giovedì 28 giugno 2007

Sòla profonda

Cosa c'entra Linda Lovelace con il PD e Uolter Veltroni? Ci arriverò poi. Sono i misteri delle libere associazioni mentali e da stamattina ho questa cosa che mi ruzzola nella testa.

Dunque ieri è stato il gran giorno, Silver Uolter ha parlato ed ha sciorinato ben bene le sue idee per un grande e nuovo partito democratico nel suo discorso di Torino. Grazie a Repubblica, che ha fatto il lavoro sporco di riassumerne i principali concetti, eccone un sunto più che conciso, circonciso. Con, tra parentesi, il mio commento.

"Riunire l'Italia, farne una grande nazione. Non ci sono due Italie. Basta contrapposizioni: nord-sud, giovani-anziani, lavoratori dipendenti-autonomi." (Il grande amplesso. Il problema sarà convincere i leghisti. Ipnosi? Brainwashing? Detto tra noi: vuoi mettere il "Qui si fa l'Italia o si muore?" Il counter dei "basta" segna 1)

"Le comunità umane possono convivere solo nella libertà. Una libertà che i nostri padri hanno conquistato a caro prezzo" (Quelle frasi che ti fanno dire: ma come ho fatto a non pensarci prima? Bottarella ai babbi partigiani, che ancora sopravvivono in pochi esemplari.)

"Una follia la guerra in Iraq" (Alla fin fine è sempre colpa di Basaglia. Ah, la guerra in Afghanistan ce la lasciamo sfuggire così?)

"Basta con il precariato, i giovani non possono aspettare: serve un nuovo patto generazionale" (Già sentita, non fa ridere. I "basta" sono 2.)

"L'ambientalismo non vuol dire no a tutto. Sì alla Tav" (Che la TAV gli piacesse l'avevamo già intuito. Qui si comincia a dover inghiottire di brutto.)

"Il sindacato deve tutelare anche i giovani, non solo i lavoratori e i pensionati " (Seconda bottarella ai giovani. Ci parla lui con il sindacato o dobbiamo farlo noi?)

"Pagare meno tasse, pagarle tutti. Basta con gli odii di classe" (Ma si, basta odiare Paris Hilton, povera stella. Avete notato? Ha detto odii, come Berlusconi, non lotta di classe. L'affare si fa sempre più grosso. Il "basta" counter segna 3.)

"La sicurezza è un diritto, non è di destra né di sinistra" (Difficile qui non farsi scappare un bel "grazie al cazzo".)

"La democrazia è ascolto, ma alla fine è decisione" (Vedi alla voce TAV.)
"Serve il dialogo fra maggioranza e opposizione" (La serva serve.)

"No al bipolarismo etico, basta con gli integralismi e il laicismo esasperato (Almeno a casa mia, hanno tremato i vetri. Il laicismo esasperato è veramente troppo grosso da mandar giù. Al di là della nostra portata massima. I "basta" salgono a 4.)

"Il Pd deve essere il partito federale e il partito delle donne. Un partito lieve e ambizioso. (Dolce e amaro, attivo e passivo, più che un partito un ossimoro. Con bottarella di prammatica alle donne ma piano, talmente piano che non abbiamo sentito praticamente niente, vero Cloro e Galatea?)

"La politica non è una passeggiata solitaria, è un viaggio collettivo, in allegria. Ma senza la politica ci sono le scorrerie e le corporazioni". (Abbasso la masturbazione, torniamo alle gite scolastiche e all'Osteria Numero 20, con tanto di assalto alla diligenza. Il PD come rinfanciullimento di ritorno.)

"Incrociare di nuovo la nostra storia con i socialisti e con quelli che hanno abbandonato i Ds." (Per la serie: famo l'ammucchiata. I socialisti????! Mi dispiace, proprio non va giù.

"Basta con la nostalgia del passato, ci vuole curiosità verso il futuro." (Il counter dei basta si ferma a 5. Oltre alla curiosità ci sarebbe anche qualche progettino? Un piano, un pianetto, oltre a questo florilegio di luoghi comuni?)

