mercoledì 7 gennaio 2009

Fini sillogismi

«Bruciare una bandiera, di Israele come di qualsiasi altro Paese, è intollerabile, perché sta a significare la volontà di distruggere quello Stato. La volontà di distruggere lo Stato di Israele è scritta anche nello statuto di Hamas e questo lo dico a coloro che spesso in Italia sembrano dimenticarlo», ha detto il presidente di Montecitorio.
«Bruciare una bandiera non è soltanto un reato, ma un atteggiamento che merita ferma condanna, perché dà vita a politiche di tipo terroristico».
Articolo 292 – (Vilipendio o danneggiamento alla bandiera o ad altro emblema dello Stato).
Chiunque vilipende con espressioni ingiuriose la bandiera nazionale o un altro emblema dello Stato è punito con la multa da euro 1.000 a euro 5.000. La pena è aumentata da euro 5.000 a euro 10.000 nel caso in cui il medesimo fatto sia commesso in occasione di una pubblica ricorrenza o di una cerimonia ufficiale.

Chiunque pubblicamente e intenzionalmente distrugge, disperde, deteriora, rende inservibile o imbratta la bandiera nazionale o un altro emblema dello Stato è punito con la reclusione fino a due anni.

Articolo 299 – (Offesa alla bandiera o ad altro emblema di uno Stato estero). – Chiunque nel territorio dello Stato vilipende, con espressioni ingiuriose, in luogo pubblico o aperto o esposto al pubblico, la bandiera ufficiale o un altro emblema di uno Stato estero, usati in conformità del diritto interno dello Stato italiano, è punito con l’ammenda da euro 100 a euro 1.000".
(Le nuove norme sui reati d'opinione, Ddl Senato 25.1.2006)

In Italia bruciare la bandiera è reato, è vero, come recita il codice penale che ho citato, derivato dal Codice Rocco. In America invece si lotta da anni contro l'emendamento alla Costituzione che renderebbe il flag burning un reato.
Come dire che vi è differenza significativa tra paesi come l'Italia e paesi come gli Stati Uniti, in termini di libertà di espressione.

«Ci sono diversi modi per dimostrare di voler distruggere uno Stato: scriverlo nel proprio statuto, come ha fatto Hamas, o dando fuoco a una bandiera. Non credo che ci sia una differenza significativa», ha proseguito il presidente Fini.

Orcaboia, qui siamo in pieno pensiero magico. Io brucio la bandiera e, di lì a poco, le ferrovie e le autostrade del paese che odio si liquefanno, i palazzi crollano, si apre un'immensa voragine e il paese canaglia sparisce in una nuvola piroclastica con i suoi nemici che ballano allegri la lambada sulle sue rovine.
Non c'è differenza significativa, dice Fini, tra l'atto simbolico e l'atto fattuale. Pensiero e azione.
A questo punto, per eliminare un capo di stato odioso, chi glielo fa fare ai terroristi di piazzare bombe e kamikaze ben imbottiti di C4? Basterebbe una bambolina voodoo e una manciata di spilloni ben appuntiti.

Ricapitolando. Chi brucia la bandiera vuole distruggere Israele. Hamas vuole distruggere Israele. Chi brucia la bandiera è come Hamas.
Ma Hamas ha mai provato a bruciare la bandiera di Israele?



OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

32 commenti:

  1. Beh, si sono bruciati fior di personaggi-bandiera che hanno fatto epoca: Savonarola, Giovanna d'Arco, Bruno...
    cosa vuoi che sia un fantoccio di bandiera?
    Ma forse Hamas non è così belluina come vogliono far credere, almeno non più dei figli di Giacobbe.

    RispondiElimina
  2. Beh, Bossi ha dichiarato che con la bandiera ci si puliva il culo.
    Non ho capito se non l’hanno condannato perché era la bandiera di uno Stato estero, quindi solo multa, o perché non é riuscito a trovarsi il culo.
    Avrebbe dovuto chiedere consigli anatomici al figliolo.
    Lo so, questo si chiama sparare sulla Croce Rossa, ma aggiungo anche che, arrivato a questo punto, l’illustrissimo Fini dovrebbe pure lui chiedere consigli al piccolo Renzo.

