giovedì 24 aprile 2014

25 Aprile a Malebolge




Questo articolo del "Fatto Quotidiano" di ieri, segnalatomi su Twitter, è da leggere tutto, perché merita. E' un momento di vertigine assoluta. Un'ebbrezza da fatina verde con punte di surrealismo al laudano. 

No, scusate, perché vorrei capire. Soprattutto dove sarebbe la provocazione.
La Lega Nord sta girando l'Italia con il "Basta€uro Tour" con l'intento di far conoscere agli italiani le motivazioni con le quali sempre più numerosi economisti, inclusi diversi premi Nobel, uomini politici e giuristi sono giunti alla conclusione che la moneta unica è ciò che sta uccidendo la nostra economia e quelle dei paesi del Sud Europa. Uno dei primi e più attivi divulgatori da anni di questo pensiero che auspica la riappropriazione della sovranità monetaria e il rifiuto dei trattati capestro imposti da un'Europa sempre più squilibrata a vantaggio della Germania e a scapito degli altri paesi, è Claudio Borghi Aquilini, candidato appunto per la Lega Nord nel Nord-Ovest ed esponente del "Movimento di Solidarietà Europea"
E' capitato che una delle tappe del tour capitasse il 25 aprile a Reggio Emilia, tutto qui. 

Qual è il problema, compagni? L'invasione del territorio? La bestemmia contro una delle vacche sacre della sinistra: l'Europa e il suo figlio deforme, l'euro? E quando è stato che siete passati dal mito della Resistenza alla mitologia monetarista? Cosa vi rode, il fatto che la destra abbia capito e la sinistra no? Capisco.
No, credo che il punto sia ancora più semplice. E' il noi contro voi, la coazione alla contrapposizione, la guerra che non è mai finita, il giapponese nella giungla. La manifestazione e l'automatismo della contromanifestazione. Il 25 aprile inoltre - assieme all'ormai quasi grottesco Primo Maggio, festa di un lavoro che non c'è più,  non è solo la celebrazione della liberazione dal nazifascismo ma un momento di autocoscienza, durante il quale, inesplicabilmente, il popolo di sinistra si sente ancora vivo, nonostante sia morto da anni. Volete disturbare questa preziosa autoterapia di gruppo insinuando il dubbio che il bonaccione bolognese abbia venduto l'Italia per ancor meno di un piatto di lenticchie? Che la sinistra sia l'esecutore materiale di un crimine contro l'umanità e della più grande operazione di ridistribuzione verso l'alto della ricchezza?

Non mi sono meravigliata che, ancora una volta, si trovi in Emilia il wormhole che permette di passare da quella che conosciamo ad un'altra dimensione dove i centri sociali e ciò che resta dei partigiani stanno sorprendentemente seppure in maniera inconsapevole, dalla parte dell'euronazismo ordoliberista delle élites.
Sono le regioni rosse che hanno giocato per decenni con il bubbolino del comunismo nell'unico belpaese, campando di rendita grazie alle lotte del passato ed al ruolo imprescindibile del welfare socialdemocratico keynesiano, ovvero la magnanimità padronale come conseguenza dell'allora minaccia sovietica.
E' proprio nel cuore di questo paradosso spazio-temporale che la sinistra può compiacersi, ad ogni festa comandata, dell'assoluta fedeltà delle due ali estreme, generazionalmente parlando, della sua fauna, ossia i giovani e i vecchi, i centri sociali e ciò che resta dei partigiani.
Gente che vive, lo dimostra la reazione delirante alla iniziativa "Basta€uro", con la testa rivolta all'indietro come gli indovini di Malebolge dell'inferno dantesco e che non si accorge che il giorno in cui i traditori dovranno ammettere di fronte alla loro insulsa base elettorale che quello stato sociale e quel benessere sono stati venduti in cambio di uno straccio di banca fallita con la quale i loschi dirigenti di partito potessero pavoneggiarsi, il giorno delll'Armageddon insomma, è più vicino di quanto non pensino.
Gente che non ha ancora compreso che l'euro è lo strumento di oppressione del capitalesimo su tutte le classi esclusa l'élite del famigerato 1%. Che stanno vincendo i padroni semplicemente perché la sinistra è salita sul carro del vincitore della lotta di classe.


