mercoledì 25 luglio 2012

Daje all'icona


Ma no, figuriamoci. Questo post è una ripetizione di cose già dette e quindi potete anche saltarlo, ma ci tengo a mettere le cose in chiaro una volta per tutte.
Lo ripeto, quindi. Io non scrivo per provocare, così le amichette di Facebook non mi lovvano più, mi cancellano ed io piango abbracciando la mia Hello Kitty di peluche.
Non scrivo copiando le idee dei maschi beta (ho letto addirittura questo, seguendo un backlink). Il sogno della mia vita non è diventare l'icona dei maschilisti ed ispirare i nemici delle femministe che poi usano i miei articoli come la musica di Ludovico Van quando vanno a molestarle sui blog. Non scrivo per difendere gli uomini kamikaze e terroristi che invece devono crepare tutti a Guantanamo obbligati a guardare "Il corpo delle donne" in loop come Cura Lorella e torturati dalle canzoni di Laura Pausini* a tutto volume. Non è per tutto questo che scrivo. Assolutamente no.

Se a volte scrivo pezzi come "I vaniloqui della vagina" è perché trovo idiote le battaglie PontiSex contro il sessismo in pubblicità, contro il linguaggio sessista a base di "autora" "dottora" e "architetta" e perché soprattutto mi dà sui nervi il principio che se hai una passera allora hai sempre ragione come la ducia. Lo faccio perché ho tutto il diritto di farlo, in quanto donna e parte in causa.
Scrivo perché rifiuto la logica paranoica e assolutamente ideologica che ha fatto diventare il fenomeno della violenza contro le donne una vera e propria industria dell'olocausto femminile, chiamando femminicidio ogni atto che non sia di sottomissione al diktat "la donna è sempre vittima".

Scrivo perché rifiuto il ricatto psicologico verso la "donna che odia sé stessa", rifiuto l'accusa di negazionismo lanciata dalle industrialesse del femminicidio e tutto il ciarpame propagandistico nel quale si è ultimamente incistato il femminismo. 
Femminismo che non è più forza dinamica e progressista capace di cambiare la società ma è loggia di ragazzette aggressive e settarie che ripetono slogan a pappagalla assieme a vecchie carampane coperte da un terrificante burka mentale intessuto di odio incancrenito per l'uomo e di un esagerato amore per la donna, che a volte rasenta l'amore cieco.  Le vecchie friggono i cervellini alle giovani ed entrambe non si rendono conto di essere manipolate dal potere che non aspetta altro che i soggetti più attivi della società si impegnino in giochi di ruolo inutili invece di impegnarsi a rifondare questo sistema in disfacimento. E intanto il vero femminismo, quello costruttivo e non distruttivo, va ad operatrici sessuali.

Soprattutto scrivo perché, da psicologa, non sopporto che le parabolane, le squadriste di questo fascismo rosa, vogliose di menare le mani perché non si è più capaci di usarle per accarezzare, pretendano, da un pulpito di assoluta ignoranza delle dinamiche psichiche, di spiegare fenomeni complessi come la violenza che affligge i rapporti interpersonali. Fenomeni che hanno componenti individuali, collettive e sociali inscindibili. Veramente, certi ragionamenti da cervellini verdi fritti non si possono sentire e purtroppo in rete diventano verità rivelate in pasto al pubblico, imposte con il manganello a chi osa dissentire. Per fortuna non sono la sola che lo nota.
Inoltre, lo dico anche per vissuto personale, per superare le esperienze negative con gli uomini l'unica strada è la riconciliazione con essi, con la parte migliore di loro e che ne è la maggioranza. Se volete che una ragazza non guarisca più dalle ferite della violenza mettetela tutto il giorno a parlare con chi è convinta che gli uomini siano pericolosi scarafaggi da schiacciare. Questo è ciò che penso.

Se tutto ciò non vi sta bene, nessuno è obbligato a leggermi e tanto meno ad essere d'accordo. Però lo ripeterò finché avrò fiato in gola: la guerra dei sessi è una stronzata. 


