mercoledì 4 marzo 2009

Hanno la faccia come l'Inter

L’Inter quest’anno si è vista condonare una mappata di gol di mano da far impallidire Maradona. Ormai il ben noto culo di Sacchi è offuscato da quello di Mou-ghigno.
Eppure, secondo il noto principio del proiettare le colpe sugli altri per alleviare le proprie, gli arbitri sarebbero ancora asserviti alla sudditanza psicologica nei confronti della Vecchia Signora. Come se nulla fosse cambiato da tre anni a questa parte.

Con tutta la buona volontà e pur armandomi di traduttore simultaneo di supercazzole in italo-porto-genovese, non sono riuscita a capire un tubo del cosiddetto ultimo sfogo-scandalo di José Mourinho, ovvero Mr. Simpatia, alias l’anti-Joker, l’uomo che non deve ridere mai.
Non ho capito nulla tranne una frase, che nelle migliori supercazzole è sempre quella fondamentale, ovvero che la “Giuve” ruba le partite, e non capisco dove siano lo scandalo e la novità. Mou-ghigno non ha fatto che ripetere, per il solito gioco interista del chiagni e fotti, una verità che, a furia di ripeterla è diventata leggenda metropolitana, più famosa del coccodrillo nelle fogne di New York, e cioè che l’unica squadra disonesta nel calcio italiano è la Juve, anzi la Giuve.
Mou-ghigno l’ha però ammesso, è stato intellettualmente onesto. Ciò che ha detto lo ha detto per dovere contrattuale. Lui parla con i giornalisti perché costretto, perché lo pagano per rilasciare interviste. Quindi anche lui è una prostituta. Di alto bordo, oltretutto.

Questa storia della Juventus che ruba e continua a rubare nonostante un anno di serie B ed incalcolabili danni economici è un cliché come quello dei comunisti che mangiano i bambini. E’ il pianto che precede l’inchiappettata praticata sul calcio italiano dalle squadre che veramente hanno rubato, ma alla grande, alla maniera dei Madoff, in guanti ultragialli e con le altre complici che reggevano il sacco ben contente di rimetterci al massimo un paio di punti ma non certo la Champions, perché quelli sono soldi, mica scudetti.
La Juve in passato ha rubato ma la bravura delle sue rivali è stata quella, disponendo di megafoni a sufficienza, di far credere che è stata la sola a farlo e che continuerà a farlo in eterno, mentre loro fanno e faranno di peggio. Basta spegnere i megafoni ed accendere i jammer.

La storia dei due scudetti strappati alla Juventus, pur essendo stati vinti sul campo, per consegnarli ad una squadra che aveva dalla sua parte tutto l’apparato Telecom delle intercettazioni telefoniche che, per pura combinazione, hanno fottuto Moggi e soci ma risparmiato le telefonate nelle quali parlavano i dirigenti nerazzurri, grida vendetta.
Come grida vendetta il fatto che a ripulire il mondo del calcio in quell’ormai lontano 2006 fosse stato chiamato un liquidatore molto speciale, un ex dirigente Telecom (intercettazioni) nonché, ma questi sono dettagli nel Regno Italico del Conflitto di Interessi, ex dirigente dell’Inter, della squadra cioè beneficiaria ultima del doppio furto con destrezza di scudetto.
In pratica il commissario straordinario della FIGC che ha gestito calciopoli, Guido Rossi, ha assegnato uno scudetto che doveva essere semplicemente revocato e non riassegnato, nientemeno che alla sua squadra del cuore. Siamo sinceri, e diamo a Silvio ciò che è di Silvio, Berlusconi non è mai arrivato a tanto con il Milan.

Questo stimatissimo e costosissimo avvocato milanese di 78 anni, professore emerito di Diritto al quale è toccato in sorte pure di avere sotto esame Barbara Berlusconi, è uno che di solito arriva, rimette in sesto aziende e gruppi industriali, redime questioni finanziarie e quant’altro e se ne vola via come un supereroe. Tra le sue opere figurano il risanamento del gruppo Ferruzzi e la guida di Telecom negli anni della privatizzazione, con qualche ombra legata ai fatti di Telekom Serbia. Più recentemente era stato consulente per Abn Amro per la conquista di Antonveneta, contro Fazio, Fiorani e i furbetti del quartierino, poi travolti dalle intercettazioni telefoniche (sempre loro). Ha anche contribuito a risolvere la questione del controllo della BNL.
Nonostante passi tutto il suo tempo tra denaro e capitalisti, passa per uomo di sinistra e fu anche eletto senatore indipendente del PCI nel 1987. E’ stato consulente di grandi gruppi come la Montedison e l'Inps, legale di Mediobanca, nel CdA delle Assicurazioni Generali e presidente della Consob. Ha avuto un lungo contenzioso con Silvio Berlusconi ai tempi delle guerre mondadoriane contro Carlo De Benedetti. Forse parlare di "mister poteri forti" è una parola grossa, però ci siamo vicini.

Nella notizia del 16 maggio 2006 che annunciava la sua nomina alla Figc, vi era conferma della sua fede calcistica: “Nota di colore, Guido Rossi è tifoso dell’Inter” (AGI/DS). Sul Guido Rossi tifoso da curva sempre con sciarpa nerazzurra al collo circolano gustosi aneddoti, come quello raccontato da Milly Moratti: “E’ un uomo passionale, tutt'altro che compassato. Ricordo un gol importante dell'Inter e ho in mente la sua reazione: si alzò e baciò e abbracciò mio marito Massimo. Rimasi colpita da quella reazione istintiva. Ma l'uomo è fatto così: un grande impasto di razionalità e umanità che calamita simpatia”.
Il giorno dopo la nomina, il presidente di Telecom Tronchetti Provera, sponsor e tifoso illustre dell'Inter, dichiarava: “Il calcio deve ottenere 'chiarezza' in tempi rapidi e poi, cosi', potra' 'voltare pagina' e ripartire. Credo che con Guido Rossi sia possibile”'.

Rossi però, oltre ad essere tifoso interista, è stato effettivamente nel consiglio d'amministrazione del club di via Durini dal 1995 al 1999, nella prima fase dell'era Moratti. Ha elargito i suoi preziosi consigli riguardo al contratto di Ronaldo ma non solo; ha rappresentato Inter, Milan e Juventus nella guerra per i diritti televisivi scatenata dalla Fiorentina e dal consorzio Calcio Italia. E pensare che Diego Della Valle per un certo periodo era stato anche lui nel CdA dell’Inter. Pare che la ruggine con Rossi risalga a quell’epoca.

