sabato 10 aprile 2010

Riforme, riforme, riforme, riforme, riforme

Ci vogliono le riforme. Adesso parliamo di riforme. Passiamo alla questione delle riforme. L'Italia ha bisogno di riforme. Ora bisogna pensare alle riforme. Se non facciamo le riforme l'Italia non riparte. L'Italia è ferma, urgono le riforme. Siamo disposti a discutere in tema di riforme. L'opposizione non si tirerà indietro nel discutere di riforme. Il presidente auspica le riforme necessarie alla riforma dello Stato.

Parliamoci chiaro. A me e a 60 milioni e rotti nel didietro di italiani, non servono le riforme. Di riforme, cioè del Piano di Rinascita Nazionale di Licio Gelli, esecutore materiale Silvio Berlusconi, hanno bisogno loro, quelli che i loro figli, somari e non, famigli, servi e puttane hanno il posto fisso a vita e a trasmissione dinastica, mentre noi dobbiamo sottometterci alla flessibilità perchè ce lo impongono i loro economisti servi della gleba che ci ripetono che non possiamo ancora pensare al posto fisso. Perchè quello serve a loro, capito?

Le loro riforme sono cose che a loro farebbero benissimo, come il sangue di vergine ai vampiri, e a noi farebbero sicuramente malissimo al fegato, come un mese di dieta a base di SuperSize di McDonalds. Eppure ogni maledetto giorno parte il mantra ohm delle "riforme". Le riforme e ancora le riforme. Riforme qua e riforme là, riforme di sopra e riforme di sotto. Riforme a destra e riforme a sinistra.

Se ci arrivasse in busta paga un euro per ogni volta che quelle boccacce di castamen bastardi senza ritegno pronuncia la parola "riforme" avremmo risolto il problema dell'arrivare a fine mese per milioni di famiglie.
Ora il capo dei bastardi vuole un referendum per assecondare l'ormai inarrestabile sete di potere che lo divora ed arrivare ad incoronarsi imperatore dell'universo, rendendo l'Italia al contempo il paese più ridicolo del mondo. Speriamo che questa sete finisca di divorarselo presto, prima che lui divori questo paese di merda che lo adora. Augurandoci che la merda, in quel caso, gli vada per traverso.

8 commenti:

  1. Amadiro10:29

    speriamo!

    RispondiElimina
  2. Certo Lame,
    mentre gli operai e i piccoli imprenditori si suicidano per la crisi e la perdita del lavoro ,mentre le famiglie iniziano a tagliare la spesa sul cibo e perdono quasi il 3% di redditi,e invece i manger si danno il 38% in più da un anno e all'altro vuol proprio dire che c'è bisogno delle "riforme".
    Dipende da che tipo,di riforme...sarà meglio che non elenchiamo quelle che piacerebbero a noi,
    ciao

    RispondiElimina
  3. Anonimo11:53

    "Rendendo"??? Paperella, da lungo tempo (16) anni l'Italia e` il paese piu` ridicolo del mondo e che ha per capo del governo l'imperatorer dei buffoni.
    Ciao
    Roberta da Sydney

    RispondiElimina
  4. Vedi cosa vuol dire avere un genio della lampada sordo..
    Avevo detto dell'ITALIA non della POLONIA porc...

    RispondiElimina
  5. Adetrax13:54

    Ora il capo dei bastardi vuole un referendum per assecondare l'ormai inarrestabile sete di potere che lo divora ed arrivare ad incoronarsi imperatore dell'universo, rendendo l'Italia al contempo il paese più ridicolo del mondo.

    Purtroppo concordo, ma ho il sospetto che, più che rendersi ridicola, l'Italia faccia da apripista per le nuove tendenze politiche (ovvero come riportare sotto controllo una nazione alla deriva ma, purtroppo, non del tutto sottosviluppata).

    Non è un caso se, a suo tempo, Silvio ha quasi "baciato in bocca" l'uscente presidente USA G. Bush.