    RispondiElimina
  3. ho scritto un post anche io su gaza

    RispondiElimina
  4. negli USA (che tutti vogliono convincerci essere la più grande democrazia del mondo) bruciare le bandiere è legale.
    Il reato di offesa alla bandiera è un relitto giuridico fascista e bruciare una bandiera significa solo bruciare uno stoffa
    Sussurri obliqui

    RispondiElimina
  5. Su quello che dice Hamas e sull'immagine costruita dai media segnalo questo:
    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=5441&mode=&order=0&thold=0

    RispondiElimina
  6. Anonimo10:21

    Arrivo dal blog http://femminismo-a-sud.noblogs.org/ e leggo i tuoi post, interessantissimi. E onestamente non capisco perché in quel blog siano definiti "seghe mentali e ditalini mistici". C'è invidia? rivalità? in un momento del genere?! Mah.... mi sono permessa di postarti un altro commento. Complimenti cmq per il tuo blog. Avanti così!

    :-)

    Bibi R.

    RispondiElimina
  7. Sempre su hamas, questo è il loro statuto (in inglese)

    http://memri.org/bin/articles.cgi?Page=archives&Area=sd&ID=SP109206#_ednref5

    RispondiElimina
  8. ur_ca11:47

    Lame dice: ...diversi sono i modi per DIMOSTRARE di voler distruggere. Io brucio la bandiera e il paese canaglia sparisce in una nuvola... pirulì pirulì pirulì

    Compagna, tra il DIMOSTRARE e il realizzare c' di mezzo il mare.

    Attenzione, sinistri, gli incubi da nano vi portano alla paranoia

    RispondiElimina
  9. molto semplicemente si paragona un gesto violento a un gesto non violento.
    Tecnicamente, per quanto riguarda il campo della semantica e della logica, questa si chiama cazzata

    RispondiElimina
  10. Ho incontrato Fini a Pordenone nel lontano 1975-76, quando invitava i giovani a leggere Evola, Cèline, Spengler e l'attenzione per i valori 'democratici' (?) di Israele non venivano minimamente presi in considerazione... anzi all'interno del MSI (e Fini, allora, era il delfino di Almirante) c'era ancora molto astio verso gli Ebrei...
    La solita 'eterogenesi dei fini' (... e di Fini!)
    Ora molti sono più realisti del re: caro 'ur_ca', la memoria storica non è una 'folle banderuola' come i nostri politici di lungo corso!
    Luciano Bubbola

    RispondiElimina
  11. Anonimo18:19

    C'è un modo più semplice per distruggere uno stato: chiedetelo a israele con la palestina ci riesce bene.

    Forse lo scriveranno nella costituzione, visto che l'unica democrazia del medio oriente ancora non ce l'ha!

    Lame di la verità dai urca lo paghi per fare un pò di satira

    Primlug

    RispondiElimina
  12. Panty21:10

    -bERLUSCONI fa le leggi ad personam e non rispetta le risoluzioni UE.
    -Israele fa le leggi ad nationem e non rispetta le risoluzioni ONU
    -Li ItaGliani Anno votato bERLUSCONI
    -Li ItaGliani devono appoggiare acriticamente Israele.

    Che c'azzecca con le bandiere?
    Non lo so,proviamo a chiedere il parere di bOSSI che mi pare essere stato molto silente sull'argomento.

    RispondiElimina
  13. Panty21:20

    P.S.
    Ciao ur_ca,ben ritrovato,fatti vivo più spesso,sei un vento di allegria in questo ambiente di incartapecoriti comunisti.

    RispondiElimina
  14. ur_ca21:24

    @ Luciano61
    caro 'ur_ca', la memoria storica non è una 'folle banderuola' come i nostri politici di lungo corso!

    I Fini giustificano i mezzi... d'altra parte non era lo stesso almirante che diceva: "solo i sassi e gli imbecilli non cambiano mai idea".