Quando è diventato commissario straordinario della Figc, all’onorevole di Forza Italia Paniz che gli aveva chiesto conto del possibile conflitto di interessi, come ex componente del CdA dell'Inter, Rossi ha replicato: 'Il fatto che io sia stato per un brevissimo periodo [quattro anni, ndr] nel Cda dell'Inter e che io sia amico personale di Massimo Moratti non c'entra niente. Moratti da quando ho assunto questo incarico per la sua estrema delicatezza non mi ha più neanche telefonato...'

Ma facciamo un passo indietro e cioè a prima che scoppiasse lo scandalo di calciopoli, a quando, cioè la Juventus rubava a man bassa e, difficile a credersi ma è così, l’Inter e il Milan fecero di tutto per acquistare i favori di Moggi, Giraudo e Capello (quest’ultimo uscito indenne dallo scandalo), ovvero della Banda Bassotti in persona. Probabilmente allo scopo di redimerli come fa Don Mazzi con le prostitute e ricondurli sulla retta via oppure, ma questa è sicuramente una malignità, per far fruttare gli investimenti fatti fino a quel momento in giocatori e risorse senza vincere nulla.
La prima notizia è da Repubblica del 5 ottobre 2005 :
“… I contratti di Antonio Giraudo e Luciano Moggi sono in scadenza nel prossimo anno: difficile che restino in bianconero. […] Ma dove andranno? Giraudo potrebbe lasciare il mondo del calcio oppure sistemarsi in uno dei due club di Milano: è molto stimato e rispettato anche a livello politico (è amico di Piero Fassino), mentre Berlusconi lo considera uno dei migliori dirigenti del calcio. Ma mai il premier entrerebbe in rotta di collisione con Adriano Galliani, suo amico da 25 anni. A meno che Galliani non vada "solo" in Lega Calcio, ipotesi al momento da escludere perché Galliani al Milan è legato visceralmente. Quindi, è più probabile che Giraudo vada a fare l'amministrazione dell'Inter, con pieni poteri”.
Il 21 aprile 2006 TGCom pubblica la seguente intervista con Tronchetti Provera :
”L'ennesimo fallimento in campionato e Champions League potrebbe dare il la a una vera e propria rivoluzione in casa nerazzurra. Secondo indiscrezioni, infatti, Massimo Moratti e Marco Tronchetti Provera starebbero meditando un colpo clamoroso: portare all'Inter la "triade" bianconera Moggi, Giraudo e Capello. Intanto, l'azionista nerazzurro ha negato qualsiasi volontà di rilevare il club: "Non ci ho mai pensato".
La voce circola già da un po' di tempo, soprattutto per quanto riguarda Moggi e Capello, ed ora pare che stiano iniziando le trattative vere e proprie. Nella serata di giovedì Marco Tronchetti Provera, il socio di Moratti alla guida dell'Inter, avrebbe incontrato il dg bianconero. I temi della conversazione sono segreti, ma pare si sia parlato proprio di un trasferimento in blocco della triade (Giraudo-Moggi-Capello) da Torino a Milano, sponda nerazzurra.
Il tecnico è l'uomo su cui il "signor Pirelli" vorrebbe puntare per il rilancio della squadra, dopo l'ennesimo fallimento stagionale, mentre il dg è stato uno degli obiettivi di mercato di Massimo Moratti negli ultimi anni, identificato come il dirigente in grado di portare un cambiamento radicale nella gestione dei rapporti con la squadra.
La Triade ha giurato fedeltà alla causa bianconera solamente poche settimane fa, ma le contestazioni della curva durante la sfida di Champions contro l'Arsenal e i recenti malumori dovuti alla scarsa condizione atletica della squadra nel finale di campionato hanno aperto nuovi scenari. La loro permanenza alla Juventus non è più così sicura e cercare di portare l'Inter ai fasti del passato è sicuramente una sfida che li attira. Per quanto riguarda la proprietà, invece, pare ormai certa la conferma di Moratti, anche per mancanza di alternative valide. Tronchetti, il candidato numero uno a rilevare il club, ha infatti escluso la possibilità di subentrare al petroliere: "Non ho mai pensato di rilevare l'Inter" ha detto.”
Poi improvvisamente il terremoto. Il 2 maggio, come si legge in questo articolo: “La Federcalcio, dopo indiscrezioni pubblicate da alcuni quotidiani, rende noto che l’Ufficio Indagini ha già lavorato su episodi di presunta corruzione nel mondo calcistico e arbitrale. Si parla di intercettazioni telefoniche compromettenti.”
E’ l’inizio di Calciopoli e dell’operazione di pulizia mortuaria che terminerà il 15 luglio con la sentenza di primo grado della CAF. Tutti a dire che da quel momento il calcio non puzzerà più di cadavere ma odorerà di rose e garofani.

A seguito della sentenza che puniva Juventus, Fiorentina e Lazio e graziava parzialmente il Milan, in un articolo sul “Tirreno” il compianto Enzo Biagi andò giù pesante:
"Una sentenza pazzesca, e non perchè il calcio sia un ambiente pulito. Una sentenza pazzesca perchè costruita sul nulla, su intercettazioni difficilmente interpretabili e non proponibili in un procedimento degno di tal nome, una sentenza pazzesca perchè punisce chi era colpevole solo di vivere in un certo ambiente, il tutto condito da un processo che era una riedizione della Santa Inquisizione in chiave moderna. E mi chiedo: cui prodest? A chi giova il tutto? Perchè tutto è uscito fuori in un determinato momento? Proprio quando, tra Laziogate di Storace, la lista nera di Telecom, poi Calciopoli, poi l'ex Re d'Italia ed ora, ultimo ma non ultimo, la compagnia telefonica Vodafone che ha denunciato Telecom per aver messo sotto controllo i suoi clienti. Vuoi vedere che per coprire uno scandalo di dimensioni ciclopiche hanno individuato in Luciano Moggi il cattivo da dare in pasto al popolino?"
Forse Biagi esagerava, noi tifosi siamo naturalmente paranoici e Moggi non è esattamente una mammoletta ma certe coincidenze e nomi ricorrenti fanno pensare a quel maledetto conflitto di interessi che non si riesce mai a regolamentare in Italia e che fa sempre fare brutti pensieri.
Se di mezzo ci sono le intercettazioni e quindi i telefoni, e chi possiede i telefoni è nel CdA di una squadra, e chi potrebbe trovarsi a giudicare quella squadra è l’avvocato di quello dei telefoni e amico del presidente della squadra, c’è o non c’è di mezzo un conflitto di interessi, come dice l’on. Paniz di Forza Italia? E non diciamo da che pulpito viene la predica perché le regole valgono per tutti, per Berlusconi e per qualunque altro cittadino.
Intanto veniamo a sapere che Moratti non usa il telefono per chiamare gli amici, non si sa mai.

OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

42 commenti:

  1. Anonimo21:23

    bla bla bla!

    RispondiElimina
  2. cobolli22:01

    cari juventini ladri siete e ladri resterete, nn stiamo a raccontarci fregnacce

    RispondiElimina
  3. Gianni Rivera22:08

    cari merdazzurri, ma lo sapete che quando morirete ed andrete all'inferno troverete tutti diavoli rossoneri ad aspettarvi?

    RispondiElimina
  4. Anonimo08:02

    siamo alla frutta eh?

    RispondiElimina
  5. Anonimo08:41

    Brutto stare dietro, eh?

    RispondiElimina
  6. Gianni Rivera08:58

    Accidenti che commenti intelligenti! E soprattutto argomentati. Proprio da interisti.
    Lame, non lo sai che già la Gazza li manda in crisi perchè c'è troppo da leggere?

    RispondiElimina
  7. Anonimo09:07

    Primo (e probabilmente unico ) post in cui sono completamente d'accordo con te .
    Prova che anche fra due che vedono il mondo in modo completamente diverso c'è qualche punto di contatto :-)) .
    A me comunque Mourinho è l' unica cosa che piace dell' Inter . ( oltre Ibra ) .

    Ormazad

    RispondiElimina
  8. Lameduck: che un po' tutti ci stiano in mezzo, nelle questioni calcistiche è chiaro. Non è che fanno TE presidente dell'inter, fanno Moratti, di una famiglia di petrolieri.
    Ma Mourinho ha ragione. Le sviste arbitrali pro Juve sono piu' frequenti che per altre partite.

    E del resto le "amicizie particolari" tra gli juventini e gli arbitri è una tradizione di lunga data, ne parlava già Elio nel 98
    http://www.youtube.com/watch?v=GRlt6FPjXSw
    E diciamolo: gli Agnelli sono tradizionalisti, non abbandonano nè la tradizione di essere generosi quando qualche arbitro compie gli anni, come non abbandonano la tradizione di mettere in cassa integrazione gli operai a spese dle contribuente...
    ciaociao
    cloro

    RispondiElimina
  9. @ ormazad
    oh, finalmente qualcuno che articola un commento al di là di due grugniti! Grazie.
    A me invece Mourinho sta sulle palle, uno che dice "io sono troppo bravo"...

    @ cloro
    ehehe, mi citi Elio che è interista... Guarda Cloro che se leggi i fatti, al di là di Juve, Inter, Milan eccetera, al di là del fatto calcistico, è stata una grandissima porcata dove le intercettazioni sono state utilizzate a scopo ricattatorio. (C'entra nulla la centrale di Tavaroli?) Come dice Biagi, hanno creato calciopoli per nascondere altro marciume. E poi, lo so che sei interista ma porta pazienza e sopporta il male ;-) non ti sembra ENORME che un ex dirigente dell'Inter sia stato chiamato a riassegnare gli scudetti proprio alla sua squadra del cuore?
    Sii sincera, se l'avesse fatto il nano con il Milan, Travaglio ci avrebbe fatto un libro.
    Non ti sembra il monumento al conflitto di interesse? Però, siccome uno degli articoli della Costituzione italiana è "la Juventus ruba", non ci accorgiamo che questo tipo di porcata un giorno la fanno ad una squadra di calcio ma tutti i giorni la fanno a noi.
    A me della Juve frega fino ad un certo punto. Si è utilizzata una centrale spionistica per fare un golpe nel mondo del calcio. Ora vogliono proibire le intercettazioni. Cosa ne ricavi? Che le intercettazioni le vogliono controllare solo per i loro interessi. Questo riguarda tutti noi, non i tifosi.

    Sulla sudditanza psicologica degli arbitri ci sarebbe da discutere un anno intero. C'è sempre stata e sempre ci sarà per le grandi squadre. Ieri sera Zanetti andava espulso ma l'arbitro non l'ha fatto. E' normale....

    RispondiElimina
  10. e te non sei juventina NOOOOOOOOO
    simpatizzi solo contingentemente...

    Solo una juventina (e anche abb fanatica) puo' difendere la juve che s'è inchiappettata goal per VENT'ANNI.
    Ora tutto quello che dici sugli inciuci (generali) su Travaglio(se non scrivesse libri sul milan,qualora beccasse un inciucio di galliani, è solo perchè sarebbe BILANISTA), sulle intercettazioni sono d'accordo, ma cio' non toglie che la juve è stata una gran LADRA e almeno 2 scudetti ce li ha inculati ladrando.

    Quindi non dire che non sei juventina perchè la juve è oggettivamente INDIFENDIBILE

    RispondiElimina
  11. complimenti ottimo post!!!

    per cloro: la canzone ti amo campionato oggi potrebbe essere rigirata con estrema facilità all'inter... purtroppo ggli Eli non lo faranno mai vista la fede perdazzurra ;)

    forza Juve!

    RispondiElimina
  12. Come comunista e anti-interista, godo nel vedere che gli interisti commentano usando la stessa educazione e le stesse argomentazioni dei destrorsi.

    RispondiElimina
  13. Seguo poco il calcio calciato, pochissimo quello parlato ma la tua documentata ricostruzione dei fatti mi ha intrigato, l'ho letta e devo dire che m'è parsa interessante.
    In linea con certa parte d'Italia.

    RispondiElimina
  14. secondo me non avete capito quale fosse il vero obiettivo dello sfogo di Mourinho: non la juve o il Milan in quanto squadre, ma l'utilizzo dell'informazione per manipolare l'opinione pubblica che in italia avviene a tutti i livelli, principalmente a quello politico. Mourinho ha detto ciò che tutti all'estero pensano dell'Italia e che qua nessuno ha il coraggio di dire.
    "Questo non è il mio mondo", in poche parole "il sistema italia" non è il suo mondo.
    Ha fatto più opposizione lui in una conferenza stampa che il centro sinistra in dieci anni.
    Ha detto quello che nessuno dice: che l'informazione è manipolata, che ci raccontano solo cosa vogliono farci credere, che è in atto un nuovo minculpop. Di fronte a tutto questo il lato sportivo passa in secondo piano.