Eppure il tempo per capire c'è stato, così come abbondano i mezzi per acculturarsi sui motivi della catastrofe. Una montagna di articoli, libri e video per chi ama solo le figure.
La crisi globale è iniziata nel 2008 (sono oramai sei anni) e la sua onda di tsunami ha raggiunto l'Italia nel 2011, con la nota guerra dello spread, la cacciata del nemico pubblico numero uno e l'instaurazione (ma nemmeno questo hanno capito) di un governo fantoccio della Troika dopo l'altro. Ora sono euforici perché i superpadroni hanno permesso ai traditori di prendere in mano il volante e far baloccare il loro Pinocchio di ciccia con l'automobilina a pedali, mentre loro hanno in mano i veri comandi.
Hanno appena approvato una legge sul lavoro che scimmiotta, probabilmente in peggio, la legalizzazione della deflazione salariale tedesca ma sono tranquilli perché l'inutile ministro del lavoro è un personaggio pittoresco alla Maurizio Ferrini, il tipico comunistavistamare della tradizione emiliano-romagnola.

I partiti della sinistra difendono disperatamente l'euro perché non riescono ad ammettere di avere sbagliato, come sostiene Alberto Bagnai? Certo, è una razionalizzazione come quella del compagno che sostiene che i traditori non sono "veramente" di sinistra, che "questa non è la sinistra" e "la sinistra non esiste più".
Il fatto che ciò che più di sinistra abbiamo in Italia, centri sociali e associazioni partigiane abbiano reagito pavlovianamente all'unisono all'intrusione della verità nel loro casello di meccanismi di difesa dall'angoscia del crollo del sogno, dimostra invece che proprio della sinistra si tratta e di quella DOP. Quella governativa e quella ancor più irreale che si affida al leader straniero che fa tanto internazionalismo flambé.
Perché il nazionalismo, l'avete sentito il centrosocialista nell'articolo, è il male. Il nazionalismo e la combutta, nel sacro giorno dell'antifascismo, con il fascismo (nonostante che, dopo l'inversione dei poli magnetici, Marine Le Pen sia più a sinistra di Fassino e Fassina). No, compagno, la sinistra esiste ed è quella che ci ha traditi. Mommy was very bad.

A proposito di mezze stagioni che non ci sono più. Guardate questo estratto dal TG4 (avete letto bene, TG4).


La cosa più memorabile di questo ottimo servizio (grazie a Mario Giordano) è Fabio Fazio(so) che striscia sulla scrivania di 'o Rre. Guardate l'orrore in Grecia, ascoltate chi non fa che raccontare l'evidenza dei fatti cercandola di farla vedere anche ai ciechi che vogliono continuare ad esserlo. E poi confrontate ciò che vedete con la propaganda piddina che ammorba l'aria con i suoi percolati di menzogna ogni sera dai telegiornali considerati altezzosamente più seri del TG4.

Ma siamo ancora al destra-sinistra? Finché non vi sarà in Italia una santa alleanza trasversale contro il nemico comune, e cioè l'ordoliberismo e il tallone di ferro dell'euro, saremo ancora costretti a ragionare nei termini desueti di destra e sinistra.
Tradotto in soldoni, la destra ha capito, la sinistra no. Traiamone le conseguenze alle prossime elezioni europee. E per i mali di pancia c'è l'Antispasmina Colica.

23 commenti:

  1. Bello. Sottoscrivo tutto.

    Chinacat

    RispondiElimina
  2. Anonimo23:17

    Well done, well done.

