in realtà sono sempre gli stessi di prima, compresi i lucertoloni del PNAC. Ricordo benissimo che la prima intervista che fece Riotta da neodirettore del TG1, nel settembre 2006, da fratello che riceve finalmente la luce, fu con Henry Kissinger. Chissà perchè.
Per questo ed altro ancora, l'annuncio dell'altra sera è suonato, più che l'annuncio di una novità, un coming-out.

Non è complottismo, è quasi una rasoiata di Occam.

21 commenti:

  1. Anonimo21:58

    Non mi stupisco di apprenderlo, piuttosto mi stupisco del fatto che mi stò seriamente incazzando. E sono preoccupato perchè mi torna in mente una strana canzone:
    I boghesi son tutti dei porci più sono grassi e più sono lerci più son lerci e più c'hanno i milioni i borghesi son tutti c......i
    Sarò malato?
    prim


    solo per mio sfogo personale L'Annunziata e Riotta mi sono sempre stati sul cazzo con quelle facce da malc....i

    RispondiElimina
  2. Cara Lame, sai come la penso, ossia esattamente come te, ma il mio commento è più che altro per dirti che il tuo è un articolo super.

    ciao ciao.

    RispondiElimina
  3. Uhmmm, ma che TASTIERA grande che hai?!

    per graffiare meglio?

    :-P

    RispondiElimina
  4. Non sapevo di questa associazione dei consumatori di notizie, grazie per la bad news...
    Almeno nessuno ti accuserà di complottismo (credo)!!
    Comunque quando fanno le cose a cielo aperto è perchè possono proprio star tranquilli, il che è quasi peggio dell'associazione in sè!
    La soluzione in questo caso è l'astinenza dal tg1...A me viene benissimo!

    RispondiElimina
  5. E proprio lì il punto. Di fare le cose a cielo aperto, con la loro forza di persuasione oliata con vaselina. Ah caro Orwell come avevi visto giusto...

    RispondiElimina
  6. rossoallosso23:41

    io lo so cosa fanno giocano a monopoli sanno fare solo quello per altre cose gli mancano i coglioni

    RispondiElimina
  7. "Queste lobbies vogliono una cosa sola e molto terra terra: la continuazione del loro privilegio."

    Esatta e fulminante.
    A forza di farti i complimenti ci prenderanno per lacchè..ciao.

    RispondiElimina
  8. Panty02:16

    Hai fatto dei nomi,scandaglia,scandaglia ancora.
    Il Vaticano è contrario(ufficialmente)a tutte le forme Massoniche e consorterie varie,
    ma il rappresentante dell'Opus Dei,chi è?

    RispondiElimina
  9. Non biasimo questi gruppi di potere, ma i sudditi che si bevono ogni stronzata che viene loro propinata.

    Salvo casi limite l'ignoranza è una colpa.
    Io ne ho le palle piene del popolaccio che spende mezzo stipendio per l'ultimo telefonino prendendolo in 200 comode rate e che però si risente dicendoti che non ha soldi da buttare se fai presente che un pc con adsl sarebbe un buon investimento (si trovano veramente a prezzi stracciati).

    RispondiElimina
  10. E' quello che accade da secoli nelle associazioni di tipo massonico.. Rotary etc.etc.
    Quello che allarma è la "cara" Lucia Annunziata.. Ora si capiscono molte cose strane di lei.. Bravissima Lame.

    RispondiElimina
  11. Adesso arrivano gli strali dell'anticomplottista per eccellenza.
    Il punto è che un complotto, in quanto tale, presuppone un gruppo di soggetti che tramano nell'ombra per sostituire al potere qualcun altro.
    Questi non hanno bisogno di complottare contro di noi, popolaccio. Se lo fanno è solo per loro logiche interne. Diciamo che confliggono tra di loro quando si tratta di fare una gerarchia di chi per primo può disporre di privilegi.
    Per il resto, con qualche sfumatura che non cambia la sostanza della direzione di marcia, hanno la stessa visione di società, di gerarchie sociali, di regole, di economia.
    Guardate le dichiarazioni sull'ultimo accordo "parti sociali"/ governo che vede l'opposizione del CGIL.
    Veltroni dice che il sindacato deve essere coraggioso e riformista.
    Ichino che è un passo in avanti nella giusta direzione.
    I giornali allineati e coperti sulla modernità di chi ha firmato, mentre attorno cade il mondo.
    Insomma siamo messi così, la questione è farlo emergere stò giramento di coglioni e complottare veramente. ma noi, mica loro.