So di farmi dei nemici, avendo letto recensioni entusiastiche del discorso del Veltroni. E' necessario dire, dopo aver letto fino qui, che a me questo mucchio di banalità da baci perugina non ha smosso un callo, anzi mi ha lasciata parecchio ingrullita?
Forse gli amici riformisti, per qualche strana mutazione genetica e per gli effetti collaterali della delocalizzazione, avranno sviluppato il clitoride nelle orecchie e saranno capaci di godere al suono di queste frasi memorabili.
So di parlare anche per altri. Noi che quella cosa lì l'abbiamo al solito posto e non siamo neppure iperdotati come Linda "gola profonda" Lovelace nel mandar giù ogni tipo di boccone, siamo delusi.

Però a ripensarci un rinnovamento ieri c'è stato. Non avrei mai pensato nella mia vita di dovermi trovare d'accordo con un titolo di Libero e con Berlusconi. Grazie Walter, anche per questo.

24 commenti:

  1. Linda Lovelace è roba vecchia, buona neanche per il brodo. Se volete essere credibili prendete esempio da Heather Brooke piuttosto. Lo psiconano ce lo abbiamo solo noi, voi dovrete arrangiarvi con roba di bassa qualità. Hard discount e con la data di scadenza illegibile.
    Buona digestione!

    RispondiElimina
  2. Come posso darti torto, Lame? Ormai non esiste altro che il puro esercizio della parola, usata per far prendere fresco all'ugola. Sai com'è, con questo caldo fa fatica anche cambiare linguaggio...

    RispondiElimina
  3. A 'sto fatto della locandina di Libero ci ho pensato anche io stamattina, e non sapevo se ridere o piangere......

    comunque

    ... come ho già detto in altri "luoghi", alla fine io lo sapevo che il discorso mi avrebbe deluso... del resto se avessi mai nutrito la speranza contraria, mi sarei interessato già da un pezzo al PD. E invece una bella sega. E penso che questo valga per molti noi "critici" di Uòlter. Ieri abbiamo assistito al trailer del PD, per questo ci incazziamo.
    Veltroni è "totalmente" in secondo piano; non è tanto lui in discussione, quanto il progetto di cui lui è, diciamolo, strumento.

    RispondiElimina
  4. Veltroni ha fatto, stranamente, un discorso molto veltroniano.
    Questa è la vera sorpesa.
    Un sorriso comevuoi
    Mister X di Comicomix

    RispondiElimina
  5. Datece er Giorg' Clunei !!!

    ;D

    RispondiElimina
  6. Il PD è nato solo per isolare i partitini della coalizione di centro-sinistra...
    La candidatura di un politico "carismatico" come Veltroni, per me, serve solo a coprire le falle che usciranno da questo nuovo progetto politico...
    Secondo me non serve far nascere soggetti politici a capocchia, per raccogliere i voti dei moderati, serve solo fare un programma serio e rispettarlo.

    RispondiElimina
  7. Grazie a te per questo post di servizio, che ha risparmiato a me e sicuramente a molti altri l'onere di sobbarcarsi un'analisi puntuale del discorso di Uolter. Ci sono un paio di passaggi - ambiente/Tav e sicurezza - che vorrei approfondire con uno o più post ad hoc, ma prima devo trovare il tempo di guardarmi per bene lo speciale trasmesso dalla 7. Per quanto riguarda La Repubblica, oggi ho provato un po' di pena per Ceccarelli, costretto da giorni a riempire paginate di elucubrazioni sul Mosè del Partito Democratico, a dimostrazione del fatto che non sempre fare il giornalista è meglio di lavorare. Detto questo, capisco - anche se non condivido - l'entusiasmo in buona fede di molti per Veltroni. Sicuramente se la cava molto meglio di Prodi davanti alle telecamere, cosa che nel sistema attuale conta (purtroppo) parecchio. Io non ho dimenticato la sua paraculaggine nell'abbandonare la segreteria Ds in vista delle elezioni del 2001, quando la nave stava cominciando a imbarcare acqua, ma nel panorama politico attuale è uno dei meno peggio. E poi se anch'io, come te, per una volta nella vita mi sono trovato d'accordo con Libero e Berlusconi, forse Uolter ha già cominciato davvero a "riunire l'Italia". Di questi tempi nel centrosinistra c'è chi è pronto ad aggrapparsi a tutto pur di poter sperare in qualcosa. La tentazione, per dire, è venuta anche a me quando un paio di giorni fa mi sono ritrovato dentro la tv il faccione di Adornato. Come si suol dire a Oxford, però, chi visse sperando morì cagando.