    Diciamolo pure, tutti, o quasi, siamo stati estremisti e manichei in gioventù. Esserlo ancora a 50 anni, però, è davvero demenziale.

    Tuttavia, al di là di ogni giudizio sul compportamento degli ebreo-israeliani, credo che intestardirsi a sostenere il comportamento irresponsabile e criminale di Hamas superi ogni leggerezza giovanile e appartenenza politica

    RispondiElimina
  15. @ ur_ca
    "I Fini giustificano i mezzi... d'altra parte non era lo stesso almirante che diceva: "solo i sassi e gli imbecilli non cambiano mai idea"." (secondo ur_ca)
    Ah, se mi citi Almirante mi arrendo, davanti a un fulgido esempio di 'trasformismo' politico (o coerenza?): da fucilatore a difensore democratico delle scelte democristiane...
    Comunque è giusto e naturale cambiare opinione, più discutibile (e indifendibile) fare 'piroette' di 180° per sembrare quello che non si è, solo per 'fini' utilitaristici e di carriera politica (a quando Fini nel PPE?)
    La coerenza non è ancora in vendita... per alcuni; per altri è parola del tutto sconosciuta.
    Luciano Bubbola

    RispondiElimina
  16. ur_ca23:57

    @ luciano61
    prima di risponderti ho il dovere di informarti che io per Lame sono un provocatore. un esibizionista che quando spalanca l'impermeabile mostra cazzate enormi (parole sue, più o meno). Perciò rischi di finire nel suo black book e di essere emarginato e ignorato come ha fatto e come sta facendo ingiustamente con me.

    Detto ciò ti rispondo brevemente.
    Di trasformismi in Italia ce ne sono stati e ce ne saranno sempre. La storia dei partiti politici d'italia di questi trasformismi è zeppa. Da Almirante come giustamente dici tu a Napolitano che da stalinista sostenitore dell'intervento sovietico nell'ungheria di puskas, kocis, zibor... è diventato presidente della repubblica borghese che voleva portare sotto l'influenza sovietica, se non rivoltare. di esempi ce ne sono a iosa.
    L'unico coerente e tutto sommato apprezzabile per coloro come te, mi pare, che sventolano la bandiera della coerenza (chiedo scusa se sbaglio) è il berlusca. E' "disceso in campo" in veste di avventuriero capitalista per difendere sotto sotto i suoi interessi e tale è rimasto.

    Quanto alle inversioni a 180° vallo a spiegare al post comunista bruti liberati che in TV le inversioni di rotta le definisce a 360°.

    Due parole su Lame. Le dico a te che, ripeto, oramai ti sei compromesso nel rivolgermi la parola.
    Non sarebbe una cattiva postista se riuscisse ad accantonare la voglia di stupire con i suoi scritti. Si com porta un po' come i ragazzini che per stupire l'innamoratina pasticciano.
    Dovrebbe scrivere per gli altri e non con espressioni ermetiche da intellettualoide d'antica memoria rivolte sostanzialmente a se stessa. oltretutto ciò va anche a discapito del contenuto (a volte demenziale come in questo post) che esprime. Lo dico non perchè è di sinistra estrema, per carità. Prenda a esempio uno come Andrew (terzo commento dall'alto) di cui ho casualmente letto alcuni post. E' di sinistra quanto lo è lei ma scrive ed esprime concetti in forma assolutamente schietta e chiara.
    Come dicevano i nostri prof d'un tempo: la ragazza potrebbe fare di più, le capacità le ha solo che si è ...lasciata andare.
    Buonanotte

    RispondiElimina
  17. Concordo completamente con Luciano.
    Per quanto riguarda Bossi ( pulirsi il culo con la bandiera o alzare il dito medio al cielo come commento all'inno nazionale, scusate non lo sapete? Bossi ogni tanto ha delle uscite folcloristiche. Che diavolo!
    Per questo GF Fini (ormai più sionista di frattini che lo è quanto Olmert) non è intervenuto.
    Mentre bruciare la bandiera israeliana....questo è un gesto criminale.
    Lo hanno detto pure esimi rappresentanti de PD, che diavolo.
    Ur_qa: non sono di sinistra! (nemmeno di destra o di centro). E nemmeno mussulmano (nemmeno cristiano o ebreo). Tanto per capirci.
    Ciao

    RispondiElimina
  18. ur_ca13:13

    x Ulisse, un altro temerario che se ne infischia del black book di lame.