    Teresa

    RispondiElimina
  3. Perfetta come sempre Barbara. Ci troviamo nel xx° canto dell’Inferno di Dante, nell’ottavo cerchio, alla quarta Malabolgia dove sono puniti gli indovini che sono costretti, così come in vita ebbero la presunzione di guardare nel futuro, a vagare per l’eternità con la testa capovolta. Che bel luogo il futuro. Non c’è anima viva che sappia cosa possa succedere domani, ma queste persone illuminate da uno Spirito trascendente, presumono di saperlo… e ce lo dicono, ci mettono in guardia dalla catastrofe prossima ventura che si abbatterà sulle nazioni dell’€zona qualora decidessero di abbandonare la moneta unica per tornare ad una sovranità monetaria nazionale. Dopo 20anni di bombardamento mediatico, nel quale, come ben illustrato da Marcello Foa, ci hanno fatto abitare all’interno di una cornice convincendoci che al di fuori di quella esiste solo il peggiore degli inferni possibili, queste sinistre figure continuano, nonostante le migliori evidenze del contrario, a fare l’unica cosa di cui son capaci: incutere paura, usando per questo scopo dei piccoli sacerdoti volontari, in maggioranza nativi della bassa padana, ma ormai radicati in tutto il territorio italiano. Costoro hanno uno scarso rispetto della propria intelligenza, della loro scarsa capacità di formulare un pensiero critico autonomo, della loro memoria labile e difettosa, della manipolazione a proprio uso e consumo del terribile termine: ”fascista” e del loro io in perenne crisi di identità se quest’ultima non è determinata da un nemico comune. Poco importa se dici una cosa sensata. Hai torto perché sei negro, ebreo, fascista, populista, grillino o leghista. Si chiama, in termini semplici “chiusura mentale”. È il motore delle più estreme intolleranze, dei fondamentalismi più fanatici e irrimediabili. Sono i “Piddini”. La loro malattia è la Piddinite, molto ben descritta nei numerosi post che la Dott.sa Barbara ha dedicato loro. Da questa malattia, anche se molto faticosamente, si può guarire. Così come molte persone sono uscite da dipendenze deleterie, li si può aiutare somministrando loro la seguente terapia: una compressa di “goofynomicslan forte” tre volte al giorno, una iniezione di “vocidallesterolix” alla sera, una bustina solubile di “orizzontedeglieventilene” dopo i pasti e dieci gocce di “orizzonte48til” prima di andare a letto. Non è detto che funzioni, ma io sono ottimista. È comunque un piccolo passo verso la de-piddinizzazione di buona parte del meraviglioso popolo italiano.

    RispondiElimina
  4. Giuseppe06:48

    La polemica sui "cattivi fascisti che vogliono infangare la Resistenza, e allora facciamo la manifestazione di protesta per far vedere che non sono graditi" torna ogni anno, ed è prevedibile come i servizi estivi dei tg che "per resistere all'eccezionale ondata di caldo, bevete molto, mangiate frutta e verdura e non uscite nelle ore più calde della giornata".

    Tu chiamale, se vuoi, reazioni pavloviane.

    RispondiElimina
  5. Così chiaro che se ancora qualcuno non capisce si chiama tornaconto.

    RispondiElimina
  6. Aggiungo il delirante comunicato dei freak chic che contestano il bastaeuro tour... http://www.autistici.org/labaq16/wp/25-aprile-contro-la-lega-e-tutti-i-nazionalismi-lunedi-14-h-2100-assemblea-pubblica/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Delirante e incoerente. Ma come, righe e righe contro il capitalismo e non riconosci l'euro come il cavallo di Troia della reazione? Qui ci vuole qualcosa di più forte, le Spinelli non bastano ad aprire le porte della percezione.

      Elimina
  7. Il fatto che i più ferventi (ed ormai unici) difensori della moneta unica siano di sinistra, vorrà pur dir qualcosa. Visto il suo carattere anti-nazionale ed anti-tradizionale, l'UE (e l'euro quale mezzo per forzarne la completa integrazione), è una creazione proprio di sinistra e, chi, da questa parte, non lo ha ancora capito dovrebbe farsene una ragione e smetterla con la solita vecchia manfrina dei "compagni che sbagliano"!

