sabato 2 marzo 2013

Freak show - Un apologo teratologico


Nella loro esasperante banalità, i tedeschi che pensano alla pista di un circo ci vedono solo i clown, soprattutto quelli che lanciano strazianti chicchirichì come il Prof. Unrat de "L'Angelo azzurro". 
Invece i circhi che sono rimasti nell'immaginario di grandi e piccoli, quelli sontuosi di una volta, guidati da geniali impresari sempre alla ricerca di nuove attrazioni, avevano un lato nascosto e riservato a pochi con lo stomaco forte e vogliosi di emozioni indimenticabili. Il freak show, il baraccone dei fenomeni.
I tedeschi si concentrano sui prevedibili clown: il bianco, il matto, il nano - il cui numero sai ormai a memoria - e rifiutano di volare con la fantasia per immaginare cosa possa aver inventato la natura bizzarra giocando con braccia, gambe e teste e cosa possa aver scovato, in un sottoscala buio e puzzolente, il nostro Barnum italiano. 

Cari tedeschi, l'Italia politica non è dominata dai clown. E' qualcosa di molto più imprevedibile, mirabolante e mostruoso, nel senso del monstrum. E' un freak show, il cui pezzo da novanta è l'essere qui raffigurato. Una mostruosità doppia, nata una ventina di anni fa e con una caratteristica sconvolgente. I due esseri, che alla nascita, un 29 settembre, erano congiunti per un sottile lembo di pelle all'altezza del petto, come i mitici Eng e Chang, crescendo si sono fusi sempre di più in un'unica entità, diventando via via sempre meno distinguibili. Un unico paio di gambe dal quale si dipartono i due gemelli PD e PDL. Un caso unico al mondo.
Come in tutte le coppie di gemelli, uno dei due è il dominante e sottrae energie e volontà all'altro. Il dominante PDL è più loquace, litigioso, violento. A volte sconfina addirittura nella paranoia e si autoconvince che PD voglia danneggiarlo, separarvisi e abbandonarlo ad un triste destino.
PD, col tempo, sta diventando sempre più remissivo e condiscendente verso il fratello despota ma anche all'inizio della loro vita in comune si assunse sempre l'onere di difenderlo da ogni male che potesse capitargli.
Erano bimbi e PD si oppose fermamente ai genitori che volevano togliere la troppa televisione a PDL.
A volte però, di fronte alla protervia di PDL, il mite PD si ribella e, soprattutto davanti ai parenti, proclama di voler mettere a posto quell'insolente di PDL. Poi però gli passa e dimentica molto presto la sfuriata. Insomma, se davanti agli estranei litigano furiosamente e perfino si picchiano, i due gemelli in fondo non possono più vivere l'uno senza l'altro.

Questa è la triste vicenda di questi due esseri costretti a condividere ogni momento della loro vita, di questa povera creatura vittima della crudeltà della gente che l'ha soprannominata "Inciucio" che, ahimè, avrebbe la sorte segnata a breve, a causa del rapido deterioramento della salute di PDL, dovuto alla sua vita dissoluta.
La scienza ormai ha perso la speranza di riuscire a separare PD e PDL, unico estremo tentativo di salvare la vita al superstite PD. Poeri nani, non si intervenne quando ancora la separazione sarebbe stata possibile ed ora è troppo tardi. Speriamo solo che, quando sarà il momento, non soffrano.

12 commenti:

  1. molto senno di poi; ma adesso?

    RispondiElimina
  2. enea8818:36

    A me pare che l'obiettivo del M5S sia quello di guadagnare ancora più voti. Per questo motivo sono disposti a paralizzare il Parlamento anche per cinque o sei mesi sperando che alla fine il PD, non avendo altre opportunità, decida di coalizzarsi col PDL. Tutto questo non mi pare molto intelligente, ma da gente che ciuccia la matita copiativa non ci si può aspettare molto di più...

    RispondiElimina
  3. Adetrax20:13

    Durante il governo tecnico di Monti sia il PD che il PdL (salvo casi isolati) hanno pur votato all'unisono tutto quello che è stato proposto / fatto (pur con delle correzioni legislative in "itinere", ecc.), quindi dov'è il problema ?

    A questo punto si può rifare la domanda retorica: l'opinione pubblica ha o non ha un quadro legislativo completo di TUTTO (incluso il decreto di stabilità) quello che è stato fatto nell'ultimo anno di governo ?

    Se la risposta è no allora non c'è nient'altro da aggiungere.

    Nella gestione "politica" delle cose ci si deve sempre ricordare di motti tipo questo: "ubi maior, minor cessat" e per "minor" si intendono anche gli interessi minori, di parte, ecc.

