martedì 3 marzo 2009

A passi lunghi e ben distesi verso la ghigliottina


Visto che giaccio da giorni in un letto di dolore, riciclo e copincollo da un mio post di due anni fa ma pur sempre d'attualità.

Si parlava di quanto s'intascano comme d'abitude i nostri amati parlamentari, nemmeno più scelti amorevolmente da noi, come i migliori sanmarzano, ma designati a monte per ukase imperiale, per meriti familiari, di lavorìo di chiappe e ganasce. Esercito di eunuchi al servizio di un impero, più che decadente, ormai putrefatto.

Ricordiamo, a mo' di mantra, i numeri del privilegio.

Indennità parlamentare corrisposta per 12 mesi: € 5.486,58 al mese (10.623.500 lire) + Diaria di soggiorno: 4.003,11 al mese* (7.751.101 lire)
(*Da questa diaria vengono detratti, bontà loro, € 206,58 per ogni seduta nella quale il deputato non abbia partecipato almeno al 30% delle votazioni che in essa sono effettuate)

Ad ogni deputato vengono inoltre corrisposti:
mensilmente un rimborso forfetario di € 4.190,00 per le spese sostenute al fine di mantenere il rapporto con gli elettori (chissà, se la squillo è un'elettrice, magari si fanno anche rimborsare le trombate).
Ogni tre mesi, (per i trasferimenti dal luogo di residenza all'aeroporto più vicino e tra l'aeroporto di Roma-Fiumicino e Montecitorio) un rimborso spese pari a € 3.323,70, per il deputato che deve percorrere fino a 100 km per raggiungere l'aeroporto più vicino al luogo di residenza, ed a € 3.995,10 euro se la distanza da percorrere è superiore a 100 km.
I deputati, qualora si rechino all’estero per ragioni di studio o connesse all’attività parlamentare, possono richiedere un rimborso per le spese sostenute entro un limite massimo annuo di € 3.100,00.
Si pagano almeno la ricaricabile del telefonino? Macchè, annualmente ricevono un rimborso di € 3.098,74 per spese telefoniche.
I deputati inoltre usufruiscono di tessere per la libera circolazione autostradale, ferroviaria, marittima ed aerea per i trasferimenti sul territorio nazionale.

Siamo a circa € 15.269,72 al mese. Diciamolo in lire, che fa ancora più effetto a noi vecchi: quasi una trentina di milioni al mese. Paragonateli al mazzo che ci dobbiamo fare noi ogni mese per portare a casa un migliaio di euro striminziti in media e, quando avrete finito di tirar giù i santissimi e le madonne boscaiole, ditemi, per tornare all'attualità: se questi cialtroni non avessero un esercito di lacchè disposti a perdonargli tutto, anche i più disgustosi privilegi, non sarebbe giusto svergognarli sulla pubblica piazza mediatica, ricordando questi privilegi ai coglioni che li hanno votati?

Sia sa che con 15.000 euro al mese non rimane molto per i pasti e, con la crisi economica che ci minaccia, bisogna stringere la cinghia. Così l'ultima trovata di questi giorni per i senatori è di applicare un ribasso del 20% sul costo del tramezzino, del caffè e della pasta al pomodoro, consumati alla buvette di Palazzo Madama.

Un primo piatto 1,50 centesimi, un secondo di roast beef € 2,00 e un bel caffè 0,40 centesimi. In pratica un pasto completo al prezzo che il popolaccio paga per un panino con il salame.
Ovviamente il TG non ne ha parlato. In compenso ci ha fatto sentire quello del centrodestra dire che di indennità di disoccupazione non se ne parla. Ma che scherziamo?

Bravi, continuate così. E' in questo modo che, ciclicamente nella Storia, ad un certo punto cominciano a rotolare le teste.

Update. Il quotidiano giacobino La Repubblica ci informa che il presidente del Senato Schifani, forse schifato dallo sconcio dei prezzi da Caritas della buvette, ha ordinato che fosse annullata la riduzione del 20% sui prezzi. Quindi, la pasta al ragù torna a € 1,80 invece che 1,50. I trenta centesimi dello sconto saranno, attenzione, devoluti in beneficienza! Trenta centesimi. Nemmeno il prezzo di una briosche.
Arrotate le lame.