    Ho letto il tuo lucido ultimo post. Il tema è lo stesso di questo, e qui ti rispondo per non tradire l'ospitalita libera e incondizionata (senza dover fornire pw o info varie) che mi ha concesso Lame, cui sono sinceramente grato, dopotutto.

    quando l'informazione è all'unisono c'è sempre qualcosa da capire che ti sfugge. Questo succedeva nella stampa democratica d'anteguerra quando le colpe delle aggressioni ricadevano interamente su Hitler per l'anschluss e su mussolini per africa spgna albania. I quali hitler e mussolini, però, potevano contare su reali possibilità di uscire vincitori.

    Quel che non capisco in questo caso, però, è perchè mai esasperare e provocare con ridicoli qassam da 5 kg di tritolo, prevedibili reazioni eccessive sul proprio popolo sapendo di non avere la minima forza per rispondere? Era convinto forse, hamas, d'accordo sottobanco con Iran e qualche altro stato islamico per un allargamento del fronte in modo tale da difendersi e contrattaccare? Ma con quali forze regolari? Bambini imbottiti di esplosivo o di droga per scavare tunnel?
    Non credo che abbia fatto questi calcoli. per il semplice fatto che, per quel po' che ne so, arabi e mussulmani non si fidano nemmeno tra loro.
    E allora perchè mai cercare morti e martiri in una guerra dove a sparare sono, sostanzialmente, solo gli israeliani. E lo fanno senza nessun scrupolo, purtroppo. Voleva forse "qualche migliaio di morti per sedersi al tavolo delle trattative" come sosteneva mussolini quando entrò in guerra, pensando che i tedeschi l'avessero già vinta?
    Non credo, perchè le trattative da scon fitti non sono mai "generose". O pensava che il mondo civile insorgedde contro israele?
    Insomma, ce lo spieghi lame o qualche altro tuttologo pacifista di sinistra. io e quelli di destra non ce la facciamo, ci manca la fantasia.

    RispondiElimina
  19. Ur_qa,
    o sono io che non capisco o sei tu.
    Non ho pura di finire sul black book di Lame perché, innanzitutto cerco (non sempre ci riesco) di essere educato.
    Secondo, perché non sono anonimo.
    Terzo, perché senza bisogno di essere di sinistra ( né di destra, né di centro), su questo argomento concordo al 99% con Lame.
    Infine, perché Lame è abbastanza intelligente da accettare eventuali critiche, purché siano giustificate e poste nel dovuto modo.
    Ma non credo che Lame abbia bisogno che qualcuno prenda le sue difese.
    Non ho capito il tuo ultimo commento: era rivolto a me, o a qualcun'altro.
    Magari non ho capito perché ho bevuto solo un caffè e sono ancora semi (normalmente completamente) rincoglionito.
    Prova a rispiegarmenlo.
    PS: ma perché continuate (tu e altri) a postare commenti dietro un nick? Nesuno vi fucila per le vostre opinioni.

    RispondiElimina
  20. Parole sante, caro Ulisse9!
    Infatti il sottoscritto si posta con nome e cognome (autentici)... però, ad eccezione di questo blog e di qualche altro, non sempre criticare apertamente è ben visto (di recente sono stato 'bannato' nel blog - un po' fancazzista - 'MenteCritica' per averli apertamente e senza pseudonimi criticati...).
    La questione palestinese è ben riassunta nell'editoriale di 'Internazionale': provate a leggerlo.
    Saluti
    Luciano Bubbola (contrario al nicKname e al bannamento permaloso!)

