venerdì 25 luglio 2014

Loro tireranno diritto


Oggi, 25 luglio, una citazione fascista ci sta a pennello. E' la morte sua, come si dice.
I loro del titolo sono il PD e ciò che resta del PDL, ovvero il cavaliere discavalierato con le palle strette non più nella garota de Ipanema ma nella garrota della Troika, ormai ridotto a fare lo sparring partner dell'ex nemico De Maledetti. Loro sono l'avanguardia del collaborazionismo italiano, incaricato di liquidare questo paese a prezzo d'incanto per i loro amichetti delle banche d'affari internazionali tenendo al contempo il popolo sotto scacco con il buonismo piagnone, criminale e filostraccione delle damazze di San Vincenzo, che ci impone di fatto l'invasione delle truppe cammellate. Perché questa è una guerra che solo in parte si sta combattendo sul fronte finanziario. Per l'occupazione materiale del territorio si impiegano ancora i vecchi metodi. L'importante è non chiamarli invasori ma migranti. Poveri battilocchi, se pensate che un esercito di invasione si accontenti solo dell'accoglienza parrocchiale, del maccherone incellofanato e dei dieci euro di ricarica. Il fatto che ad ogni angolo vi vogliano appioppare le collanine e gli specchietti non vi ricorda nulla? Chiedevi chi sono i selvaggi, gli indiani, questa volta. 

Ieri intanto è successa una cosa fantastica. Non mi riferisco alla marcia verso il Quirinale delle opposizioni stufe delle tagliole sulla riforma del Senato che, una volta giunte al colle, si sono fatte ricevere da un sottocoda qualsiasi perché 'O rre probabilmente era troppo invischiato nei propri sfaceli e non hanno nemmeno convocato la stampa estera per denunciare lo scandalo. 
Già questo vi fa capire con chi abbiamo a che fare, purtroppo da entrambe le parti. Perché, si, dài, SEL, fammi godere, fammi credere che ora fai l'opposizione al PD! Per quanto riguarda l'inquilino, ci furono altri che rifiutarono di ascoltare il popolo e leggerne i cahiers de doléances e il seguito è nei libri di storia. Parla di ghigliottine, più che di tagliole; di cannonate e lavori a maglia, più che di primarie e feste dello gnocco fritto.
No, non parlo di questo. La cosa fantastica è che ho visto un TG che normalmente non parlerebbe di Gaza nemmeno sotto tortura, aggrapparsi disperatamente ai morti palestinesi nella speranza che offuscassero lo stupro della democrazia in Italia rappresentato dal comportamento del governo. Poro Mentana e pora LaSetta, che pena mi fate. 

Tornando all'oggi, 25 luglio, la Repubblichina titola "Riforme, Renzi: 'Vado avanti. No alla dittatura della minoranza", il che fa capire quale idea distorta, questa si allucinatoria, cara ministrina, della democrazia abbiano. Quando mai una minoranza ha instaurato una dittatura? Casomai una maggioranza come quella attuale, bulgara e delirante del PD.
Loro tireranno diritto, appunto, e non è fantastico che non vi sentiate per niente minacciati? Certo, il simpaticone toscano con l'espressione un po' così, diciamo da ipersedazione, e l'acquacheta dama del Palio con gli occhioni manga non sono mica un generale cileno o una guardia rossa maoista. Eppure sono altrettanto pericolosi.

13 commenti:

  1. Questo ti "piacerà" (da cit. di Sil-viar)
    http://coreyrobin.files.wordpress.com/2013/07/thatcher-to-hayek.pdf

    RispondiElimina
  2. Fantastica! Non ho potuto fare a meno di leggerla ad alta voce imitando la voce di Maggie.
    Cosa c'è in questa lettera? Una sincera liberista, certo, ma mica fessa. E soprattutto inglese, della serie gli inglesi non si inchineranno mai a nessuno, compresi i nostri idoli ideologi economici. Con quel senso dell'humor capace di dire cose spiacevolissime facendo credere di dirne di gradevoli e compite.
    Caro Hayek, dice Maggie, comunque l'euro puoi tenertelo, thank you.

    RispondiElimina
  3. Anonimo10:45

    Chi è che dice che la Storia non si ripete?

    Dopo quasi un secolo un nuovo fascismo si riaffaccia nel nostro paese. Un fascismo 2.0 riadattato e modificato ai nostri tempi. Ma sempre di fascismo si tratta. La sostanza è quella. Leggendo i commenti in vari siti di informazione, ho notato una malsana voglia di dittatura. Addirittura gente che la reclama la dittatura, che la vuole... la desidera. Questi sono i risultati della più grave crisi economica che l'Italia abbia mai avuto in tempo di pace a cui dobbiamo sommare il fatto che una buona fetta di italiani è profondamente fascista. Sono ben felice di non aver fatto figli. Il loro futuro sarebbe stato NERO, in tutti i sensi.

    Zugzwuang

    RispondiElimina
  4. Preferisco il generale cileno. Almeno quello non si vergogna di apparire per il bastardo che è.