    RispondiElimina
  8. Bello il paragone con la Lovelace... :D In effetti dice solo banalità, anche se è meno peggio di altri...

    RispondiElimina
  9. Ho capito che non vi piace il Partito Democratico, legittimo. Ma sarà legittima anche la posizione mia e, di altri, a cui piace? O no! Valter Veltroni (V e non W, perché 52 anni fa le anagrafi non accettavano caratteri ritenuti "stranieri" grazie agli staracismi del ventennio sfascista) dunque basta con "ualter" tanto più che lo conoscete solo per sentito dire. Qualsiasi cosa avesse detto non sarebbe piaciuta a questo o a quella... c'è chi dice: "ha parlato troppo..." se avesse parlato di meno la critica sarebbe stata opposta. Insomma Valter potraà (e quasi sicuramente sarà) il leader del Pd. Cioè "de noantri" ovvero di noi che vogliamo provare questa nuova esperienza. A me non interessa chi sia o chi sarà il segretario di PRC anche se potrei dire che dopo "migliore" il resto resta in basso (giordanello è nanello!)

    RispondiElimina
  10. "vogliamo provare questa nuova esperienza" cioè mistica!!
    sembra un film di Verdone

    RispondiElimina
  11. La Lovelace.. quanti ricordi ! ;-)
    Quanto a Veltroni non mi meraviglia quello che ha detto. Ormai se un politico dicesse qualcosa di non banale mi verrebbe un colpo. Sono più preoccupato dal fatto che il PD rischia di nascere come partito vecchio con un apparato di burocrati ex DS e Margherita.. con questi presupposti altro che rinnovamento del paese :-/

    RispondiElimina
  12. A me atterrisce l'idea che il PD sia il primo passo verso l'"orgia del grande centro" Casini-Rutelli-Veltroni-Fini-Mastella per un grande ritorno della Democrazia Cristiana.

    Il discorso del compagno Water mi ha deluso, meno retorico (!) di altri e non ha snocciolato le sue solite perle da Libro Cuore (c'è andato vicino, ma può far meglio) né citato gli immancabili Franco e Ciccio (li ricordo tirati in ballo pure per un commento a Pulp Fiction...).

    Water facce sogna'! Water, facce ride! Facce tarzan! Buttate naa maranella!
    (e tempo pure che lo voterò, visto chi c'è dall'altra parte...)

    RispondiElimina
  13. ohcazzo! ma quello era veltroni? io pensavo fossero le prove microfono.

    ah lovelace lovelace, al solo pronunciar del suo nome la mia mano si commuove.

    RispondiElimina
  14. Bisogna adattarsi ai tempi. Ok sognare, ma bisogna farlo nella maniera giusta, rendere credibile un sogno e magari realizzarlo. Non si può credere che tutti paghino le tasse semplicemente perché devono, bisogna anche fargli capire perché devono con i fatti e non con le parole,bisgona farli sentire partecipi nella gestione dello Stato; in questo senso le parole di Veltroni sono state valide a proposito della necessità di porre fine a un ipotetico scontro di classe che ormai sostengono solo i "comunisti" (definirvi tali senza mettere le virgolette è un insulto a Gramsci e Berlinguer)figli di papà che non hanno mai lavorato, mentre i lavoratori votano Forza Italia. Io credo che su questo avreste molto da riflettere. Le parole di Veltroni mirano solo a creare un senso di comunità, di cammino comune, a prescindere dalle proprie idee, dalla posizione sociale o dalla religione. Non si può rompere i coglioni(scusate l'espressione ma mi sembra la più adatta) sulla Tav perché deturpa l'ambiente quando potrà portare notevoli vantaggi nella riduzione dell'inquinamento atmosferico, così come non lo si può fare per le centrali eoliche che creano energia pulita. Non si può governare senza tenere in considerazione che in Italia un ampia maggioranza della popolazione è di fede cattolica e che la religione è comunque un collante della società e un elemento di civilizzazione. A me pare che siate persone con poca coscienza della realtà che vi circonda, che vi masturbiate mentalmente su quanto sarebbe bello questo o quello ma non fate niente per realizzarlo, anzi preferite che tutto rimanga com'è o magari peggiori pure, così potrete divertirvi a rompere i coglioni. Tutto ciò è un grave limite per chi sogna di cambiare le cose. Le rivoluzioni non nascono dal nulla e sulla base di concetti astratti.
    Non sei una mia nemica Lameduck, sei solo una mia futura "coelettrice". D'altronde punti in comune ne abbiano(vedi Afghanistan)ma credo sia più difficile e necessario creare la pace nelle proprie mura per essere poi capaci di portarla all'esterno.