    RispondiElimina
  15. Un post un po' diverso dal solito.

    Oggettivamente non saprei cosa scrivere: del calcio me ne fotto perche' non mi piace.

    Sono solo rimasta sorpresa nel vedere due delle blogger piu' capaci dell'universo blog italico litigarsi per degli stendardi...

    Stendardi che poi,come la si rigira, appartengono allo stesso gruppo di colori: quello dei soldi (per loro) e della droga mediatica (per i babbei).

    Interessante, invece, il discorso di Lameduck sulle intercettazioni e credo che, del post, andrebbe sviluppato questo punto piu' che le solite battutine su chi e' piu' bravo e chi ce l'ha piu' lungo.

    RispondiElimina
  16. @ Chiara di Notte - Klàra
    voler commentare sempre su tutto e/o su tutti si rischia di apparire dei piccoli 'Sgarbi': ma perché emulare questi nefasti esempi italici?
    A volte il silenzio è d'oro e soprattutto risulta più educato e non antipaticamente saccente... o no?
    Saluti
    Luciano Bubbola

    RispondiElimina
  17. STRAQUOTO nicola andrucci.
    Quando mourinho ha parlato di prostituzione culturale ha detto una verità evidente. E l'ha fatto in un contesto che parla alle masse.
    E poi quelli che corrompono gli arbitri sono solo la diretta conseguenza di questa prostituzione.

    RispondiElimina
  18. Capolista19:40

    Una caterva di commenti non uno che si ricorda degli insulti razzisti a Ballottelli.
    http://www.tuttosport.com/calcio/serie_a/roma/2009/03/03-20157/Buu+razzisti+a+Balotelli,+multata+la+Roma

    Cerco capisco che non ci si può aspettare molto da Juventini nel cui clan e dirigenza possono vantare fior di signori come Lapo Elkann che dopo esser stato trovato in overdose nel letto di un travestito, anzichè tenere un profilo basso si mette a dare consigli di strategie di immagine a Mourinho: "Mourinho presuntuoso e arrogante. Come uomo-spettacolo ha molto da imparare".

    RispondiElimina
  19. voler commentare sempre su tutto e/o su tutti si rischia di apparire dei piccoli 'Sgarbi': ma perché emulare questi nefasti esempi italici?

    Vorresti dire che fra tutti i commenti presenti in questo ed in altri post, i miei sono quelli nefasti?

    Mi hanno insegnato che l'educazione nei blog e nei forum e' quella di commentare l'argomento del post e non entrare nel merito della persona che commenta.

    Non sei d'accordo su questo?

    Comunque, non credo che seguiro' il tuo "consiglio", e scrivero' ogni qual volta ne sentiro' il bisogno. Almeno fino a quando la padrona di casa me lo consentira'.

    Tu, se vuoi, puoi anche non leggermi. Non e' che il fatto mi disturbi. Anzi.

    Stammi bene. :-)

    RispondiElimina
  20. @ cloro
    non puoi parlarmi di Juve che ruba e non notare l'enormità di un Inter che cerca di acquisire Moggi e Giraudo per avvantaggiarsi anch'essa dei loro raggiri! Non puoi farmi dei post che denunciano il tentativo di eliminare l'uso giudiziario delle intercettazioni e non scandalizzarti per l'uso che è stato fatto in calciopoli delle intercettazioni. Chiediti perchè sono state distrutte quelle che riguardavano Facchetti?
    E' possibile leggere questo post basandosi solo sui fatti che racconta, tralasciando le rispettive fedi calcistiche? Io dico di si.

    @ Bruno
    esatto, Bruno, purtroppo è lo specchio del malaffare italiano contemporaneo. Forse poca cosa rispetto al gigantesco giro di scommesse clandestine gestite dalle mafie asiatiche che hanno taroccato i Mondiali di Giappone e Corea (quelli dell'arbitro Moreno) e di cui non si parla perchè deve sopravvivere il mito dello sport come cosa pura.

    @ Nicola
    mi pare che tu sopravvaluti la capacità dialettica di Mou-ghigno. Ma l'hai sentita l'intervista? Io non ho capito una mazza di ciò che voleva dire. Era meglio Trapattoni quando parlava di Strunz.
    Poche balle, è un mercenario che se l'Inter non va in Champions alla fine dell'anno saluta tutti e se ne va.

    @ Klara
    il calcio a me piace. L'ho sempre seguito fin da bambina. Purtroppo è un ambiente marcio come gli altri. Strano che qualcuno se ne continui a meravigliare.

    @ cloro
    Mou-ghigno ha parlato di prostituzione dicendo dopo un secondo che lui parlava con i giornalisti perchè è pagato per farlo. Cioè è una puttana anche lui... ;-)

    @ Capolista
    sai, caro amico, il bue che dà del cornuto all'asino fa un pò sorridere...

    RispondiElimina
  21. raggletaggle22:25

    Lame, anch'io sono del '60 e dal '65 tifo Inter perchè era la squadra che vinceva sempre, con giocatori strepitosi, il mio preferito era Domenghini, uno secco secco che correva lungo la fascia e buttava la palla dentro per gli altri, col numero 7, i capelli lunghi e i calzettoni tirati giù. Era la mia infanzia, felice e giocosa.
    Poi l'Inter ha cominciato a vincere di meno, tre scudetti in 30 anni, e la squadra che si specchiava con la mia vita, a traversare gli anni '80 e '90 tribolando, mentre l'altra squadra di Milano, da popolare diventava alla moda, prima coi socialisti, poi con SB. Mi piaceva qual nome, Internazionale, e chi era comunista come me ci provava gusto anche a non vincere, anzi a perdere quasi sempre.
    E' sempre la squadra di Michele Serra, di Giorgio Gaber, di Salvatores, di Paolo Rossi, di Gino Strada, ma ora la seguo seguo molto meno, questa raffica di scudetti è quasi imbarazzante, per chi non c'è abituato. Dell'orribile mondo del pallone di oggi dove sguazza la mia squadra, mi rimane il piacere sottile dei fasci nerazzurri costretti a tifare per una squadra di tutti stranieri, dove l'unico italiano è nero! E poi, ma questo non lo sa nessuno, l'orgoglio degli Inter Campus sparsi nel (terzo) mondo, che ho conosciuto e per i quali mi sono emozionato. Tutto il resto è Gazzetta, è Bar dello Sport, quindi non m'interessa.