    RispondiElimina
  8. Anonimo12:26

    "Cosa vi rode, il fatto che la destra abbia capito e la sinistra no? Capisco."
    Io invece capisco che ci vuole una bella dose di autosuggestione per pensare che la destra, che esiste solo per rafforzare le differenze di classe, abbia "capito" dopo aver governato 8 degli 11 anni dell'era euro, guarda acaso quando va all'opposizione, e voglia minimamente combattere l'ordoliberismo. Perchè i milioni di under 40 che quando lavorano lo fanno con contratti ultraprecari non sono dipendenti delle multinazionali, lo sono in stragrande maggioranza dei padroncini padani e forzisti che votano destra, ai quali dell'euro frega esclusivamente perchè gli ha impedito di rimanere a galla schiavizzando i dipendenti.
    Quindi dire che la destra ha capito è semplicemente folle. La destra non ha capito, ha trovato un capro espiatorio (dopo i terroni, i neri, i rom...) perfetto per riprendere voti confidando sull'assoluta incapacità di ricordare dei suoi elettori, che se avessero un minimo di memoria si chiederebbero "dove sono stati questi "antieuro" dal '94 a oggi? Quasi sempre al governo, quindi se c'è l'euro è colpa loro! Chi ha ridotto mio figlio a un servo che dovrà rimanere in casa con me fino alla morte per campare? Chi ha votato la legge Biagi e quella Fornero, cioè la destra! Che vadano a morire ammazzati!".
    "Il fatto che ciò che più di sinistra abbiamo in Italia, centri sociali e associazioni partigiane "
    qui più che l'autosuggestione fa premio l'ignoranza pura: l'ANPI è almeno da 20 anni l'ufficio di collocamento per "compagni" rimasti fuori dalla spartizione delle poltrone effettuata dal PDS-DS-PD, Con la Resistenza non hanno proprio niente a che fare da un pezzo.
    http://www.anpi.it/libia-non-possiamo-restare-in-silenzio/

    giovannino

    RispondiElimina
  9. Anonimo13:05

    http://contropiano.org/politica/item/23591-roma-lo-squadrismo-sionista-ipoteca-il-25-aprile-vergogna-sull-anpi
    ecco cos'è l'ANPI oggi.
    giovannino

    RispondiElimina
  10. Caro amico Giovannino,

    che l'entrata nell'euro sia stata decisa sotto i governi (1998 - 2001) di centro sinistra Prodi, D'alema e Amato è un fatto certo. Che le leggi che hanno precarizzato il lavoro siano state fatte sia dai governi di centro destra che di centro sinistra è un altro fatto certo.

    Per quanto riguarda l'euro il centro destra ha sempre tenuto una posizione ambigua nè a favore nè contro, tranne la Lega che è sempre stata nettamente contro.

    Se poi mi chiedi chi ha capito di più tra centro destra e centro sinistra credo che la domanda sia mal posta. Ai nostri politicanti interessa solo garantirsi la poltrona e quindi capiscono solo quello che può convenire a mantenere i loro privilegi.