    RispondiElimina
  15. hendrix10:59

    Seguendo Cloro sono arrivato qui. Ho fatto anch'io ieri una cosa simile su luogo comune. Tralascio le citazioni di Walter e chiedo scusa per la lunghezza, non lo faccio più.

    1- L'Italia è divisa almeno dal 1946, monarchia-repubblica, poi DC-PCI, adesso Prodi-Berlusconi. Ci mancava dicesse anche Maschi-Femmine.

    2- Il riferimento al fascismo e alla resistenza è chiaro, minore quello al comunismo. C'è qualcuno che vorrebbe la schiavitù?

    3- E' una follia la guerra in Afghanistan?
    E' una follia la guerra...

    4- Vaffanculo la BCE, la sovranità monetaria, la moneta debito, il FMI, la Banca Mondiale, le agenzie di rating, la Golman Sachs, il PIL, la iperproduzione.
    Parliamo invece di signoraggio e decrescita economica come fattore di sviluppo.

    5- Bene, rivediamo la legge Biagi, licenziamo i nullafacenti e parassiti della pubblica amministrazione, riduciamo e di molto gli stipendi e i diritti dei dirigenti, eliminiamo le province...

    6- Prenditela con Pecoraro che non vuole i mulini a vento, con gli interessi dell' ENI, ENEL, con le privatizzazioni alla cazzo di cane, all'italiana (ma come si fa a contenere il costo dell'energia quando si distribuiscono utili agli azionisti???)
    E ci credo che vuoi la Tav, che avete finito i quattrini?

    7- I sindacati hanno talmente tutelato i baby-pensionati, quasi 500.000, che da una dozzina d'anni gli allora quarantenni (sindacalisti e statali in maggioranza) si pappano la pensione e lavorano attualmente in nero.

    8- Basta con questa storia che gli statali pagano le tasse fino all'ultima lira. I loro soldi entrano da ben altre fonti. E fatti pagare l'ICI dalla chiesa, ché solo a Roma il 25% degli immobili sono loro.

    9- Lo sapevamo da un bel pezzo, grazie.

    10- Parliamo, parlate, tanto alla fine ho già deciso fin dall' inizio (vedi Vicenza)

    11/12- Dillo a Prodi e impara da Sarkozy. E leggiti il libro di Stella. E rinuncia all'auto blu. E pagati 40anni di contributi.

    13- Mi sembra il presidente della repubblica.

    14- ??????? no comment

    15- Mi sembra l'unica cosa di sinistra. Ci pensi tu ai baroni, eh? Magari!!!

    16- Si, lieve come l'aria, evanescente... e ambiziosa come una bella donna, inavvicinabile.

    17- Se quella di Calderoli è stata una porcata, la prossima sarà 'na strunzata.

    18- Grazie a questa politica abbiamo ruberie, clientelismo, costi elevati, poteri forti, corporazioni forti, fusioni bancarie con danni agli utenti, promesse per il domani, il domani, mai oggi.

    19- Parte di quelli che fanno abbandonato la DC invece già stanno nella Margherita.
    Tutti insieme appassionatamente, e vai... forza Bettino!!! Gli amici non ti hanno dimenticato.

    20- Avete capito, cari compagni ex e non comunisti ?
    Dico a voi Giordano e Diliberto, siete rimasti gli unici con la bandiera rossa (Putin l'ha cambiata).

    RispondiElimina
  16. Bè, sapevo che prima o poi sarebbe capitato che io e te la pensassimo diversamente... ;-P
    Chi ti sarebbe piaciuto come leader del PD?

    RispondiElimina
  17. Anonimo14:21

    come leader (si scrive leader, ma si legge lader)del PD il meglio sarebbe : Follini, se non altro per la coerenza.

    RispondiElimina
  18. bello il tuo post... e poi la lovelace!!!
    ma..a dirla tutta....non ho ben capito se il tuo post è una dichiarazione di delusione/unsoddisfazione, se tia spettavi altro o cosa?
    Io credo invece che veltroni e quello che ha detto siano il vero e naturale sbocco dell'idea stessa di partito democratico. l'ha sempre pensato così dal 1994. D'Alema con tutti i suoi difetti e contraddizzioni ci ha provato a dare al pd una visione (moderna certo) "socialista" ma ha perso malamente, Prodi è un'anatra zoppa e dunque...... piuttosto non capisco i Mussi e gli altri che dicono che con Veltroni invece......