    RispondiElimina
  22. @ raggletaggle
    io invece da bambina mi sono sempre divisa tra compagni di gioco rigorosamente milanisti e uno zio (che adoravo) juventino.
    Fa piacere comunque leggere un commento così pacato da parte di un tifoso. Mah, forse noi apparteniamo ad un'altra epoca.
    Domenghini me lo ricordo benissimo, così come Mariolino Corso.

    RispondiElimina
  23. Baluba10:54

    Leggo solo adesso questo tuo post e per una volta condivido anche le virgole. Mi sono sempre chiesto come mai in pochi avessero notato quella piccola catena di coincidenze che lega Calciopoli a Tavaroli. La mia esperienza mi dice che in genere le coincidenze sono più spesso indizi. E nelle specifico è assolutamente palese come il lavoro di Tavaroli sia stato impiegato per compiere il delitto perfetto: altro che rubare le partite, rubare l'intero campionato, senza che nessuno se ne lamenti.
    Ma è soprattutto interessante la questione del conflitto di nteressi. Collina smette di arbitrare un anno prima a causa del conflitto di interessi per via del suo sponsor ecc. Ma ogni trasmissione tv sul campionato viene preceduta dalla sigletta dello sponsor DEL CAMPIONATO. E indovinate di chi si tratta? Tim, società del gruppo Telecom, fino a poco fa di proprietà del vicepresidente dell'Inter. Come è possibile che nessuno se ne accorge? Anche per questo quando Mourinho parla di "prostituzione" giornalistica fa doppiamente ridere.

    RispondiElimina
  24. @ Baluba
    Mi chiedo se in un altro paese sarebbe stato possibile ciò che è successo oppure se tutto il mondo è paese.

    RispondiElimina
  25. Baluba15:59

    @Lame: beh, non siamo gli unici a combinare pastette, persino nella civilissima Germania si è scoperto arbitri che si vendevano tranquillamente. E gli arbitraggi delle partite del campionato spagnolo che ho visto nel corso degli anni fanno sembrare onesto persino Lo Bello. Non parliamo poi della federazione dell'arbitro Moreno... (titolo giornali spagnoli dopo la successiva truffaldina eliminazione anche della loro squadra: "Italia tenia razon"). Ma qui da noi si è aggiunto quel quid di creatività, quel misto di non rispetto delle regole, prassi discutibili e giochetti di potere che ha reso possibile uno scippo epocale e continuato.
    Per dirne una sulle regole: quando si è scoperto che il passaporto di Recoba era falso, l'Inter avrebbe dovuto perdere 3-0 a tavolino tutte le partite in cui lo ha schierato (cfr. caso Catania). Questo avrebbe significato SERIE B diretta. Invece niente. Non è successo. Nessuno di quei giornalisti affetti da prostituzione si è lamentato o ha gridato allo scandalo.
    La vicenda ha aspetti paradossali. Ad esempio il campionato vinto dalla Lazio, "falsato" per bocca del suo stesso presidente Cragnotti. O la persecuzione arbitrale in atto da decenni verso il Milan, che rimane l'unica squadra ad avere vinto il campionato italiano senza avere avuto fischiato un solo rigore a favore. E non perchè non ce ne fossero: era una squadra perennemente all'attacco e in cui militava Van Basten, pensate un po'.

    RispondiElimina
  26. @ baluba
    Già, ma che nervoso Moratti con la frase "noi siamo gli unici onesti". Ma che ooooh!
    All'epoca di Van Basten, Rijkaard e Gullit ero milanista anch'io. ;-)

    RispondiElimina
  27. La Juve è sempre stata la formazione più favorita dagli arbitri.
    Mourinho è un altro stronzo arrogante mediatico
    Moggi è il collettore di immondizia del calcio italiano
    Quanto a Calciopoli è stata una montatura perchè ha escluso alcuni, ma quelli puniti meritavano ampiamente la punizione subita

    RispondiElimina
  28. Duccio Boninsegna17:34

    (...)Chiediti perchè sono state distrutte quelle che riguardavano Facchetti?(...)

    Ma che state dicendo, alcuni di voi e il post che ho letto? Le intercettazioni di Facchetti non sono state distrutte perchè seplicemente non c'erano, o se c'erano non sono state considerate penalmente rilevanti.
    In quanto alle intercettazioni, in generale, queste sono state fatte dalla magistratura e non da Telecom o da Tavaroli! Questa sì che è leggenda metropolitana!
    E' una assurdità che nemmeno i mgistrati hanno mai avallato.
    Guido Rossi ha lavorato anche per la juve/famiglia Agnelli, se è per questo, e il famoso scudetto assegnato all'Inter è cosa normale in una competizione: vedere l'atletica o il tour! E poi se non fosse stato assegnato le squadre di calcio italiane non avrebbero potuto partecipare alla Champions di quell'anno (il milan dovrebbe ringraziare Guido Rossi!).
    Ergo, è stata, in buona sostanza, la Uefa a voler che si assegnasse quello scudetto e l'Inter era la prima dopo le due squadre squalificate per Calciopoli (o i processi valgono solo quelli che ci fanno comodo e gli altri no?...).

    Oggi ci sono solo arbitri che sbagliano perchè giovani e inesperti. L'affare Calciopoli ha messo a nudo anche questo problema: prima non si formavano più ma pensavano solo a dire di sì ai loro padroni (juve e milan) in cambio di favori e di carriera in serie A e in campo internazionale.
    E prova di questo sono le partite di quest'anno in cui la juve ha avuto errori a favore in molte partite (Catania Atalanta Torino Fiorentina ecc.), per non dire della decina di rigori assegnati al Milan!
    Per contro l'Inter ha avuto solo 2 rigori a fronte di una enormità di calci d'angolo battuti (seconda in questa speciale classfica! E chi sa di calcio saprà anche cosa vuol dire questa statistica).

    Insomma, dire che l'Inter è la nuova juve o che "hanno la faccia come l'Inter", come recita il titolo di questo post farlocco, è da persone che, come minimo, non vedono la realtà delle cose o non sanno di ciò che parlano!
    Se poi si cita anche il tgCom allora vuol dire che siamo alla frutta.

    Poi, e finisco, su Mourinho non avete capito proprio nulla ma Nicola Andrucci l'ha spiegato molto bene.
    E' vero, ha detto più lui in una conferenza stampa pre partita sul "regime" italico dell'informazione che tutta la sinistra messa assieme!