    RispondiElimina
  21. @ Luciano61 e Ulisse9:

    Vado OT (ed e' meglio che' mi verrebbe da rispondere a ur_ca). Sul fatto che si commenti usando i nickname: Lame stessa lo fa; forse voi non siete anncora molto esperti del web e non prendete in considerazione che e' consigliabile per tutti e comunque usare accorgimenti che garantiscano l'anonimato. Non tanto perche' qualcuno vi fucila per le idee che esponete, ma perche' ogni tanto s'incontra qualche pazzoide che ragiona in modo completamente sballato.
    Ad esempio, per quanto riguarda me, perl ungo tempo c'e' stata gente che ha cercato di scoprire chi fossi per "farmela pagare". Non si sa per cosa, ma spesso gli psicotici si mettono in testa di aver subito offese inimmaginabili solo perche' in un commento hai messo una faccina piuttosto che un'altra.
    Ora, io voglio anche credere che siano tutte cazzate, ma perche' devo crearmi dei pensieri?

    Secondo, per quanto riguarda il ban di Luciano da MC: personalmente non amo il metodo del ban definitivo; forse perche' durante la mia frequentazione dei forum vari sono stata praticamente bannata da quasi tutti i posti (essi' sono una rompipalle), ma ovviamente ognuno in casa sua fa quello che crede.
    Un blog non e' un luogo democratico. Non si presta ad esserlo perche' e' espressione della nostra personalita'.
    Come non e' democratica, appunto, la nostra personalita', che e' solo nostra e nessuno puo' permettersi di occuparla se non non vogliamo.

    RispondiElimina
  22. ur_ca08:39

    Chiara di Notte - Klára ha detto...
    Un blog non e' un luogo democratico.

    Debbo rivalutarti, complimenti. non e' un luogo democratico specie su questa specie di blog dove l'autrice per ovviare al suo complesso di inferiorità, sale sulla pedana e dispensa spesso critiche sprezzanti nei confronti di chi la critica. E sì, perchè per lame se la critica demolisce significa che è distruttiva. e allora non la prende in considerazione. i comunisti come lei rinunciano alla falce e martello ma non al pelo nello stomaco

    RispondiElimina
  23. Giusto per chiarire.
    gli ultimi post che ho pubblicato non sono stati scritti da me (magari fossi così bravo) ma sono stati ripresi da altri blog (INFOPAL, Arab monitor ed altri).
    L'ultimo post mio, su temi simili a questo, risale al 4 gennaio ( http://francescoferrari.splinder.com/post/19487052/Mentre+a+Roma+si+discute%2C+Sagu ).
    Per questo forse non ho capito il comento di Ur_qa.
    Per Chiara di notte: ripeto quello che ho già detto a Cloro (Agorà di Cloro), citando Ezra Pound: "se uno non è disposto a rischiare per difendere le proprie idee, o non vale niente lui, o non valgono niente le sue idee" (la citazione è a memoria, per cui potrebbe non essere esatta, ma il senso lo è).
    E infatti se vai sul mio blog lo trovi con nome e cognome.
    Evidentemente un Blog, essendo di "proprietà" di chi lo gestisce, non è democratico. Anch'io ho bannato dei blogger, particolarmente se maleducati o troll. Non vedo perché devo accettare di farmi offendere, o disturbare a casa mia. Chiunque può criticare quanto posto, ma lo deve fare con educazione e al fine di stabilire un confronto di idee.
    Ciao

    RispondiElimina
  24. @ Riverinflood
    dimentichi che BVI ha chiesto scusa per Giordano Bruno. Ci hanno messo qualche secolo ma non pretendiamo troppo.

    @ Salazar
    Renzo un guru? Perchè no.

    @ mario
    Uhm, il MEMRI. Ma lo sai chi sono?

    @ur_ca
    attenzione, messaggio gratuito: ur-ca non capisce le battute.

    @ Primlug
    no, non lo pago. Fa volontariato. E' praticamente una ONLUS.

    @ Luciano61
    Sei stato bannato da MenteCritica? Ma no, non dirmi, ma come mai? Dai, sono curiosa, cunta sù! ;-)

    @ Chiara e Ulisse9
    Anche John Wayne usava uno pseudonimo. Concordo con Chiara. Nascondersi dietro l'anonimato non è vigliaccheria ma prudenza. Specialmente quando ci sono dei vigliacchi che ti scrivono email minacciose solo perchè sei donna.