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  11. Lasciamo perdere i centri sociali per amore di patria. L'anno scorso nella mia città fu organizzata una grossa manifestazione in difesa dell'acciaieria, durante il corteo ho scambiato quattro chiacchiere con un ragazzo che conosco che fa parte del centro sociale. Si era da poco laureato in scienze politiche e ricordando l'esame di economia mi ha inizato a snocciolare castronerie una dietro l'altra contro la svalutazione della liretta. A parte il fatto che non ce la fanno proprio a ragionare senza attenersi all'ordine di partito e comunque di appartenenza, la cosa triste è anche quello che circola all'università, perchè per dirmi quello che ha detto evidentemente ha seguito ciecamente il suo testo di economia e il suo docente.
    Eppure il tempo per capire c'è stato, scrive la nostra Barbara ed è verissimo ma qui stiamo parlando di replicanti, non cìè niente da fare. Li hanno programmati per reagire a determinati impulsi, sentono o vedono la parola "nazione" nel loro cervello si accende una lucina rossa con l'indicazione attenzione e loro reagiscono con le indicazioni registrate rispetto a quel concetto e così via per tutto. Oramai non si ricordano più come dovrebbe funzionare un cervello che si ritenga tale. Non so se qualcuno ha letto il libro Cloud Atlas, la parte dedicata a Sonmi-451 ecco siamo a quel livello di robotica apparentemente umana.
    Giovannino è vero che la destra esiste solo per rafforzare le differenze di classe dopo aver governato 8 degli 11 anni dell'era euro quindi nessuno sconto par carità ma le domande che tu poni agli elettori del centro destra andrebbero pare pare poste a quelli del centrosinistra dove sono stati questi "antieuro" dal '94 a oggi? Questi sono i governi dal 1994 ad oggi li riconosci i "sinistri" penso di si, pensa che addirittura con D'Alema siamo riusciti a far bombardare anche l'exJugoslavia.
    Berlusconi I, XII Legislatura: dal 10 maggio 1994 al 17 gennaio 1995, per un totale di 252 giorni.
    DINI, XII Legislatura: dal 18 gennaio 1995 al 17 maggio 1996, per un totale di 486 giorni.
    PRODI I, XIII Legislatura: dal 18 maggio 1996 al 21 ottobre 1998, per un totale di 887 giorni.
    D'ALEMA I, XIII Legislatura: dal 22 ottobre 1998 al 22 dicermbre 1999, per un totale di 427 giorni.
    D'ALEMA II, XIII Legislatura: dal 23 dicembre 1999 al 25 aprile 2000, per un totale di 125 giorni.
    AMATO II, XIII Legislatura: dal 26 aprile 2000 al 11 giugno 2001, per un totale di 412 giorni.
    Berlusconi II, XIV Legislatura: dal 12 giugno 2001 al 23 aprile 2005, per un totale di 1.412 giorni.
    Berlusconi III, XIV Legislatura: dal 24 aprile 2005 al 17 maggio 2006, per un totale di 390 giorni.
    PRODI II, XV Legislatura: dal 18 maggio 2006 al 7 maggio 2008, per un totale di 722 giorni.
    Berlusconi IV, XVI Legislatura: dal 8 maggio 2008 al 16 novembre 2011, per un totale di 1283 giorni.
    Chi ha ridotto mio figlio a un servo che dovrà rimanere in casa con me fino alla morte per campare? Prodi che ci ha ficcato in questo bel casino dell'euro. Chi ha votato la legge Biagi? E' vero che è una legge di Berlusconi ma se vai in rete e cerchi notizie in merito vedrai che l'ex ministro Damiano o Turci non volevano abrogarla ma migliorarla. quella Fornero? Qui è molto più facile perchè dovresti ricordare che Monti è piaciuto a tutti, ds e sn.
    Con questo non voglio tessere le lodi della destra perchè idealmente mi ritengo di sinistra, voglio solo sottolineare che i veri traditori sono quelli di sinistra per il semplice motivo che hanno dimenticato il loro ruolo e se qualcuno a destra ora fa una battaglia contro l'euro ben venga altrimenti non avremmo nessuno che rappresenti questa istanza. Del resto se la sinistra non vuole capire cosa possiamo fare? Mi posso attrezzare per un sortilegio del resto una gatta a casa mia c'è mi manca il cappello a punta e un calderone per diventare maga e provare. Chissa cosa ne esce?

    RispondiElimina
  12. Anonimo11:29

    @Davide
    Sull'euro è vero che alcune cose le diceva già Umberto B. negli anni '90, però B. recentemente ha fatto dichiarazioni ben diverse. Inoltre, per ammissone dello stesso Matteo S., in passato la Lega sottovalutato il significato dei trattati europei. Comunque alle europee voterò Claudio B.