    (Se poi vogliamo affrontare seriamente il discorso sul conflitto d'interessi, in Italia, affrontiamolo. Ma vi assicuro che, in confronto, Guido Rossi fa sbellicare dal ridere).

    Saluti.

    RispondiElimina
  29. @ Duccio Boninsegna
    Ma non si trattava di illeciti sportivi, riguardanti quindi la giustizia sportiva e non la magistratura ordinaria? Sicuramente l'Inter è la squadra più pura dell'intero globo terracqueo però è curioso che non vi sia una sola intercettazione che la riguardi. Non c'entra il penalmente rilevante, ripeto, in quanto illeciti sportivi.
    Sullo scudetto diciamo che sarebbe stato più elegante non assegnarlo e soprattutto non vedere un ex dirigente dell'Inter assegnarlo a tavolino... all'Inter. E poi bisognerebbe sentire il parere della Roma, in proposito.
    Il conflitto d'interessi di Telecom-Inter-Guido Rossi farà ridere ma è stato molto efficace in quanto a risultati. Non vorremo tirare in ballo, come massimo di conflitto di interessi, il solito Berlusca, vero? ;-)
    Su Mourinho. Se sei disposto a scommettere con me che resterà all'Inter anche l'anno prossimo (non andando al Real) e senza poter giocare la Champions, allora mi ricrederò sul suo conto.

    Ah, per i tuoi amici di Settore: non è vero che non rispondo ai commenti. Se non li postano non posso rispondere. ;-)
    Ciao

    RispondiElimina
  30. Duccio Boninsegna18:28

    Sai qual'è il VERO problema nell'Italia del 2009?
    Guido Rossi, lo scudetto assegnato all'Inter nel 2006 e Mourinho!

    Complimenti per la grande visione d'insieme!

    Ps: Mourinho resterà all'Inter, l'anno prossimo, e giocherà la Champions.
    Se dovesse andarsene sarà solo per colpa di questo regime itagliota e provinciale, calcistico e non.
    E dei "prostituti intellettuali" appecorati che guadagnano e speculano con tre(3)giornali sportivi e una miriade di trasmissioni tv.
    Cose che nei paesi civili e democratici non esistono!

    Ma io penso che resterà.

    RispondiElimina
  31. Duccio Boninsegna19:06

    raggletaggle

    anch'io come te: l'Inter degli anni '60 che vinceva tutto, La parola Internazionale e la mia fede comunista.
    Però la differenza sta nel fatto che gli scudetti a raffica di oggi non mi imbarazzano per niente. Anzi mi esaltano!
    E proprio perchè siamo, come dici tu, in questo mondo orribile del pallone italiano dove i soliti potentati, e per troppo tempo, hanno spadroneggiato in lungo e in largo!
    E poi è bello vedere i tifosi interisti fasci tifare per una squadra di negri!
    Altra soddisfazione che mi son tolto.
    Evviva gli 'abbronzati'!

    ps: gli Inter campus sono una grande cosa ma è meglio parlare dei gol di mano (che di mano, in realtà, NON sono).
    Ma fanno più audience.

    RispondiElimina
  32. Duccio Boninsegna20:02

    (...)è curioso che non vi sia una sola intercettazione che la riguardi.(...)

    Lameduck
    scusa e poi mi taccio, ma tu pensi veramente che Facchetti, o chi per lui, telefonasse agli arbitri per non vincere niente in 15 anni?

    Però in questo lasso di tempo l'Inter in Europa qualcosa l'ha vinta: tre Coppe Uefa (quando questa competizione aveva un qualche senso).
    Allora, come la mettiamo?
    Come mai era così scarsa in Italia?
    (e guarda che io sono il primo ad ammettere che l'Inter ha perso anche per sua incapacità e non solo per colpa del sistema Calciopoli. Non sono poi così becero...).

    RispondiElimina
  33. Anonimo22:59

    Buongiorno, mi hanno segnalato questo blog, io posso dire solo che ci sono molte ineassetzze e molte omissioni, per esempio si sorvola sui legami tra Guido Rossi e la Juve forti "quasi" quanto quelli che aveva con l'Inter, poi si parla di "due scudetti regalati" e invece all'inter è stato assegnato un solo scudetto, e Guido Rossi per motivi di opportunità si attenne alla consulenza di tre esperti stranieri di diritto sportivo. Comunque in qualsiasi competizione del moddo, se penalizzo i primi due, dò la vittoria a chi è arrivato terzo. Inoltre (vado veloce per non tediare) nessun dirigente dell'Inter, nè di altre squadra, ha mai dato decine di schede telefoniche protette ad arbitri di serie A, nessuno ha mai avuto i rapporti che Moggi ha avuto con designatori, arbitri, dirigenti federali e giornalisti "titolari" di moviole. Nessun dirigente se non Moggi è stato già condannato penalmente per violenza privata (e che finora non sia stata dimostrata la turbativa di mercato è un successo della difesa, ma non certo della giustizia) Il fatto che la Juve in quegli anni abbia rubato è un fatto acclarato non negabile. Sappiamo anche tutti che è emersa solo una percentuale minima dei fatti avvenuti.
    Infine aggiungo che gli ultimi tre campionati di serie a sono i più regolari degli ultimi 15 anni, gli errori degli arbitri sono dovuti al fatto che ci sono molti arbitri inesperti e quest'anno l'Inter ha avuto gli stessi favori che hanno avuto Juventus e Milan, perché la sudditanza psicologica purtroppo esiste. Gli errori a favore dell'inter sembrano di più perchè la Tv fa vedere solo quelli, ma andate a rivedere come sono arrivate le vittorie della Juve contro Fiorentina, Catania e Atalanta (ricordo solo quelle). Andate a rivedervi i 9 rigori concessi al Milan
    Lo scorso anno invece il bilancio errori a favore dei nerazzurri fu sensibile, fino a due terzi del campionato, poi la Roma recuperò in parte. per esempio se Totti fosse stato espulso a Udine, come era sacrosanto, il campionato sarebbe finito prima.
    detto questo Mourinho non deve dire: La giuve ruba, (perché non è vero).
    Ah, l'ultima cosa: ma nel posto mi è sembrato di leggere che non si sa bene chi ha utilizzato le proprie "trombe mediatiche" non ricordo bene il termine, per infangare la Juve? Spero non ci si riferisse all'inter.
    e poi la storia Telecom=inter= intercettazioni penso sia offensiva per una persona di buon senso,
    Ah scusate, solo l'ultima, è anche ridicolo parlare delle intercettazioni dei dirigenti nerazzurri: c'erano e non c'era nulla di men che onorevole, perchè nell'Inter non c'è mai stato Moggi, uomo senza scrupoli da sempre, come sa bene quel gentiluomo di Boniperti

    RispondiElimina
  34. @ ultimo anonimo
    caro amico, nel post si parla di un fatto ben preciso testimoniato da articoli di giornale dell'epoca: il tentativo di acquisizione di Moggi, Giraudo e Capello da parte dell'Inter. Perchè non parlare di questo? Se Moggi e gli altri erano gli imbroglioni che erano, perchè l'Inter fece di tutto per ingaggiarli? Attendo risposta.