    RispondiElimina
  19. @ rudolf
    abbi un po' di rispetto per le figure storiche del porno, oltrettutto defunte. Non si vive di solo Bengala. ;-)

    @ uyulala
    almeno le parole fossero pietre, ma qui sono solo spugne (sintetiche per giunta).

    @ gg
    mi verrebbe da dire, giocata la carta Veltroni e per disgrazia bruciata anche quella, cosa rimarrebbe?

    @ comicomix
    tanto per citare Kennedy, lui promise ai suoi concittadini che gli americani sarebbero andati con un razzo sulla Luna. Valter cosa ha promesso? Che gli italiani andranno a Lione in treno. Si, ma ad una velocità!!

    @ lupo sordo
    a sentire la parola moderati mi viene da farci un post tutto per loro...

    @ simone
    non discuto la sua proprietà di linguaggio e la discreta presenza scenica. Sono i contenuti che mi fanno chiedere: ma qualcosa di un tantino più azzardato no, non è proprio possibile?

    @ abs
    ecco, vedi. Stiamo a discutere di "meno peggio di altri", come dici tu.

    RispondiElimina
  20. @ spartacus
    per carità, nessuno contesta la libertà di essere contenti di ciò che ha detto Uol... pardon, Valter.
    E' un disagio mio e di altri, che non credono nella gran novità di questo PD, e piuttosto temono la moderatizzazione di tutto l'ambaradan. Sai a cosa mi fa pensare la parola moderato? A qualcosa di moscio, e mi fermo qui. Non c'è nessun SuperValter che potrà convincermi che si debba aver paura del "laicismo esasperato" e che la Binetti è necessaria per un governo di sinistra. Lui vuole accontentare tutti e non scontentare nessuno, dare un colpo al cerchio e l'altro alla botte. Si, diciamolo, è paraculo. Non c'è niente di male, ma lo è.
    Sicuramente è un sindaco eccezionale, non lo metto in dubbio. Ma santamadonnina, almeno una parola sull'informazione, sul conflitto d'interessi, sulla corruzione, sul fatto che siamo in balia di ricattatori da quattro soldi che con un paio di telefonate ti fottono tutta la classe politica, sulla corruzione, me la sarei aspettata. Invece c'era tanta tanta aria fritta.

    @ mario
    la spada de foco! (Mario Brega docet)

    @ s.b.
    burocrati, l'hai detto. E il più giovane ha cinquantanni suonati.

    @ rumenta
    a turarsi il naso qui ci sarà il rischio di soffocare.

    @ poldone
    :-D

    @ stefano
    pensare che i "comunisti" (ci sarebbe da discutere su questa definizione, ma comunque) siano figli di papà che non hanno mai lavorato mi fa venire in mente le parole di Pasolini sui poliziotti. E' vero che purtroppo l'operaio oggi puo' votare convinto Forza Italia ma è perchè la sinistra non fa nulla per tenersi o conquistarsi il suo voto. Perchè? Perchè è ossessionata dal moderatismo. Ti invito a leggere il post di galatea che esprime meglio di me tanti concetti interessanti.
    Io penso che rompere i coglioni al potere sia sempre rivoluzionario. Altrimenti sai che fanno i governanti? Si adagiano e battono la fiacca. La TAV? Vedremo quando sarà completata quanti la utilizzeranno e il costo che avremo dovuto sostenere per realizzarla. Sempre pronta a ricredermi.

    @ hendrix
    belle le tue considerazioni.

    @ carmelo
    già lo sai, George Clooney. Oppure un giovane, qualcuno di nuovo.

    @ follini
    gulp!

    @ clark kent
    ma certo che mi aspettavo qualcos'altro, ma non da Veltroni.

    RispondiElimina
  21. x amosgitai
    Mi dispiace
    per il cinema c'è Water (e non Vater perchè altrimenti il senso si perde...)


    Pensatoio

    RispondiElimina
  22. Il clitoride nelle orecchie ...
    ghghghghg!

    PS: ma che bel posto qui!

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...