OKNotizie
Vota questo post su OKNotizie!

19 commenti:

  1. Schifani ha detto che 0,4 euro per un caffe erano in effetti troppo pochi .... 0,5 euro erano un prezzo molto più equo!! Ma che vadano a fanculo, non bastano le teste rotolanti, occorre farci anche un campionato di calcio!

    http://www.repubblica.it/2009/03/sezioni/politica/buvette/schifani-annulla/schifani-annulla.html

    RispondiElimina
  2. Sarkozy sottovoce ci sta dicendo: "je donnè vous ghigliotten" !!! Già mi vedo il labiale...

    A questo punto io proporrei per chi li ha di andare in mensa parlamentari coi buoni pasto da 3 euro e mangiare li! Si potrebbe rinunciare anche al caffè se esce dal budget!

    RispondiElimina
  3. Ur_ca, francamente, mi hai rotto le palle.

    RispondiElimina
  4. Anonimo23:29

    Quasi gli pago io il pranzo a quei poveretti. Che altro dire...
    Peperon De Peperoni

    RispondiElimina
  5. Anonimo23:30

    Ur_ca, francamente, mi hai rotto le palle.

    ...evviva!!! finalmente!
    kima

    RispondiElimina
  6. @ Lameduck: Ur_ca, francamente, mi hai rotto le palle.

    Mi stavo infatti chiedendo quando le avresti avute gonfie abbastanza.

    Certo che ne hai avuta di pazienza...

    RispondiElimina
  7. rossoallosso00:46

    mandiamogli un bel cargo di aiuti umanitari a sti poveretti!!!

    RispondiElimina
  8. Anonimo02:18

    Accadrà...accadrà.... Tutta questa banda di rivoltanti assassini,cialtroni e ladri verrà giustiziata inesorabilmente. Stanno tirando la corda come Luigi XVI e la sua cricca.... Alla fine la corda se la ritroveranno infilata al collo.Inesorabilmente

    RispondiElimina
  9. Più che il loro sangue voglio vedere quello di chi li vota nonostante tutto, beato nella sua ignoranza e stupidità che spinge un operaio a votare per il partito del padrone.
    Attendo speranzoso che le fila di chi non ha niente da perdere si ingrossino ancora un po'...

    RispondiElimina
  10. prima di entrare qui stavo proprio rispondendo a un commento nel mio blog e dicevo che questi non solo guadagnano, non pagano nulla e, mentre scendono i prezzi pure alla bouvette tra poco dovranno mettere l'esercito fuori ai supermercati dalla fame che c'è.
    lame grazie per le scuse, anche se so bene che tu non c'entri nulla, riferite ad un utente con seri problemi che non ha offeso e insultato solo me (ma che dimentica che esiste anche la polizia postale, quella telematica per capirci, che lavora in collaborazione a staff di psicologi e psichiatri..).
    scrivi e descrivi bene la realtà, togli illusioni per me è importante che non solo sono cieca ma la vedo come te la vita: priva di apparenze, quelle che probabilmente piacciono a chi dice che scrivi troppo e ti critica (pensa urca che casino il mondo se fossero tutti come te o come quell'altro pazzo che comunque capirà molte cose presto..), ciao buona giornata, laura

    RispondiElimina
  11. Anonimo09:17

    ur_ca ha detto:
    finalmente Lame sei uscita allo scoperto. Era ora. Invece di rispondere censuri le cose scomode, ma brava.
    Come vedi non mi ero sbagliato. Sei vuota, circondata da volgari lecchini insignificanti. Sei una fallita. Un ridicolo bluff!
    Finito, stanne certa.

    L'hai censurato l'unica volta che aveva fatto una critica apprezzabile.