    RispondiElimina
  35. Duccio Boninsegna23:58

    Forse perchè Moratti si era stancato di buttare via i suoi soldi e di essere frodato continuamente; allora ha pensato bene che era meglio comprare gli arbitri per vincere, attraverso moggi, e non i giocatori che costano molto ma molto di più.
    Certo che per essere considerato il tonto di casa Moratti è stato proprio un genio alla fine!

    Battute a parte, quella dell'Inter che ha fatto di tutto per prendere la Triade è una stupidaggine giornalistica.
    Niente di più.
    Moggi Giraudo e addirittura Bettega (bandiera juventina) all'Inter!
    Ve lo immaginate?
    Stupidaggini appunto.

    All'epoca, invece, si vociferava che era Berlusconi a volere Moggi, tant'è che Galliani se la prese e non poco.
    E se vi ricordate bene fu lo stesso Berlusconi, all'indomani dello scoppio dello scandalo, ad avanzare pretese sui due (2) scudetti!

    Poi, sempre Berlusconi qualche mese fa, sotto campagna elettorale, disse che Calciopoli fu tutta una farsa!
    (il tuo post Lameduck, mi spiace dirlo, ma mi pare vada nella stessa direzione indicata dal Cavaliere. E francamente non mi sembra una bella cosa).

    Ecco, che altro bisogna dire ancora?...

    RispondiElimina
  36. Anonimo14:02

    Comunque la si giri, la storia, da sempre, la scrivono quelli che vincono la guerra.
    Per cui attendersi che questa volta fosse diverso era un'assurda pazzia.
    L'unica cosa che ci si potesse aspettare era forse in questo mondo di banditi un po' di "finta" trasparenza nella elezione del buon Guido Rossi e nella gestione del processo perchè dal punto di vista strettamente legale è stato una farsa allucinante.
    Quando uno cade in disgrazia tutti ci pisciano sopra. Forte con i deboli e debole con i forti. E' l'immorale legge di questo disgustoso mondo in cui viviamo.

    RispondiElimina
  37. @ duccio boninsegna
    tranquillizzati, Mourinho, l'Inter e Guido Rossi sono l'ultimo problema d'Italia. Però, non per questo dobbiamo star zitti e non poter esprimere un'opinione.
    Su Mourinho mi pare che tu non voglia accettare la scommessa...
    Se andrà via, comunque, stai certo che sarà solo per i soldi e non per altro. Mou è un mercenario come qualunque allenatore al mondo. Non crederai mica che muoia d'amore per la pazza Inter? ;-)

    L'Inter perdeva, a suo tempo, perchè aveva dei pipponi e non ha mai avuto una gran coesione di spogliatoio. Tanto di cappello agli ultimi dirigenti che hanno saputo trovare giocatori validi e allenatori che sono riusciti a gestire un gruppo così eterogeneo.

    Riguardo al possibile passaggio di Moggi e C. all'Inter. Credimi, all'epoca (2006 primavera) non si parlava d'altro. C'è l'intervista a Tronchetti. Perchè scandalizzarsi? Se andavano al Milan sarebbe cambiato qualcosa? Erano quelli con le mani in pasta, normale che una squadra volesse approfittare dei loro agganci. O pensi che il calcio sia un mondo di vergini pure? A me non me ne fregherebbe niente se l'Inter avesse ciulato uno scudetto che è stato vinto dalla Juve sul campo (sai, è difficile dire che ogni gol fatto non era valido). Vado in bestia quando sento Moratti dire "noi siamo gli onesti". Eh no, lezioni di verginità da chiunque nel mondo dello sport e del calcio in particolare non si possono accettare.

    Berlusconi che c'entra? O pensi che qualche volta non si possa essere dalla sua parte? Qualcuno avrebbe il coraggio di dire che il Milan di Van Basten ha "rubato"? Essendo la squadra più forte allora, come lo era la Juve ultimamente, avrà avuto dei favori, quella famosa sudditanza psicologica da parte degli arbitri. Però, te lo assicuro, succede così nei confronti di qualunque forte squadra. Un conto è la sudditanza, un conto è dimostrare che un arbitro ha preso dei soldi. E questo non è ancora stato dimostrato.

    RispondiElimina
  38. @ caro anonimo
    Guido Rossi è stato dirigente dell'Inter. Se poi ha avuto rapporti con altre squadre come avvocato, non è la stessa cosa se alla fine deve assegnare uno scudetto proprio ad una squadra della quale è stato dirigente. In un altro paese avrebbe detto: "scusate ma io sono stato nella dirigenza di quella squadra, c'è un conflitto di interessi".

    Tu dici che la Juve ha rubato. Beh, bisognerebbe anche dire come quando e dove. Altrimenti sono solo chiacchiere, come quelle dell'onestà dell'Inter.
    Nessuno ha la certezza che l'Inter abbia manovrato le intercettazioni a suo favore appoggiandosi a Telecom ma siccome gli indizi sono tanti e inquietanti, non basta dire: "ohibò, noi siamo onesti, sono gli altri che rubano".
    Tu sei molto informato sulle intercettazione degli interisti? Le hai per caso ascoltate?
    Ti voglio lasciare con un'intervista che ho sentito tempo fa a Mazzola (ci crederai a una bandiera dell'Inter, vero?). Ebbene lui disse che il calcio è pieno di personaggi che millantano di conoscere ed avere in mano gli arbitri e non sempre dicono il vero. Mazzola diceva però che gli pareva eccessivo basarsi solo su questo per sconvolgere un campionato.

