lunedì 11 settembre 2006

Quel giorno di settembre che sconvolse il mondo


Oggi mi rifiuterò di guardare il gran varietà televisivo di rievocazione dell’11 settembre. Voglio ricordare quel giorno a modo mio, pensando a quelle 2996 persone morte e alle tante che si sono ammalate dopo, avendo respirato la porcheria che si sprigionò dalle torri polverizzate (già, polverizzate, un bel fatto anche quello), ma di cui si parla poco. E non voglio sorbirmi ancora tutte le bugie, le palle cosmiche che i loro famigliari hanno dovuto sentire in questi cinque anni. Parlate con loro, sono disgustati. Quando hanno ripulito Ground Zero hanno portato via anche i pochi brandelli dei loro cari assieme alla polvere e alle macerie, perché bisognava fare in fretta.

Ricorderò i pompieri, gli eroi ai quali ipocritamente i coccodrilli miliardari di Hollywood dedicano un filmetto asciugandosi la lacrimuccia di rito. Ricorderò John O’Neill, al quale l'ambasciatrice americana in Yemen impedì di catturare in tempo gli uomini di Al Qaeda e che è morto anche lui nel crollo della torre nord quel giorno.
Ricorderò la mia amica Linda Bernstein, che ci ha lasciato delle meravigliose foto delle Torri com’erano, e che le ha viste crollare con i suoi occhi quel giorno.

Sono andata a rivedermi i filmati sull’11 settembre che sono disponibili a decine su YouTube. Ve ne offro due, quelli che mi hanno maggiormente impressionato, ma ce ne sono altri, tanti. Ci ho passato un pomeriggio a guardarmeli, con le lacrime agli occhi e la rabbia dentro.
Sono interviste a testimoni, sono giornalisti che raccontano in diretta ciò che sta accadendo minuto per minuto (“mio Dio, sembra proprio una demolizione controllata!”), sono pompieri appena usciti dalle torri che raccontano di aver sentito dei boati ai piani bassi (al 7°, al 13°) e tutti parlano di queste esplosioni, della terra che ha tremato diverse volte, del fuoco nei sotterranei che ha continuato a bruciare per settimane. Coloro che hanno ripulito la zona dicono che il pezzo più grande che hanno trovato era di trenta centimetri, niente cemento, mobili, niente computer, niente pezzi di aereo, tutto polverizzato. Che cosa è in grado di mandare in polvere finissima due giganti di acciaio e cemento? Sono solo paranoie? Il modo migliore per evitare che la gente si faccia strane idee è dire la verità. Quella verità che non c’è da cinque anni.

Ho una gran rabbia dentro e voglio fare come Monty in “La 25a ora”, lo splendido film di Spike Lee girato proprio dopo l’11 settembre e dire:
fan***o i sistemi di difesa aerei, che mentre di solito sono pronti ad intercettare anche un piccione cha vada fuori rotta, quel giorno ha lasciato che 4 aerei dirottati scorrazzassero liberamente per decine di minuti;
fan***o la CIA, i servizi segreti, il servizio della marina, l’FBI, tutte le agenzie che quel giorno non hanno visto, sentito e detto nulla e nessuno è stato punito per questo;
fan***o George Bush, che è rimasto con gli scolaretti in Florida mentre i suoi concittadini americani morivano e poi si è perfino impappinato, ha detto di aver visto in TV l’impatto con la PRIMA torre e ha detto “ma che pilota scarso è quello?”;
fan***o il Pentagono, che non ha sguinzagliato subito gli aerei da caccia per intercettare gli aerei dirottati ma ha aspettato mezz’ora facendo partire gli aerei dalla base più lontana;
fan***lo quelli della commissione sull’11 settembre, che sono riusciti a fare perfino peggio di quelli della commissione Warren;
fan***o i giornalisti che si limitano a leggere le veline e non vanno a controllare ciò che dicono. Che hanno sentito le esplosioni in diretta ma se ne sono già dimenticati nel telegiornale successivo. Quelli che “ciò che è accaduto è ciò che si è visto in televisione”, e quegli altri che “non può essere andata diversamente.”;
fan***o Osama Bin Laden, che c’eri dentro fino al collo ma in che modo preciso vorremmo proprio saperlo;
fan***o Michael Moore, che ci sei andato vicino ma hai avuto paura;
fan***o Oliver Stone, che hai preferito la grana al vero patriottismo con il quale ti facevi bello fino a dieci minuti fa;
fan***o coloro che hanno voluto le guerre che sono venute dopo e che erano già tutte belle e annunciate nei loro proclami;
fan***o voi che siete pieni delle vostre certezze e accusate gli altri di cospirazionismo ed eresia, ma non avete mai parlato con chi c’era, con chi ha perduto i propri cari, con chi si è sentito preso in giro e ancora non ha avuto giustizia.

E infine fanculo a coloro che hanno fatto tutto questo, esecutori e mandanti, che hanno organizzato tutto, che hanno studiato l’orario, le modalità, che hanno rispolverato vecchi schemi, che hanno addestrato persone, che hanno preparato tutto nei minimi dettagli. Siate maledetti, chiunque voi siate.

P.S. Vi lascio un link, passatomi dall’amico Candido, per un po’ di documentazione in più. Non si parla di cospirazioni di rettiliani, di Illuminati che sono in realtà alieni e altre cazzate, è una raccolta di fatti che non sono ancora stati spiegati nella versione ufficiale. Sono le domande che fanno le associazioni dei parenti delle vittime, alle quali le autorità non rispondono da cinque anni.

1 commento:

  1. Anonimo11:45

    perchè non c'è più il secondo filmato?

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...