    RispondiElimina
  5. La dittatura della minoranza fa il paio con i dati economici che non incidono nella vita quotidiana (lo trovate qui per esempio).
    Pittibimbo sembra attraversare un momento di particolare ispirazione;d'altra parte,per gli happy few,questi sono happy days.

    RispondiElimina
  6. Mi sfugge perchè conservare una camera elettiva!
    Non si può tener valido il risultato delle europee, con un premio di maggioranza che attribuisca il 100% dei seggi a chi ha raggiunto la soglia del 40,8%, e pescare ogni 5 anni dalla graduatoria come si fa per i concorsi pubblici? Vuoi mettere il risparmio e lo snellimento del processo legislativo?
    Proporrei per la Camera così riformata il nome di Bivacco De' Manipoli Sordi e Grigi.
    A titolo di check and balance si potrebbe rendere vitalizio l'incarico di presidente del consiglio e sempiterna la carica di Presidente della Repubblica. In caso di morte o sopravvenuta incapacità del medesimo sarà sufficiente conservare la fotografia negli uffici pubblici, mentre i compiti e le prerogative della carica passeranno direttamente al Padre Costituennte di Arcore, con esplicita riflessività del potere di Grazia e trasmissione dinastica della carica secondo la legge salica.
    Per rappresentarci in Europa penserei a un discendente diretto del conte Ciano, a patto che il 25 luglio di ogni anno si impegni a prendere una giornata di ferie e ad astenersi da qualunque attività politica (non si sa mai)!

    RispondiElimina
  7. Ora ditemi voi se questi passaggi non risultano "attuali".
    Dal libro "The Anatomy of Fascism" di Robert O. Paxton

    What Fascists Offered the Establishment

    In a situation of constitutional deadlock and rising revolutionary menace, a successful fascist movement offers precious resources to a faltering elite.
    Fascists could offer a mass following sufficiently numerous to permit conservatives to form parliamentary majorities capable of vigorous decisions, without having to call upon unacceptable Leftist partners.

    The fascists offered more than mere numbers. They offered fresh young faces to a public weary of an aging establishment that had made a mess of things.

    The fascists also offered another way of belonging—deeper commitment and discipline in an era when conservatives feared dissolution of the social bond."

    PS

    Oh cielo, torna il fascismo e non so cosa mettermi!

    Chinacat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo18:32

      Consiglio uno spezzato. E' buono per tutte le occasioni, non è impegnativo... insomma fa la sua figura :-)))


      PS: E' da un bel po di tempo che non vedo i miei amici di Ravenna. Chissà quante minchiate, parlando di politica, mi direbbero. E dopo le mie risposte mi toglierebbero il saluto. Quindi menomale che non li vedo! Ho litigato con un mio carissimo amico ( bocconiano ). Ha ricevuto una mia e-mail piena di insulti verso il suo semi-dio Monti. Da allora è praticamente scomparso. Sto facendo terra bruciata intorno a me!!


      Zugzwuang

      Elimina
  8. marcello14:42

    All'inizio degli anni Settanta, parlando con una giovane amica, "compagna" del PCI (e prestissimo "sistemata" in un'azienda pubblica "rossa"), dissi che il prossimo Mussolini (nato in seno al Partito Socialista) sarebbe uscito dal Partito Comunista. Naturalmente me ne disse di tutti i colori, sostenendo che "non conoscevo il PCI". Beh, ci sono voluti più quarant'anni (e due o tre cambi di nome del Partito), ma ci stiamo arrivando. Aver visto lontano, purtroppo, non è sempre una soddisfazione.

    RispondiElimina
  9. Io credo che la figura da analizzare a fondo (senza voler fare troppa "dietrologia" :-) sia la Maria Elena.
    Che piglio accipicchia, Non vuole assolutamente che si dica che il partito più democratico di tutti, quello che ha fatto delle primarie un vanto, quello che difende i deboli, quello intriso di cultura, quello che promuove l'integrazione fra culture e un sacco di altra roba simile, ha svoltato verso l'autoritarismo. Eh no cari miei, questa cosa è una bugia assoluta. E ha anche avvisato tutti quanti, che le bugie in politica non portano da nessuna parte.
    Poverina, ci è rimasta male davvero; ma come?! lei si sta sacrificando per il paese--tanto che è single per virtù di abnegazione alla causa-- e la si ripaga mettendo in giro certe voci?! Che qualcuno potrebbe anche crederci!!?

    Per un attimo ho creduto che perdesse la pettinatura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che potesse perdere....ok....

      Elimina
  10. Anonimo15:12

    " Poveri battilocchi, se pensate che un esercito di invasione si accontenti solo dell'accoglienza parrocchiale, del maccherone incellofanato e dei dieci euro di ricarica. Il fatto che ad ogni angolo vi vogliano appioppare le collanine e gli specchietti non vi ricorda nulla? "

    Cioè scusate cosa vuol dire ?!! Che gli immigrati oltre a favorire l'abbassamento salariale favoriranno anche altro ?!!
    grazie.

    RispondiElimina
  11. Interessante !!! La Discoteca Feeling è leader nel sabato notte a Saluzzo , Cuneo.
    Il Just feeling è aperto tutti i sabati da settembre a maggio

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...