    RispondiElimina
  39. Duccio Boninsegna18:36

    Lamaduck
    le scommesse non mi piacciono. Non amo predire il futuro e non faccio il mago.
    Comunque ti ho detto quello che penso su Mourinho. Non vorrei ripetermi, basta leggere.
    Non sono un ragazzino e so che la gente, spesso, fa quello che fa per i soldi, ma Mourinho, oltre a questo, ci mette sempre la faccia (come faceva Mancini).
    Converrai con me che lo stile è diverso dai soliti pretini allenatori italiani come Ranieri Ancelotti o Spalletti e compagnia...o no?
    E poi vi da un sacco di spunti per farvi scrivere. Dovreste ringraziarlo.

    C'è ancora libertà di parola e di pensiero in questo povero paese(non so fino a quando? ma ancora c'è) e dunque potete parlare di tutto quello che volete anche dell'Inter, certo. Ci mancherebbe.
    Ma la cosa mi sembra un pò strumentale, ora, e in questa fase storica particolare.
    Soprattutto quando sento dire, anche da te, che non ci sono prove contro la juve e il milan e che Calciopoli è stata tutta una farsa!
    Questo non lo accetto. E' puro revisionismo storico!
    Come ce ne sono tanti oggi, e purtroppo anche di più importanti e tragici delle mere questioni del pallone.
    Ti ricordo che per la giustizia sportiva, basta "provarci" e non serve attuare fino in fondo la frode sportiva. E su questo di prove ce ne sono a iosa: migliaia di telefonate (chiare e inequivocabili che abbiamo letto tutti sui giornali e sentito alla tv), schede svizzere date agli arbitri, favori di tutti i tipi, arbitri chiusi negli spogliatoi, griglie arbitrali fatte ad hoc, ecc. ecc.
    Poi sarà anche la giustizia ordinaria a dire la sua e vedremo (intanto moggi è stato condannato a un anno e sei mesi per il processo Gea e questi sono fatti e non chiacchiere da blog).

    Sui "pipponi dell'Inter" e su ciò che è accaduto in passato sorvolo perchè vedo che di calcio ne capisci poco e ne sai ancora meno (o non vuoi saperne?). Ad esempio le cose che son successe tipo la partita famosa Juve-Inter del 1998 e il rigore non dato a Ronaldo che grida ancora vendetta, o delle partite PRIMA del fatidico 5 maggio 2002.
    Come vogliamo dire: campionati che l'Inter poteva benissimo vincere ma che qualcuno non gliel'ha permesso, altro che pipponi!
    Lasciamo perdere che è meglio.

    Per quanto riguarda Berlusconi no, non mi è mai capitato di stare dalla sua parte, neppure per un secondo. E non è mancanza di intelligenza o di democrazia: Berlusconi è quanto di più lontano ci possa essere da me.

    Se poi vogliamo parlare di sudditanza psicologica dico che è una balla inventata ad arte per occultare il fatto che due squadre ben precise rubavano a piene mani per un quindicennio almeno.
    E allora adesso si vuol far passare anche l'Inter come ladra, così, in questo modo, siamo tutti uguali, mal comune mezzo gaudio come si dice, e tutti più felici verso un futuro radioso.

    Perchè non fai un post anche su tutti gli errori arbitrali a favore di juve milan e roma?
    (Ti do ua mano a trovarli, se vuoi, partita per partita).
    Invece di andare anche tu nella stessa direzione dei cosiddetti "prostituti intellettuali" come dice uno che è venuto dal Portogallo a ricordarci quello che siamo in questa Italia berlusconiana dal pensiero unico?...

    Ma l'Inter vince senza rubare!
    Mettetevelo bene in testa.
    E questo da fastidio.
    Molto fastidio.

    Ciao e fammi sapere se farai un post sulle altre squadre!
    Ah, ma tu eri milanista, abbè allora ho capito tutto. E certo, sarai davvero grata al tuo presidente per i tanti successi della tua squadra!...

    RispondiElimina
  40. @ duccio
    anche a me non piacciono le scommesse però ti ripeto che Mourinho se non fa la Champions non si diverte.

    Quindi, riassumendo: sono revisionista e non capisco un cazzo di calcio. Come argomenti mi sembrano un po' miserelli, non trovi?
    E poi, mi dispiace dirtelo ma quando invochi la par condicio e mi chiedi post altrettanto cattivi sulle altre squadre, mi pare un attacco di berlusconismo inconsapevole. Dai, non c'è niente di male ad essere tifosi, però bisogna mantenere gli occhi aperti.
    L'Inter vince senza rubare... suvvia...;-)

    RispondiElimina
  41. Duccio Boninsegna13:36

    Lamaduck
    francamente non capisco il nesso tra andare a vedere in casa delle altre squadre e un attacco di berlusconismo inconsapevole?! Mah...inconsapevole poi di che?...
    Quello che veramente non sopporto sono i due pesi e due misure: se c'è l'Inter di mezzo c'è sempre lo scandalo e il sensazionalismo.
    Un esempio? Siena-Inter dello scorso dicembre: l'Inter vince con un chiarissimo gol in fuorigioco. Lo dice anche Mourinho a fine partita, lo ammette tranquillamente Moratti. Lo diciamo tutti noi interisti.
    La stessa giornata calcistica la juve a Bergamo vince con due fuorigioco di cui uno altrettanto clamoroso. Indovina un pò su chi si fanno titoloni e trasmissioni tv? Che te lo dico a fare.
    E poi, se ci hai fatto caso, ho sempre parlato di "errori arbitrali" anche per le altre squadre, perchè non penso ci sia più una cupola come prima (anche se sono sempre lì pronti a ritornare in pista e a brigare).
    E ti ho anche spiegato, in uno dei post precedenti, perchè li chiamo errori e non aiuti o peggio.

    E sì, non sai di calcio, altrimenti ragioneresti in altro modo.

    Io sono tifoso, certo, ma non coi paraocchi, men che meno mi sento un lobotomizzato: non penso e non ho mai pensato che l'Inter sia una Società perfetta ed esente da errori. Nel senso "mondano" del termine, ovviamente! Se puoi capire cosa intendo.
    Ma l'Inter vince senza rubare sì, fino a prova contraria.
    E se voi avete prove del conrario dimostratelo e io, t'assicuro, sarò il primo ad accompagnarvi dal commissario di giustizia sportiva o da un magistrato.
    Contaci.

    ps: non capisco perchè Mourinho non debba fare la Champions?
    Dove sta scritto? Il prossimo anno l'Inter e Mourinho faranno la Champions, sicuramente. E Mourinho si divertirà di nuovo. E sono convinto che stavolta ci divertiremo anche noi con lui.
    Non capisco dove sta la questione?!...

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...