    La ragione è che la nuova concezione del presidente della repubblica implica che il presidente dovrebbe rendere conto (non è ben chiaro a chi ma sicuramente non ai cittadini) dell'operato del governo e in qualche modo dovrebbe poterlo pilotare, quindi non più una presidenza rappresentativa ma una presidenza esecutiva (stile aziendale).

    E' il solito concetto che il o i vertici della piramidina (in questo caso statale) visibili alle masse devono rendere conto a chi sta nell'empireo ad imperscrutabili altezze.

    Poi quando a qualcuno vengono i dubbi che le cellule tumorali scaturite dallo scioglimento della P2 non si siano strettamente imparentate con quasi tutte le mafie locali (alias le loro care "black water") - anche se qualcuna di loro era inizialmente contraria all'idea - basta che legga notizie come questa:

    http://www.repubblica.it/cronaca/2010/04/10/news/ndrangheta_confische-3240114/

    (ovviamente nessun ispettore per questi casi, solo incoraggianti pacche sulle spalle: pat, pat ...)

    E quindi una vignetta del genere mi pare più che adeguata:

    http://www.corriere.it/foto_del_giorno/home/10_aprile_06/giannelli_cab446b0-413a-11df-a6cf-00144f02aabe.shtml

    Ma alla fine, quando l'Italia avrà un presidenzialismo più dirigista di quello francese ed U.S.A. messi assieme, le centrali nucleari modello francese e lo smaltimento delle scorie modello mafioso (dove capita capita, tanto loro di come buttare i rifiuti sotto il tappeto se ne intendono), sarà un paese migliore, ovvero avrà un sistema educativo come in Francia o le libertà civili USA degli anni '70 - '80 ?

    Ovviamente no, anzi tutto il contrario e quindi sarà solo infinitamente più triste di quello attuale (ed è tutto dire).

    Come avevo scherzosamente commentato nel 2008, dopo l'insediamento del nuovo governo, teniamoci duri, perchè il "meraviglioso" mondo di Silvio & C. è appena iniziato.

    La situazione è già da un bel po' talmente imbarazzante che hanno dovuto evidenziare la "lotta" fra il partito dell'odio e quello dell'amore (a pagamento).

    Come dire, il ribaltamento totale / speculare di quella che è la realtà; qualche esorcista saprebbe subito a chi attribuire questo comportamento.

    P.S.
    Meno male che D'Alema aveva assicurato che la storia del nuovo corso presidenzialista non si sarebbe mai attuata e che soprattutto Silvio non ci sarebbe mai arrivato a quel posto.

    Invece chissà perchè questa sicurezza non l'ho mai avuta ... nessuna preveggenza basta solo sapere come si comportano i tumori: una volta attivati, se non si fermano / stroncano immediatamente poi ci sono poche speranze per il corpo ospite.

    E poi dopo l'attentato con il "duomino" Silvio aveva subito rassicurato tutti: non mi fermeranno !

    RispondiElimina
  6. Ultim'ora


    "Governo: Berlusconi, Ho Imposto a Gelmini Nome Emma Per Sua Figlia"

    urge subito una riforma !!!

    RispondiElimina
  7. ma Lame, non è vero che questo paese adora Silviolo. Con tutte le tivvù, i lacché, le bajadere, i lecchini riesce a malapena a convincere un italiano su cinque. Il problema è che più di tre degli altri italiani non si fanno convincere neanche dalle alternative, non accettano di votare "Uno qualunque, purché non lui". Votano magari la Lega, oppure si astengono.
    Secondo me, sbagliano: ma forse neanche tanto, non bisogna votare CONTRO, ma PER qualcuno. E per chi vuoi votare, nel centrosinistra? Infatti appena qualcuno si presenta un po' meglio, con uno straccio di idea e di dignità, lo votano eccome (vedi Puglia, che pure non è certo una Stalingrado).

    RispondiElimina
  8. NIKI FOR PRESIDENT ,,,,, MA ANKE 5 STELLE ,,,,,,,,,,,,

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...