    RispondiElimina
  12. Lame,
    oggi abbiamo una proposta complottista dei poveri in blog;dato che la Fiat chiede soldi e minaccia licenziamenti,noi diamo solo dietro proporzionale nazionalizzazione .
    E questo criterio per ogni realtà aiutata,sia banche che aziende,ciao.

    RispondiElimina
  13. In realtà a me pare che della democrazia non freghi niente a nessuno, ed in primis a coloro che ne dovrebbero essere i principali fruitori: i cittadini.

    Se così non fosse verrebbe chiesto conto a questi signori del perchè si agitano tanto ad azzuffarsi sui vari palcoscenici che compongono il teatrino della nostra politica per poi tubare in "corrispondenza d'amorosi sensi" in organizzazioni riservate come questa Aspen (o come il Bilderberg, la Trilaterale e chi più ne ha più ne metta).

    RispondiElimina
  14. Il sapere che la Annunziata prende una paghetta anche dall'Aspen mi tranquillizza. Se non altro mi fa capire il suo exploit contro Santoro. Cosa avrebbe potuto fare di diverso, una che è a libro paga di Tremonti, in un istituto creato dal Gianni De Michelis? Non avrebbe potuto fare altro che alzarsi, lanciare il suo urlo di guerra (Santoro, si contenga!) ed uscire sdegnata dalla comune.

    Prima o poi la vedremo editorialista al Foglio o su Libbbero.

    RispondiElimina
  15. il bello è che se pensiamo ai possibili successori di Riotta dovremmo tenerci stretto l'attuale direttore.

    RispondiElimina
  16. Già non capisco perché un telegiornale dovrebbe collaborare con un istituto, quale che sia... e poi, se proprio non riescono a fare approfondimenti da soli, perché non collaborare con le università, così magari si aiuta il sistema al collasso, invece che con questi?
    Non sono complottista, ma posso concordare facilmente con la tua analisi perché quello che tu chiami complotto io lo vedo, molto più squallidamente, come il sempiterno tentativo di preservare a sé stessi quanto più potere possibile. Nulla di nuovo sotto al sole: anche l'aristocrazia dell'Ancien Regime, oltre che una classe, era soprattutto un insieme di famiglie legate tra loro, con distanze più o meno ampie, ma mai così tanto da far venir meno la consapevolezza dell'interesse comune a mantenere lo status quo

    RispondiElimina
  17. Anonimo17:28

    Brava lame,
    sei sempre tu ti si riconosce subito,
    pero..pero ti manca qulcosa!

    Anonimo ha menzionato una canzone i
    borghesi (Les Bourgeois)di Jacques
    Brel,grande.
    Provate a vedere il video in bianco e nero dove il grande Brel canta questa canzone davanti un publico sicuramente composto da 70/80% di borghesi,dopo tutto quello che lui loro dice loro aplaudono,
    sconcertante patetico comico?
    non lo so?
    comunque grande.
    Un tipo serio.

    RispondiElimina
  18. De Michelis?!?!?! Noooooo

    Icke però è un mito! Erano anni che non sentivo di un demente del genere, in confronto a lui Castelli è Rubbia!

    Ma dove cavolo lo hai scovato?

    IO VOGLIO LE CARDS DEI RETTILIANI!!

    RispondiElimina
  19. Io cocciutamente (lo so: è un mio limite!) rimango legato a certe date: 27 gennaio 1945 ('Giornata della Memoria')... anche se , oggi 27 gennaio 2009, dopo Gaza, l'Iraq e l'Afghanistan mi sembra che prevalga un assordante 'vuoto di memoria'...
    Luciano Bubbola

    RispondiElimina
  20. Barry Duck13:51

    Vecchi cretini con soldi e potere che si illudono di cambiare il mondo. Cambiare il mondo ma lasciando le strutture del potere inalterate, eventualmente rinforzate.
    Qualcosa mi dice che stanno costruendo le loro fortezze - dove spero ci muoiano prigionieri dei loro bagordi e della loro stupidita'.
    Mi torna in mente quella citta' ideale di Calvino, dove solo i piu' belli e i piu' ricchi potevano risiedere, e alle cui quattro porte un bel giorno comparvero quattro demoni armati. Gli abitanti pensarono che i demoni fossero li perche' nessuno potesse piu' entrare, ed invece erano li perche' nessuno potesse piu' uscire.

    RispondiElimina
  21. Sempre parlare di complotti...
    http://pensatoio.ilcannocchiale.it/2009/01/29/attivissimo_gnegne_alla_ricerc.html

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...