    @Fiore
    - Siccome le "economie" sono tante, forse il laureato in scienze politiche ha fatto un esame di economia dove certi argomenti (1, 2) non sono trattati.
    - Gli untermensch di tipo Sonmi-451 potremmo anche essere noi, o i noi di un futuro non troppo lontano, cioè i lavoratori-schiavi creati solo per soddisfare le esigenze del mercato. Merce che produce altra merce.

    Safonte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo11:34

      Un "ha" mi è rimasto nella tastiera: ...in passato la Lega ha sottovalutato...

      Safonte

      Elimina
    2. Certo che gli untermensch tipo Sonmi-451 potremmo essere noi in un futuro, ma quando ho portato l'esempio di Sonmi non mi riferivo al lavoro da schiavi mi riferivo al tipo di cervello che non ti consente di ragionare ma solo di eseguire, tranne i due casi del racconto tra cui Sonmi, come per i piddini.

      Elimina
  13. Anonimo11:53

    "Per quanto riguarda l'euro il centro destra ha sempre tenuto una posizione ambigua nè a favore nè contro,
    tranne la Lega che è sempre stata nettamente contro."
    se l'euro c'è, e stai al governo non fai niente per uscirne, non sei ambiguo, sei a favore, punto. Che poi esistano elettori tanto imbecilli da votare lo stesso un partito che ha partecipato per anni e anni a un governo eurista solo perchè a parole gli esponenti di quel partito si dicono contro a parole, è un problema esclusivamente loro, non dei leghisti che dicono A e fanno Z e e le loro poltrone se le prendono sempre

    "le domande che tu poni agli elettori del centro destra andrebbero pare pare poste a quelli del centrosinistra"
    no, non andrebbero poste per un semplice motivo: nessuno nel csx presente in parlamento (quindi PD e SEL) si è mai detto contrario all'euro, quindi, NEL MALE, sono stati coerenti. Sono nemici dei lavoratori italiani da almeno 20 anni, su questo non ci piove. Ma il loro torto assoluto non implica che il torto altrui diventi ragione, e quindi che chi è stato complice della distruzione del paese, ancorchè formalmente dalla parte opposta dello schieramento parlamentare, diventi di colpo credibile se ha deciso di spostare la sua propaganda d'odio dai meridionali, agli extracomunitari, all'euro. La Lega coi primi due tipi di propaganda ormai non prende più un voto, è scontato che si siano cercati un altro argomento da cavalcare per mantenere le poltrone.
    giovannino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro amico Giovannino,

      "La Lega coi primi due tipi di propaganda ormai non prende più un voto, è scontato che si siano cercati un altro argomento da cavalcare per mantenere le poltrone. "

      La Lega è da quando siamo entrati nell'euro che è decisamente contraria alla monetata unica. Quindi dire che si è inventata adesso l'avversione all'euro perchè la propaganda contro gli extracomunitari non paga non è vero.

      Che poi i leghisti siano attaccati alle poltrone è vero: però io sono vecchio e ti giuro e non ho mai visto politicanti che non fossero attaccati alle poltrone.

      Ciao Davide

      Elimina
    2. Anonimo15:13

      "La Lega è da quando siamo entrati nell'euro che è decisamente contraria alla monetata unica"
      e cos'ha fatto, IN PRATICA, contro l'euro? Non a parole, voglio i fatti, perchè con le parole ci si catturano i tordi, non si cambiano le cose.
      giovannino

      Elimina
    3. Caro amico Giovannino,

      "La Lega è da quando siamo entrati nell'euro che è decisamente contraria alla monetata unica"
      e cos'ha fatto, IN PRATICA, contro l'euro? Non a parole, voglio i fatti, perchè con le parole ci si catturano i tordi, non si cambiano le cose.
      giovannino"

      Io ho solo detto che la Lega era contraria all'euro e non ho detto che è riuscita a fare qualcosa i particolare.