    RispondiElimina
  25. @ Lameduck (giustamente curiosa)

    sono stato bannato da MC perché, dopo l'inizio della guerra a Gaza, leggevo solo articoli banali sul solstizio d'inverno e sulla mitologia del sole...
    Ho scritto che in tale contesto tragico mi sembrava una scelta un po' 'fancazzista' e superficiale e forse ho colpito nel segno... tutto qua: io non porto rancore, quelli di MC hanno, invece, molta permalosità e poco senso critico....
    Saluti
    Luciano Bubbola (ora Ti invidio per il tuo ex-tabagismo!)

    RispondiElimina
  26. ur_ca14:19

    lame dice:
    @ur_ca
    attenzione, messaggio gratuito: ur-ca non capisce le battute.

    grazie, Lame. vedo ora che mi hai risposto. grazie ancora. non importa se col solito refrain di ur_ca che non ha il senso dell'humor ecc. va bene lo stesso.
    Ti lascio ugualmente, però. causa impegni per almeno due o tre mesi. ma a cuor sereno. ciao

    RispondiElimina
  27. @ Luciano
    il banning di MC non mi meraviglia però mi fa rabbia e non lo trovo giusto se è dovuto solo ad una diversa opinione da te espressa.
    Io ho inviato diversi pezzi ma non me li pubblicano. Poi dopo due mesi magari mi dicono che ormai non sono più attuali. Già un posto dove c'è un "capo" è tutto un programma.

    @ ur_ca
    scusa ma la battuta non l'avevi proprio capita. ;-) Ciao

    RispondiElimina
  28. @ Lameduck
    ... capita... non tutti hanno vero senso critico e grande tolleranza come Te (e non è piaggeria); soprattutto quando c'è qualcuno che utilizza il blog per polemiche sterili e vuote... (vero ur_ca?!?)
    Luciano Bubbola

    RispondiElimina
  29. @ Lame: Specialmente quando ci sono dei vigliacchi che ti scrivono email minacciose solo perchè sei donna.

    Te ne potrei raccontare di storie.
    Pensa che qualcuno e' stato perseguitato persino sul posto di lavoro perche' un imbecille si era messo in testa che ero io.
    Di altre persone sono stati messi nel web i dati personali, gli indirizzi di casa, i numeri di telefono, addirittura le fotografie, sempre a causa della caccia alle streghe scatenata da chi ce l'aveva con me.
    Sembrano cose assurde ma sono tutte vere fino ad arrivare ad azioni illegali come hackeraggio di email e cose simili.

    RispondiElimina
  30. @ Ur_ca:
    Debbo rivalutarti, complimenti. non e' un luogo democratico specie su questa specie di blog dove l'autrice per ovviare al suo complesso di inferiorità, e blablablabla'...


    Ma che cazzo dici?
    Secondo me hai dei grossi problemi.
    Sindrome di Asperger?

    RispondiElimina
  31. Anonimo23:26

    x Chiara di Notte - Klára

    La studiosa che ha letto il Capitale. Ma solo a raccontarle queste scemate. Del Capitale non sai un tubo. Altrimenti la parolina "substrato della politica" ti avrebbe acceso una lampadina. Ma tu sei una montata che nemmeno sa di cosa parla. Un cervellino bacato che blatera 4 scemate da corso serale. Nenache te ne rendi conto.
    Una che insulta gli altri solo perchè contrari alle sue idee. Tu e la tua degna comare Lameduck che ora insulta senza aver minimamente banato i tuoi insulti come invece ha bannato i miei, siete due squallide vecchie TROIE DA FOGNA. vergognatevi!

    RispondiElimina
  32. Per l'ultimo anonimo.
    Ribadisco che, secondo me, né Lame né Klara abbiano bisogno di essere difese da altri.
    Anonimo, sei un esempio di coraggio, di civiltà ed educazione.
    E poi ti stupisci se i tuoi commenti vengon bannati!
    E' quantomeno doveroso farlo.
    L'unico che deve tornare nella fogna sei tu.

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...