    Kerry approva il M5S, "Goldman Sachs" è contenta, c'è qualcosa che non torna ?

    Alla fine l'inciucione potrebbe essere questo: un governo di emergenza PD + PdL con Monti che governa senza maggioranza da dietro le quinte.

    E non sperate in residui conati di coerenza, se questo inciucione produrrà qualcosa di positivo, non il +5% prospettato da Monti, ma anche solo un +2% potrete scordarvi un risultato ancora più incisivo del M5S alle prossime elezioni, viceversa se e solo se fallirà clamorosamente allora il M5S avrà ulteriori vantaggi.

    In conclusione, se non dai la fiducia non puoi neanche ritirarla (magari per far cadere il governo), in quest'ultimo caso, se sei in minoranza, conti poco o nulla.

    Come diceva un attore in un film: "Lavoratoriii ... tiè" !!!

    RispondiElimina
  4. Adetrax21:09

    Sia chiaro che la fiducia non data dal M5S è stata assolutamente apprezzabile, però il fantasticato ritorno in termini elettorali dipenderà anche da molti altri fattori nel trascorrere del tempo, incluso il comportamento dei neo-deputati e neo-senatori.

    Circa il PIL, un +2% di PIL potrebbe essere in teoria qualcosa di raggiungibile (es. nel 2014), considerando che sono state fatte parecchie "perorazioni" (Monti, PD, ecc.) verso l'Europa affinchè allenti un po' (e temporaneamente) il guinzaglio-capestro sui "cagnolini-PIIGS" ed in maniera particolare sull'Italia.

    Perchè poi questa concessione debba veramente accadere per più di qualche anno è un mistero, stante il fatto che i paesi interessati sono stati molto opportunamente classificati come PIIGS e quindi con una funzione ed un destino ben precisi, "emiri del Qatar piacendo".

    Come spesso accade, le problematiche "gravi ma non serie", hanno origini socio-genetiche ed il post in oggetto non è distante dal concetto. :-)

    La conclusione è che se ci si accontenta di uno spettacolino da circo Barnum allora non ci si deve lamentare di doversi mettere in fila e pagare pure il biglietto.

    RispondiElimina
  5. TAGA02:08

    :) articolo delizioso. Complimenti.
    Peccato che non tutti riescono a capirlo!!!

    TAGA ★★★★★

    RispondiElimina
  6. Cara amica Lameduck,

    una differenza c'è: Silvio ha capito che Krugman e le sue teorie possono salvarci. Non mi sembra che il PD abbia capito molto in merito.

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  7. Adetrax13:45

    @Davide

    "Silvio ha capito ..."

    Silvio capisce anche quando può dire una cosa e poi gestirla come se avesse detto l'opposto.

    Magari sta pensando solo ai suoi processi.

    In quanto agli esponenti del PD è assolutamente plausibile che siano perfettamente informati di tutto (così come lo erano 5-6 anni fa prima dell'arrivo della crisi) e che si stiano scervellando su come applicare la vaselina (quanta e dove).

    La storiellina del non sanno, non si rendono conto, ecc. è insostenibile per cui, se possibile, cerchiamo di evitarla.

    La conclusione è sempre quella, ovvero che le cose bisogna considerarle nella loro globalità e che per capire la situazione attuale, forse è meglio guardarla dal punto di vista "strategico-militare", altrimenti si rischia di cadere nel caso del "vuoto minerario". :-)

    RispondiElimina
  8. Caro amico Adetrax,

    "forse è meglio guardarla dal punto di vista "strategico-militare", altrimenti si rischia di cadere nel caso del "vuoto minerario". :-)"

    Mi sa che ultimamente parli un po' troppo complicato.

    Ciao Davide

    RispondiElimina
  9. Adetrax17:28

    @Davide

    "Mi sa che ultimamente parli un po' troppo complicato."

    Ma no, solo due riferimenti al solito dott. Stranamore, film che conosci perfettamente; comunque quella è una frase detta in generale, non necessariamente rivolta a te. :-)

    RispondiElimina
  10. qualche nota positiva la si può notare,senza vaneggiare di rivoluzione ma poco manca,l'esploit di Grillo ha reso i talkshow meno monocordi e la dialettica è migliorata con la presenza di più e migliori detrattori del "bisogna pagare il debito" gli integralisti son sempre in evidente difficoltà nel giustificare il loro mantra, per non parlare dei tedeschi che continuano a ripeterlo all'infinito peraltro senza alcuna argomentazione,come fosse un dogma

    ebbene sì, stasera mi son fatto del male anch'io

    RispondiElimina
  11. @Adetrax

    "Magari sta pensando solo ai suoi processi".
    Togli quel magari.

    @sergio

    Grazie.

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...