      Ciao Davide

      Elimina
  14. Anonimo11:59

    "se qualcuno a destra ora fa una battaglia contro l'euro ben venga altrimenti non avremmo nessuno che rappresenti questa istanza. Del resto se la sinistra non vuole capire cosa possiamo fare? "
    se la sinistra non vuol capire si crea un partito nuovo, non si vota un partito di destra che vuole togliere l'euro, ma mantenere tutti i privilegi dei bottegai o dei piccoli imprenditori, incluse tutte le leggi sul precariato, perchè se esci dall'euro con la lega, stai pur certo che l'inflazione colpirebbe solo il lavoratore, mentre loro si terranno il conto in euro in Svizzera.
    E' difficile? Eh, cazzo, lo so che è difficile. Del resto anche 70 anni fa andare in montagna per combattere contro i nazifascisti non era facile manco per un cazzo, eppure lo fecero lo stesso. E' inutile parlare di regime se non si tirano le dovute conclusioni su cosa si deve fare per abbattere un regime.
    giovanni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo10:07

      Tipico esempio di ottusità coltivata a salamelle nelle feste dell'unità.
      L'importante è per quest'ottuso potersi comunque identificare nelle canzoni stracciacoglioni degli intillimani e nelle magliette di che guevara...

      Il partito che puo' votare il signorino deve essere di sinistra! in altri termini deve rientrare in canoni ESTETICI con cui si è identificato per tutta la vita...ormai li confonde per una proposta politica.

      Il signorino se ne fotte delle partite iva suicide... e dei piccoli artigiani o commercianti che non dormono la notte... non si rende nemmeno conto della violenza della sua frase.

      Torna pure a mangiare salamelle alla festa dell'unità ma abbi rispetto per tutte le partite iva che non ce l'hanno fatta.

      Anche io le mangiavo le salamelle alle feste dell'unità ma non ho permesso che mi colonizzassero il cervello come metastasi!




      Elimina
  15. Se il csx è stato coerente sai che bella consolazione. E' stato coerente nel madare il Paese al macero, le loro idee sull'internazionalismo, infatti lo vedo come l'internazionalismo ha difeso gli operai o comunque i salariati. Comumque nessuno afferma che il cds non abbia le sue enormi colpe, ce l'ha tutte, ma per me che non sono mai stata di cds non è una novità, la novità è che la sinistra sia complice di questa tragedia. Rispetto alla lega, giuro che non avei mai pensato di votarla, ma queste elezioni europee sono importanti per riuscire a mandare a Strasburgo più euroscettici possibili quindi voterò lega e sceglierò, vivendo al centro Italia, Claudio Borghi.
    Non è possibile, secondo me, fare un partito nuovo, perchè considerando la poca consapevolezza che circola rispetto al tema euro, grazie anche alla continua propaganda fatta dall'informazione tutta, sarebbe bruciato in partenza non riuscendo ad superare la percentuale di sbarramento. Bisogna stare attenti a non farsi prendere dalla foga per la battaglia perchè potremmo rimetterci ancora di più, le penne. Ti ricordo che il CLN era composto da persone molto distanti fra loro per formazione politica e civile eppure non hanno fatto gli schizzinosi, pensi veramente che non ci sia stato anche nel CLN qualcuno che comunque dopo la guerra non avrà portato i soldi in Svizzera, solo che avevano capito chi fosse il nemico tutto qua. Invece oggi facciamo la conta per chi è meno fascista e non ci rendiamo conto che il fascista è proprio quello che conta. E' difficile? Eh cazzo lo so che è difficile.

    RispondiElimina
  16. Anonimo17:28

    A proposito di nord-sud, se non ricordo male, uno dei costi della moneta unica è "il possibile peggioramento di precedenti squilibri regionali in senso stretto (e cioè riferiti a singole regioni di un dato paese membro). Poiché la mobilità internazionale del capitale è indubbiamente più elevata della mobilità internazionale del lavoro, le maggiori possibilità di trovare impieghi di capitale più remunerativi in altri paesi dell'area valutaria unitamente alla relativamente bassa mobilità internazionale del lavoro possono aggravare i problemi di sviluppo delle regioni arretrate di un dato paese". Se mi sbaglio mi "corriggerete".

    Safonte

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...