mercoledì 28 luglio 2010

Serbi della gleba

Cosa ci sarà di tanto appetibile nella Serbia che bombardammo così volentieri nel 1999? Materie prime, petrolio, uranio?
Cosa rende tanto vogliosi i nostri grandi imprenditori di spostare macchinari e scarabattole ed andare a produrre la loro paccottiglia con le ruote o senza nei Balcani, togliendo il pane di bocca alle operaie e agli operai italiani?
Manodopera che si acconteterà (per quanto ancora?) di meno di 400 euro al mese.
Aaaaahhh, ecco.

4 commenti:

  1. zazie09:17

    Non solo o forse solo in minima parte. Da quel che sembra, la Fiat avrà la propria fabbrica in Serbia senza sborsare nemmeno un cent. 2/3 del costo sarà pagato dall'unione europea, il resto dal governo serbo. Et voilà. I grandi imprenditoroooooni liberali che rischiano del proprio!

    RispondiElimina
  2. Titolo insuperabile.

    RispondiElimina
  3. http://old.osservatoriobalcani.org/article/articleview/6126/1/49/

    RispondiElimina
  4. tjorven05:26

    questo è perfetto... l'unica cosa farei notare che ci sono già dei ragazzi in Italia che lavorano a quelle cifre... i metalmeccanici sono l'aristocrazia operaia per molti ormai 800 euro sono un miraggio

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...