    Valeria

    RispondiElimina
  12. @ Valeria
    ti sembra una critica apprezzabile insultare e basta? Non ti ci mettere anche te. ;-)

    RispondiElimina
  13. Ciao Lame,
    se volete arrabbiarvi (dolce eufemismo) un pò sentite cosa dice l'on(?). Carlucci nella parte finale dell'intervista di cui vi offro il link:
    http://magazine.libero.it/lifestyle/generali/gabriella-carlucci-onorevole-stipendio-ne8974.phtml

    Tra un pò dovremo fare la colletta per l'on(?) Carlucci, una dell pietre angolari dell'attacco ad internet.

    Spero abbiate lo stomaco forte.
    Ciao a tutti

    RispondiElimina
  14. Lame,hai ragione,le condizioni iniziano ad esserci.
    Ma in Italia non si farà,non siamo in Francia,purtroppo.
    Il loro senso civico e orgoglio di difesa dei diritti ce lo sognamo,quando ci sono gravi difficoltà ed ingiustizie,l'italiano sa solo produrre qualche dittatorello che picchi i poveri,ciao.

    RispondiElimina
  15. Cachorro Quente12:56

    "finalmente Lame sei uscita allo scoperto. Era ora. Invece di rispondere censuri le cose scomode, ma brava."

    Non so quale sia la faccina/l'acronimo attualmente in voga per segnalare il fatto, ma questa frase mi ha fatto sghignazzare (chiaramente in pubblico in biblioteca facendo la figura del mentecatto).

    Ho passato parecchio tempo in vari forum a rispondere gentilmente a rompicoglioni che, bannati al 100.000 insulto/osservazione personale inopportuna, ti tacciano di essere uno stalinista e di censurare le "opinioni scomode", ma mi fa ridere ogni volta.

    RispondiElimina
  16. Anonimo15:15

    Dal tono dei commenti che stanno salendo all'aggravarsi della crisi economica,...Miezzeca se parla de ghigliottina..? Allora è vero che la gente si incomincia ad incazzare di brutto finalmente!!!E da diverso tempo che lo stò dicendo, questa massa di inetti ladri mafiosi ci porteranno allo scontro sociale ,spero di nò,ma purtroppo con questo andazzo quando i nodi arriveranno al pettine e non ne siamo tanto lontani,succederà, il popolo quando stà male si ribella , la storia ci insegna, soltanto chi a il potere non la capisce la storia e và avanti imperterrito senza pensare alle conseguenze.!!!!!

    RispondiElimina
  17. (per sbaglio ho messo il commento sul post precedente)
    Hai scritto "..Siamo a circa € 15.269,72 al mese. Diciamolo in lire, che fa ancora più effetto a noi vecchi: quasi una trentina di milioni al mese..."

    Bernard Madoff ha truffato per 50 miliardi di dollari, detto in lire 100.000.000.000.000 centomila miliardi di lire. Lehman Brothers per 400 miliardi di dollari, coinvolgendo comuni, regioni, e aziende municipali italiane. Se scoppia UNICREDITO (i 400 miliardi di euro dei mercati est europei) chi credi che li paghi? Quanti milioni (in euro) prendono i CEO o dirigenti di societa' pubbliche o semi pubbliche per averle mandate in rovina? E quanti milioni o miliardi (sempre in euro) i TRADERS per regalarci questa depressione?

    Il discorso sui parlamentari e' facile che scivoli, se non lo e' gia', nel qualunquismo, in particolare ora che c'e' un oligarca che fa a meno del parlamento. Non ho nessun problema per cio' che guadagnano i parlamentari, ho problema per quello che fanno o non fanno, ma questa e' anche mia, tua, nostra responsabilita'.

    RispondiElimina
  18. @ caposkaw
    mi dispiace ma anche tu mi hai rotto le palle. Adios.

    RispondiElimina
  19. Ur_ca, francamente, mi hai rotto le palle.

    caposkaw
    mi dispiace ma anche tu mi hai rotto le palle. Adios.


    AZZZ!!!

    Adesso che cosa faranno tutto il giorno?

    Hai rovinato la loro vita... :-(

    RispondiElimina

SI PREGA DI NON LASCIARE COMMENTI ANONIMI MA DI FIRMARSI (anche con un nome di fantasia).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...