(*Pausini non è un icona femminista ma personalmente la ritengo un ottimo strumento di tortura.)

6 commenti:

  1. @Lame

    scrivi perchè se non ci fossi bisognerebbe inventarti ed io ti apprezzo non perchè sono maschio ma perchè la pensiamo allo stesso modo sulla Pausini ;-)

    RispondiElimina
  2. siam, ovvero silvano amadori13:23

    ...per superare le esperienze negative con gli uomini l'unica strada è la riconciliazione con essi, con la parte migliore di loro...

    ottimo. e viceversa, naturalmente

    RispondiElimina
  3. Senti friulano, smetti di rompere il cazzo.

    Il maggiordomo

    RispondiElimina
  4. alex6702:45

    ciao lameduck
    seguo da poco il tuo blog e lo trovo molto interessante...
    ammetto che gli uomini beta li trovo un pò forzati nelle loro affermazioni, cmq molte loro battaglie le condivido...
    volevo segnalarti un articolo uscito oggi sul fatto quotidiano online, dove si parla della misoginia maschile
    tra i commenti c'e una certa anonima italiana che contesta duramente l'operato di certi centri antiviolenza...
    l'autrice del post per tutta risposta dopo aver difeao questi centri (di cui è presidente) chiede ad anonima il suo nome e di non nascondersi dietro un nick
    perchè lei si e gli altri no ? io l'ho trovata una cosa grave, come una minaccia per aver osato criticare...
    vorrei sapere che ne pensi di questo, e cosa ne pensi dei centri antiviolenza, certe accuse sono fondate o meno secondo te ?

    RispondiElimina
  5. Caro Alex67, sono andata a leggermi l'articolo del Fatto. Un insieme dei soliti slogan che oggi sono tanto di moda: sessismo, femminicidio, questione di genere, violenza sulle donne come se fosse l'unica violenza esistente, ecc.
    Il commento di Anonima italiana lo condivido, avrei potuto scriverlo anch'io e anch'io penso mi sarei beccata la risposta piccata dei due autori. Il fatto è che non tollerano critiche ad una visione del mondo che è incredibilmente ristretta. (Purtroppo questo è il vizio anche della controparte estremistica maschile.)
    Insomma, dire, come ha detto Anonima, che le donne sono le peggiori nemiche delle donne sul posto di lavoro (io stessa ho dovuto difendere con i denti il mio posto di lavoro che una donna voleva togliermi a tutti i costi solo per cattiveria)è una verità che fa male.
    Ridicola veramente poi la storia dell'anonimato. Con Facebook si può scoprire facilmente l'identità dei blogger, e non vedo perché non sia un diritto per tutti in rete usare un nick.
    Sui centri antiviolenza mi pare di avere accennato qualcosa nel post. Forse a volte sono gestiti da persone che, invece di risolvere il problema, lo peggiorano, appesantendolo con contenuti politici e ideologici. Le peggiori violenze possono essere superate se si capisce che i violenti non sono la regola, ma l'eccezione, e che esistono persone meravigliose con le quali si possono costruire bellissimi rapporti. Capirai invece che affidare una ragazza violentata a chi ritiene che gli uomini siano tutti stupratori non può assolutamente aiutarla a superare il truama. Non succederà sempre così, nei centri antiviolenza, per carità, ma potrebbe, visto l'estremismo separatista che sta affliggendo il femminismo.

    RispondiElimina
  6. Il punto è che nel nostro Paese molto più che in altri esiste una posizione dominante del maschio nei confronti della femmina, che investe tutti i campi dell'esistenza umana, dalla sessualità al lavoro.
    Chiamalo come vuoi, maschilismo, machismo, patriarcato, ma il problema esiste. L'agitarsi scomposto degli ambienti intellettuali femministi, che hanno prodotto SNOQ, i neologismi e altre inutilità del genere, hanno almeno il pregio (forse l'unico) di aver acceso la luce.
    Poi manca completamente la consapevolezza che, se i maschi sono così, è perchè le madri hanno perpetuato questa forma mentale.
    E la quasi totale mancanza di volontà nel coinvolgere il "carnefice"

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...